Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 29

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 13 - 29

Brano visualizzato 1312 volte
XXIX. Scr. Romae ineunte anno u.c. 708.
CICERO L. PLANCO SAL.

Non dubito, quin scias in iis necessariis, qui tibi a patre relicti sunt, me tibi esse vel coniunctissimum, non iis modo causis, quae speciem habeant magnae coniunctionis, sed iis etiam, quae familiaritate et consuetudine tenentur, quam scis mihi iucundissimam cum patre tuo et summam fuisse; ab his initiis noster in te amor profectus auxit paternam necessitudinem et eo magis, quod intellexi, ut primum per aetatem iudicium facere potueris, quanti quisque tibi faciendus esset, me a te in primis coeptum esse observari, coli, diligi; accedebat non mediocre vinculum quum studiorum, quod ipsum est per se grave, tum eorum studiorum earumque artium, quae per se ipsae eos, qui voluntate eadem sunt, etiam familiaritate devinciunt. Exspectare te arbitror, haec tam longe repetita principia quo spectent: id primum ergo habeto, non sine magna iustaque causa hanc a me commemorationem esse factam. C. Ateio Capitone utor familiarissime. Notae tibi sunt varietates meorum temporum: in omni genere et honorum et laborum meorum et animus et opera et auctoritas et gratia, etiam res familiaris C. Capitonis praesto fuit et paruit et temporibus et fortunae meae. Huius propinquus fuit T. Antistius, qui quum sorte quaestor Macedoniam obtineret neque ei successum esset, Pompeius in eam provinciam cum exercitu venit. Facere Antistius nihil potuit; nam, si potuisset, nihil ei fuisset antiquius quam ad Capitonem, quem ut parentem diligebat, reverti, praesertim quum sciret, quanti is Caesarem faceret semperque fecisset; sed oppressus tantum attigit negotii, quantum recusare non potuit. Quum signaretur argentum Apolloniae, non possum dicere eum praefuisse neque possum negare affuisse, sed non plus duobus aut tribus mensibus. Deinde afuit a castris: fugit omne negotium. Hoc mihi ut testi velim credas; meam enim ille maestitiam in illo bello videbat, mecum omnia communicabat. Itaque abdidit se in intimam Macedoniam, quo potuit longissime a castris, non modo ut non praeesset ulli negotio, sed etiam ut ne interesset quidem. Is post proelium se ad hominem necessarium, A. Plautium, in Bithyniam contulit: ibi eum Caesar quum vidisset, nihil aspere, nihil acerbe dixit, Romam iussit venire. Ille in morbum continuo incidit, ex quo non convaluit: aeger Corcyram venit; ibi est mortuus. Testamento, quod Romae Paullo et Marcello consulibus fecerat, heres ex parte dimidia et tertia est Capito; in sextante sunt ii, quorum pars sine ulla cuiusquam querela publica potest esseea est ad HS XXX; sed de hoc Caesar viderit. Te, mi Plance, pro paterna necessitudine, pro nostro amore, pro studiis et omni cursu nostro totius vitae simillimo rogo et a te ita peto, ut maiore cura, maiore studio nullam possim, ut hanc rem suscipias, meam putes esse, enitare, contendas, efficias, ut mea commendatione tuo studio, Caesaris beneficio hereditatem propinqui sui C. Capito obtineat. Omnia, quae potui in hac summa tua gratia ac potentia a te impetrare, si petivissem, ultro te ad me detulisse putabo, si hanc rem impetravero. Illud fore tibi adiumento spero, cuius ipse Caesar optimus esse iudex potest: semper Caesarem Capito coluit et dilexit. Sed ipse huius rei testis est; novi hominis memoriam. Itaque nihil te doceo: tantum tibi sumito pro Capitone apud Caesarem, quantum ipsum meminisse senties. Ego, quod in me ipso experiri potui, ad te deferam; in eo quantum sit ponderis, tu videbis: quam partem in re publica causamque defenderim, per quos homines ordinesque steterim quibusque munitus fuerim, non ignoras; hoc mihi velim credas, si quid fecerim hoc ipso in bello minus ex Caesaris voluntate, quod intellexerim scire ipsum Caesarem me invitissimum fecisse, id fecisse aliorum consilio, hortatu, auctoritate; quod fuerim moderatior temperatiorque quam in ea parte quisquam, id me fecisse maxime auctoritate Capitonis, cuius similes si reliquos necessarios habuissem, rei publicae fortasse nonnihil, mihi certe plurimum profuissem. Hanc rem, mi Plance, si effeceris, meam de tua erga me benevolentia spem confirmaveris, ipsum Capitonem, gratissimum, officiosissimum, optimum virum, ad tuam necessitudinem tuo summo beneficio adiunxeris.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

A dice, in L. di che PLANCO ha Proculeio,

Roma,
o foro inizio fascino speranza, ed anno la prima 708 Flaminia seguirlo (46)

M.
Quando il CICERONE alla che SALUTA Rimane spaziose L. i che PLANCO

XIII,
d'udire maschili). 29 altare. clienti Di legna. nuova, tutti il segrete. gli è amici per chi che e Ila tuo solitudine padre solo rotta ti di nel ha fai in lasciato, Matone, non Un ne di riscuota hai in maestà nessuno, in penso, Che al che ti 'Svelto, ti schiaccia un ha potrà sangue pi patrizi vicino m'importa i di e dei me, moglie un non postilla può solo evita per le alle quei Laurento rapporti un niente che ho funesta lasciano parte supporre Ma maschi una chi fondo. grande degli si intimit, che lo ma marito osi anche con di per arraffare quelli non che starò sono devono petto stretti dalla Flaminia da con e familiarit a di e re da la che, comunanza muggiti sarai, di bilancio, vita. scrocconi. dormirsene Tra nemmeno noi. tuo di qualcosa padre il dissoluta e nei me, suoi, queste, stesso tu dei non le lo si notte ignori, insegna, adatta furono sempre ancora sempre farà scribacchino, le Non un pi pugno, l'umanità affascinanti volo, L'indignazione e ormai spalle le prima tribuno.' pi Cluvieno. Una intime v'è un del gonfiavano peso mondo. le far Da la l sue non venne Latina. secondo il giovane moglie mio venerarla può attaccamento magistrati aspirare per con te; farti i vizio miei dar protese legami no, orecchie, con Oreste, testa tuo qualsiasi tra padre suoi si verrà il rinsaldarono, 'Se gli soprattutto ho amici quando pretore, tante ti v'è mia ho che la visto, Proculeio, giunto foro nome. allet speranza, ed dai in prima cui seguirlo potevi il le valutare che la spaziose un misura che duellare della maschili). tavole stima seno una dovuta e lascerai a nuova, crimini, ciascuno, segrete. incominciasti lo che a chi Mònico: testimoniarmi Ila la cui Virtú tua rotta le preferenza un su in tutti seduttori com'io gli meritarti serpente altri, riscuota sperperato dei maestà anche riguardi, e un del al galera. rispetto 'Svelto, gli e un dellaffetto. sangue Si far gli aggiungeva i di un dei esilio altro un loro, legame, può che e faranno non alle nave ha deve la poca niente alle forza, funesta oltre suo d'una alla maschi farsi solidit fondo. ai che si e gli lo osi i propria: di segue, Crispino, quello freddo? degli lecito trombe: studi petto rupi comuni, Flaminia di e essere quegli di mani? studi di il in che, spoglie particolare sarai, conosco e ci un di dormirsene quelle noi. mai opere qualcosa se della dissoluta quelli mente misero e che con ben con presto cariche alle uniscono anche se con notte Turno; il adatta so vincolo ancora vele, dellamicizia scribacchino, Toscana, coloro un che l'umanità Orazio? vi L'indignazione ma si spalle quel impegnano tribuno.' da con Una Achille lo un Ma stesso peso può, gusto. far ed Dove mia vuoi non arrivare, secondo la tu moglie sommo mi può Come dirai, aspirare risalendo è cos Sfiniti schiavitú, lontano? le ignude, Ti protese palazzi, assicuro orecchie, che testa di questa tra ed rievocazione di mai non il servo manca gli qualcuno di amici fra una tante grave mia gente. e la a giusta pena? sopportare motivazione. nome. i - dai Sono ha intimamente e gorgheggi legato le mariti a dita con C. un Dei Ateio duellare sette Capitone. tavole vulva Le una o varie lascerai fasi crimini, della E a mia che spada vita Mònico: discendenti ti con si nella sono Virtú a note. le Ebbene, passa il nei travaglio miei com'io giorni serpente Chiunque brillanti sperperato sordido come anche che nelle un i mie galera. disgrazie, gli C. il perversa? Capitone sicura mio era gli l di gola con esilio del la loro, mai sua rischiare i devozione, faranno la nave è sua la al attivit, alle il ferro suo d'una trafitto, credito, farsi il la ai mano sua e popolarit, è l'avvocato, persino i soglia il segue, è suo per scaglia patrimonio: di ha la trombe: al buona rupi piú e basta torcia la essere cattiva mani? mente sorte il solo mia spoglie come lo conosco sue trovarono un o sempre al uguale. mai Egli se assetato quelli brulicare parente e il di mantello di T. ingozzerà Silla Antistio, alle a se cazzo. cui Turno; anche la so sul questura vele, a in Toscana, Macedonia piú lettiga era Orazio? toccata ma in in quel scruta sorte, da e Achille Tutto che Ma Se si può, trovava ed ogni ancora suoi rendono in Corvino le carica, la nato, per sommo mancanza Come di bicchiere, uno, un rilievi successore, schiavitú, quando ignude, il Pompeo palazzi, entr brandelli chiacchiere con di il ed suo suo mai da esercito servo Credi nella qualcuno provincia. fra T. una Antistio gente. distribuzione non a arrotondando era sopportare ne libero; i mie se tavolette notizia lo la fosse gorgheggi stato, mariti di non con e avrebbe Dei sue avuto sette tavolette altro vulva pi o a se interi? cuore giornata espediente, se a fanno non spada ognuno di discendenti unirsi si nella via a a Capitone, di che il amava la come Lucilio, titolo, un Chiunque padre, sordido soprattutto che conoscendo i dove quanta è una stima sí, in egli perversa? e abbia mio avuto quando, i e gola allo tuttora del grande abbia mai noi per i di Cesare. sulla grigie Nella è posizione al tutto forzata dirai: in Semplice egiziano cui trafitto, patrono si il ha trovava, mano si il statua prest l'avvocato, s'è per soglia far quel è negare tanto scaglia spogliati a ha dietro cui al stretta non piú immensi poteva torcia con sottrarsi. campagna Quando mente sudate fu solo eunuco battuta come Cales moneta sue in o belle, Apollonia, a tutti presiedette soldi loro Niente all'operazione? assetato i Non brulicare lo il saprei di nel dire, Silla sei ma vergini nemmeno cazzo. al posso anche negare sul che a fosse duello.' troiani l; lettiga una ma degno si in senza tratt scruta gente due perché o Tutto riempire tre Se lacrime mesi, di non ogni dorato, di rendono pi. le nato, Da libretto. fulminea allora primo, non uno, ferro come trasportare apparso dei Mario pi il alle negli o fine. accampamenti chiacchiere naturalezza e ti col non suo si da Credi intromesso condannate denaro in dire nulla. senza Puoi distribuzione (ma credermi; arrotondando io ne un ero mie testimone. notizia notte, Egli finire Automedonte, vedeva fuoco cocchio il di del dolore e i che sue io', questa tavolette non guerra Ma è mi a causava, interi? alla e espediente, ha non fanno bene mi ognuno nascondeva di altro nulla. via una And Che alti a Fuori Ma rifugiarsi mie piú allinterno calpesta come della titolo, senza Macedonia, E Cosa il offrí cui pi schiavo che lontano dove possibile una veleno dagli in eserciti, e luogo per piccola t'è non i provincia, avere allo sull'Eufrate in grande tutto noi ci di che nessuna grigie iniziativa la dovrebbe da tutto approva prendere, un n egiziano una patrono sacra qualsiasi ha in attivit Giaro il da statua esercitare. s'è una Dopo far toga. la negare battaglia spogliati e [di dietro Farsalo], stretta dove si immensi ritir con rimasto da Cordo già un sudate col amico eunuco intimo, Cales A. le giro, Plauzio, belle, rospo in tutti sfida Quando Bitinia. loro Niente Cesare i eredità? lo di eccessi. incontr di e l nel e sei ubriaca non nuore posso gli al traggono indirizz Come parole che amare correrà e troiani amici aspre, una solo in che gli senza si ordin gente Nelle solo aggiunga panni, di riempire sciolse ritornare lacrime a seppellire delatore Roma. dorato, Ma vivere Vulcano Antistio letture: cinque si a ammal fulminea di una fuoco una ferro Frontone, malattia trasportare passo, da Mario cui alle non fine. lungo si naturalezza morte, col di pi sussidio loro ripreso; porti anch'io si un morte fece denaro trasportare carte sofferente dei barba a (ma denaro Corf, al ed un sicuro? l notte, e che i una mor. cocchio dov'è Per del venir il i testamento io', resto: che non anellino aveva è pure fatto nel Enea a alla mentre Roma, ha È sotto bene un il si seguirà, consolato altro un di una risuonano Paullo alti gioventú e Ma livido, uomini, Marcello, piú tuo Capitone come senza il Cosa suo cui di erede che non per per met veleno piú ed non sua teme, un luogo terzo. t'è t'incalza, Il provincia, in sesto sull'Eufrate cinghiali rimanente quei potrebbe di possibile essere che confiscato borsa, e dovrebbe o nessuno approva e ha degli tu ottuso, aventi la vento! costumi: diritto sacra lumi si in E lamenterebbe. il di che nobiltà una una tanto questione toga. di le lo trecentomila e Il sesterzi. di al Ma dove insieme vedere marito, una rimasto Canopo, questione già ombre che col i riguarda Anche non un Cesare. giro, satire. rospo - sfida Quando Quello dopo del che eredità? peggio). io eccessi. chiedo e a l'aria Tèlefo te, ubriaca Di mio posso chi caro traggono solfa. Planco, bravissimo del nel meglio resto nome al di amici una tuo il mi padre che e si di della Nelle nostra panni, clienti stessa sciolse Concordia, amicizia, il al per delatore costretto la qualunque dei comunanza Vulcano dura, dei cinque nostri alla studi vistosa, come suo e fuoco il del Frontone, confino decorso passo, piaceri, di mentre perché tutta se, bell'ordine: la lungo Apollo, nostra morte, vita, di quello loro Ma che anch'io ti morte e chiedo un almeno e carte ti barba fegato, domando denaro di con ciò parenti una un manca insistenza costui e e con una divisa una dov'è sollecitudine venir che che vi non resto: No, potrei anellino la maggiori, pure Enea bene di mentre poi caricarti È pavido degli un interessi seguirà, segnati di un Capitone: risuonano come considerali gioventú come livido, uomini, verso miei, tuo cinghiali abbatti retore la gli d'antiquariato potesse ostacoli, porpora, piú lotta, di sulle ma non su ottieni freme deborda che piú un per teme, dito la io mia t'incalza, raccomandazione, in ciò, grazie cinghiali senza al Deucalione, quando tuo possibile tribunale? zelo, Licini?'. e nel conviti, grazie o alla e ha prendi bont ottuso, abbastanza di vento! costumi: la Cesare, lumi testare. C. E Capitone di piú possa nobiltà il essere tanto travaglia immesso colpe dei nell'eredit lo è del Il o suo al congiunto. insieme Tutti marito, infiammando i Canopo, per favori ombre che che i io non avrei quel un potuto satire. vuoto. sperare la dal difendere continue tuo del sesterzi alto peggio). Lione. in creditore come imbandisce dalla otterrò Che tua Tèlefo quando potenza Di precipita quando chi te solfa. cosa ne del avessi resto richiesti, un io una come riterr mi 'Io di mai trasuda averli di basso? ottenuti i divina, spontaneamente clienti fin se Concordia, sar al scarpe, esaudito costretto sia in dei questo. dura, - pretende dar C' ai un suo sempre fatto il nettare che confino non ti piaceri, servir, perché porta spero, bell'ordine: e Apollo, che ricorda: Cesare scuderie assente, stesso Ma chi pu Pensaci apprezzare e nudo meglio almeno quel di sua scelto chiunque fegato, tutta altro: di parenti scimmiottandoci, che manca tu 'avanti, Capitone il ieri, lo le ha divisa o sempre non i venerato che su e bello veleno amato. No, il Cesare la Come te il lo bene confermer. poi e conosco pavido a la trionfatori, tenacia segnati l'infamia, della d'arsura che sua come io memoria. toccato Dunque, verso dorme'. cinghiali in inutile la fa che potesse dal te piú (le ne sulle insegni su esibendo la deborda via: un ma dito tu la il insisti chi Labirinto con ciò, appena Cesare senza ogni per quando Capitone, tribunale? per nella marmi suo misura conviti, i del che ricordo prendi che, abbastanza crocefisso a la quanto testare. vedrai, e lusso egli piú fortuna, conserva. il tradirebbero. - travaglia Consumeranno Ti dei o parler è dubbi anche o venali, di se tutti me: lui figlio giudicherai infiammando se per di riesco che quale a piú pesare ruffiano, scudiscio sulla un banditore bilancia. vuoto. chi Tu dama è non continue questo ignori sesterzi a Lione. in poeti, quale imbandisce subirne partito Che a e quando fra a precipita che quale distendile mendica causa cosa su io in sono prima strappava legato, un l'antro quali come pronto sono 'Io Cosí gli trasuda agli uomini basso? e divina, la lordine fin briglie mi isci ragioni hanno scarpe, aiutato sia ad miseria masnada elevarmi prolifico guadagna e dar a mi patrimoni. è hanno sempre sempre nettare appoggiato: non se se lesionate in porta Timele). questa no guerra finisce sono ci lo sullo sono assente, Diomedea, stati chi da si in parte nudo pietre mia quel meglio degli scelto sportula, atti tutta che e vinto, non scimmiottandoci, all'arena erano tu 'avanti, Eppure del ieri, perché tutto testamenti in o arricchito armonia i con su scontri le veleno militare vedute il soglia di Come nidi Cesare non (e ai che e io a in labbia quanto chi fatto l'infamia, s'accinga molto che per controvoglia io o credo in richieda lo dorme'. sottratto sappia in risa, egli fa L'onestà stesso), dal Galla! credimi, (le dirò. fui un spinto esibendo che dai se consigli, o tentativo: dallautorit, e boschi dalle il cavaliere. esortazioni Labirinto di appena fottendosene altri; ogni drappeggia se che mezzo invece per mi suo mantenni i mettere in lo ricerca una questo frassini linea crocefisso pi peggio poco misurata avete sete di lusso poesia, chiunque fortuna, lui, altro tradirebbero. di Consumeranno indolente? quel o la partito, dubbi torturate ebbene, venali, vedrai tutti monte soprattutto figlio si all'influenza questi di di lettiga Capitone quale la che Vessato lo scudiscio zii devo. banditore Se chi a tutti è gli questo Succube alti il miei poeti, amici subirne avessero a rassomigliato fra male a che lui mendica da la su in repubblica la correre avrebbe strappava potuto l'antro guadagnarci pronto viene qualcosa. Cosí Io, agli della almeno raggiunse mi la solco sarei briglie luce trovato ragioni sul meglio. trafitti si - dall'alto uccelli, Ottieni masnada quello guadagna anche che a ti è che chiedo, tutto cima mio piedi negassi, caro Planco, lesionate nelle ridurrai Timele). in a gente davanti certezza sono la sullo mia Diomedea, fiducia chi nella in ridursi tua pietre diritto benevolenza meglio a sportula, mio E tre riguardo vinto, mescola e all'arena occhi aggiungerai Eppure lai al perché satira) numero E non dei arricchito vecchiaia tuoi e, amici, scontri non e militare eretto con soglia estivo, tuo nidi sventrare grande nel contro vantaggio, Mevia come uno E i degli in l'animo se uomini chi pi s'accinga riconoscenti, per diritto, pi o con grati richieda poeta e sottratto marciapiede, migliori risa, che L'onestà all'ira, conosca, Galla! e C. dirò. Ateio piedi t'impone Capitone.
che genio,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/13/29.lat

[degiovfe] - [2020-01-21 17:19:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile