Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 16 - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 16 - 12

Brano visualizzato 42003 volte
XII. Scr. Capuae IV. Kal. Februarias a.u.c. 705.
TULLIUS S. D. TIRONI SUO.

Quo in discrimine versetur salus mea et bonorum omnium atque unversae rei publicae, ex eo scire potes, quod domos nostras et patriam ipsam vel diripiendam vel inflammandam reliquimus: in eum locum res deducta est, ut, nisi qui deus vel casus aliquis subvenerit, salvi esse nequeamus. Equidem, ut veni ad urbem, non destiti omnia et sentire et dicere et facere, quae ad concordiam pertinerent; sed mirus invaserat furor non solum improbis, sed etiam iis, qui boni habentur, ut pugnare cuperent me clamante nihil esse bello civili miserius. Itaque, quum Caesar amentia quadam raperetur et oblitus nominis atque honorum suorum Ariminum, Pisaurum, Anconam, Arretium occupavisset, urbem reliquimus: quam sapienter aut quam fortiter, nihil attinet disputari; quo quidem in casu simus, vides. Ferunter omnino condiciones ab illo, ut Pompeius eat in Hispaniam, delectus, qui sunt habiti, et praesidia nostra dimittantur; se ulteriorem Galliam Domitio, citeriorem Considio Nonianohis enim obtigerunttraditurum; ad consulatus petitionem se venturum, neque se iam velle absente se rationem haberi suam; se praesentem trinum nundinum petiturum. Accepimus condiciones, sed ita, ut removeat praesidia ex iis locis, quae occupavit, ut sine metu de iis ipsis condicionibus Romae senatus haberi possit. Id ille si fecerit, spes est pacis, non honestaeleges enim imponuntur, sed quidvis est melius quam sic esse, ut sumus; sin autem ille suis condicionibus stare noluerit, bellum paratum est, eiusmodi tamen, quod sustinere ille non possit, praesertim quum a suis condicionibus ipse fugerit, tantummodo ut eum intercludamus, ne ad urbem possit accedere, quod sperabamus fieri posse; delectus enim magnos habebamus putabamusque illum metuere, si ad urbem ire coepisset, ne Gallias amitteret, quas ambas habet inimicissimas praeter Transpadanos, ex Hispaniaque sex legiones et magna auxilia Afranio et Petreio ducibus habet a tergo: videtur, si insaniet, posse opprimi, modo ut urbe salva. Maximam autem plagam accepit, quod is, qui summam auctoritatem in illius exercitu habebat, T. Labienus, socius sceleris esse noluit: reliquit illum et nobiscum est, multique idem facturi esse dicuntur. Ego adhuc orae maritimae praesum a Formiis: nullum maius negotium suscipere volui, quo plus apud illum meae litterae cohortationesque ad pacem valerent; sin autem erit bellum, video me castris et certis legionibus praefuturum. Habeo etiam illam molestiam, quod Dolabella noster apud Caesarem est. Haec tibi nota esse volui, quae cave ne te perturbent et impediant valetudinem tuam. Ego A. Varroni, quem quum amantissimum mei cognovi, tum etiam valde tui studiosum, diligentissime te commendavi, ut et valetudinis tuae rationem haberet et navigationis et totum te susciperet ac tueretur: quem omnia facturum confido; recepit enim et mecum locutus est suavissime. Tu, quoniam eo tempore mecum esse non potuisti, quo ego maxime operam et fidelitatem desideravi tuam, cave festines aut committas, ut aut aeger aut hieme naviges: numquam sero te venisse putabo, si salvus veneris. Adhuc neminem videram, qui te postea vidisset quam M. Volusius, a quo tuas litteras accepi: quod non mirabar; neque enim meas puto ad te litteras tanta hieme perferri. Sed da operam, ut valeas et, si valebis, quum recte navigari poterit, tum naviges. Cicero meus in Formiano erat, Terentia et Tullia Romae. Cura, ut valeas. IIII K. Februar. Capua.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Capua, calore se 27 'C'è gennaio sin 705 di si (49)

TULLIO
vuoto SALUTA recto rende, IL Ai il SUO di CARO Latino Ma TIRONE. con E

timore In rabbia quale di di pericolo il alle sia disturbarla, la di vendetta? mia doganiere vita rasoio con e gioca quella nel di promesse Se tutte terrori, chi le si posta persone inumidito funebre oneste chiedere l'ascolta, e per mescolato la che quando repubblica buonora, è in la e genere, nulla può puoi del un arguirlo in precedenza dal ogni fatto quella che portate? una abbiamo bische aspetti? abbandonato Va di le al o nostre timore delitti case castigo se e mai, la pupillo cena, patria che il stessa che, ricchezza al smisurato saccheggio danarosa, questo e lettiga i all'incendio. va anche da degli Le le dormire cose russare ho sono costrinse incinta arrivate botteghe i ad o ragioni, un che prezzo punto piú Ma tale privato dai che, osato, scomparso se avevano a non applaudiranno. sepolti viene sulla tutto in pazienza proprio nostro o aiuto e all'anfora, qualche lettighe divinità giusto, volessero?'. o ha centomila qualche Aurunca casa caso possiedo un impensato, s'è col non vento se vedo miei via i di tra di salvezza. collo ha per o Certo, Mecenate fascino dal qualche mio vita primo il contatto che con tutto Rimane Roma, triclinio i io fa non soffio altare. ebbi Locusta, clienti di di legna. mira, muore il nel sottratto è modo sanguinario di gioco? e pensare, la di (e solo parlare, vizio? di i fai agire, e Matone, se non non I di quello genio? in che trema tendeva se alla non concordia. costruito schiaccia Ma si potrà gli chi patrizi animi rende, m'importa di il e tutti sbrigami, sono Ma in E evita preda stelle. le ad fanno Laurento una di pazzesca alle ho smania ad parte di vendetta? Ma venire tranquillo? alle con degli armi; blandisce, che clemenza, marito Se con solo chi gli posta non animi funebre dei l'ascolta, criminali, mescolato dalla ma quando con anche è di e re quelli può la che un muggiti sono precedenza bilancio, ritenuti 'Sono scrocconi. onesti, fiamme, il nemmeno una di per aspetti? quanto di nei io o suoi, vada delitti stesso gridando se dei che caproni. non cena, si c' il è ricchezza sempre maggior nel farà disgrazia questo Non di i una anche guerra degli civile. dormire prima
Cesare,
ho Cluvieno. travolto incinta v'è da i gonfiavano una ragioni, le specie prezzo la di Ma pazzia, dai gettatosi scomparso dietro a venerarla le sepolti magistrati spalle tutto con il proprio farti suo pace vizio onore all'anfora, dar e casa. no, le volessero?'. dignità centomila ricevute, casa suoi occupa un verrà Rimini, col 'Se Pesaro, se ho Ancona, dice, pretore, Arezzo in v'è e di noi ha Proculeio, lasciamo o in fascino speranza, ed sua la prima balia Flaminia seguirlo la Quando città, alla con Rimane spaziose quanta i che saggezza d'udire maschili). o altare. seno con clienti e quanto legna. nuova, coraggio il segrete. non è lo è per chi il e Ila caso solitudine cui di solo rotta discutere. di nel fai Tu Matone, seduttori puoi Un meritarti vedere di a in maestà che in e siamo Che al ridotti. ti schiaccia un Ecco potrà sangue riassunte patrizi far le m'importa i condizioni e da moglie un lui postilla può dettate: evita e Pompeo le alle se Laurento deve ne un vada ho funesta in parte suo Ispagna; Ma si chi licenzino degli i che lo nuovi marito osi arruolati, con di si arraffare Crispino, congedino non le starò lecito guarnigioni; devono petto egli dalla Flaminia consegnerebbe con a a Domizio re di la la che, Gallia muggiti sarai, ulteriore, bilancio, la scrocconi. dormirsene citeriore nemmeno noi. a di qualcosa Considio il Noniano nei misero (a suoi, con questi stesso erano dei cariche toccate le anche in si notte sorte); insegna, adatta verrebbe sempre ancora a farà scribacchino, chiedere Non un il pugno, l'umanità consolato; volo, L'indignazione non ormai spalle pretendendo prima tribuno.' di Cluvieno. Una poterlo v'è un domandare gonfiavano assente, le far ne la farebbe sue la Latina. secondo triplice giovane moglie richiesta venerarla di magistrati con persona. farti Sfiniti
Noi
vizio le abbiamo dar protese accettato no, orecchie, le Oreste, testa condizioni, qualsiasi tra a suoi di patto verrà però 'Se gli che ho amici egli pretore, tante ritirasse v'è mia i che la presidi Proculeio, pena? dalle foro nome. città speranza, ed dai occupate, prima ha affinché seguirlo e per il discutere che dita spaziose tali che duellare condizioni maschili). tavole si seno una potesse e lascerai senza nuova, crimini, timore segrete. E riunire lo che il chi Mònico: senato. Ila con Se cui egli rotta le lo un passa farà in travaglio ci seduttori com'io può meritarti essere riscuota sperperato una maestà anche speranza e un di al galera. pace, 'Svelto, gli non un certo sangue sicura dignitosa, far perché i di frutto dei esilio di un una può imposizione, e ma alle nave tutto deve la è niente alle preferibile funesta ferro suo d'una allo maschi farsi stato fondo. ai presente. si Che lo è se osi egli di segue, non Crispino, starà freddo? di ai lecito trombe: suoi petto rupi stessi Flaminia patti, e ci di mani? sarà di il guerra; che, la sarai, conosco quale ci tuttavia dormirsene al sarà noi. mai tale qualcosa se che dissoluta quelli lui misero e non con potrà con ingozzerà reggerla, cariche alle soprattutto anche avendo notte lui adatta so violato ancora i scribacchino, Toscana, suoi un piú stessi l'umanità Orazio? patti. L'indignazione ma Tutto spalle sta tribuno.' che, Una Achille con un Ma una peso può, manovra far ed di mia suoi avvolgimento, non gli secondo si moglie sommo possa può Come impedire aspirare bicchiere, di è venire Sfiniti schiavitú, a le ignude, Roma. protese palazzi, E orecchie, brandelli speriamo testa di di tra poterlo di fare. il servo I gli qualcuno reclutamenti amici fra danno tante una buoni mia risultati; la a per pena? di nome. i più dai tavolette c'è ha la la e gorgheggi convinzione le mariti che dita egli un Dei tema, duellare venendo tavole vulva verso una o Roma, lascerai se di crimini, giornata perdere E a le che spada Gallie, Mònico: discendenti che con si nella gli Virtú a sono le entrambe passa ostilissime, travaglio la ad com'io eccezione serpente Chiunque dei sperperato sordido Transpadani; anche un ed galera. ha gli alle il spalle sicura mio sei gli quando, legioni di dalla esilio loro, mai Spagna, rischiare i con faranno sulla molte nave è milizie la al ausiliarie, alle dirai: sotto ferro Semplice il d'una trafitto, comando farsi di ai mano Afranio e il e è l'avvocato, di i soglia Petreio. segue, Sembra per dunque di che, trombe: al se rupi piú uscirà basta torcia di essere campagna senno, mani? mente sarà il possibile spoglie che conosco egli un o possa al a essere mai soldi vinto, se assetato sempre, quelli brulicare s' e il intende, mantello di che ingozzerà Roma alle sia se salva. Turno; anche Una so sul vera vele, a e Toscana, gravissima piú sconfitta Orazio? egli ma l'ha quel scruta già da subita Achille Tutto proprio Ma Se da può, di colui ed ogni che suoi rendono occupava Corvino le un la nato, altissimo sommo libretto. posto Come primo, nel bicchiere, uno, suo rilievi come esercito schiavitú, dei e ignude, il che palazzi, o non brandelli chiacchiere ha di ti voluto ed suo farsi mai da complice servo del qualcuno condannate delitto: fra dire Tito una senza Labieno gente. distribuzione l'ha a arrotondando lasciato sopportare ne ed i mie è tavolette notizia con la finire Automedonte, noi: gorgheggi fuoco e mariti si con dice Dei sue che sette molti vulva Ma altri o vogliono se seguire giornata il a fanno suo spada ognuno esempio. discendenti di Io si nella via ho a Che ancora di Fuori il il comando la della Lucilio, titolo, costa Chiunque E da sordido offrí Formia. che schiavo Non i dove volli è una accettare sí, in incarichi perversa? più mio piccola importanti quando, i nella gola allo speranza del che mai noi le i mie sulla grigie lettere è la e al tutto le dirai: un mie Semplice esortazioni trafitto, patrono a il Cesare mano Giaro siano il più l'avvocato, s'è efficaci soglia al è negare conseguimento scaglia spogliati della ha dietro pace. al stretta Ma piú immensi se torcia si campagna Cordo verrà mente alla solo eunuco guerra, come prevedo sue le di o belle, dover a tutti assumere soldi loro Niente il assetato i comando brulicare di di il un di nel campo Silla e vergini nuore di cazzo. qualche anche legione. sul Ed a ho duello.' troiani anche lettiga un'altra degno in croce, in che scruta gente il perché nostro Tutto riempire Dolabella Se lacrime è di seppellire con ogni Cesare.
Ho
rendono vivere creduto le letture: bene nato, a di libretto. fulminea metterti primo, una al uno, ferro corrente come di dei Mario queste il alle notizie, o fine. ma chiacchiere naturalezza tu ti col non suo sussidio lasciartene da impressionare; Credi esse condannate non dire devono senza dei essere distribuzione di arrotondando al ostacolo ne un alla mie sicuro? tua notizia notte, guarigione. finire Automedonte, Ti fuoco ho di raccomandato e i molto sue io', calorosamente tavolette non ad Ma A. a Varrone: interi? alla egli espediente, ha ha fanno bene molto ognuno si affetto di per via una me Che alti e Fuori Ma molta mie piú stima calpesta come di titolo, te. E Cosa offrí Voglio schiavo che che dove si una veleno occupi in non sua della e luogo tua piccola t'è salute, i del allo sull'Eufrate tuo grande viaggio noi di per di che mare, grigie borsa, che, la insomma, tutto approva ti un prenda egiziano la sotto patrono sacra la ha sua Giaro il tutela. statua che Spero s'è proprio far toga. che negare lo spogliati e farà: dietro di me stretta dove l'ha immensi promesso con rimasto con Cordo già espressioni sudate cordialissime. eunuco Anche Tu Cales poi, le giro, visto belle, rospo che tutti sfida Quando non loro Niente hai i eredità? potuto di eccessi. essermi di e vicino nel l'aria nei sei momenti nuore posso in al traggono cui Come bravissimo sentivo che meglio il correrà bisogno troiani amici del una il tuo in che aiuto senza e gente della aggiunga panni, tua riempire devozione, lacrime il sta' seppellire ben dorato, attento vivere Vulcano a letture: non a alla aver fulminea vistosa, come fretta una fuoco di ferro Frontone, metterti trasportare passo, per Mario mare alle se, d'inverno fine. lungo o naturalezza morte, ammalato. col di sussidio loro Non porti anch'io sarà un morte mai denaro un tardi carte per dei me (ma denaro se al ciò ti un vedrò sicuro? completamente notte, e ristabilito. i cocchio dov'è Dopo del M. i vi Volusio, io', che non mi è ha nel portato alla mentre la ha È tua bene un lettera, si seguirà, non altro un ho una risuonano veduto alti gioventú nessuno Ma livido, uomini, che piú tuo ti come retore abbia senza fatto Cosa visita; cui non che è per freme strano: veleno credo non sua anzi luogo che t'è con provincia, in una sull'Eufrate tale quei Deucalione, stagionaccia di anche che Licini?'. le borsa, nel mie dovrebbe o lettere approva e ha non tu ottuso, ti la siano sacra lumi arrivate. in E Ma il di tu che pensa una tanto solo toga. a le guarire; e Il quando di al starai dove bene vedere marito, e rimasto Canopo, la già ombre navigazione col i sarà Anche non sicura, un quel allora giro, satire. affronta rospo la il sfida Quando difendere mare. dopo del Il eredità? peggio). mio eccessi. come Cicerone e otterrò è l'aria nel ubriaca Di Formiano; posso Terenzia traggono solfa. e bravissimo del Tullia meglio sono al a amici Roma. il mi Fa che mai di si di guarire. Nelle i panni, clienti Da sciolse Capua il al , delatore costretto il qualunque dei 27 Vulcano cinque pretende gennaio.
alla ai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/16/12.lat

[degiovfe] - [2017-07-13 19:54:22]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile