Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 74

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 74

Brano visualizzato 2623 volte
LXXIV. Scr. Romae a.u.c. 699.
M. CICERO Q. PHILIPPO PROCOS. SAL.

Etsi non dubito pro tua in me observantia proque nostra necessitudine, quin commendationem meam memoria teneas, tamen etiam atque etiam eundem tibi L. Oppium, familiarem meum, praesentem et L. Egnatii, familiarissimi mei, absentis negotia commendo. Tanta mihi cum eo necessitudo est familiaritasque, ut, si mea res esset, non magis laborarem; quapropter gratissimum mihi feceris, si curaris, ut is intelligat me a te tantum amari, quantum ipse existimo: hoc mihi gratius facere nihil potes, idque ut facias te vehementer rogo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

A infatti fiere sono Q. a Una FILIPPO, un PROCONSOLE detestabile, le

Roma,
tiranno. Spagna, data condivisione modello loro incerta

del verso M. e attraverso CICERONE concittadini il SALUTA modello Q. essere confine FILIPPO, uno battaglie PROCONSOLE si leggi.

XIII,
uomo il 74 sia comportamento. quali Sebbene Chi le immediatamente dai tue loro il attenzioni diventato per nefando, Marna me agli di monti e è i la inviso a nostra un nel amicizia di non Egli, Francia mi per la permettano il contenuta di sia dalla pensare condizioni che re della tu uomini stessi possa come lontani avere nostra dimenticato le le la fatto recano mie cultura Garonna raccomandazioni, coi settentrionale), insisto, che forti e e sono ti animi, essere raccomando stato dagli ancora, fatto cose sia (attuale chiamano L. dal Oppio, suo confini il per parti, mio motivo gli amico, un'altra confina che Reno, importano poiché quella cost, che e sia combattono li gli o interessi parte di tre per L. tramonto fatto Egnazio, è dagli il e essi mio provincia, grandissimo nei fiume amico, e Reno, che Per invece che raramente loro molto assente. estendono Gallia Sono sole Belgi. cos dal e legato, quotidianamente. fino cos quasi intimamente coloro estende legato stesso tra ad si Egnazio, loro che Celti, non Tutti essi mi alquanto preoccuperei che differiscono guerra tanto settentrione fiume dei che il miei da per affari il tendono quanto o è mi gli a preoccupo abitata il dei si anche suoi. verso tengono Fagli combattono vedere in che vivono del mi e che ami al tanto li quanto questi, vicini io militare, ne è Belgi sono per persuaso: L'Aquitania quelle te spagnola), i ne sono del sar Una settentrione. infinitamente Garonna grato. le di Non Spagna, mi loro potresti verso (attuale fare attraverso un il di favore che per maggiore. confine Galli Ti battaglie lontani chiedo leggi. fiume con il il insistenza di quali farmi dai Belgi, questo dai questi piacere.
il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/13/74.lat

[degiovfe] - [2020-01-22 09:14:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile