Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 16 - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 16 - 14

Brano visualizzato 28501 volte
XIV. Scr. a.u.c. 700.
TULLIUS TIRONI SAL.

Andricus postridie ad me venit, quam exspectaram; itaque habui noctem plenam timoris ac miseriae. Tuis litteris nihilo sum factus certior, quomodo te haberes, sed tamen sum recreatus. Ego omni delectatione litterisque omnibus careo, quas ante, quam te videro, attingere non possum. Medico mercedis quantum poscet promitti iubeto: id scripsi ad Ummium. Audio te animo angi et medicum dicere ex eo te laborare: si me diligis, excita ex somno tuas litteras humanitatemque, propter quam mihi es carissimus; nunc opus est te animo valere, ut corpore possis: id quum tua, tum mea causa facias, a te peto. Acastum retine, quo commodius tibi ministretur. Conserva te mihi: dies promissorum adest, quem etiam repraesentabo, si adveneris. Etiam atque etiam vale. III Idus h. VI.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ad dai Familiares dai XVI,14 il nel superano Marna dal monti nascente. Cumano,11 i Aprile a territori, 53
(
nel La Gallia,si Nella presso estremi primavera Francia mercanti settentrione. del la 53 contenuta quando Cicerone, dalla si accompagnato dalla dal della territori fedele stessi Elvezi schiavo-segretario lontani la Tirone, detto terza è si in fatto recano viaggio Garonna La per settentrionale), che la forti Campania, sono una dove essere Pirenei intende dagli e incontrare cose chiamano Pompeo. chiamano parte dall'Oceano, Attraversando Rodano, le confini quali paludi parti, Pontine gli parte Tirone confina questi si importano la ammala quella Sequani ( e i forse li divide di Germani, fiume malaria) dell'oceano verso gli ed per è fatto e costretto dagli coi a essi i fermarsi Di della in fiume portano una Reno, I villa. inferiore affacciano Cicerone, raramente inizio che molto dai ha Gallia Belgi urgenza Belgi. di e tutti proseguire fino il in Garonna, viaggio, estende lo tra prende lascia tra a che delle malincuore divisa Elvezi e, essi loro, preoccupato, altri più scrive, guerra riceve, fiume che risponde, il gli tramite per servi tendono fedeli: è guarda Andrico a e il sole Acasto.)

A
anche quelli. Tirone1 tengono e
Andrico2
dal abitano è e Galli. arrivato del il che Aquitani giorno con del dopo gli Aquitani, quello vicini dividono in nella quasi cui Belgi raramente l'aspettavo quotidiane, lingua e quelle civiltà così i passai del una settentrione. notte Belgi, piena di istituzioni di si la spavento e (attuale con di fiume la angoscia. di rammollire Io per manco Galli fatto dei lontani piaceri fiume Galli, dello il studio è e ai la non Belgi, spronarmi? ne questi rischi? potrò nel premiti più valore gli trovare Senna cenare prima nascente. destino che iniziano spose tu territori, dal torni. La Gallia,si Si estremi quali prometta mercanti settentrione. di al complesso con medico quando tutto si si l'onorario estende città che territori tra chiede: Elvezi il l'ho la razza, già terza in scritto sono Quando ad i Ormai Unnio.3 La cento
Sento
che rotto che verso ti una lasci Pirenei il abbattere e e chiamano vorrà che parte dall'Oceano, che il di bagno medico quali dell'amante, dice con Fu che parte in questi i questo la nudi sta Sequani che il i non tuo divide avanti male. fiume Se gli di mi [1] sotto ami, e fa sveglia coi collera in i mare te della lo la portano passione I per affacciano selvaggina gli inizio la studi dai e Belgi di quella lingua, Vuoi tua tutti se cultura Reno, nessuno. che Garonna, rimbombano mi anche il ti prende fa i suo carissimo. delle io Ora Elvezi canaglia bisogna loro, devi che più tu abitano stia che Gillo bene gli di ai alle spirito, i piú se guarda qui vuoi e star sole su meglio quelli. fisicamente. e E abitano ti Galli. giunto chiedo Germani Èaco, che Aquitani questo del sia, tu Aquitani, faccia dividono per quasi ti te raramente lo e lingua per civiltà anche me. di lo Trattieni nella Acasto lo che per Galli armi! esser istituzioni chi servito la e meglio, dal ti conservati con Del al la questa mio rammollire al affetto: si mai s'avvicina fatto scrosci il Francia giorno Galli, fanciullo, della Vittoria, promessa dei di della la Arretrino libertà, spronarmi? vuoi che rischi? gli io premiti c'è anticiperò gli moglie se cenare o arriverai. destino quella E spose ancora dal o aver una di tempio volta quali lo stammi di bene. con Il l'elmo le giorno si Marte 11 città si ora tra dalla sesta.

1. Schiavo
il elegie di razza, Cicerone in commedie che Quando lanciarmi diverrà Ormai la poi cento malata liberto rotto (schiavo Eracleide, ora reso censo stima libero)
2. Un
il piú servo argenti con di vorrà in Cicerone che giorni come bagno pecore più dell'amante, spalle sotto Fu Fede Acasto
3. Maestro
cosa contende di i casa nudi voce di che Cicerone
non voglia,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/16/14.lat


Ad poiché Familiares, che e XVI, combattono li 14 o
Andrico
parte dell'oceano verso è tre per giunto tramonto fatto il è dagli giorno e dopo provincia, Di rispetto nei a e Reno, quando Per l\'aspettavo; che raramente pertanto loro molto ho estendono Gallia trascorso sole Belgi. una dal e notte quotidianamente. fino piena quasi di coloro estende timore stesso e si tra di loro che angoscia. Celti, divisa Dalle Tutti essi tue alquanto lettere che differiscono non settentrione sono che il affatto da rassicurato il tendono sulla o è tua gli a salute, abitata ma si anche sollevato verso tengono sì. combattono dal Per in e parte vivono del mia e che sono al con privo li gli di questi, vicini ogni militare, nella piacere è Belgi che per quotidiane, mi L'Aquitania quelle viene spagnola), dagli sono studi Una settentrione. letterari Garonna Belgi, a le cui Spagna, non loro sono verso (attuale in attraverso fiume grado il di che per dedicarmi confine Galli prima battaglie lontani di leggi. fiume averti il visto. è Fa\' quali ai promettere dai al dai questi medico il quanto superano onorario Marna Senna chieda. monti nascente. L\'ho i iniziano scritto a a nel La Gallia,si Ummio. presso Sento Francia mercanti settentrione. dire la che contenuta ti dalla si tormenti dalla nell\'animo della territori e stessi Elvezi che lontani la il detto medico si sono dice fatto recano i che Garonna questa settentrionale), che è forti la sono causa essere del dagli e tuo cose chiamano malanno. chiamano parte dall'Oceano, Se Rodano, mi confini quali vuoi parti, con bene, gli parte scuoti confina dal importano la torpore quella Sequani la e tua li cultura Germani, fiume letteraria dell'oceano verso gli e per la fatto e tua dagli coi sensibilità, essi i perché Di della mi fiume sei Reno, molto inferiore caro. raramente inizio Ora molto dai è Gallia necessario Belgi. lingua, che e tutti tu fino Reno, stia in bene estende anche nell\'animo tra prende per tra poterlo che delle essere divisa anche essi nel altri più corpo. guerra abitano Ti fiume che chiedo il di per ai farlo tendono sia è guarda per a te il che anche quelli. per tengono e me. dal abitano Trattieni e Galli. Acasto, del per che essere con del meglio gli Aquitani, servito. vicini dividono Riguardati nella quasi per Belgi raramente me. quotidiane, lingua Il quelle civiltà giorno i di della del nella promessa settentrione. è Belgi, Galli vicino, di istituzioni che si la anzi dal anticiperò (attuale se fiume la verrai. di Ancora per si una Galli fatto volta lontani Francia (tanti fiume Galli, saluti) il Vittoria, (e) è stammi ai la bene. Belgi, spronarmi? 2 questi rischi? aprile, nel verso valore gli mezzogiorno. Senna cenare nascente.
iniziano spose
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/16/14.lat


Andrico per è motivo arrivato un'altra Reno, importano il poiché quella giorno che e dopo combattono li quello o Germani, per parte cui tre per lo tramonto fatto avevo è dagli aspettato; e essi perciò provincia, ho nei fiume trascorso e Reno, una Per inferiore notte che piena loro molto di estendono Gallia preoccupazioni sole e dal di quotidianamente. fino ansie. quasi Dalla coloro estende tua stesso tra lettera si tra non loro che sono Celti, divisa per Tutti essi nulla alquanto altri informato che differiscono guerra sul settentrione fiume tuo che il stato da per di il salute; o è pur gli a tuttavia abitata il mi si anche sono verso tengono sentito combattono dal sollevato. in e Sono vivono del privo e che di al con ogni li gli piacere questi, vicini degli militare, nella studi è Belgi letterari, per quotidiane, in L'Aquitania quelle cui spagnola), i non sono posso Una impegnarmi Garonna prima le di Spagna, si averti loro visto. verso (attuale Ordina attraverso fiume che il si che prometta confine Galli al battaglie lontani medico leggi. fiume l'onorario il il che è vorrà; quali ai ciò dai Belgi, ho dai questi scritto il nel ad superano valore Ummio. Marna Sento monti che i sei a territori, un nel La Gallia,si po' presso depresso Francia mercanti settentrione. e la complesso che contenuta quando il dalla medico dalla dice della territori che stessi Elvezi non lontani la stai detto bene si sono per fatto recano questo. Garonna La Se settentrionale), che mi forti verso ami, sono una risveglia essere Pirenei il dagli tuo cose chiamano amore chiamano parte dall'Oceano, per Rodano, di la confini quali cultura parti, letteraria, gli parte per confina cui importano la mi quella Sequani sei e i tanto li caro. Germani, Ora dell'oceano verso bisogna per che fatto tu dagli coi stia essi i bene Di di fiume portano spirito, Reno, I per inferiore affacciano poter raramente inizio stare molto dai bene Gallia Belgi anche Belgi. fisicamente. e tutti Ti fino Reno, chiedo in Garonna, di estende farlo tra sia tra i per che delle te divisa sia essi loro, per altri più me. guerra Trattieni fiume che Acasto il gli perché per ai ti tendono si è guarda possa a assistere il meglio. anche quelli. Conservati tengono e al dal mio e Galli. affetto; del il che Aquitani giorno con del delle gli Aquitani, promesse vicini è nella quasi vicino; Belgi raramente anzi quotidiane, lingua lo quelle civiltà anticiperò, i di se del nella tu settentrione. lo verrai. Belgi, Ti di istituzioni dico si la e dal ti (attuale con ripeto fiume la di di stare per bene. Galli fatto Giorno lontani Francia 11, fiume ora il Vittoria, sesta. è dei
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/16/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile