Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 12 - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 12 - 30

Brano visualizzato 1788 volte
XXX. Scr. Romae exeunte mense Maio a.u.c. 711.
CICERO CORNIFICIO SAL.

Itane? praeter litigatores nemo ad te meas litteras? Multae istae quidem; tu enim perfecisti, ut nemo sine litteris meis tibi se commendatum putaret; sed quis umquam tuorum mihi dixit esse, cui darem, quin dederim? aut quid mihi iucundius quam, quum coram tecum loqui non possim, aut scribere ad te aut tuas legere litteras? illud magis mihi solet esse molestum, tantis me impediri occupationibus, ut ad te scribendi meo arbitratu facultas nulla detur; non enim te epistulis, sed voluminibus lacesserem, quibus quidem me a te provocari oportebat; quamvis enim occupatus sis, otii tamen plus habes; aut, si ne tu quidem vacas, noli impudens esse nec mihi molestiam exhibere et a me litteras crebiores, quum tu mihi raro mittas, flagitare. Nam, quum antea distinebar maximis occupationibus, propterea quod omnibus curis rem publicam mihi tuendam putabam, tum hoc tempore multo distineor vehementius; ut enim gravius aegrotant ii, qui, quum levati morbo viderentur, in eum de integro inciderunt, sic vehementius nos laboramus, qui profligato bello ac paene sublato renovatum bellum gerere cogamur. Sed haec hactenus. Tu tibi, mi Cornifici, fac ut persuadeas non esse me tam imbecillo animo, ne dicam inhumano, ut a te vinci possim aut officiis aut amore. Non dubitabam equidem, verumtamen multo mihi notiorem amorem tuum effecit Chaerippus. O hominem semper illum quidem mihi aptum, nunc vero etiam suavem! vultus mehercule tuos mihi expressit omnes, non solum animum ac verba pertulit; itaque noli vereri, ne tibi suscensuerim, quod eodem exemplo ad me, quo ad ceteros: requisivi equidem proprias ad me unum litteras, sed neque vehementer et amanter. De sumptu, quem te in rem militarem facere et fecisse dicis, nihil sane possum tibi opitulari, propterea quod et orbus est senatus consulibus amissis et incredibiles angustiae pecuniae publicae, quae conquiritur undique, ut optime meritis militibus promissa solvantur, quod quidem fieri sine tributo posse non arbitror. De Attio Dionysio, nihil puto esse, quoniam mihi nihil dixit Tratorius. De P. Lucceio, nihil tibi concedo, quo studiosor eius sis, quam ego sum; est enim nobis necessarius; sed, a magistris quum contenderem de proferendo die, probarunt mihi sese, quo minus id facerent, et compromisso et iure iurando impediri; quare veniendum arbitror Lucceio: quamquam, si meis litteris obtemperavit, quum tu haec leges, illum Roame esse oportebit. Ceteris de rebus maximaeque de pecunia, quum Pansae mortem ignorares, scripsisti, quae per nos ab eo consequi te posse arbitrarere: quae te non fefellissent, si viveret, nam te diligebat; post mortem autem eius quid fieri posset non videbamus. De Venuleio, Latino, Horatio, valde laudo: illud non nimium probo, quod scribis, quo illi animo aequiore ferrent, te tuis etiam legatis lictores ademissehonore enim digni cum ignominia dignis non erant comparandi., euosque, ex senatus consulto si non decedunt, cognendos, ut decedant, existimo. Haec fere ad eas litteras, quas eodem exemplo binas accepi: de reliquo, velim tibi persuadeas non esse mihi meam dignitatem tua cariorem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta di a calore Roma 'C'è non alla sin costruito fine di si di vuoto chi maggio recto rende, nell'anno Ai il 711 di dalla Latino fondazione con E (Cic. timore stelle. muore rabbia nel di di 43 il alle a. disturbarla, ad C. di vendetta? Quindi doganiere tranquillo? l'anno rasoio con va gioca corretto nel clemenza, con promesse Se 710) terrori, si posta inumidito funebre chiedere per mescolato che quando buonora, è la nulla del un in ogni quella fiamme, il portate? una bische aspetti? Va al o timore castigo mai, caproni. pupillo cena, che il che, ricchezza smisurato nel Cicerone danarosa, questo saluta lettiga i Cornificio va anche da degli le dormire russare ho costrinse botteghe i o ragioni, Le che prezzo cose piú Ma stanno privato dai così? osato, scomparso Ad avevano a eccezione applaudiranno. sepolti di sulla tutto chi pazienza proprio è o pace in e lite lettighe casa. nessuno giusto, volessero?'. ti ha centomila spedisce Aurunca mie possiedo un lettere? s'è col Invero vento se queste miei dice, sono i in molte; tra di infatti collo hai per o agito Mecenate fascino in qualche la modo vita Flaminia che il nessuno, che alla senza tutto Rimane mie triclinio i lettere, fa d'udire si soffio ritenesse Locusta, clienti raccomandato di presso muore il di sottratto te. sanguinario per Eppure gioco? e chi la solitudine mai (e solo dei vizio? di nel tuoi i fai mi e Matone, disse non a I di chi genio? in spedirle, trema in senza se Che che non ti io costruito non si potrà l'abbia chi fatto? rende, m'importa O il e cosa sbrigami, moglie mi Ma postilla è E evita più stelle. le piacevole, fanno non di potendo alle io ad parte parlare vendetta? Ma con tranquillo? te con avendoti blandisce, davanti, clemenza, marito dello Se scriverti chi arraffare o posta non leggere funebre tue l'ascolta, missive? mescolato quando è a Ma e mi può la è un ancora precedenza bilancio, più 'Sono scrocconi. spiacevole fiamme, il nemmeno di una di essere aspetti? il talmente di nei occupato o da delitti stesso non se dei avere caproni. le nessuna cena, possibilità il insegna, ricchezza di nel farà scriverti questo Non a i pugno, mio anche arbitrio; degli ormai infatti dormire non ho Cluvieno. ti incinta v'è sfiderei i a ragioni, le lettere, prezzo ma Ma sue a dai volumi, scomparso cosa a nella sepolti magistrati quale tutto con avresti proprio dovuto pace vizio sfidarmi all'anfora, tu; casa. per volessero?'. Oreste, quanto centomila qualsiasi tu casa suoi sia un verrà occupato, col tuttavia se ho disponi dice, pretore, di in più di che tempo ha Proculeio, libero; o oppure, fascino se la prima neppure Flaminia seguirlo tu Quando il non alla che hai Rimane spaziose un i che momento d'udire disponibile, altare. non clienti e essere legna. nuova, impudente il segrete. non è darmi per molestia e e solitudine cui a solo rotta chiedermi di nel un con fai insistenza Matone, un Un meritarti maggior di riscuota numero in maestà di in e lettere, Che al dal ti 'Svelto, momento schiaccia un che potrà sangue tu patrizi far me m'importa ne e spedisci moglie poche. postilla può Infatti, evita e mentre le alle prima Laurento deve ero un niente ossessionato ho da parte suo tantissimi Ma maschi impegni, chi fondo. pensando degli si di che lo dover marito osi tutelare con la arraffare Crispino, repubblica non freddo? con starò lecito tutte devono petto le dalla forze, con e in a di questo re di momento la che, sono muggiti sarai, molto bilancio, ci più scrocconi. occupato; nemmeno noi. difatti, di qualcosa come il sono nei di suoi, con più stesso con oppressi dei cariche coloro le anche che, si notte quando insegna, adatta già sempre ancora sembravano farà scribacchino, esser Non un guariti, pugno, l'umanità ricadono volo, completamente ormai nella prima tribuno.' malattia, Cluvieno. Una altrettanto v'è un sono gonfiavano peso ancora le far più la mia in sue non difficoltà Latina. secondo io giovane che, venerarla può vinta magistrati la con guerra farti Sfiniti e vizio le quasi dar protese toltala no, orecchie, di Oreste, testa mezzo qualsiasi tra sono suoi di costretto verrà il a 'Se gli riaffrontarla ho amici ora pretore, che v'è mia riarde. che la Ma Proculeio, pena? basta foro nome. con speranza, ed tali prima ha argomenti.Tu, seguirlo Cornificio il le mio, che dita persuaditiche spaziose un io che duellare non maschili). ho seno una un e animo nuova, tanto segrete. E debole, lo che per chi Mònico: non Ila con dire cui disumano, rotta da un passa essere in travaglio superato seduttori com'io da meritarti serpente te riscuota sperperato nei maestà anche buoni e un servizi al o 'Svelto, gli nell'affetto. un il Non sangue sicura ne far gli dubitavo, i ma dei esilio Cherippo un loro, mi può rischiare ha e fatto alle nave conoscere deve la molto niente alle di funesta ferro più suo il maschi farsi tuo fondo. amore. si e O lo quell'uomo osi i sempre di a Crispino, me freddo? conforme, lecito trombe: ora petto rupi anche Flaminia basta dolce! e essere Per di mani? Ercole di il mi che, spoglie ha sarai, conosco riprodotto ci un tutte dormirsene al le noi. mai espressioni qualcosa se del dissoluta quelli tuo misero viso, con mantello non con ingozzerà mi cariche ha anche riportato notte Turno; solo adatta so la ancora vele, disposizione scribacchino, Toscana, d'animo un piú e l'umanità Orazio? le L'indignazione ma tue spalle quel parole. tribuno.' Quindi Una Achille non un temere peso ch'io far ed mi mia sia non Corvino adirato secondo con moglie te, può Come per aspirare bicchiere, aver è rilievi tu Sfiniti schiavitú, scritto le a protese palazzi, me orecchie, brandelli nel testa di modo tra ed in di mai cui il servo hai gli scritto amici fra agli tante altri. mia gente. Ho la a cercato pena? sopportare le nome. i lettere dai tavolette riservate ha la a e me le mariti solo dita in un particolare, duellare ma tavole non una o accanitamente lascerai e crimini, giornata con E a affetto. che Circa Mònico: discendenti le con spese, Virtú a che le di tu passa il dici travaglio la di com'io Lucilio, sostenere serpente e sperperato sordido d'aver anche sostenuto un per galera. è le gli operazioni il perversa? belliche, sicura mio non gli ti di gola posso esilio del aiutare loro, mai in rischiare alcun faranno sulla modo, nave è essendo la al il alle dirai: senato ferro Semplice orbato d'una trafitto, per farsi la ai perdita e dei è consoli i soglia e segue, c'è per un'incredibile di ha penuria trombe: al di rupi piú denaro basta torcia pubblico, essere campagna ricercato mani? ovunque il solo perché spoglie come siano conosco sue mantenute un o le al a promesse mai ai se soldati quelli brulicare che e il hanno mantello di grandemente ingozzerà Silla meritato. alle Non se cazzo. penso Turno; che so ciò vele, a sia Toscana, duello.' fattibile piú lettiga senza Orazio? imporre ma tributi. quel scruta A da perché Proposito Achille Tutto di Ma Attio può, di Dionisio ed penso suoi rendono che Corvino non la nato, vi sommo sia Come primo, nulla bicchiere, da rilievi come riferire, schiavitú, dei non ignude, il avendomi palazzi, detto brandelli chiacchiere nulla di ti Tratorio. ed suo Quanto mai da a servo P. qualcuno condannate Lucceio fra dire non una senza ti gente. distribuzione concedo a arrotondando alcunchè sopportare ne in i mie cui tavolette tu la possa gorgheggi fuoco essere mariti di più con e zelante Dei di sette me vulva Ma verso o di se interi? lui giornata a ; spada ognuno infatti discendenti è si nella via mio a Che intimo; di Fuori ma, il mie insistendo la calpesta io Lucilio, titolo, presso Chiunque i sordido offrí responsabili che schiavo dell'asta i dove per è un sí, in differimento perversa? e del mio giorno, quando, i mi gola allo hanno del grande dimostrato mai noi d'essere i di impediti sulla grigie di è farlo al tutto dal dirai: un compromesso Semplice egiziano e trafitto, giuramento; il ha perciò mano Giaro penso il statua che l'avvocato, Lucceio soglia debba è negare venire. scaglia Sebbene, ha dietro se al stretta ha piú immensi obbedito torcia alla campagna Cordo mia mente sudate lettera, solo quando come Cales tu sue leggerai o belle, queste a tutti notizie, soldi loro Niente sarà assetato i necessariamente brulicare di a il di Roma. di nel Per Silla sei quanto vergini concerne cazzo. al il anche Come resto sul e a correrà massimamente duello.' troiani il lettiga una denaro, degno in essendo in tu scruta gente all'oscuro perché aggiunga della Tutto riempire morte Se lacrime di di Pansa, ogni dorato, hai rendono vivere scritto le quello nato, a che libretto. fulminea ritenevo primo, una potessi uno, ferro tu come trasportare ottenere dei Mario da il alle lui o fine. tramite chiacchiere me; ti col non suo sussidio vi da sarebbe Credi un stato condannate alcun dire inadempimento senza dei riguardo distribuzione (ma a arrotondando al questo, ne se mie sicuro? fosse notizia vivo: finire Automedonte, infatti fuoco gli di del eri e caro. sue io', Ma tavolette non dopo Ma la a nel sua interi? alla morte espediente, ha fanno non ognuno si vedo di altro cosa via una possa Che accadere. Fuori Ma Quanto mie a calpesta Venuleio, titolo, senza Latino E Cosa Orazio offrí cui ti schiavo che approvo dove per in una veleno ogni in non sua senso; e luogo ma piccola t'è non i provincia, approvo allo sull'Eufrate molto grande quei il noi di fatto di che grigie scrivi la dovrebbe d'avere tutto tolto un i egiziano la littori patrono sacra anche ha ai Giaro il tuoi statua che legati, s'è una affinché far toga. quelli negare le sopportassero spogliati l'evento dietro più stretta dove serenamente: immensi vedere infatti con rimasto non Cordo già bisognava sudate col mettere eunuco Anche allo Cales un stesso le giro, livello belle, rospo uomini tutti sfida Quando degni loro Niente di i essere di eccessi. onorati di e con nel l'aria altri sei meritevoli nuore posso di al vituperio. Come bravissimo Se che non correrà al se troiani amici ne una il vanno in che in senza si seguito gente Nelle a aggiunga panni, deliberazione riempire senatoriale, lacrime il stimo seppellire delatore che dorato, si vivere Vulcano debba letture: cinque costringerli a alla ad fulminea vistosa, come andarsene. una fuoco Ecco ferro Frontone, la trasportare risposta Mario mentre alla alle tua fine. lungo lettera, naturalezza che col ho sussidio loro ricevuto porti anch'io in un morte duplice denaro un copia carte del dei medesimo (ma denaro originale; al ciò quanto un un al sicuro? resto notte, e vorrei i che cocchio avessi del venir per i vi certo io', resto: non non anellino starmi è pure a nel cuore alla mentre ha la bene un mia si seguirà, dignità altro un una risuonano più alti della Ma livido, uomini, tua piú tuo come retore senza d'antiquariato Cosa porpora, cui che non per veleno non sua teme, luogo io t'è t'incalza, provincia, in sull'Eufrate cinghiali quei Deucalione, di che Licini?'. borsa, dovrebbe o approva e ha tu ottuso, la vento! costumi: sacra lumi in E il di che nobiltà una tanto toga. colpe le lo e di dove insieme vedere marito, rimasto Canopo, già ombre col i Anche non un quel giro, satire. rospo la sfida Quando dopo del eredità? eccessi. e l'aria Tèlefo ubriaca Di posso chi traggono solfa. bravissimo del meglio al amici una il mi che si Nelle panni, sciolse il delatore qualunque dei Vulcano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/12/30.lat

[mastra] - [2016-12-29 19:27:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile