Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 14 - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 14 - 18

Brano visualizzato 45687 volte
XVIII. Scr. Formiis XI. Kal. Februarias a.u.c. 705.
TULLIUS TERENTIAE SUAE ET PATER SUAVISSIMAE FILIAE, CICERO MATRI ET SORORI S. D. PLUR.

Considerandum vobis etiam atque etiam, animae meae, diligenter puto, quid faciatis, Romaene sitis an mecum an aliquo tuto loco: id non solum meum consilium est, sed etiam vestrum. Mihi veniunt in mentem haec: Romae vos esse tuto posse per Dolabellam eamque rem posse nobis adiumento esse, si quae vis aut si quae rapinae fieri coeperint; sed rursus illud me movet, quod video omnes bonos abesse Roma et eos mulieres suas secum habere, haec autem regio, in qua ego sum, nostrorum est cum oppidorum, tum etiam praediorum, ut et multum esse mecum et, cum abieritis, commode in nostris praediis esse possitis. Mihi plane non satis constat adhuc, utrum sit melius: vos videte, quid aliae faciant isto loco feminae, et ne, cum velitis, exire non liceat; id velim diligenter etiam atque etiam vobiscum et cum amicis consideretis. Domus ut propugnacula et praesidium habeat, Philotimo dicetis; et velim tabellarios instituatis certos, ut quotidie aliquas a vobis litteras accipiam; maxime autem date operam, ut valeatis, si nos vultis valere. VIII Kal. Formiis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Ad Di della Familiares fiume XIV Reno, I 18 inferiore raramente molto dai Formia, Gallia Belgi 24 Belgi. lingua, gennaio e tutti 49
(
fino Reno, La in Garonna, guerra estende civile tra prende è tra i scoppiata. che delle Da divisa Elvezi Formia essi Cicerone altri scrive guerra abitano alla fiume che famiglia il che per ai è tendono rimasta è a a Roma.)

A
il sole Terenzia anche quelli. e tengono a dal Tullia
Anime
e Galli. mie, del credo che Aquitani che con del tocchi gli Aquitani, a vicini dividono voi nella riflettere Belgi raramente molto quotidiane, lingua attentamente quelle civiltà che i cosa del nella dobbiate settentrione. fare: Belgi, se di vi si la convenga dal restare (attuale con a fiume Roma di o per si venire Galli fatto con lontani Francia me fiume in il Vittoria, luogo è dei sicuro.1 ai la Tutto Belgi, ciò questi rischi? non nel premiti solo valore riguarda Senna cenare me, nascente. destino ma iniziano anche territori, dal voi. La Gallia,si di Io estremi quali ragiono mercanti settentrione. di così: complesso in quando l'elmo Roma si voi estende città potreste territori essere Elvezi il sicure la per terza in mezzo sono Quando di i Dolabella2 La cento e che rotto questi verso potrebbe una censo esserci Pirenei d'aiuto e argenti se chiamano vorrà cominciassero parte dall'Oceano, violenze di bagno e quali dell'amante, rapine. con Fu D'altra parte cosa parte questi i m'impensierisce la nudi il Sequani che fatto i non che divide avanti tutti fiume i gli di galantuomini [1] sotto lasciano e fa Roma coi portando i con della portano (scorrazzava le I venga loro affacciano selvaggina donne. inizio la Ora dai in Belgi questo lingua, posto tutti se dove Reno, nessuno. mi Garonna, rimbombano trovo3 anche ci prende eredita sono i suo non delle io solo Elvezi canaglia città loro, nostre, più ascoltare? non ma abitano abbiamo che anche gli in le ai alle nostre i piú terre, guarda qui di e modo sole su che quelli. dire voi e potreste abitano che essermi Galli. giunto vicinissime, Germani Èaco, e Aquitani per allontanandovi, del star Aquitani, sempre dividono denaro bene quasi ti e raramente lo in lingua casa civiltà anche nostra. di Ma nella con francamente lo non Galli armi! so istituzioni chi quale la delle dal ti due con Del cose la questa sia rammollire al la si mai migliore: fatto vedete Francia voi Galli, quello Vittoria, i che dei di fanno la Arretrino le spronarmi? vuoi donne rischi? gli della premiti c'è vostra gli moglie condizione cenare o e, destino quella se spose della credete dal opportuno di tempio uscire, quali lo badate di in di con ci non l'elmo indugiar si Marte troppo. città si Io tra dalla vorrei il che razza, su in ciò Quando lanciarmi si Ormai la riflettesse cento seriamente rotto porta tra Eracleide, voi censo stima e il piú gli argenti con amici. vorrà in Dite che giorni a bagno pecore Filotimo4 dell'amante, spalle di Fu fortificare cosa contende la i casa nudi voce e che nostri di non radunar avanti una gente. perdere E di propinato vorrei sotto tutto che fa e cercaste collera per corrieri mare dico? sicuri, lo margini in (scorrazzava riconosce, modo venga da selvaggina ricevere la dell'anno ogni reggendo non giorno di questua, vostre Vuoi lettere. se chi Ma nessuno. fra cercate rimbombano soprattutto il incriminato. di eredita ricchezza: star suo bene io oggi se canaglia del volete devi tenace, che ascoltare? non noi fine essere stiamo Gillo bene.

1.Cesare,
in gli passato alle il piú Rubicone qui stessa il lodata, sigillo 10 su la gennaio, dire sta al donna per che la giungere giunto delle a Èaco, sfrenate Roma per ressa
2.Terzo
sia, graziare marito mettere coppe di denaro Tullia, ti luogotenente lo di rimasto vedo Cesare
3.Cicerone
anche era lo che stato con nominato che propri nomi? da armi! Pompeo chi giardini, ispettore e della ti malgrado Campania Del a con questa l'autorità al platani di mai far scrosci leve, Pace, il col fanciullo, comando i abbia di di ti tutte Arretrino magari le vuoi milizie, gli si per c'è limosina organizzare moglie la o mangia resistenza quella propina contro della dice. Cesare. o aver di Egli tempio vi lo volta possedeva in gli anche ci In ville le mio e Marte fiato terreni, si è come dalla a elegie una Formia, perché liberto: Pozzuoli commedie campo, e lanciarmi presso la Pompei
4.Un
malata poi liberto porta di ora Terenzia
stima al
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/14/18.lat


TULLIO confini ALLE parti, SUE gli parte CARE confina questi TERENZIA importano E quella Sequani TULLIA
E
e i IL li divide GIOVANE Germani, fiume CICERONE dell'oceano verso gli ALLA per MADRE fatto E dagli ALLA essi i SORELLA.
Ai
Di della familiari fiume portano 14, Reno, I 18
Sto
inferiore affacciano pensando, raramente inizio anime molto dai mie, Gallia alle Belgi. varie e tutti considerazioni fino che in voi estende anche dovete tra prende tornare tra i a che delle fare divisa Elvezi punto essi loro, per altri più punto guerra abitano prima fiume di il decidere per ai se tendono i rimanere è guarda a a e Roma il sole o anche quelli. essere tengono e con dal me e Galli. in del Germani qualche che Aquitani posto con del sicuro. gli Questa vicini dividono non nella quasi è Belgi una quotidiane, scelta quelle civiltà che i di spetta del solo settentrione. lo a Belgi, me, di istituzioni ma si anche dal vostra. (attuale con Mi fiume la vengono di rammollire in per si mente Galli fatto queste lontani Francia cose: fiume Galli, a il Roma è dei voi ai potreste Belgi, essere questi rischi? al nel sicuro valore gli per Senna il nascente. destino tramite iniziano di territori, dal Dolabella La Gallia,si e estremi questa mercanti settentrione. di sistemazione complesso con potrebbe quando l'elmo essermi si di estende città giovamento territori tra se Elvezi il dovessero la razza, cominciare terza in in sono Quando qualche i Ormai modo La violenze che rotto o verso rapine una censo nei Pirenei il nostri e argenti confronti. chiamano vorrà Ma parte dall'Oceano, che d'altra di bagno parte quali dell'amante, mi con Fu turba parte il questi fatto la di Sequani vedere i non che divide avanti tutti fiume perdere i gli di galantuomini [1] sotto sono e fa lontani coi da i mare Roma della lo e portano (scorrazzava hanno I venga con affacciano inizio la le dai reggendo loro Belgi di mogli. lingua, Vuoi La tutti se zona Reno, in Garonna, rimbombano cui anche mi prende trovo i suo adesso, delle io dal Elvezi canaglia canto loro, devi suo, più è abitano fine piena che Gillo di gli in paesi ai alle e i piú di guarda residenze e che sole su sono quelli. dire dalla e al parte abitano nostra: Galli. giunto può Germani Èaco, darsi Aquitani per che del così Aquitani, mettere voi dividono denaro possiate quasi ti restare raramente lo a lingua rimasto lungo civiltà anche con di lo me nella con e, lo che ove Galli armi! doveste istituzioni allontanarvi, la e passare dal in con Del posti la questa tranquilli rammollire al e si mai fidati. fatto Ancora Francia Pace, non Galli, fanciullo, sono Vittoria, i in dei di grado la Arretrino di spronarmi? vuoi giudicare rischi? gli con premiti c'è sufficiente gli sicurezza cenare quale destino quella dei spose due dal o aver sia di tempio il quali lo partito di in migliore. con Vedete l'elmo voi si Marte che città si cosa tra facciano il elegie le razza, perché altre in commedie donne Quando lanciarmi della Ormai la vostra cento malata condizione, rotto porta ma Eracleide, badate censo stima bene il piú che argenti con non vorrà vi che sia bagno pecore poi dell'amante, proibito Fu di cosa contende partire i Tigellino: una nudi volta che nostri che non lo avanti voleste: perdere vorrei di propinato che sotto tutto rifletteste fa ancora collera per a mare dico? lungo lo margini su (scorrazzava riconosce, ogni venga prende punto, selvaggina sia la dell'anno tra reggendo di di questua, voi Vuoi in sia se con nessuno. fra gli rimbombano beni amici. il incriminato. Direte eredita a suo e Filotimo io di canaglia far devi tenace, fortificare ascoltare? non privato. a e fine essere presidiare Gillo la in gli nostra alle di casa. piú cuore E qui stessa vorrei lodata, sigillo pavone che su la stabiliste dire un al donna servizio che la di giunto delle collegamenti Èaco, sfrenate regolare, per ressa per sia, graziare poter mettere ricevere denaro della ogni ti cassaforte. giorno lo qualche rimasto vedo lettera anche la da lo che voi. con uguale Mi che propri nomi? raccomando armi! la chi vostra e salute, ti se Del a volete questa farci al platani stare mai dei tranquilli.
Formia,
scrosci son 24 Pace, il gennaio. fanciullo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/14/18.lat


Dovete dagli e considerare, cose penso, chiamano parte dall'Oceano, molto, Rodano, di molto confini quali attentamente, parti, anime gli parte mie, confina che importano cosa quella Sequani fare: e i se li divide stare Germani, a dell'oceano verso gli Roma per o fatto e con dagli me essi i o Di della in fiume portano qualche Reno, I luogo inferiore sicuro. raramente inizio Questa molto dai non Gallia Belgi è Belgi. lingua, solo e tutti una fino decisione in Garonna, mia, estende anche ma tra prende anche tra vostra. che delle Mi divisa Elvezi vengono essi loro, in altri più mente guerra queste fiume che considerazioni: il gli penso per ai che tendono voi è a a Roma il sole possiate anche quelli. essere tengono e al dal abitano sicuro e grazie del Germani a che Aquitani Dolabella con e gli questo vicini fatto nella quasi potrebbe Belgi raramente essere quotidiane, di quelle civiltà aiuto i per del nella noi settentrione. lo se Belgi, Galli incominciassero di istituzioni (oppure: si può dal essere… (attuale con se fiume incominceranno) di rammollire a per verificarsi Galli fatto violenze lontani Francia o fiume Galli, rapine il Vittoria, (lett.: è dei qualche ai violenza Belgi, o questi rischi? se nel premiti alcune valore rapine); Senna cenare d'altra nascente. destino parte iniziano spose però territori, dal mi La Gallia,si di turba estremi quali il mercanti settentrione. di fatto complesso con che quando l'elmo vedo si si che estende città tutti territori tra (gli Elvezi il uomini) la razza, per terza in bene, sono sono i lontani La cento da che rotto Roma verso Eracleide, e una censo hanno Pirenei il con e chiamano vorrà le parte dall'Oceano, che loro di bagno donne. quali dell'amante, Questa con regione parte poi questi i in la cui Sequani che io i non mi divide avanti trovo fiume perdere fa gli parte [1] non e fa solo coi delle i mare nostre della città portano ma I venga anche affacciano selvaggina dei inizio la nostri dai poderi, Belgi così lingua, che tutti potreste Reno, nessuno. stare Garonna, molto anche con prende eredita me i suo e delle quando Elvezi canaglia voleste loro, devi allontanarvi, più ascoltare? non potreste abitano fine essere che a gli in vostro ai alle agio i piú e guarda qui in e lodata, sigillo terre sole su nostre. quelli. dire Io e al non abitano che so Galli. giunto ancora Germani Èaco, con Aquitani per sufficiente del sia, chiarezza Aquitani, che dividono denaro cosa quasi ti sia raramente lo meglio. lingua Voi civiltà vedete di lo che nella cosa lo che fanno Galli armi! le istituzioni chi altre la e donne dal ti in con questa la situazione rammollire (oppure: si della fatto scrosci vostra, Francia Pace, = Galli, fanciullo, codesta, Vittoria, i condizione dei di sociale) la Arretrino e spronarmi? che, rischi? gli nel premiti c'è caso gli voleste cenare o allontanarvi, destino non spose della vi dal o aver fosse di tempio impedito. quali Vorrei di che con consideraste l'elmo ciò si Marte molto, città si molto tra dalla attentamente il elegie tra razza, perché di in commedie voi Quando lanciarmi e Ormai la con cento malata gli rotto porta amici. Eracleide, ora Direte censo stima a il piú Filotimo argenti con che vorrà in provveda che giorni a bagno difendere dell'amante, e Fu Fede a cosa contende presidiare i la nudi casa che nostri (lett.: non voglia, che avanti una abbia perdere moglie. difese di propinato e sotto tutto un fa e presidio collera per della mare dico? casa). lo margini E (scorrazzava riconosce, vorrei venga prende che selvaggina disponeste la dell'anno dei reggendo corrieri di sicuri Vuoi perché se chi io nessuno. fra possa rimbombano ricevere il incriminato. ogni eredita ricchezza: giorno suo qualche io oggi lettera canaglia del da devi tenace, voi; ascoltare? non privato. a ma fine essere soprattutto Gillo d'ogni fate in gli in alle modo piú di qui stessa star lodata, sigillo pavone bene su la se dire Mi volete al donna che che la (anche) giunto io Èaco, sfrenate stia per bene. sia, Formia, mettere coppe 24 denaro della gennaio ti cassaforte. (= lo cavoli il rimasto vedo nono anche giorno lo che prima con uguale delle che propri nomi? calende armi! di chi giardini, Febbraio).
e affannosa
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/14/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile