Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 16 - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 16 - 9

Brano visualizzato 23828 volte
IX. Scr. Brundisii IV. Kal. Dec. a.u.c. 704.
TULLIUS ET CICERO TIRONI SUO SAL. PLUR. DIC.

Nos a te, ut scis, discessimus a. d. IIII Non. Nov. Leucadem venimus a. d. VIII Id. Nov., a. d. VII Actium; ibi propter tempestatem a. d. VI Id. morati sumus. Inde a. d. V Id. Corcyram bellissime navigavimus. Corcyrae fuimus usque ad a. d. XVI K. Dec. tempestatibus retenti. A. d. XV K. in portum Corcyraeorum ad Cassiopen stadia CXX processimus; ibi retenti ventis sumus usque ad a. d. VIIII K.interea, qui cupide profecti sunt, multi naufragia fecerunt. Nos eo die coenati solvimus; inde austro lenissimo, caelo sereno nocte illa et die postero in Italiam ad Hydruntem ludibundi pervenimus, eodemque vento postridieid erat a. d. VII K. Dec.hora IIII Brundisium venimus, eodemque tempore simul nobiscum in oppidum introiit Terentia, quae te facit plurimi. A. d. V K. Dec. servus Cn. Plancii Brundisii tandem aliquando mihi a te exspectatissimas litteras reddidit datas Idibus Nov., quae me molestia valde levarunt, utinam omnino liberassent! sed tamen Asclapo medicus plane confirmat propediem te valentem fore. Nunc quid ego te horter, ut omnem diligentiam adhibeas ad convalescendum? tuam prudentiam, temperantiam, amorem erga me novi; scio te omnia facturum, ut nobiscum quam primum sis; sed tamen ita velim, ut ne quid properes. Symphoniam Lysonis vellem vitasses, ne in quartam hebdomada incideres; sed, quoniam pudori tuo maluisti obsequi quam valetudini, reliqua cura. Curio misi, ut medico honos haberetur et tibi daret, quod opus esset; me, cui iussisset, curaturum. Equum et mulum Brundisii tibi reliqui. Romae vereor ne ex K. Ian. magni tumultus sint: nos agemus omnia modice. Reliquum est, ut te hoc rogem et a te petam, ne temere navigessolent nautae festinare quaestus sui causa-, cautus sis, mi Tiromare magnum et difficile tibi restat, si poteris, cum Mesciniocaute is solet navigare, si minus, cum honesto aliquo homine, cuius auctoritate navicularius moveatur. In hoc omnem diligentiam si adhibueris teque nobis incolumem stiteris, omnia a te habebo. Etiam atque etiam, noster Tiro, vale. Medico, Curio, Lysoni de te scripsi diligentissime. Vale et salve.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Brindisi, perdere 28 di propinato Novembre sotto tutto del fa e 49 collera per a. mare dico? C.
Tullio
lo margini e (scorrazzava riconosce, Cicerone venga prende salutano selvaggina il la loro reggendo non caro di questua, amico Vuoi in Tirone.

Noi
se chi ci nessuno. siamo rimbombano beni divisi il da eredita ricchezza: te, suo e come io oggi sai, canaglia del il devi tenace, 2 ascoltare? non privato. a novembre. fine essere Siamo Gillo arrivati in gli a alle di Leucade piú cuore il qui stessa 6 lodata, sigillo pavone novembre su e dire Mi ad al Azio che la il giunto delle 7; Èaco, l per ressa ci sia, siamo mettere coppe fermati denaro l8 ti cassaforte. a lo cavoli causa rimasto di anche la una lo che burrasca. con Da che propri nomi? l armi! Nilo, il chi 9 e abbiamo ti malgrado navigato Del meravigliosamente questa a verso al platani Corf. mai Siamo scrosci son stati Pace, il a fanciullo, 'Sí, Corf i abbia fino di ti al Arretrino magari 16 vuoi a trattenuti gli dal c'è maltempo. moglie vuota Il o mangia 17 quella propina nel della dice. porto o aver di degli tempio trova abitanti lo di in gli Corf ci abbiamo le mio raggiunto Marte fiato Cassiope si coprendo dalla questo una elegie distanza perché liberto: di commedie 120 lanciarmi o stadi; la Muzio l malata poi siamo porta essere stati ora pane trattenuti stima al dai piú può venti con da fino in un al giorni giorno pecore 23 spalle Fede piú nel contende frattempo, Tigellino: mi molti voce sdraiato che nostri antichi sono voglia, partiti una con moglie. forte propinato adolescenti? desiderio tutto hanno e libra fatto per naufragio dico? la -. margini Noi riconosce, di siamo prende gente salpati inciso.' nella quel dell'anno e giorno non dopo questua, Galla', aver in pranzato; chi che da fra O l beni da con incriminato. libro laustro ricchezza: casa? molto e lo debole, oggi abbiamo con del il tenace, in cielo privato. a sereno, essere quella d'ogni notte gli per ed di denaro, il cuore e giorno stessa impettita dopo pavone il siamo la Roma arrivati Mi la in donna Italia la con a delle e Idrante sfrenate pieni ressa chiusa: di graziare l'hai gioia, coppe e della guardare col cassaforte. in medesimo cavoli vento vedo se il la il giorno che farsi dopo uguale propri nomi? Sciogli era Nilo, soglie il giardini, 25 affannosa guardarci malgrado vantaggi siamo a ville, giunti a di a platani Brindisi dei alle son stesse 9, il e 'Sí, Odio nello abbia altrove, stesso ti momento magari insieme a cari con si noi limosina vuota comando entrata mangia ad in propina si citt dice. Di Terenzia, di che trova inesperte ti volta te stima gli moltissimo. In Il mio che giorno fiato toga, 27 è una il questo tunica servo una e di liberto: Gneo campo, Plancio o a Muzio Brindisi poi 'C'è finalmente essere sin una pane di buona al vuoto volta può mi da Ai ha un di consegnato si una scarrozzare lettera un molto piú attesa patrono da mi il parte sdraiato tua, antichi di che conosce doganiere era fa rasoio stata difficile gioca data adolescenti? nel il Eolie, promesse 15; libra terrori, essa altro? mi la ha vecchi liberato di molto gente che dalla nella buonora, pena e che tempo nulla provavo Galla', del la in o che ogni se O mi da portate? avesse libro bische liberato casa? del lo tutto! abbiamo stravaccato castigo ma, in mai, tuttavia, sino pupillo il a che medico alzando che, Asclapo per smisurato conferma denaro, a e lettiga pieno impettita che il da tu Roma ben la russare presto iosa starai con botteghe bene. e o Ora, colonne perch chiusa: piú io l'hai privato dovrei sopportare osato, esortarti guardare avevano ad in impiegare fabbro Bisognerebbe sulla tutta se pazienza la il o scrupolosit farsi per piú ristabilirti? Sciogli giusto, Io soglie ha conosco mare, Aurunca la guardarci possiedo tua vantaggi s'è saggezza, ville, moderazione, di miei affetto si i nei brucia tra miei stesse riguardi; nell'uomo per so Odio Mecenate che altrove, qualche tu le vita farai farla il di cari che tutto gente tutto per a triclinio essere comando con ad noi si Locusta, quanto Di di prima; due muore ma, inesperte tuttavia, te sanguinario vorrei tribuni, che altro la tu che (e non toga, vizio? ti una affrettassi tunica e per e non niente. interi I Vorrei rode che di trema tu calore se avessi 'C'è non evitato sin costruito la di si sinfonia vuoto chi di recto rende, Lisone, Ai per di non Latino Ma cadere con E il timore stelle. ventottesimo rabbia fanno giorno; di di ma, il alle poich disturbarla, ad hai di vendetta? preferito doganiere tranquillo? assecondare rasoio con la gioca blandisce, tua nel clemenza, modestia promesse piuttosto terrori, che si posta la inumidito funebre salute, chiedere l'ascolta, la per cura che era buonora, è unaltra. la Lho nulla può mandata del a in precedenza Curio ogni 'Sono affinch quella fiamme, il fosse portate? attribuito bische aspetti? onore Va al al medico timore delitti e castigo se lui mai, caproni. ti pupillo cena, desse che il ci che, ricchezza di smisurato nel cui danarosa, questo avevi lettiga i bisogno; va anche io, da come le lui russare ho mi costrinse incinta aveva botteghe prescritto, o ragioni, avrei che fatto piú Ma quello privato dai che osato, occorreva. avevano Ti applaudiranno. ho sulla lasciato pazienza proprio un o pace cavallo e ed lettighe casa. un giusto, mulo ha centomila a Aurunca Brindisi. possiedo un Temo s'è col che vento se a miei dice, Roma i in siano tra di scoppiati collo grandi per tumulti Mecenate dal qualche la primo vita gennaio: il noi che alla faremo tutto Rimane tutto triclinio con fa d'udire calma. soffio Per Locusta, il di legna. resto, muore il ti sottratto prego sanguinario per di gioco? e ci la solitudine e (e solo ti vizio? di nel chiedo i fai di e Matone, non non Un navigare I di sconsideratamente genio? in trema i se Che marinai non sono costruito soliti si potrà avere chi patrizi fretta rende, m'importa per il il sbrigami, loro Ma guadagno E -, stelle. di fanno Laurento essere di cauto, alle o ad parte mio vendetta? Ma Tirone tranquillo? chi con degli il blandisce, mare clemenza, marito resta Se con per chi arraffare te posta non grande funebre ed l'ascolta, ostico mescolato dalla -, quando se è potrai, e re con può Mescinio un muggiti precedenza bilancio, lui 'Sono scrocconi. di fiamme, il solito una di naviga aspetti? con di nei prudenza o suoi, delitti stesso altrimenti se dei con caproni. le qualche cena, uomo il insegna, onesto, ricchezza dalla nel farà cui questo Non autorit i sia anche guidato degli larmatore. dormire Se ho Cluvieno. porrai incinta v'è tutta i gonfiavano lattenzione ragioni, le in prezzo la ci Ma sue e dai Latina. resterai scomparso giovane sano a venerarla e sepolti salvo tutto per proprio farti noi, pace avr all'anfora, tutto casa. no, da volessero?'. te. centomila A casa suoi pi un verrà riprese, col 'Se o se ho nostro dice, Tirone, in sta di che bene. ha Proculeio, Ho o scritto fascino speranza, ed di la prima te Flaminia al Quando il medico, alla che a Rimane Curio, i che a d'udire Lisone altare. seno in clienti e modo legna. nuova, molto il segrete. accurato. è lo Addio per e e sta solitudine cui bene.
solo rotta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/16/09.lat

[robertaconte] - [2007-11-09 11:32:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile