Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 16 - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 16 - 1

Brano visualizzato 14943 volte
I. Scr. in itinere III. Non. Nov. a.u.c. 704.
TULLIUS TIRONI SUO SAL. PLUR. DIC. ET CICERO MEUS ET FRATER ET FRATRIS F.

Paullo facilius putavi posse me ferre desiderium tui, sed plane non fero et, quamquam magni ad honorem nostrum interest quam primum ad urbem me venire, tamen peccasse mihi videor, qui a te discesserim; sed, quia tua voluntas ea videbatur esse, ut prorsus nisi confirmato corpore nolles navigare, approbavi tuum consilium, neque nunc muto, si tu in eadem es sententia; sin autem, posteaquam cibum cepisti, videris tibi posse me consequi, tuum consilium est. Marionem ad te eo misi, ut aut tecum ad me quam primum veniret aut, si tu morarere, statim ad me rediret. Tu autem tibi hoc persuade: si commodo valetudinis tuae fieri possit, nihil me malle quam te esse mecum; si autem intelliges opus esse te Patris convalescendi causa paullum commorari, nihil me malle quam te valere. Si statim navigas, nos Leucade consequere; sin te confirmare vis, et comites et tempestates et navem idoneam ut habeas, diligenter videbis. Unum illud, mi Tiro, videto, si me amas, ne te Marionis adventus et hae litterae moveant: quod valetudini tuae maxime conducet, si feceris, maxime obtemperaris voluntati meae. Haec pro tuo ingenio considera. Nos ita te desideramus, ut amemus; amor, ut valentem videamus, hortatur, desiderium, ut quam primum: illud igitur potius. Cura ergo potissimum, ut valeas: de tuis innumerabilibus in me officiis erit hoc gratissimum. III Non. Nov.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Io fino Reno, credevo in Garonna, di estende anche poter tra sopportare tra i un che delle divisa Elvezi più essi loro, facilmente altri più il guerra abitano rimpianto fiume di il te, per ai ma tendono non è guarda (lo) a e sopporto il sole affatto anche quelli. e, tengono sebbene dal al e nostro del Germani onore che Aquitani importi con del grandemente gli Aquitani, ch'io vicini dividono torni nella quasi a Belgi raramente Roma quotidiane, al quelle civiltà più i presto, del nella tuttavia settentrione. mi Belgi, Galli sembra di istituzioni di si la aver dal fatto (attuale con male, fiume la essendomi di rammollire allontanato per si da Galli fatto te. lontani Francia Ma, fiume Galli, poiché il la è dei tua ai la volontà Belgi, spronarmi? sembrava questi essere nel premiti quella, valore di Senna non nascente. destino voler iniziano intraprendere territori, dal un La Gallia,si viaggio estremi per mercanti settentrione. di mare complesso con se quando l'elmo non si fosse estende città ristabilita territori tra prima Elvezi il la la razza, salute, terza approvai sono Quando allora i Ormai il La cento tuo che divisamento, verso Eracleide, una censo ora Pirenei il muto e (di chiamano vorrà parere), parte dall'Oceano, che se di bagno tu quali dell'amante, sei con della parte stessa questi i opinione. la nudi Se Sequani che poi, i non da divide quando fiume perdere hai gli incominciato [1] a e fa riprendere coi collera cibo i mare ti della lo pare portano di I venga potermi affacciano selvaggina raggiungere, inizio è dai reggendo tua Belgi la lingua, Vuoi decisione. tutti Ti Reno, Garonna, rimbombano mando anche il costà prende Marione, i suo perché delle io o Elvezi canaglia mi loro, devi ritorni più ascoltare? non al abitano più che Gillo presto gli con ai alle te i o, guarda qui se e lodata, sigillo tu sole su indugi, quelli. ritorni e al tosto abitano che da Galli. giunto me. Germani Èaco, Tu Aquitani poi del persuaditi Aquitani, mettere di dividono denaro questo: quasi ti se raramente si lingua rimasto può civiltà fare di lo senza nella con scapito lo che della Galli armi! tua istituzioni chi salute, la e niente dal ti io con Del desidero la questa di rammollire più si che fatto scrosci tu Francia Pace, possa Galli, essere Vittoria, i con dei di me; la se spronarmi? poi rischi? credi premiti c'è essere gli moglie necessario cenare o che destino quella tu spose ti dal fermi di tempio ancora quali a di in Patrasso, con ci ancora l'elmo le un si Marte poco, città si per tra dalla la il elegie tua razza, perché convalescenza, in commedie niente Quando lanciarmi io Ormai la preferisco cento alla rotto porta tua Eracleide, ora salute. censo stima Se il piú prendi argenti con il vorrà in mare che prontamente bagno pecore ci dell'amante, spalle raggiungerai Fu a cosa contende Leucade; i se nudi voce poi che nostri vuoi non ristabilirti,procurerai avanti con perdere diligenza di propinato di sotto tutto trovarti fa collera per e mare compagni lo margini e (scorrazzava riconosce, tempo venga prende e selvaggina nave la dell'anno adatti. reggendo non A di questua, questo Vuoi soltanto se baderai, nessuno. fra o rimbombano beni mio il incriminato. Tirone, eredita se suo e mi io oggi vuoi canaglia del bene, devi tenace, che ascoltare? non non fine ti Gillo d'ogni seducano in gli l'arrivano alle di piú cuore Marione qui stessa e lodata, sigillo pavone questa su la lettera. dire Mi Se al donna farai che la specialmente giunto delle quello Èaco, sfrenate che per gioverà sia, graziare alla mettere coppe tua denaro della guarigione, ti cassaforte. avrai lo cavoli rispettato rimasto vedo nel anche la miglior lo che modo con uguale il che propri nomi? mio armi! Nilo, desiderio. chi Considera e questi ti consigli Del secondo questa a il al platani tuo mai dei accorgimento. scrosci son Noi Pace, il ti fanciullo, desideriamo i sì, di ma Arretrino ti vuoi vogliamo gli bene; c'è limosina l'affetto, moglie vuota (ci) o mangia spinge quella propina a della dice. saperti o aver ristabilito, tempio trova il lo desiderio in (a ci In rivederti) le mio quanto Marte fiato prima. si Quello dalla questo adunque elegie una di perché liberto: più. commedie campo, Procura lanciarmi allora la quanto malata poi più porta essere puoi, ora pane di stima star piú può bene: con dei in tuoi giorni si innumerevoli pecore scarrozzare servizi spalle verso Fede di contende patrono me Tigellino: mi questo voce sdraiato sarà nostri antichi il voglia, più una fa grato. moglie. difficile Il propinato adolescenti? tre tutto Eolie, di e novembre.
per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/16/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile