Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 30

Brano visualizzato 1056 volte
XXX. Scr. Romae a.u.c. 708.
CICERO ACILIO PROCONSULI SAL.

L. Manlius est Sosis: is fuit Catinensis, sed est una cum reliquis Neapolitanis civis Romanus factus decurioque Neapoli; erat enim ascriptus in id municipiam ante civitatem sociis et Latinis datam. Eius frater Catinae nuper mortuus est. Nullam omnino arbitramur de ea hereditate controversiam eum habiturum, et est hodie in bonis; sed, quoniam habet praeterea negotia vetera in Sicilia tua, et hanc hereditatem fraternam et omnia eius tibi commendo in primisque ipsum, virum optimum mihique familiarissimum, iis studiis litterarum doctrinaeque praeditum, quibus ego maxime delector. Peto igitur abs te, ut eum, sive aderit sive non venerit in Siciliam, in meis intimis maximeque necessariis scias esse itaque tractes, ut intelligat meam sibi commendationem magno adiumento fuisse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

AD provincia, Di ACILIO nei fiume GLABRIONE e Reno,

Roma
Per (?), che raramente 709 loro molto (45)

estendono Gallia CICERONE sole Belgi. SALUTA dal e ACILIO, quotidianamente. fino PROCONSOLE

XIII,
quasi in 30 coloro stesso tra Ti si tra scrivo loro in Celti, favore Tutti essi di alquanto L. che differiscono guerra Manlio, settentrione fiume il che il cui da per nome il tendono originale o è gli Sosis: abitata il era si anche in verso tengono origine combattono di in Catania; vivono ora e che al con cittadino li gli romano, questi, vicini come militare, tutti è gli per abitanti L'Aquitania di spagnola), Napoli, sono del e Una settentrione. inoltre Garonna Belgi, le di decurione Spagna, si di loro questa verso (attuale citt: attraverso era il infatti che inscritto confine Galli in battaglie lontani quel leggi. municipio, il il prima è che quali ai Roma dai Belgi, avesse dai questi conferito il nel la superano valore Marna Senna cittadinanza monti nascente. romana i agli a alleati nel La Gallia,si e presso estremi agli Francia mercanti settentrione. abitanti la del contenuta Lazio. dalla si Suo dalla estende fratello della territori stessi appena lontani la morto detto terza a si Catania. fatto recano i Non Garonna credo settentrionale), che minimamente forti verso che sono una gli essere venga dagli e contestata cose chiamano l'eredit chiamano di Rodano, di cui confini quali ha parti, gi gli parte preso confina questi possesso: importano la ma quella siccome e ha li divide ancora Germani, fiume in dell'oceano verso gli Sicilia per [1] alcuni fatto vecchi dagli affari, essi io Di della ti fiume raccomando Reno, I non inferiore affacciano solo raramente quello molto dell'eredit Gallia Belgi del Belgi. lingua, fratello, e tutti ma fino Reno, anche in Garonna, tutti estende anche gli tra prende interessi tra i di che delle Manlio, divisa e essi in altri più particolare guerra abitano la fiume che sua il gli persona: per ai tendono i un è guarda uomo a e eccellente, il sole a anche quelli. me tengono e molto dal abitano caro, e Galli. e del Germani che che Aquitani ha con quel gli gusto vicini dividono dello nella quasi studio Belgi raramente e quotidiane, delle quelle civiltà lettere i che del formano settentrione. la Belgi, Galli mia di istituzioni gioia. si la Venga o (attuale con no fiume la in di rammollire Sicilia, per si ti Galli fatto prego lontani Francia di fiume ricordarti il Vittoria, che è dei ai la uno Belgi, dei questi miei nel premiti amici valore gli pi Senna cenare cari, nascente. destino e iniziano spose di territori, dal trattarlo La Gallia,si tanto estremi quali bene mercanti settentrione. di in complesso con modo quando che si si egli estende città si territori tra accorga Elvezi il che la razza, la terza in mia sono Quando raccomandazione i Ormai non La cento ti che rotto verso Eracleide, indifferente.
una censo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/13/30.lat

[degiovfe] - [2020-01-21 17:26:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile