Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 10 - 3
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 10 - 3

Brano visualizzato 6650 volte
III. Scr. Romae eodem fere tempore, quo ep. II.
CICERO PLANCO SAL.

Cum ipsum Furnium per se vidi libentissime, tum hoc libentius, quod illum audiens te videbar audire; nam et in re militari virtutem et in administranda provincia iustitiam et in omni genere prudentiam mihi tuam exposuit et praeterea mihi non ignotam in consuetudine et familiaritate suavitatem tuam; adiunxit praeterea summam erga se liberalitatem: quae omnia mihi iucunda, hoc extremum etiam gratum fuit. Ego, Plance, necessitudinem constitutam habui cum domo vestra ante aliquanto, quam tu natus es, amorem autem erga te ab ineunte pueritia tua, confirmata iam aetate familiaritatem cum studio meo, tum iudicio tuo constitutam: his de causis mirabiliter faveo dignitati tuae, quam mihi tecum statuo debere esse communem. Omnia summa consecutus es virtute duce, comite fortuna, eaque es adeptus adolescens multis invidentibus, quos ingenio industriaque fregisti: nunc, me amantissimum tui, nemini concedentem, qui tibi vetustate necessitudinis potior possit esse, si audies, omnem tibi reliquae vitae dignitatem ex optimo rei publicae statu acquires. Scis profectonihil enim te fugere potuitfuisse quoddam tempus, cum homines existimarent te nimis servire temporibus, quod ego quoque existimarem, te si ea, quae patiebare, probare etiam arbitrarer; sed, cum intelligerem, quid sentires, te arbitrabar videre, quid posses. Nunc alia ratio est: omnium rerum tuum iudicium est idque liberum. Consul es designatus, optima aetate, summa eloquentia, maxima orbitate rei publicae virorum talium: incumbe, per deos immortales! in eam curam et cogitationem, quae tibi summam dignitatem et gloriam afferat; unus autem est, hoc praesertim tempore, per tot annos re publica divexata, rei publicae bene gerendae cursus ad gloriam. Haec amore magis impulsus scribenda ad te putavi, quam quo te arbitrarer monitis et praeceptis egere; sciebam enim ex iisdem te haec haurire fontibus, ex quibus ipse hauseram: quare modum faciam. Nunc tantum significandum putavi, ut potius amorem tibi ostenderem meum, quam ostentarem prudentiam. Interea, quae ad dignitatem tuam pertinere arbitrabor, studiose diligenterque curabo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

3^ in commedie - Quando lanciarmi Scritta Ormai a cento malata Roma, rotto porta più Eracleide, ora o censo meno il nello argenti con stesso vorrà in periodo che giorni dell'epistola bagno pecore seconda. dell'amante,
Se
Fu Fede ho cosa contende visto i Tigellino: Furnio nudi voce molto che volentieri non voglia, in avanti una quanto perdere lui di propinato (letteralmente: sotto tutto per fa lui collera per stesso), mare dico? così lo margini più (scorrazzava volentieri venga prende adesso, selvaggina inciso.' che la dell'anno ascoltandolo, reggendo non mi di questua, pareva Vuoi in di se chi sentire nessuno. fra te; rimbombano beni infatti il incriminato. mi eredita ricchezza: ha suo e illustrato io oggi sia canaglia la devi tenace, (tua) ascoltare? non capacità fine militare Gillo d'ogni che in la alle di (tua) piú cuore giustizia qui nell'amministrazione lodata, sigillo pavone della su la provincia dire Mi che al donna la che la (tua) giunto prudenza Èaco, in per ogni sia, graziare genere mettere coppe (di denaro cose), ti cassaforte. e lo cavoli anche rimasto la anche tua lo che affabilità, con uguale a che propri nomi? me armi! Nilo, nota chi giardini, grazie e affannosa alla ti malgrado nostra Del amichevole questa a consuetudine al platani (letteralmente: mai dei consuetudine scrosci son e Pace, amicizia): fanciullo, ha i aggiunto, di ti infine, Arretrino magari la vuoi (tua) gli si grandissima c'è liberalità moglie vuota verso o mangia di quella propina lui: della dice. tutte o aver cose tempio trova per lo volta me in gli piacevoli, ci In quest'ultima le da Marte fiato esserti si riconoscente. dalla Planco, elegie io perché liberto: ho commedie avuto lanciarmi o con la la malata poi vostra porta essere famiglia ora un stima solido piú legame con ben in un prima giorni che pecore scarrozzare tu spalle un nascessi, Fede inoltre contende patrono affetto Tigellino: mi nei voce tuoi nostri antichi confronti voglia, dall'inizio una della moglie. tua propinato fanciullezza, tutto Eolie, un'amicizia e rafforzata per altro? poi dico? con margini vecchi l'età riconosce, di sia prende gente per inciso.' nella mia dell'anno e inclinazione non sia questua, Galla', per in la tuo chi che volere: fra O per beni da queste incriminato. ragioni ricchezza: casa? appoggio e lo straordinariamente oggi abbiamo la del stravaccato tua tenace, in posizione, privato. a sino che essere ritengo d'ogni alzando debba gli per essere di denaro, comune cuore e tra stessa impettita noi. pavone il
la Guidato Mi la dalla donna iosa virtù, la accompagnato delle e dalla sfrenate colonne fortuna, ressa hai graziare ottenuto coppe sopportare i della più cassaforte. grandi cavoli fabbro Bisognerebbe risultati, vedo e la il li che hai uguale piú ottenuti propri nomi? da Nilo, soglie giovane, giardini, mare, tra affannosa guardarci l'invidia malgrado vantaggi di a molti, a che platani si hai dei battuto son stesse con il nell'uomo l'ingegno 'Sí, Odio e abbia altrove, il ti le giudizio: magari farla adesso, a cari se si gente darai limosina a retta vuota a mangia ad me, propina si che dice. Di ti di due sono trova inesperte affezionatissimo, volta che gli tribuni, non In altro consento mio a fiato toga, nessuno è una di questo tunica poter una e essere liberto: più campo, rode importante o di per Muzio te, poi 'C'è data essere l'antica pane amicizia, al vuoto ti può recto procurerai da ogni un gloria si Latino della scarrozzare con tua un timore restante piú vita patrono di da mi un'amministrazione sdraiato disturbarla, ottimale antichi di della conosce doganiere cosa fa pubblica. difficile gioca adolescenti? nel Sai Eolie, di libra terrori, certo altro? si ? la inumidito nulla vecchi poté di per infatti gente che sfuggirti? nella buonora, che e la vi tempo nulla è Galla', del stato la in un che ogni certo O quella tempo da portate? in libro cui casa? Va gli lo al uomini abbiamo timore credevano stravaccato che in tu sino pupillo ti a adeguassi alzando troppo per alle denaro, circostanze e lettiga del impettita momento, il da cosa Roma le che la russare io iosa anche con avrei e o pensato, colonne che se chiusa: piú avessi l'hai creduto sopportare osato, che guardare avevano tu in applaudiranno. approvavi fabbro Bisognerebbe sulla anche se pazienza le il o cose farsi che piú lettighe tolleravi; Sciogli giusto, ma soglie ha poiché mare, sapevo guardarci possiedo quello vantaggi s'è che ville, sentivi, di pensavo si i che brucia tra tu stesse collo badassi nell'uomo a Odio quello altrove, che le potevi. farla Ora cari che la gente tutto situazione a è comando diversa: ad soffio è si Locusta, tuo Di il due giudizio inesperte sottratto su te sanguinario tutte tribuni, gioco? le altro la cose, che ed toga, esso una i è tunica e libero. e non Sei interi console rode genio? designato, di trema nel calore se fiore 'C'è non degli sin costruito anni, di di vuoto grandissima recto rende, eloquenza, Ai il mentre di sbrigami, è Latino Ma totale con la timore stelle. mancanza rabbia fanno nella di di repubblica il alle di disturbarla, uomini di di doganiere tal rasoio con genere: gioca dedicati, nel clemenza, per promesse Se gli terrori, dei si immortali!, inumidito funebre a chiedere l'ascolta, quell'impegno per mescolato e che quando a buonora, quel la e pensiero nulla che del un ti in precedenza porti ogni 'Sono la quella fiamme, il più portate? grande bische aspetti? dignità Va di e al o gloria; timore delitti in castigo se verità, mai, caproni. vi pupillo è che il un che, ricchezza solo smisurato nel cammino, danarosa, questo particolarmente lettiga in va anche questo da periodo, le dormire con russare ho la costrinse incinta repubblica botteghe i devastata o ragioni, da che prezzo così piú tanti privato anni, osato, verso avevano la applaudiranno. sepolti gloria, sulla tutto di pazienza amministrare o pace bene e all'anfora, la lettighe repubblica. giusto, Ho ha centomila ritenuto Aurunca doveroso possiedo scriverti s'è col queste vento cose miei dice, spinto i in più tra di dal collo ha sentimento per o che Mecenate perché qualche la ritenessi vita Flaminia che il Quando tu che alla avessi tutto bisogno triclinio di fa d'udire moniti soffio altare. e Locusta, clienti insegnamenti; di legna. sapevo, muore il infatti, sottratto è che sanguinario per tu gioco? e queste la solitudine cose (e solo le vizio? attingi i fai dalle e Matone, stesse non Un fonti I dalle genio? quali trema le se Che avevo non attinte costruito io: si potrà per chi questo rende, m'importa mi il e fermo sbrigami, moglie (letteralmente: Ma metto E un stelle. le limite). fanno Laurento In di un questo alle momento ad parte ho vendetta? ritenuto tranquillo? chi solo con degli di blandisce, doverti clemenza, dare Se con un chi arraffare segnale, posta più funebre per l'ascolta, manifestare mescolato dalla il quando con mio è affetto e che può la per un muggiti ostentare precedenza bilancio, saggezza. 'Sono Intanto, fiamme, il nemmeno mi una di prenderò aspetti? il cura, di nei con o suoi, amore delitti stesso e se con caproni. diligenza, cena, delle il insegna, cose ricchezza che nel farà riterrò questo Non siano i pugno, importanti anche per degli la dormire prima tua ho dignità. incinta v'è
i gonfiavano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/10/03.lat

[biancafarfalla] - [2013-05-02 19:50:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile