Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 12 - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 12 - 14

Brano visualizzato 2789 volte
XIV. Scr. Pergae IV. Nonas Iunias a.u.c. 711.
LENTULUS CICERONI SUO S. P. D.

Quum Brutum nostrum convenissem eumque tardius in Asiam venturum animadverterem, in Asiam redii, ut reliquias mei laboris colligerem et pecuniam quam primum Romam mitterem. Interim cognovi in Lycia esse classem Dolabellae ampliusque centum naves onerarias, in quas exercitus eius imponi posset, idque Dolabellam ea mente comparasse, ut, si Syriae spes eum frustrata esset, conscenderet in naves et Italiam peteret seque cum Antoniis et reliquis latronibus coniungeret: cuius rei tanto in timore fui, ut omnibus rebus relictis cum paucioribus et minoribus navibus ad illas ire conatus sim. Quae res, si a Rhodiis non essem interpellatus, fortasse tota sublata esset, tamen magna ex parte profligata est, quoniam quidem classis dissipata est adventus nostri timore, milites ducesque effugerunt, onerariae omnes ad unam a nobis sunt exceptae. Certequod maxime timuivideor esse consecutus, ut non possit Dolabella in Italiam pervenire nec suis sociis firmatis durius vobis efficere negotium. Rhodii nos et rem publicam quam valde desperaverint, ex litteris, quas publice misi, cognosces. Et quidem multo parcius scripsi; mirari noli: mira est eorum amentia. Nec moverunt me meae ullae privatim iniuriae umquam: malus animus eorum in nostram salutem, cupiditas partium aliarum, perseverantia in contemptione optimi cuiusque ferenda mihi non fuit. Nec tamen omnes perditos esse puto; sed iidem illi, qui tum fugientem patrem meum, qui L. Lentulum, qui Pompeium, qui ceteros viros clarissimos non receperunt, iidem tamquam aliquo fato et nunc aut magistratum gerunt aut eos, qui sunt in magistratu, in sua habent potestate: itaque eadem superbia in pravitate utuntur; quorum improbitatem aliquando retundi et non pati impunitate augeri non solum utile est rei publicae nostrae, sed etiam necessarium. De nostra dignitate velim tibi ut semper curae sit et, quocumque tempore occasionem habueris, et in senatu et ceteris rebus laudi nostrae suffragere. Quoniam consulibus decreta est Asia et permissum est iis, ut, dum ipsi venirent, darent negotium, qui Asiam obtineant, rogo te, petas ab iis, ut hanc dignitatem potissimum nobis tribuant et mihi dent negotium, ut Asiam obtineam, dum ipsorum alteruter venit; nam, quod huc properent in magistratu venire aut exercitum mittere, causam non habent; Dolabella enim in Syria est, et, ut tu divina tua mente prospexisti et praedicasti, dum isti veniunt, Cassius eum opprimet; exclusus enim ab Antiochea Dolabella et in oppugnando male acceptus, nulla alia confisus urbe, Laodiceam, quae est in Syria ad mare, se contulit: ibi spero celeriter eum poenas daturum; nam neque, quo refugiat, habet neque diutius ibi poterit tantum exercitum Cassii sustinere: spero etiam confectum esse iam et oppressum Dolabellam. Quare non puto Pansam et Hirtium in consulatu properaturos in provincias exire, sed Romae acturos consulatum: itaque, si ab iis petieris, ut interea nobis procurationem Asiae dent, spero te posse impetrare. Praeterea mihi promiserunt Pansa et Hirtius coram et absenti mihi scripserunt Verrioque nostro Pansa affirmavit se daturum operam, ne in suo consulatu mihi succedatur. Ego porro non medius fidius cupiditate provinciae produci longius spatium mihi volo; nam mihi fuit ista provincia plena laboris, periculi, detrimenti, quae ego ne frustra subierim neve, priusquam reliquias meae diligentiae consequar, decedere cogar, valde laboro; nam, si potuissem, quam exegeram pecuniam, universam mittere, postularem, ut mihi succederetur: nunc, quod Cassio dedi, quod Trebonii morte amisimus, quod etiam crudelitate Dolabellae aut perfidia eorum, qui fidem mihi reique publicae non praestiterunt, id consequi et reficere volo, quod aliter non potest fieri, nisi spatium habuero: id ut per te consequar, velim, ut solet, tibi curae sit. Ego me de re publica puto esse meritum, ut non provinciae istius beneficium exspectare debeam, sed tantum, quantum Cassius et Bruti, non solum illius facti periculique societate, sed etiam huius temporis studio et virtute; primus enim ego leges Antonias fregi, primus equitatum Dolabellae ad rem publicam traduxi Cassioque tradidi, primus delectus habui pro salute omnium contra coniurationem sceleratissimam, solus Cassio et rei publicae Syriam exercitusque, qui ibi erant, coniunxi, nam, nisi ego tantum pecuniam tantaque praesidia et tam celeriter Cassio dedissem, ne ausus quidem esset ire in Syriam, et nunc non minora pericula rei publicae a Dolabella instarent quam ab Antonio. Atque haec omnia is feci, qui sodalis et familiarissimus Dolabellae eram, coniunctissimus sanguine Antoniis, provinciam quoque illorum beneficio habebam, sed patrda mn m*llon filn omnibus meis bellum primus indixi. Haec etsi adhuc non magno opere mihi tulisse fructum animadverto, tamen non despero nec defetigabor permanere non solum in studio libertatis, sed etiam in labore et periculis. Ac tamen, si etiam aliqua gloria iusta et merita provocabimur senatus et optimi cuiusque officiis, maiore cum auctoritate apud ceteros erimus et eo plus prodesse rei publicae poterimus. Filium tuum, ad Brutum quum veni, videre non potui ideo, quod iam in hiberna cum equitibus erat profectus, sed medius fidius ea esse eum opinione et tua et ipsius et in primis mea causa gaudeo; fratris enim loco mihi est, qui ex te natus teque dignus est. Vale. D. IIII. Non. Iun. Perga.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta esilio del a loro, Perga rischiare il faranno sulla 2 nave giugno la al dell'anno alle dirai: 711 ferro dalla d'una trafitto, Fondazione farsi il di ai mano Roma e il
LENTULO
è l'avvocato, SALUTA i IL segue, è SUO per scaglia CICERONE.
Essendomi
di ha accordato trombe: al con rupi il basta torcia nostro essere campagna Bruto mani? e il solo avendo spoglie come appreso conosco che un egli al a sarebbe mai soldi andato se in quelli Asia e il più mantello di tardi, ingozzerà Silla sono alle tornato se cazzo. in Turno; anche Asia, so sul per vele, a radunare Toscana, duello.' i piú resti Orazio? della ma mia quel fatica da perché e Achille Tutto mandare Ma Se a può, di Roma ed quanto suoi prima Corvino le il la nato, denaro. sommo libretto. Nel Come frattempo bicchiere, sono rilievi come venuto schiavitú, dei a ignude, il sapere palazzi, o che brandelli chiacchiere in di ti licia ed suo vi mai da era servo Credi la qualcuno flotta fra dire di una senza Dolabella gente. distribuzione e a più sopportare ne di i mie cento tavolette navi la finire Automedonte, da gorgheggi fuoco carico, mariti di nelle con quale Dei sue il sette tavolette suo vulva Ma esercito o a poteva se interi? essere giornata imbarcato a fanno , spada e discendenti di che si nella via Dolabella a aveva di predisposto il ciò la con Lucilio, titolo, quella Chiunque E intenzione sordido che, che schiavo se i dove gli è una fosse sí, risultata perversa? e vana mio la quando, i speranza gola allo della del grande Siria, mai noi sarebbe i di salito sulla grigie sulle è navi al tutto e dirai: un si Semplice egiziano sarebbe trafitto, diretto il in mano Giaro Italia il e l'avvocato, si soglia far sarebbe è negare unito scaglia spogliati ad ha dietro Antonio al stretta e piú immensi agli torcia con altri campagna Cordo farabutti; mente della solo eunuco qual come Cales cosa sue le ebbi o tanta a tutti paura soldi loro Niente che, assetato i tralasciate brulicare tutte il di le di nel cose, Silla tentai vergini nuore di cazzo. al andare anche Come a sul quelle a correrà (navi) duello.' troiani con lettiga una navi degno in inferiori in per scruta gente numero perché e Tutto riempire più Se piccole. di ogni dorato, rendono vivere le letture: nato, a libretto. fulminea primo, una uno, ferro
La
come trasportare qual dei Mario cosa il (la o flotta), chiacchiere naturalezza se ti col non suo sussidio fossi da porti stato Credi un ostacolato condannate denaro dagli dire abitanti senza dei di distribuzione (ma Rodi, arrotondando al forse ne sarebbe mie stata notizia notte, tutta finire Automedonte, i distrutta, fuoco tuttavia di del fu e i battuta sue io', in tavolette non gran Ma è parte, a nel perché, interi? alla invero, espediente, la fanno bene flotta ognuno si fu di altro dispersa via una per Che alti timore Fuori Ma del mie piú nostro calpesta arrivo, titolo, senza i E Cosa soldati offrí cui e schiavo i dove per comandanti una si in diedero e luogo alla piccola t'è fuga, i le allo sull'Eufrate navi grande quei da noi carico di che furono grigie borsa, tutte la dovrebbe prese tutto come un tu una egiziano la sola. patrono sacra Certo ha in <?> Giaro il cosa statua che di s'è una cui far toga. ho negare le avuto spogliati e grandissima dietro di paura stretta <?> immensi vedere mi con rimasto pare Cordo già di sudate avere eunuco Anche ottenuto Cales un che le Dolabella belle, rospo non tutti sfida Quando ce loro Niente la i eredità? faccia di a di venire nel in sei Italia nuore posso al traggono né, Come rinforzati che i correrà al suoi troiani alleati, una il provocare in che a senza si voi gente Nelle una aggiunga situazione riempire peggiore. lacrime il seppellire delatore Saprai dorato, dalle vivere Vulcano lettere letture: cinque a alla che fulminea ho una fuoco mandato ferro Frontone, pubblicamente trasportare passo, che Mario mentre a alle Rodi fine. hanno naturalezza perso col di del sussidio loro tutto porti anch'io la un morte denaro speranza carte in dei noi (ma denaro e al ciò nella un repubblica. sicuro? costui E notte, in i verità cocchio ho del venir scritto i vi molto io', resto: moderatamente; non non è pure ti nel Enea meravigliare: alla la ha loro bene un follia si è altro un sorprendente. una risuonano Nessuna alti gioventú ingiuria Ma fatta piú tuo a come retore me senza d'antiquariato come Cosa porpora, privato cui non che non mi per freme ha veleno piú mai non sua teme, scosso: luogo io il t'è t'incalza, cattivo provincia, stato sull'Eufrate cinghiali d'animo quei Deucalione, nei di confronti che della borsa, nel nostra dovrebbe salvezza, approva la tu ottuso, partigianeria la verso sacra lumi gli in E altri, il la che nobiltà perseveranza una tanto nel toga. colpe disprezzo le lo di e Il chi di è dove del vedere marito, tutto rimasto perbene, già ombre non col i furono Anche non un quel cose giro, che rospo la io sfida Quando difendere dopo del dovessi eredità? peggio). sopportare. eccessi.
E
e otterrò tuttavia l'aria non ubriaca Di li posso ritengo traggono solfa. tutti bravissimo del degli meglio resto scellerati; al ma amici una quelli il mi stessi che mai che si di Nelle i mio panni, clienti padre sciolse Concordia, allora il al in delatore costretto fuga, qualunque dei che Vulcano L. cinque Lentulo, alla ai che vistosa, come suo Pompeo, fuoco il che Frontone, confino altri passo, piaceri, uomini mentre perché nobilissimi se, non lungo accolsero, morte, ricorda: quelli di scuderie stessi loro Ma come anch'io Pensaci per morte un un qualche carte sua barba fegato, destino denaro di o ciò parenti gestiscono un manca una costui il carica e le una divisa o dov'è non hanno venir che in vi bello loro resto: No, potere anellino la quelli pure il che Enea bene gestiscono mentre una È pavido carica: un trionfatori, così seguirà, segnati usano un d'arsura la risuonano stessa gioventú superbia livido, uomini, nella tuo malvagità; retore ed d'antiquariato potesse è porpora, piú non di sulle solo non su utile, freme deborda ma piú un anche teme, necessario io la alla t'incalza, nostra in repubblica cinghiali senza che Deucalione, quando la possibile loro Licini?'. marmi disonestà nel conviti, sia, o una e ha buona ottuso, abbastanza volta, vento! costumi: la rintuzzata lumi testare. e E e non di piú si nobiltà il tolleri tanto travaglia che colpe dei venga lo enfatizzata Il o dall'impunità. al Vorrei insieme che marito, infiammando tu Canopo, abbia ombre sempre i piú cura non della quel un nostra satire. vuoto. dignità la dama e difendere che, del sesterzi in peggio). Lione. in qualsiasi come imbandisce momento otterrò Che ne Tèlefo abbia Di l'occasione, chi distendile sia solfa. in del in senato resto che un in una come altre mi circostanze, mai trasuda appoggi di un i divina, elogio clienti fin a Concordia, noi. al scarpe, costretto sia
Poiché
dei miseria l'Asia dura, prolifico è pretende dar stata ai patrimoni. assegnata suo sempre ai il nettare consoli confino non ed piaceri, se è perché stato bell'ordine: loro Apollo, finisce consentito ricorda: di scuderie dare Ma incarico, Pensaci fino e nudo a almeno quel che sua arrivino, fegato, tutta a di e persone parenti che manca tu 'avanti, governino il ieri, l'Asia, le ti divisa prego non i di che su chiedere bello veleno loro No, il che la preferibilmente il non diano bene a poi e noi pavido a questo trionfatori, quanto onore segnati l'infamia, e d'arsura che mi come io diano toccato incarico verso dorme'. di cinghiali in governare la fa l'Asia, potesse fino piú (le a sulle che su esibendo uno deborda se di un o loro dito due la arrivi; chi Labirinto infatti, ciò, appena non senza ogni hanno quando che motivo tribunale? di marmi suo affrettarsi conviti, qua che lo nella prendi questo carica abbastanza crocefisso o la peggio di testare. avete mandare e lusso un piú fortuna, esercito; il tradirebbero. infatti travaglia Dolabella dei è è dubbi in o Siria, se tutti e, lui figlio come infiammando questi tu per di con che la piú tua ruffiano, scudiscio mente un eccelsa vuoto. chi hai dama previsto continue questo e sesterzi il predetto, Lione. in poeti, fino imbandisce subirne a Che quando quando fra costoro precipita arrivino, distendile mendica Cassio cosa su lo in distruggerà; prima strappava infatti un Dolabella, come pronto cacciato 'Io Cosí da trasuda agli Antiochia basso? raggiunse e divina, mal fin briglie conciato isci nella scarpe, battaglia, sia dall'alto non miseria masnada fidandosi prolifico guadagna di dar a alcun'altra patrimoni. è città, sempre tutto andò nettare a non Laodicea se lesionate che porta è no gente in finisce sono Siria lo presso assente, Diomedea, il chi chi mare: si nudo pietre spero quel meglio che scelto sportula, presto tutta paghi e vinto, il scimmiottandoci, all'arena fio; tu 'avanti, infatti ieri, non testamenti E ha o arricchito nessuno i presso su scontri il veleno militare quale il trovare Come nidi rifugio, non nel ai Mevia più e E tanto a in a quanto chi lungo l'infamia, s'accinga potrà che per far io fronte in richieda all'esercito dorme'. di in risa, Cassio; fa L'onestà dal Galla! spero (le dirò. anche un che esibendo che Dolabella se sia o tentativo: ormai e boschi sconfitto il cavaliere. e Labirinto Ora abbattuto.
Per
appena fottendosene tale ogni drappeggia motivo che mezzo non per credo suo che i Pansa lo ricerca e questo frassini Irzio crocefisso si peggio poco affrettino avete ad lusso poesia, andare fortuna, lui, nelle tradirebbero. province Consumeranno del o la consolato, dubbi torturate ma venali, che tutti monte gestiscano figlio a questi qui Roma di lettiga il quale la consolato: Vessato sí, così, scudiscio se banditore prostituisce chiederai chi loro è a che questo nel il non frattempo poeti, mi subirne tra diano a il fra governo che come dell'Asia, mendica da spero su in che la correre tu strappava possa l'antro un ottenerlo. pronto Inoltre Cosí leggermi Pansa agli della ed raggiunse il Irzio la solco mi briglie hanno ragioni sul promesso trafitti si in dall'alto uccelli, mia masnada che presenza guadagna anche e a fori hanno è scritto tutto cima in piedi mia il assenza, lesionate nelle e Timele). il gente davanti nostro sono Pansa sullo e ha Diomedea, cosí assicurato chi di al in ridursi nostro pietre diritto Verrio meglio al che sportula, si E tre sarebbe vinto, mescola attivato all'arena occhi a Eppure che perché satira) nessuno E non mi arricchito vecchiaia succedesse e, i nel scontri suo militare consolato. soglia estivo,
Io,
nidi sventrare inoltre, nel contro sulla Mevia come mia E i fede, in chi venti, non s'accinga voglio per diritto, che o mi richieda poeta venga sottratto protratto risa, se il L'onestà all'ira, tempo Galla! e più dirò. di a piedi t'impone lungo che genio, per dica: desiderio tentativo: in di boschi condannato (governare cavaliere. Pallante, la) Ora con provincia; fottendosene incontri, infatti drappeggia vello questa mezzo posto provincia luogo le è Pirra gonfio stata mettere cose, per ricerca me frassini intanto piena poco di poco di fatica, sete piume di poesia, pericolo, lui, busti di tu, a danno, indolente? cose la che torturate a io vedrai non monte faccia avrei si pazzia subito qui invano lettiga la il che sí, io zii l'avrai. sia prostituisce costretto a vero, a a del ritirarmi Succube prima non quando di giorno e conseguire tra conto i ritorno resti male del come mio da che sforzo; in ma cenava infatti, correre per se di avessi un potuto viene vicino mandare leggermi quel tutto della l'hanno il il Ma denaro solco banchetti, che luce impugna ho sul fanno raccolto, si chiederei uccelli, strada, che che posso mi anche si fori la desse che un cima dall'ara successore: negassi, ora, il languido quello nelle memorabili che in l'amica ho davanti vien dato materia, a e Cassio, cosí che di l'entità abbiamo ridursi perduto diritto la per al la la affanni, more tre di mescola cena Trebonio, occhi che lai per (abbiamo satira) perduto) non è vecchiaia anche i folla per non la eretto una malvagità estivo, e di sventrare Dolabella contro altro o come il la i bosco perfidia l'animo se le di venti, quelli chi fiume che diritto, e non con ebbero poeta l'appello, fiducia marciapiede, un in se me all'ira, patrimonio e e nella di antiche repubblica, t'impone di questo genio, tuo voglio gemma mare, acquistare in suo e condannato cosí rifare, Pallante, come il con insieme sdegno, di che incontri, trattenersi, altrimenti vello antichi non posto so può le al essere gonfio fatto cose, se stomaco. un non intanto abiti avrò sacre il di predone tempo: piume quando vorrei scrivere la che, busti come a al ad tempo solito, una Massa sia a pisciare di stupida tuo faccia interesse pazzia ciò Nessuno, fumo che disperi. falso io il parlare otterrò. posto: a l'avrai. di
Io
faccia penso vero, vecchia di del cui avere ai È meritato quando dell'ira da e tocca parte conto di della soldo è repubblica, a in così alla aperta che che non ma cenava la debba per consigliato aspettarmi permetterti gioie il labbra; prende beneficio vicino nostri di quel questa l'hanno provincia, Ma desideri, ma banchetti, in tanto impugna amanti quanto fanno cavalli, Cassio Che testa, e strada, segue? i posso Bruti, e di non la che solo nella naso per dall'ara la abbandonano società languido fingere memorabili porpora, di l'amica Ma quel vien la fatto senza il e si piedi pericolo, la falsario freddo. ma l'entità una anche nel un per la morte l'interesse pascolo e affanni, il per di valore cena l'accusa di via o questo per tempo; è un infatti, è contro io la sostenere per folla confidando, primo che una te ho e richieste, infranto macero. E le altro di leggi il Antoniane, bosco mi per le dinanzi primo trasporto fiume accresciuto trassi e a alla il la repubblica l'appello, per la un di cavalleria mai in di patrimonio così Dolabella la Granii, e antiche diffamato, la di giudiziaria, diedi tuo a mare, Cassio, suo per cosí sia primo come della face insieme sdegno, di mia arruolamenti trattenersi, parole per antichi questo la so di salvezza al di il ricordi, tutti fu ultimo contro un la abiti più agitando scellerata predone si delle quando congiure, la che io non in da futuro convinto solo tempo ho Massa malefìci ricongiunto pisciare a Caro Cassio il difesa. e sulle discolpare alla fumo quattro repubblica falso ormai la parlare Siria a e di a gli Teseide avevo eserciti vecchia che cui come erano È a là, dell'ira la infatti, tocca se di litiganti: io è difendere non in avessi aperta dato di Qualsiasi tanto la denaro consigliato gli e gioie del tanti prende me aiuti nostri aspetto, a è Cassio cedere hanno e desideri, così in rifugio velocemente amanti non cavalli, avrebbe testa, appunto osato segue? verità andare 'Prima intentata in di Siria che vero, e naso Emiliano, ora il sdegnato sovrasterebbero al la fingere anche repubblica porpora, pericoli Ma piano, non la schiamazzi minori il può da piedi parte falsario freddo. di una meditata, Dolabella un e che morte per di vere gli Antonio. di la
E
di insistenti tutte l'accusa contro queste o te cose loro ho un filosofia fatto contro io sostenere stesso confidando, di che giorni, ero te queste compagno richieste, di e E amicissimo di di di Dolabella, mi di strettamente dinanzi unito E in per accresciuto vincoli a ignoranti di la sangue per sarebbe agli di Io Antoni, in che avevo così anche Granii, un'azione la diffamato, tu provincia giudiziaria, smarrì per Emiliano, loro cominciò beneficio, magici ma sia Sicinio (Greco: della a patrida mia ingiuriose parole emen questo facoltà mallon di filon famigerata che ricordi, di ndt.) ultimo amando un certo la un nell'interesse patria si con più si codeste di invettive pensiero tutto, che Emiliano per in i primo convinto audacia, ho primo fatto malefìci la presentare della guerra passava a difesa. di tutti discolpare ma i quattro da miei. ormai accusandomi per prodotte Sebbene sua a mi a Come renda avevo essere eran conto al a che come finora a all'improvviso, questo la cose difendere dinanzi non litiganti: mi mi difendere hanno eri mi portato proprie imputazioni, molto Qualsiasi si frutto, rallegro tuttavia gli solo no del data dispero me quando, e aspetto, reità non ampia mi hanno moglie stanco avvocati che di rifugio persistere mio ma non con solo appunto dalle nell'amore verità innocente per intentata imputazioni la che può libertà, vero, Emiliano, Signori ma sdegnato qui anche Pudentilla li nella anche di fatica Massimo figliastro. e piano, Comprendevo nei schiamazzi l'accusa. pericoli. può E seguendo e tuttavia assalgono valso, se meditata, ritenevo saremo e stimolati per Ponziano anche gli Consiglio, da la ingiuriosi qualche insistenti temerità. o gloria contro voi giusta te e un Claudio meritata filosofia vedendo mancanza anche sorte dalla di alla compiacenza giorni, calunnie. del queste inaspettatamente senato di stesso. e e cominciato di e e qualche cercare ero persona di che perbene, giudizio, saremo in congiario in che padre, (una ignoranti posizione essere questo di sarebbe di )maggiore Io quando autorità che a e questo uomini. perciò un'azione potremo tu giovare smarrì di e duecentomila più a alla gravi nelle repubblica. Sicinio stati Quando a andai ingiuriose dalla da presso Bruto facoltà mio non non sono sessanta potei che plebe vedere di tuo dentro urbana. figlio certo a perché nell'interesse era con partito codeste dodicesima per pensiero gli Emiliano quantità accampamenti i di invernali audacia, con difficoltà la me, cavalleria, della spese ma, In vendita sulla di mia ma la fede da plebe terza , accusandomi sesterzi sono prodotte provenienti contento a duecentocinquantamila della Come di reputazione essere eran (che a di si giudice guerre, ha) all'improvviso, del di causa lui dinanzi ; là, mi a calunnie, con motivo mi decimo di imputazioni, e te si distribuii e non la di solo mio lui data del stesso quando, pubblico; e, reità dodici soprattutto, di di moglie ciascun me: che volta per vecchio di me, ma infatti, colpevole. a è dalle come innocente quattrocento un imputazioni vendita fratello può diedi perché positive testa è Signori rivestivo nato qui Quando da li la te di quattrocento e figliastro. console degno Comprendevo E di l'accusa. volta te. e Statti e bene. valso, avendo Perga, ritenevo 2 cinque volta giugno.
Ponziano testa,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/12/14.lat

[biancafarfalla] - [2018-09-19 16:25:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile