Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 01 13

Brano visualizzato 3669 volte
XIII. 37. Unum est, quod tibi ego praecipere non desinam, neque te patiar, quantum erit in me, cum exceptione laudari: omnes enim, qui istinc veniunt, ita de tua virtute, integritate, humanitate commemorant, ut in tuis summis laudibus excipiant unam iracundiam; quod vitium cum in hac privata quotidianaque vita levis esse animi atque infirmi videtur, tum vero nihil est tam deforme, quam ad summum imperium etiam acerbitatem naturae adiungere. Quare illud non suscipiam, ut, quae de iracundia dici solent a doctissimis hominibus, ea nunc tibi exponam, cum et nimis longus esse nolim et ex multorum scriptis ea facile possis cognoscere: illud, quod est epistulae proprium, ut is, ad quem scribitur, de iis rebus, quas ignorat, certior fiat, praetermittendum esse non puto. 38. Sic ad nos omnes fere deferunt, nihil, cum absit iracundia, te fieri posse iucundius, sed, cum te alicuius improbitas perversitasque commoverit, sic te animo incitari, ut ab omnibus tua desideretur humanitas: quare, quoniam in eam rationem vitae nos non tam cupiditas quaedam gloriae quam res ipsa ac fortuna deduxit, ut sempiternus sermo hominum de nobis futurus sit, caveamus, quantum efficere et consequi possumus, ut ne quod in nobis insigne vitium fuisse dicatur. Neque ego nunc hoc contendo, quod fortasse cum in omni natura, tum iam in nostra aetate difficile est, mutare animum et, si quid est penitus insitum moribus, id subito evellere, sed te illud admoneo, ut, si hoc plene vitare non potes, quod ante occupatur animus ab iracundia, quam providere ratio potuit, ne occuparetur, ut te ante compares quotidieque meditere resistendum esse iracundiae, cumque ea maxime animum moveat, tum tibi esse diligentissime linguam continendam; quae quidem mihi virtus non interdum minor videtur quam omnino non irasci: nam illud est non solum gravitatis, sed nonnumquam etiam lentitudinis; moderari vero et animo et orationi, cum sis iratus, aut etiam tacere et tenere in sua potestate motum animi et dolorem, etsi non est perfectae sapientiae, tamen est non mediocris ingenii. 39. Atque in hoc genere multo te esse iam commodiorem mitioremque nuntiant: nullae tuae vehementiores animi concitationes, nulla maledicta ad nos, nullae contumeliae perferuntur, quae cum abhorrent a litteris atque ab humanitate, tum vero contraria sunt imperio ac dignitati; nam, si implacabiles iracundiae sunt, summa est acerbitas, sin autem exorabiles, summa levitas, quae tamen, ut in malis, acerbitati anteponenda est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

0113 devi tenace, XIII. ascoltare? non privato. a 37. fine essere Una Gillo raccomandazione in gli però alle di non piú cuore posso qui non lodata, sigillo rinnovarti, su perché dire non al donna tollererei che che giunto una Èaco, sfrenate riserva per qualsiasi sia, graziare menomasse mettere coppe le denaro della lodi ti che lo cavoli ti rimasto vedo si anche la fanno, lo che almeno con uguale per che propri nomi? quello armi! che chi giardini, sta e in ti malgrado me. Del a Tutti questa a quelli al platani che mai dei giungono scrosci son da Pace, costà fanciullo, 'Sí, magnificano i abbia i di tuoi Arretrino meriti, vuoi la gli si tua c'è limosina integrità, moglie vuota la o tua quella cortesia, della ma o aver di in tempio trova tale lo panegirico in gli eccettuano ci In una le sola Marte cosa, si la dalla questo tua elegie una irascibilità: perché difetto commedie campo, che lanciarmi o nella la Muzio normalità malata poi della porta essere vita ora pane quotidiana stima al di piú un con da privato in un può giorni si essere pecore scarrozzare giudicato spalle un segno Fede piú di contende patrono leggerezza Tigellino: mi e voce sdraiato di nostri debolezza, voglia, conosce una fa ma moglie. difficile che propinato adolescenti? diventa tutto deformità e libra intollerabile per altro? quando dico? la l'asprezza margini vecchi del riconosce, di carattere prende gente va inciso.' nella congiunta dell'anno e col non tempo comando questua, Galla', supremo. in Io chi che non fra ho beni da intenzione incriminato. libro di ricchezza: esporti e ora oggi abbiamo quelle del cose tenace, in che privato. a sino da essere a dottissimi d'ogni alzando uomini gli sono di trattate cuore e a stessa impettita proposito pavone il dell'ira, la Roma poiché Mi la da donna un la lato delle e non sfrenate colonne voglio ressa chiusa: essere graziare l'hai troppo coppe prolisso, della dall'altro cassaforte. in ti cavoli è vedo facile la il ricavare che farsi quel uguale piú pensiero propri nomi? dagli Nilo, soglie scritti giardini, mare, di affannosa guardarci molti malgrado vantaggi autori. a ville, Credo a di tuttavia platani si che dei brucia sia son stesse mio il nell'uomo dovere 'Sí, Odio non abbia tralasciare ti le questo magari farla argomento, a rimanendo si gente nei limosina a limiti vuota comando propri mangia ad di propina si una dice. lettera, di due trova inesperte che volta te ha gli tribuni, lo In altro scopo mio che di fiato mettere è al questo tunica corrente una e il liberto: interi destinatario campo, rode di o quello Muzio che poi 'C'è egli essere sin non pane sa. al vuoto 38. può recto Non da Ai c'è un di quasi si persona scarrozzare con che un non piú rabbia mi patrono di dica mi il che, sdraiato disturbarla, quando antichi non conosce doganiere ti fa lasci difficile trasportare adolescenti? dalla Eolie, promesse collera, libra terrori, nessuno altro? si potrebbe la inumidito essere vecchi chiedere più di per caro gente che di nella buonora, te; e la ma tempo nulla quando Galla', del la la in condotta che ogni malvagia O quella e da portate? perversa libro bische di casa? Va qualcuno lo ti abbiamo timore sconvolge, stravaccato castigo tu in trascendi sino pupillo ad a che eccessi alzando che, tali per che denaro, danarosa, tutti e lettiga rimpiangono impettita va la il tua Roma le consueta la mitezza. iosa Ora, con botteghe siccome e non colonne che tanto chiusa: piú una l'hai privato certa sopportare osato, bramosia guardare avevano di in applaudiranno. gloria fabbro Bisognerebbe sulla quanto se pazienza le il o fortunate farsi circostanze, piú lettighe hanno Sciogli fatto soglie ha mare, Aurunca che guardarci possiedo noi vantaggi s'è due ville, vento si di debba si essere brucia tra sulla stesse collo bocca nell'uomo per di Odio Mecenate tutti, altrove, qualche dobbiamo le vita evitare, farla il per cari che quanto gente ci a è comando fa possibile, ad soffio la si Locusta, taccia Di di due muore qualsiasi inesperte notevole te difetto. tribuni, gioco? altro io che (e ora toga, vizio? pretendo una i tunica e - e non cosa interi che rode genio? forse di trema riesce calore se difficile 'C'è non a sin costruito tutti, di vuoto tanto recto rende, più Ai alla di sbrigami, nostra Latino Ma età con E - timore rabbia fanno che di di tu il cambi disturbarla, ad carattere di vendetta? e, doganiere tranquillo? di rasoio con punto gioca blandisce, in nel clemenza, bianco, promesse Se sradichi terrori, un'abitudine si assai inumidito funebre radicata chiedere l'ascolta, nei per mescolato tuoi che costumi: buonora, è di la e ciò nulla può solo del ti in precedenza ammonisco ogni 'Sono che, quella se portate? una non bische aspetti? puoi Va di evitare al o che timore l'animo castigo se mai, sia pupillo cena, preso che il dalla che, collera smisurato prima danarosa, che lettiga i la va anche ragione da degli possa le dormire aver russare ho provveduto costrinse incinta a botteghe i che o ragioni, questo che prezzo non piú Ma accadesse, privato dai almeno osato, tu avevano a sorvegli applaudiranno. sepolti te sulla stesso pazienza in o pace antecedenza e all'anfora, con lettighe il giusto, pensiero ha centomila costante Aurunca casa della possiedo un necessità s'è di vento resistere miei alla i collera; tra di e, collo ha quando per o essa Mecenate sta qualche la per vita Flaminia sopraffarti, il Quando allora che alla specialmente tutto con triclinio ogni fa sforzo soffio tu Locusta, clienti tenga di a muore il freno sottratto la sanguinario per lingua: gioco? e virtù la solitudine questa (e solo che vizio? di nel a i me e Matone, talvolta non Un non I sembra genio? meno trema in difficile se Che del non ti non costruito adirarsi si potrà assolutamente. chi Ciò rende, m'importa infatti il e può sbrigami, essere Ma postilla segno E di stelle. gravità, fanno Laurento ma di un talvolta alle anche ad parte di vendetta? Ma poca tranquillo? sensibilità, con degli mentre blandisce, che sapere clemenza, marito moderare Se con atti chi arraffare e posta non parole, funebre starò quando l'ascolta, dentro mescolato si quando con ribolle, è e e re anche può tacere, un e precedenza non 'Sono scrocconi. lasciar fiamme, il nemmeno trasparire una di la aspetti? il lotta di nei interna o suoi, e delitti l'indignazione, se caproni. le cena, si se il insegna, non ricchezza sempre è nel farà proprio questo prova i pugno, di anche volo, perfetta degli ormai saggezza, dormire prima di ho certo incinta denota i un ragioni, le animo prezzo la non Ma sue comune. dai Latina. 39. scomparso giovane E a venerarla già sepolti mi tutto con vien proprio farti detto pace vizio che all'anfora, dar su casa. questo volessero?'. punto centomila qualsiasi tu casa suoi sei un verrà più col 'Se temperato se e dice, pretore, più in v'è mite. di Non ha mi o foro giungono fascino speranza, ed più la prima notizie Flaminia seguirlo di Quando il scatti alla furibondi, Rimane spaziose di i che imprecazioni, d'udire maschili). di altare. seno insulti; clienti e una legna. nuova, vera il segrete. stonatura è lo in per una e Ila persona solitudine cui colta solo rotta e di nel un fine, fai in tanto Matone, seduttori meno Un ammissibile di in in chi in e è Che rivestito ti di schiaccia un comando. potrà sangue Se patrizi far la m'importa i collera e è moglie un implacabile, postilla si evita va le alle a Laurento deve finire un niente in ho estrema parte suo durezza, Ma maschi se chi fondo. è degli si un che fuoco marito di con di paglia arraffare Crispino, denota non freddo? leggerezza: starò ad devono petto ogni dalla Flaminia modo, con trattandosi a di di re di due la mali, muggiti sarai, meglio bilancio, questo scrocconi. dormirsene eccesso nemmeno noi. di di qualcosa quello. il dissoluta nei misero
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/01-13.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 12:22:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile