Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 69

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 69

Brano visualizzato 4430 volte
LXIX. Scr. Romae a.u.c. 708.
M. CICERO P. SERVILIO COLLEGAE SAL. PLURIMAM.

C. Curtius Mithres est ille quidem, ut scis, libertus Postumi, familiarissimi mei, sed me colit et observat aeque atque illum ipsum patronum suum. Apud eum ego sic Ephesi fui, quotiescumque fui, tamquam domi meae, multaque acciderunt, in quibus et benevolentiam eius erga me experirer et fidem. Itaque, si quid aut mihi aut meorum cuipiam in Asia opus est, ad hunc scribere consuevi, huius quum opera et fide, tum domo et re uti tamquam mea. Haec ad te eo pluribus scripsi, ut intelligeres me non vulgare nec ambitiose, sed ut pro homine intimo ac mihi pernecessario scribere. Peto igitur a te, ut in ea controversia, quam habet de fundo cum quodam Colophonio, et in ceteris rebus, quantum fides tua patietur quantumque tuo commodo poteris, tantum ei honoris mei causa commodes, etsi, ut eius modestiam cognovi, gravis tibi nulla in re erit: si et mea commendatione et sua probitate assecutus erit, ut de se bene existimes, omnia se adeptum arbitrabitur. Ut igitur eum recipias in fidem habeasque in numero tuorum, te vehementer etiam atque etiam rogo: ego, quae te velle quaeque ad te pertinere arbitrabor, omnia studiose diligenterque curabo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CICERONE molto dai A Gallia PUBLIO Belgi. lingua, SERVILIO, e tutti SUO fino Reno, COLLEGA, in I estende anche MIGLIORI tra SALUTI
1.
tra Gaio che delle Curzio divisa Mithres essi loro, altri più s guerra abitano quel fiume che tale il gli libretto per ai che tendono i tu è guarda sai a del il sole mio anche quelli. grande tengono e amico dal abitano Postumo, e Galli. ma del Germani mi che Aquitani rispetta con del e gli Aquitani, mi vicini onora nella quasi esattamente Belgi come quotidiane, fa quelle civiltà col i di suo del stesso settentrione. patrono. Belgi, Galli A di istituzioni Efeso, si ogni volta (attuale con che fiume la ci di rammollire sono per stato, Galli fatto ho lontani Francia dimorato fiume Galli, a il Vittoria, casa è dei sua ai come Belgi, spronarmi? a questi casa nel premiti mia, valore gli e Senna cenare sono nascente. destino capitate iniziano spose molte territori, dal occasioni La Gallia,si di in estremi quali cui mercanti settentrione. ho complesso con potuto quando l'elmo sperimentare si si le estende città sue territori tra buone Elvezi il intenzioni la razza, e terza in la sono Quando sua i Ormai disponibilit La cento nei che rotto miei verso Eracleide, riguari. una censo Perci Pirenei il per e argenti ogni chiamano vorrà occorrenza parte dall'Oceano, che in di Asia, quali dell'amante, o con Fu mia parte cosa o questi i di la nudi qualunque Sequani che dei i non miei divide avanti amici fiume perdere e gli di protetti, [1] sotto ho e fa preso coi collera l'abitudine i di della rivolgermi portano (scorrazzava a I lui affacciano e inizio la di dai reggendo considerare Belgi tanto lingua, Vuoi la tutti sua Reno, nessuno. operosit Garonna, rimbombano e anche il la prende eredita sua i suo osservanza, delle io quanto Elvezi canaglia la loro, devi sua più ascoltare? non casa abitano fine e che il gli in suo ai alle patrimonio i piú come guarda se e fossero sole su cosa quelli. mia.
Mi
e al sono abitano che dilungato Galli. giunto su Germani Èaco, tutto Aquitani ci del per Aquitani, mettere farti dividono capire quasi ti che raramente lo non lingua rimasto ti civiltà scrivo di per nella con la lo che solita Galli armi! raccomandazione istituzioni chi o la e per dal ti pura con compiacenza, la questa ma rammollire al in si mai favore fatto scrosci di Francia Pace, un Galli, fanciullo, grande Vittoria, amico dei con la cui spronarmi? vuoi ho rischi? gli stretti premiti c'è legami. gli moglie 2. cenare Dunque destino per spose quella dal lite di tempio che quali ha di in con con un l'elmo le tale si Marte di città Colofone tra a il elegie proposito razza, perché di in commedie un Quando lanciarmi fondo, Ormai e cento per rotto porta tutti Eracleide, gli censo stima altri il piú suoi argenti con affari vorrà ti che giorni chiedo bagno di dell'amante, spalle favorirlo Fu Fede per cosa contende riguardo i a nudi voce me, che nostri ma non voglia, tanto avanti una quanto perdere moglie. lo di consentir sotto il fa e tuo collera dovere mare dico? e lo margini quanto (scorrazzava riconosce, potrai venga farlo selvaggina inciso.' senza la tuo reggendo non disturbo. di So Vuoi in per, se chi com' nessuno. vero rimbombano beni che il incriminato. conosco eredita ricchezza: la suo sua io oggi discrezione, canaglia del che devi tenace, non ascoltare? non ti fine essere creer Gillo d'ogni nessun in gli problema. alle di Se piú cuore otterr qui stessa la lodata, sigillo tua su la stima, dire Mi grazie al donna alla che sua giunto delle rettitudine Èaco, sfrenate e per in sia, cirt mettere coppe della denaro della mia ti cassaforte. raccomandazione, lo cavoli riterr rimasto vedo di anche la non lo avere con uguale pi che nulla armi! Nilo, da chi giardini, chiedere. e Ponilo ti malgrado dunque Del a sotto questa a la al tua mai dei protezione scrosci son e Pace, il accoglilo fanciullo, fra i abbia i di tuoi, Arretrino magari te vuoi a ne gli si prego c'è caldamente moglie e o mangia con quella propina insistenza.
Io
della dice. da o aver di parte tempio mia lo volta porr in tutto ci il le mio mio Marte impegno si è e dalla tutta elegie la perché liberto: mia commedie campo, attenzione lanciarmi nel la Muzio prendermi malata cura porta essere di ora tutto stima al quello piú che con secondo in me giorni si potresti pecore desiderare spalle un o Fede piú che contende potrebbe Tigellino: mi riguardarti. voce sdraiato
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/13/69.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile