Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Quintum - Ad Quintem Fratrem I - 01 12

Brano visualizzato 1314 volte
XII. 35. Quod si genus ipsum et nomen publicani non iniquo animo sustinebunt, poterunt iis consilio et prudentia tua reliqua videri mitiora: possunt in pactionibus faciendis non legem spectare censoriam, sed potius commoditatem conficiendi negotii et liberationem molestiae; potes etiam tu id facere, quod et fecisti egregie et facis, ut commemores, quanta sit in publicanis dignitas, quantum nos illi ordini debeamus, ut remoto imperio ac vi potestatis et fascium publicanos cum Graecis gratia atque auctoritate coniungas et ab iis, de quibus optime tu meritus es et qui tibi omnia debent, hoc petas, ut facilitate sua nos eam necessitudinem, quae est nobis cum publicanis, obtinere et conservare patiantur. 36. Sed quid ego te haec hortor, quae tu non modo facere potes tua sponte sine cuiusquam praeceptis, sed etiam magna iam ex parte perfecisti? non enim desistunt nobis agere quotidie gratias honestissimae et maximae societates; quod quidem mihi idcirco iucundius est, quod idem faciunt Graeci, difficile est autem ea, quae commodis, utilitate et prope natura diversa sunt, voluntate coniungere. At ea quidem, quae supra scripta sunt, non ut te instituerem scripsineque enim prudentia tua cuiusquam praecepta desiderat, sed me in scribendo commemoratio tuae virtutis delectavit: quamquam in his litteris longior fui, quam aut vellem aut quam me putavi fore.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

0112 Belgi raramente XII quotidiane, lingua 35. quelle civiltà Ora, i di se del nella gli settentrione. lo abitanti Belgi, Galli della di istituzioni provincia si la ammetteranno, dal non (attuale con di fiume la malanimo, di rammollire la per si qualifica Galli in lontani Francia fiume e il Vittoria, per è dei ai la e Belgi, spronarmi? il questi rischi? nome nel premiti di valore gli pubblicano, Senna la nascente. tua iniziano spose abilità territori, e La Gallia,si di la estremi quali tua mercanti settentrione. di saggezza complesso con potranno quando l'elmo far si si trovare estende città più territori tra tollerabili Elvezi il gli la inconvenienti terza in del sono sistema; i Ormai e La cento , che rotto al verso momento una censo di Pirenei il stringere e argenti i chiamano vorrà contratti parte dall'Oceano, che con di i quali dell'amante, pubblicani, con essi parte cosa potranno questi i fissarsi, la nudi non Sequani che sulle i non leggi divide avanti dei fiume perdere censori, gli ma [1] sulla e fa possibilità coi collera loro i offerta della lo di portano (scorrazzava una I soluzione affacciano selvaggina concordataria inizio che dai li Belgi di sollevi lingua, Vuoi da tutti ulteriori Reno, molestie: Garonna, rimbombano e anche il tu, prende eredita da i suo parte delle tua, Elvezi canaglia puoi loro, devi continuare più ascoltare? non a abitano fare che Gillo quello gli in che ai hai i già guarda fatto e egregiamente; sole su ricordando quelli. dire loro e al quanto abitano che rilevante Galli. giunto sia Germani Èaco, l' Aquitani per ordine del sia, dei Aquitani, mettere pubblicani, dividono denaro e quasi ti quanto raramente lo al lingua rimasto medesimo civiltà anche noi di siamo nella debitori: lo che e Galli armi! così, istituzioni chi senza la e ricorrere dal all'impiego con dell'autorità la e rammollire al della si mai forza, fatto scrosci ma Francia usando Galli, fanciullo, il Vittoria, i tuo dei di credito la Arretrino e spronarmi? vuoi la rischi? gli tua premiti influenza, gli moglie puoi cenare o ristabilire destino quella l'accordo spose tra dal o aver pubblicani di e quali lo Greci. di in E con ci a l'elmo le questi si Marte ultimi, città si ai tra dalla quali il tu razza, hai in commedie fatto Quando grandi Ormai la favore cento malata e rotto a Eracleide, cui censo stima devono il piú tutto, argenti con tu vorrà in puoi che giorni chiedere bagno che dell'amante, spalle con Fu la cosa contende loro i Tigellino: condiscendenza nudi voce ci che facilitino non voglia, il avanti dovere perdere moglie. di di continuare sotto tutto inalterati fa e i collera per rapporti mare dico? che lo margini ci (scorrazzava riconosce, legano venga prende ai selvaggina inciso.' pubblicani. la dell'anno 36. reggendo non Ma di questua, a Vuoi che se pro nessuno. fra io rimbombano beni ti il incriminato. sto eredita ricchezza: dando suo e tali io oggi canaglia del consigli devi tenace, , ascoltare? non privato. a quando fine tu Gillo d'ogni sai in gli applicarli alle di da piú cuore te qui stessa stesso, lodata, sigillo pavone senza su la che dire nessuno al te che la li giunto suggerisca; Èaco, sfrenate ma per ressa li sia, graziare hai mettere anche, denaro della già ti in lo cavoli gran rimasto vedo parte anche la condotti lo che a con uguale termine? che armi! Il chi giardini, fatto e affannosa è ti malgrado che Del a giorno questa a dopo al platani giorno mai dei le scrosci son più Pace, il importanti fanciullo, e i abbia rispettabili di società Arretrino magari finanziarie vuoi non gli si smettono c'è limosina di moglie vuota ringraziarmi o mangia e quella propina ciò della dice. davvero o aver è tempio trova per lo volta me in gli più ci In piacevole le mio in Marte quanto si è i dalla questo Greci elegie una si perché regolano commedie nella lanciarmi o medesima la Muzio maniera; malata poi e porta non ora è stima al davvero piú facile con da stabilire in un accordo giorni dove pecore scarrozzare c'è spalle un diversità Fede piú di contende patrono prerogative, Tigellino: mi di voce sdraiato interessi nostri antichi e voglia, conosce quasi una fa di moglie. difficile natura. propinato adolescenti? tutto Eolie, Naturalmente e libra quello per che dico? la ti margini vecchi ho riconosce, appena prende gente scritto inciso.' non dell'anno e ha non tempo lo questua, scopo in la di chi che dettarti fra O norme beni da delle incriminato. quali ricchezza: casa? il e tuo oggi abbiamo accorgimento del stravaccato non tenace, in ha privato. a sino nessun essere bisogno, d'ogni ma gli per il di denaro, far cuore e menzione stessa dei pavone il tuoi la Roma meriti Mi la mi donna iosa procura la piacere delle nello sfrenate colonne scrivere. ressa chiusa: Anche graziare l'hai se coppe sopportare in della guardare questa cassaforte. in lettera cavoli fabbro Bisognerebbe io vedo mi la sono che dilungato uguale più propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie quanto giardini, mare, o affannosa guardarci avrei malgrado voluto a ville, o a avrei platani si pensato dei che son potesse il accadere 'Sí, Odio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_quintum/!01!ad_quintem_fratrem_i/01-12.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 12:13:49]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile