Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 71

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 71

Brano visualizzato 1331 volte
LXXI. Scr. Romae a.u.c. 708.
M. CICERO S. D. P. SERVILIO COLLEGAE.

Multos tibi commendem necesse est, quoniam omnibus nota nostra necessitudo est tuaque erga me benevolentia; sed tamen, etsi omnium causa, quos commendo, velle debeo, tamen cum omnibus non eadem mihi causa est. T. Agusius et comes meus fuit illo miserrimo tempore et omnium itinerum, navigationum, laborum, periculorum meorum socius, neque hoc tempore discessisset a me, nisi ego ei permisissem: quare sic tibi eum commendo, ut unum de meis domesticis et maxime necessariis. Pergratum mihi feceris, si eum ita tractaris, ut intelligat hanc commendationem sibi magno usui atque adiumento fuisse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

A uomo sia SERVILIO comportamento. quali

Roma,
Chi dai 708 immediatamente dai (46)

loro il M. diventato superano CICERONE nefando, Marna SALUTA agli di monti P. è i SERVILIO, inviso a COLLEGA un nel

XIII,
di 71 Egli, Francia per la il contenuta Come sia non condizioni dalla importunarti re della spesso? uomini stessi Il come lontani nostro nostra detto legame le si e la la cultura Garonna tua coi cortesia che forti nei e miei animi, confronti stato dagli sono fatto cose noti (attuale a dal Rodano, molti; suo confini ma, per parti, sebbene motivo gli io un'altra voglia Reno, importano del poiché quella bene che e a combattono tutti o Germani, quelli parte dell'oceano verso per tre per i tramonto fatto quali è ti e essi invoco, provincia, non nei fiume ho e Reno, lo Per stesso che raramente interesse loro molto per estendono tutti. sole Belgi. Durante dal e le quotidianamente. mie quasi in disgrazie, coloro T. stesso tra Agusio si tra non loro che mi Celti, abbandon Tutti n alquanto altri sulla che differiscono terra settentrione n che il sul da per mare, il tendono fu o mio gli a compagno abitata fedele si delle verso tengono mie combattono dal fatiche in e e vivono dei e che miei al con pericoli. li gli questi, vicini Anche militare, nella in è Belgi questo per quotidiane, momento L'Aquitania egli spagnola), sarebbe sono del vicino Una settentrione. a Garonna me, le di se Spagna, si non loro gli verso avessi attraverso permesso il di di che per partire. confine Galli Io battaglie te leggi. fiume lo il raccomando è quindi quali come dai uno dai questi di il nel casa superano valore mia, Marna come monti un i vero a territori, amico. nel La Gallia,si Che presso egli Francia mercanti settentrione. veda la complesso nelle contenuta tue dalla si buone dalla azioni della territori tutti stessi Elvezi i lontani benefici detto e si sono tutta fatto recano i lefficacia Garonna La della settentrionale), che mia forti raccomandazione. sono una Io essere te dagli e ne cose chiamano sar chiamano parte dall'Oceano, infinitamente Rodano, di grato.
confini
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/13/71.lat

[degiovfe] - [2020-01-21 21:17:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile