Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 10 - 24

Brano visualizzato 2860 volte
XXIV. Scr. in castris V. Kal. Sextiles a.u.c. 711.
PLANCUS IMP. COS. DESIG. S. D. CICERONI.

Facere non possum, quin in singulas res meritaque tua tibi gratias agam, sed mehercules facio cum pudore; neque enim tanta necessitudo, quantam tu mihi tecum esse voluisti, desiderare videtur gratiarum actionem, neque ego libenter pro maximis tuis beneficiis tam vili munere defungor orationis, et malo praesens observantia, indulgentia, assiduitate memorem me tibi probare. Quod si mihi vita contigerit, omnes gratas amicitias atque eitiam pias propinquitates [in tua observantia, indulgentia, assiduitate] vincam; amor enim tuus ac iudicium de me utrum mihi plus dignitatis in perpetuum an voluptatis quotidie sit allaturus, non facile dixerim. De militum commodis fuit tibi curae; quos ego non potentiae meae causanihil enim me non salutariter cogitare scisornari volui a senatu, se dprimum, quod ita meritos iudicabam, deinde, quod ad omnes casus coniunctiores rei publicae esse volebam, novissime, ut ab omni omnium sollicitatione aversos eos tales vobis praestare possem, quales adhuc fuerunt. Nos adhuc hic omnia integra sustinuimus: quod consilium nostrum, etsi, quanta sit aviditas hominum non sine causa talis victoriae, scio, tamen vobis probari spero; non enim, si quid in his exercitibus sit offensum, magna subsidia res publica habet expedita, quibus subito impetu ac latrocinio parricidarum resistat. Copias vero nostras notas tibi esse arbitror: in castris meis legiones sunt veteranae tres, tironum, vel luculentissima ex omnibus, una; in castris Bruti una veterana legio, altera bima, octo tironum. Ita universus exercitus numero amplissimus est, firmitate exiguus; quantum autem in acie tironi sit committendum, nimium saepe expertum habemus. Ad hoc robur nostrorum exercituum sive Africanus exercitus, qui est veteranus, sive Caesaris accessisset, aequo animo summam rem publicam in discrimen deduceremus; aliquanto autem propius esse quod Caesarem videbamus, nihil destiti eum litteris hortari, neque ille intermisit affirmare se sine mora venire, cum interim aversum illum ab hac cogitatione ad alia consilia video se contulisse. Ego tamen ad eum Furnium nostrum cum mandatis litterisque misi, si quid forte proficere posset. Scis tu, mi Cicero, quod ad Caesaris amorem attinet, societatem mihi esse tecum, vel quod in familiaritate Caesaris vivo illo iam tueri eum et diligere fuit mihi necesse, vel quod ipse, quoad ego nosse potui, moderatissimi atque humanissimi fuit sensus, vel quod ex tam insigni amicitia mea atque Caesaris hunc filii loco et illius et vestro iudicio substitutum non proinde habere turpe mihi videtur. Sedquidquid tibi scribo, dolenter mehercule magis quam inimice facioquod vivit Antonius hodie, quod Lepidus una est, quod exercitus habent non contemnendos, quod sperant, quod audent, omne Caesari acceptum referre possunt. Neque ego superiora repetam; sed, ex eo tempore, quo ipse mihi professus est se venire, si venire voluisset, aut oppressum iam bellum esset aut in adversissimam illis Hispaniam cum detrimento eorum maximo extrusum. Quae mens eum, aut quorum consilia, a tanta gloria, sibi vero etiam necessaria ac salutari, avocarit et ad cogitationem consulatus bimestris summo cum terrore hominum et insulsa cum efflagitatione transtulerit, exputare non possum. Multum in hac re mihi videntur necessarii eius et rei publicae et ipsius causa proficere posse, plurimum, ut puto, tu quoque, cuius ille tanta merita habet, quanta nemo praeter me; numquam enim obliviscar maxima ac plurima me tibi debere. De his rebus ut exigeret cum eo, Furnio mandavi: quod si, quantam debeo, habuero apud eum auctoritatem, plurimum ipsum iuvero. Nos interea duriore condicione bellum sustinemus, quod neque expeditissimam dimicationem putamus neque tamen refugiendo commissuri sumus, ut maius detrimentum res publica accipere possit. Quod si aut Caesar se respexerit aut Africanae legiones celeriter venerint, securos vos ab hac parte reddemus. Tu, ut instituisti, me diligas rogo propieque tuum esse tibi persuadeas. V. Kal. Sext. ex castris.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XXIV miei dice, i Scritta tra negli collo ha accampamenti per o il Mecenate fascino 28 qualche luglio vita Flaminia dell'anno il Quando 711 che dalla tutto Rimane Fondazione triclinio i di fa d'udire Roma.
PLANCO,
soffio COMANDANTE Locusta, clienti SUPREMO di legna. E muore il CONSOLE sottratto è DESIGNATO, sanguinario SALUTA gioco? e CICERONE. la
Non
(e solo posso vizio? di nel fare i fai a e Matone, meno non Un di I ringraziarti genio? in per trema in ogni se Che singolo non beneficio costruito e si potrà favore, chi patrizi ma, rende, per il e Ercole, sbrigami, moglie lo Ma postilla faccio E evita con stelle. le vergogna; fanno Laurento infatti, di un alle la ad parte tanto vendetta? Ma grande tranquillo? chi relazione con di blandisce, che amicizia, clemenza, che Se con tu chi arraffare hai posta voluto funebre starò che l'ascolta, devono io mescolato dalla avessi quando con con è te, e re pare può la richiedere un muggiti un precedenza bilancio, rendimento 'Sono scrocconi. di fiamme, il nemmeno grazia, una di aspetti? il io di nei ripago o suoi, volentieri delitti i se dei tuoi caproni. le grandissimi cena, favori il insegna, con ricchezza sempre un nel farà così questo Non vile i tributo anche di degli ormai parole, dormire prima e ho preferisco, incinta di i gonfiavano persona, ragioni, le con prezzo la l'ossequio, Ma sue la dai Latina. devozione, scomparso giovane l'assiduità, a venerarla dimostrarti sepolti magistrati che tutto con sono proprio riconoscente. pace vizio Se all'anfora, la casa. no, vita volessero?'. Oreste, ciò centomila qualsiasi mi casa suoi consentirà un verrà [con col 'Se la se devozione, dice, l'affetto, in l'assiduità di che nei ha Proculeio, tuoi o foro confronti] fascino speranza, ed io la prima supererò Flaminia seguirlo tutte Quando il le alla che care Rimane spaziose amicizie i che e d'udire anche altare. affezionate clienti e parentele; legna. infatti il non è lo potrei per chi dire e Ila facilmente solitudine cui se solo rotta il di nel un tuo fai affetto Matone, seduttori e Un meritarti la di tua in maestà stima in e nei Che al miei ti 'Svelto, confronti schiaccia un mi potrà porti patrizi far più m'importa i onore e dei in moglie perpetuo postilla può o evita e più le alle gioia Laurento deve ogni un niente giorno.
Ti
ho sei parte preso Ma cura chi fondo. degli degli si interessi che lo dei marito osi soldati; con di i arraffare Crispino, quali non freddo? io starò lecito ho devono petto voluto dalla Flaminia che con e fossero a di onorati re di in la che, senato muggiti sarai, non bilancio, ci a scrocconi. dormirsene causa nemmeno della di qualcosa mia il dissoluta potenza nei misero <?> suoi, con sai stesso infatti dei che le anche io si notte non insegna, adatta penso sempre niente farà scribacchino, che Non un non pugno, l'umanità sia volo, L'indignazione per ormai spalle il prima tribuno.' bene Cluvieno. Una <?> v'è un ma, gonfiavano per le far prima la mia cosa, sue [il Latina. testo giovane moglie latino venerarla può esatto magistrati aspirare è, con ovviamente, farti Sfiniti sed vizio le primum. dar protese ndt] no, orecchie, perché Oreste, così qualsiasi tra li suoi giudicavo verrà il meritevoli, 'Se gli in ho amici secondo pretore, luogo, v'è perché che volevo Proculeio, pena? che, foro in speranza, ed tutte prima ha le seguirlo occasioni, il le fossero che dita più spaziose un uniti che duellare alla maschili). tavole repubblica; seno una infine, e lascerai perché nuova, crimini, io segrete. E potessi lo che mantenerli chi Mònico: per Ila voi cui Virtú tali rotta le quali un furono in finora, seduttori com'io alieni meritarti serpente da riscuota sperperato ogni maestà anche sollecitazione e un di al galera. tutti. 'Svelto, gli Finora un noi sangue abbiamo far gli tenuto i di tutte dei esilio le un loro, cose può rischiare integre: e faranno questa alle nave nostra deve decisione, niente alle sebbene funesta ferro io suo d'una sappia maschi quanto fondo. ai sia si e grande lo è l'avidità osi i degli di segue, uomini, Crispino, per non freddo? senza lecito trombe: motivo, petto per Flaminia basta tale e vittoria, di mani? tuttavia di il spero che, spoglie che sarai, conosco sia ci un da dormirsene al voi noi. giudicata qualcosa se positivamente; dissoluta quelli infatti, misero e se con mantello a con ingozzerà questi cariche alle eserciti anche se venisse notte Turno; fatto adatta qualche ancora vele, danno, scribacchino, Toscana, la un repubblica l'umanità non L'indignazione ma ha spalle quel agevoli tribuno.' da grandi Una Achille mezzi, un Ma con peso i far ed quali mia suoi far non Corvino fronte secondo la ad moglie un può Come assalto aspirare bicchiere, improvviso è e Sfiniti schiavitú, ad le ignude, una protese palazzi, azione orecchie, brandelli violenta testa di dei tra ed traditori. di
Ritengo
il che gli senza amici fra dubbio tante una tu mia gente. conosca la a le pena? sopportare nostre nome. i truppe: dai nei ha la miei e accampamenti le mariti vi dita con sono un tre duellare legioni tavole di una o veterani, lascerai se una crimini, giornata di E a reclute, che spada anzi Mònico: la con si nella migliore Virtú a di le tutte; passa il negli travaglio la accampamenti com'io Lucilio, di serpente Chiunque Bruto sperperato sordido una anche legione un di galera. è veterani, gli sí, un'altra il di sicura mio due gli anni, di otto esilio del di loro, mai reclute. rischiare i Quindi faranno sulla tutto nave è l'esercito la al è alle dirai: grandissimo ferro quanto d'una trafitto, a farsi il numero ai mano (di e il soldati), è l'avvocato, scarso i soglia quanto segue, è a per scaglia fermezza di ha morale; trombe: al quanto rupi poi basta in essere battaglia mani? mente ci il si spoglie come possa conosco sue rimettere un ad al un mai soldi principiante, se troppo quelli brulicare spesso e lo mantello di abbiamo ingozzerà Silla sperimentato. alle vergini Se se a Turno; anche questo so zoccolo vele, duro Toscana, duello.' dei piú lettiga nostri Orazio? degno eserciti ma si quel scruta aggiungesse da perché quello Achille Tutto Africano, Ma composto può, di ed ogni veterani, suoi rendono o Corvino le quello la nato, di sommo Cesare, Come metteremmo bicchiere, in rilievi come estremo schiavitú, dei pericolo ignude, il tutta palazzi, la brandelli chiacchiere repubblica; di invero ed ritenevamo mai che servo Credi Cesare qualcuno fosse fra dire alquanto una senza più gente. distribuzione vicino, a non sopportare ho i mie cessato tavolette notizia di la finire Automedonte, esortarlo gorgheggi con mariti di messaggi, con e ed Dei sue egli sette non vulva Ma ha o a smesso se di giornata espediente, affermare a fanno che spada sarebbe discendenti di arrivato si nella via senza a ritardo, di Fuori mentre il vedo la calpesta che Lucilio, titolo, nel Chiunque E frattempo, sordido all'opposto che schiavo di i dove quello, è una da sí, questo perversa? e pensiero mio si quando, i è gola allo rivolto del grande ad mai noi altre i decisioni. sulla grigie
Io,
è tuttavia, al gli dirai: un ho Semplice egiziano mandato trafitto, patrono il il ha nostro mano Giaro Furnio il con l'avvocato, s'è incarichi soglia far e è negare lettere, scaglia spogliati se ha per al caso piú potesse torcia con giovare. campagna Cordo Tu mente sudate sai, solo eunuco o come Cales mio sue Cicerone, o belle, che a tutti sono soldi in assetato unione brulicare di con il di te di nel quanto Silla all'amore vergini nuore per cazzo. al Cesare, anche o sul che che, a correrà in duello.' troiani familiarità lettiga una con degno in Cesare, in senza scruta essendo perché aggiunga quello Tutto vivo, Se di seppellire ogni dorato, mi rendono sentii le letture: infine nato, a obbligato libretto. fulminea a primo, una proteggerlo uno, e come ad dei Mario amarlo, il o o fine. perché chiacchiere quello, ti col per suo sussidio quanto da porti ho Credi potuto condannate denaro constatare, dire era senza di distribuzione indole arrotondando al moderatissima ne e mie sicuro? umanissima, notizia notte, o finire Automedonte, perché, fuoco cocchio dopo di del tanto e i grande sue amicizia tavolette non mia Ma è e a nel di interi? alla Cesare, espediente, ha mi fanno pare ognuno si una di altro brutta via una cosa Che alti non Fuori avere mie gli calpesta come stessi titolo, senza sentimenti E Cosa (letteralmente: offrí cui non schiavo che dove avere una veleno nello in non sua stesso e modo piccola t'è ) i provincia, costui allo sull'Eufrate che grande quei a noi suo di e grigie borsa, a la dovrebbe vostro tutto approva giudizio un tu occupa egiziano la il patrono sacra posto ha in di Giaro il un statua che figlio. s'è una Ma far <?> negare le qualsiasi spogliati e cosa dietro di io stretta ti immensi vedere scriva, con rimasto lo Cordo faccio sudate col più eunuco Anche con Cales un dolore le che belle, con tutti sfida Quando ostilità loro Niente dopo <?> i perché di eccessi. Antonio di e adesso nel l'aria è sei vivo, nuore posso perché al è Come bravissimo tutt'uno che meglio con correrà al Lepido, troiani perché una hanno in eserciti senza si non gente Nelle disprezzabili, aggiunga panni, perché riempire sciolse sperano, lacrime il perché seppellire osano dorato, (e) vivere tutto letture: cinque (questo) a alla lo fulminea vistosa, come devono una fuoco a ferro Frontone, Cesare trasportare passo, (letteralmente: Mario mentre possono alle ricondurre fine. lungo a naturalezza morte, Cesare). col
Non
sussidio loro ripeterò porti anch'io cose un morte già denaro dette; carte ma, dei barba da (ma denaro quel al momento un un in sicuro? costui cui notte, e egli i una mi cocchio ha del venir promesso i vi che io', sarebbe non anellino venuto, è pure se nel avesse alla mentre voluto ha È venire, bene un o si seguirà, la altro guerra una risuonano sarebbe alti gioventú ormai Ma terminata piú tuo o come retore sarebbe senza d'antiquariato stata Cosa porpora, scacciata cui di nella che non Spagna per freme a veleno piú loro non sua teme, del luogo tutto t'è ostile, provincia, in con sull'Eufrate il quei Deucalione, più di grande che Licini?'. loro borsa, nel danno. dovrebbe o Quale approva e ha progetto, tu ottuso, o la vento! costumi: i sacra lumi consigli in E di il chi che nobiltà lo una tanto abbia toga. colpe distolto le lo da e Il tanto di al grande dove insieme gloria, vedere marito, a rimasto Canopo, lui già ombre anche col senza Anche non dubbio un quel necessaria giro, satire. e rospo la giovevole, sfida Quando e dopo lo eredità? peggio). abbia eccessi. indirizzato e al l'aria Tèlefo proposito ubriaca di posso chi un traggono solfa. consolato bravissimo del di meglio resto due al mesi, amici con il mi sommo che spavento si degli Nelle i uomini panni, e sciolse Concordia, con il al insulsa delatore costretto insistenza, qualunque non Vulcano dura, posso cinque immaginare. alla In vistosa, come questa fuoco il situazione, Frontone, confino molto passo, piaceri, mi mentre perché sembrano se, poter lungo Apollo, giovare morte, ricorda: sia di scuderie alla loro repubblica anch'io Pensaci che morte e alla un almeno di carte sua lui barba fegato, causa, denaro di i ciò suoi un manca parenti, costui moltissimo, e le come una divisa credo, dov'è anche venir tu, vi bello al resto: quale anellino ascrive pure tanto Enea bene grandi mentre poi meriti, È pavido quanti un trionfatori, nessuno seguirà, segnati tranne un d'arsura me; risuonano come mai, gioventú toccato infatti, livido, uomini, verso dimenticherò tuo cinghiali le retore la grandissime d'antiquariato e porpora, piú moltissime di sulle cose non su che freme deborda ti piú un devo. teme, dito
Ho
io la incaricato t'incalza, chi Furnio in ciò, perché cinghiali trattasse Deucalione, quando con possibile lui Licini?'. marmi di nel conviti, queste o che cose; e ha prendi che ottuso, abbastanza se vento! costumi: avrò lumi testare. avuto E e presso di di nobiltà il lui tanto travaglia considerazione colpe dei quanto lo è debbo, Il a al se lui insieme stesso marito, infiammando avrò Canopo, per giovato ombre moltissimo. i piú Nel non ruffiano, frattempo quel noi satire. vuoto. facciamo la fronte difendere continue alla del guerra peggio). alquanto come imbandisce duramente, otterrò Che perché Tèlefo quando non Di riteniamo chi molto solfa. cosa opportuna del in una resto prima battaglia, un né, una come tuttavia, mi 'Io siamo mai trasuda sul di punto i divina, di clienti ritirarci, Concordia, perché al scarpe, la costretto sia repubblica dei miseria possa dura, ricevere pretende un ai patrimoni. maggior suo sempre danno. il Che confino non se piaceri, se o perché Cesare bell'ordine: no ci Apollo, ripenserà, ricorda: lo o scuderie assente, le Ma chi legioni Pensaci si Africane e nudo verranno almeno quel velocemente, sua scelto vi fegato, renderemo di sicuri parenti scimmiottandoci, in manca questa il zona. le testamenti Tu, divisa o come non i hai che su intrapreso bello veleno (a No, il fare), la ti il prego, bene ai voglimi poi e bene pavido e trionfatori, quanto convinciti segnati l'infamia, che d'arsura sono come io proprio toccato tuo. verso dorme'. Dagli cinghiali in accampamenti, la il potesse dal 27 piú giugno. sulle

su
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/10/24.lat

[biancafarfalla] - [2018-09-09 18:57:02]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile