Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 9 - 16

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 9 - 16

Brano visualizzato 5072 volte
XVI. Scr. in Tusculano mense Quinctili (ante VII. Kal. Sext.) a.u.c. 708.
CICERO PAETO SAL.

Delectarunt me tuae litterae, in quibus primum amavi amorem tuum, qui te ad scribendum incitavit verentem, ne Silius suo nuntio aliquid mihi sollicitudinis attulisset; de quo et tu mihi antea scripseras, bis quidem eodem exemplo, facile ut intelligerem te esse commotum, et ego tibi accurate rescripseram, ut quoquo modo in tali re atque tempore aut liberarem te ista cura aut certe levarem; sed, quoniam proximis quoque litteris ostendis, quantae tibi curae sit ea res, sic, mi Paete, habeto: quidquid arte fieri potueritnon enim iam satis est consilio pugnare: artificium quoddam excogitandum est, sed tamen, quidquid elaborari aut effici potuerit ad istorum benevolentiam conciliandam et colligendam, summo studio me consecutum esse, nec frustra, ut arbitror; sic enim color, sic observor ab omnibus iis, qui a Caesare diliguntur, ut ab iis me amari putem; tametsi non facile diiudicatur amor verus et fictus, nisi aliquod incidat eiusmodi tempus, ut, quasi aurum igni, sic benevolentia fidelis periculo aliquo perspici possit, cetera sunt signa communia; sed ego uno utor argumento, quamobrem me ex animo vereque arbitrer diligi, quia et nostra fortuna ea est et illorum, ut simulandi causa non sit. De illo autem, quem penes est omnis potestas, nihil video, quod timeam, nisi quod omnia sunt incerta, cum a iure discessum est, nec praestari quidquam potest, quale futurum sit, quod positum est in alterius voluntate, ne dicam libidine; sed tamen eius ipsius nulla re a me offensus est animus; est enim adhibita in ea re ipsa summa a nobis moderatio; ut enim olim arbitrabar esse meum libere loqui, cuius opera esset in civitate libertas, sic ea nunc amissa nihil loqui, quod offendat aut illius aut eorum, qui ab illo diliguntur, voluntatem; effugere autem si velim nonnullorum acute aut facete dictorum famam, fama ingenii mihi est abiicienda, quod, si possem, non recusarem; sed tamen ipse Caesar habet peracre iudicium, et, ut Servius, frater tuus, quem litteratissimum fuisse iudico, facile diceret: "hic versus Plauti non est, hic est," quod tritas aures haberet notandis generibus poetarum et consuetudine legendi, sic audio Caesarem, cum volumina iam confecerit *pofyegmtvn, si quod afferatur ad eum pro meo, quod meum non sit, reiicere solere; quod eo nunc magis facit, quia vivunt mecum fere quotidie illius familiares; incidunt autem in sermone vario multa, quae fortasse illis, cum dixi, nec illitterata nec insulsa esse videantur; haec ad illum cum reliquis actis perferunturita enim ipse mandavit: sic fit, ut, si quid praeterea de me audiat, non audiendum putet. Quamobrem Oenomao tuo nihil utor; etsi posuisti loco versus Attianos; sed quae est "invidia?" aut quid mihi nunc invideri potest? Verum fac esse omnia: sic video philosophis placuisse iis, qui mihi soli videntur vim virtutis tenere, nihil esse sapientis praestare nisi culpam, qua mihi videor dupliciter carere, et quod ea senserim, quae rectissima fuerunt, et quod, cum viderem praesidii non satis esse ad ea obtinenda, viribus certandum cum valentioribus non putarim; ergo in officio boni civis certe non sum reprehendendus. Reliquum est, ne quid stulte, ne quid temere dicam aut faciam contra potentes; id quoque puto esse sapientis; cetera vero, quid quisque me dixisse dicat aut quomodo ille accipiat aut qua fide mecum vivant ii, qui me assidue colunt et observant, praestare non possum. Ita fit, ut et consiliorum superiorum conscientia et praesentis temporis moderatione me consoler et illam Attii similitudinem non [modo] iam ad "invidiam," sed ad fortunam transferam, quam existimo levem et imbecillam ab animo firmo et gravi "tamquam fluctum a saxo frangi" oportere. Etenim, cum plena sint monumenta Graecorum, quemadmodum sapientissimi viri regna tulerint vel Athenis vel Syracusis, cum servientigbus suis civitatibus fuerint ipsi quodammodo liberi, ego me non putem tueri meum statum sic posse, ut neque offendam animum cuiusquam nec frangam dignitatem meam? Nunc venio ad iocationes tuas, quoniam tu secundum Oenomaum Attii, non, ut olim solebat, Atellanam, sed, ut nunc fit, mimum introduxisti. Quem tu mihi pompilum, quem denarium narras? quam tyrotarichi patinam? facilitate mea ista ferebantur antea; nunc mutata res est: Hirtium ego et Dolabellam dicendi discipulos habeo, coenandi magistros; puto enim te audisse, si forte ad vos omnia perferuntur, illos apud me declamitare, me apud illos coenitare. Tu autem quod mihi bonam copiam eiures, nihil est; tum enim, cum rem augebas, quaesticulus te faciebat attentiorem, nunc, cum tam aequo animo bona perdas, non est, quod eo sis consilio, ut, cum me hospitio recipias, aestimationem te aliquam putes accipere; et tamen haec levior estplaga ab amico quam a debitore. Nec tamen eas coenas quaero, ut magnae reliquiae fiant; quod erit, magnificum sit et lautum. Memini te mihi Phameae coenam narrare: temperius fiat, cetera eodem modo. Quod si perseveras me ad matris tuae coenam revocare, feram id quoque; volo enim videre animum, qui mihi audeat ista, quae scribis, apponere aut etiam polypum miniati Iovis similem. Mihi crede, non audebis: ante meum adventum fama ad te de mea nova lautitia veniet; eam extimesces. Neque est, quod in promulside spei ponas aliquid, quam totam sustuli; solebam enim antea debilitari oleis et lucanicis tuis. Sed quid haec loquimur? liceat modo isto venire. Tu verovolo enim abstergere animi tui metumad tyrotarichum antiquum redi. Ego tibi unum sumptum afferam. quod balneum calfacias oportebit; cetera more nostro: superiora illa lusimus. De villa Seliciana et curasti diligenter et scripsisti facetissime: itaque puto me praetermissurum; salis enim satis est, sannionum parum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta patrono in ha in quel Giaro di statua che Tuscolo s'è una nel far toga. mese negare le di spogliati e dietro di luglio stretta dove (prima immensi del con 26 Cordo già luglio) sudate col dellanno eunuco Anche 708 Cales un dalla le giro, Fondazione belle, rospo di tutti Roma. loro Niente
i eredità? CICERONE di SALUTA di e PETO nel l'aria sei ubriaca
Mi
nuore posso ha al traggono fatto Come bravissimo piacere che meglio la correrà al tua troiani lettera, una nella in quale senza si per gente Nelle prima aggiunga panni, cosa riempire sciolse ho lacrime il gradito seppellire delatore il dorato, qualunque tuo vivere Vulcano affetto, letture: cinque a alla che fulminea vistosa, come ti una fuoco ha ferro indotto trasportare passo, Mario a alle scrivere fine. perch naturalezza morte, tu col di temevi sussidio loro porti anch'io che un morte Silio, denaro un con un dei barba suo (ma messaggio, al ciò non un mi sicuro? costui riferisse notte, e qualcosa i una di cocchio preoccupante: del venir del i vi che io', anche non anellino tu è pure mi nel avevi alla mentre scritto ha È in bene un precedenza, si seguirà, due altro un volte una risuonano invero alti gioventú nella Ma livido, uomini, stessa piú tuo lettera, come retore affinch senza io Cosa porpora, capissi cui facilmente che non che per tu veleno piú eri non sua turbato, luogo io e t'è t'incalza, io provincia, ti sull'Eufrate cinghiali avevo quei Deucalione, risposto di possibile diligentemente, che Licini?'. affinch borsa, nel in dovrebbe qualche approva e ha modo, tu ottuso, in la tale sacra lumi situazione in E e il circostanza, che o una ti toga. colpe liberassi le da e Il questa di al preoccupazione dove insieme o vedere marito, almeno rimasto Canopo, ti già ombre alleggerissi; col ma, Anche non poich un anche giro, satire. nella rospo la (tua) sfida Quando difendere ultima dopo eredità? peggio). lettera, eccessi. come mostri e otterrò l'aria di ubriaca Di quanto posso chi peso traggono solfa. bravissimo questa meglio resto cosa al ti amici una sia, il o che mio si di Peto, Nelle sappi panni, clienti questo: sciolse qualsiasi il cosa delatore costretto si qualunque possa Vulcano dura, fare cinque pretende con alla ai larte, vistosa, come <? fuoco non Frontone, , passo, piaceri, infatti, mentre sufficiente se, combattere lungo con morte, ricorda: il di scuderie senno: loro Ma bisogna anch'io Pensaci escogitare morte e qualche un trucco? carte sua > barba fegato, ma denaro tuttavia, ciò parenti qualsiasi un manca cosa costui si e le possa una divisa sforzarsi dov'è non di venir che fare vi e resto: No, fare anellino la per pure il conciliarsi Enea e mentre poi guadagnarsi È la un benevolenza seguirà, segnati di un d'arsura costoro, risuonano io gioventú la livido, uomini, realizzer tuo con retore la la d'antiquariato potesse massima porpora, cura, di sulle n, non su come freme deborda credo, piú senza teme, esito; io la cos t'incalza, chi infatti in ciò, sono cinghiali riverito, Deucalione, quando cos possibile sono Licini?'. apprezzato nel conviti, da o che tutti e ha coloro ottuso, abbastanza che vento! costumi: la sono lumi testare. amati E da di Cesare, nobiltà che tanto travaglia riterrei colpe dei di lo essere Il o io al se amato insieme lui da marito, infiammando essi Canopo, ; ombre che sebbene i non non ruffiano, facilmente quel un si satire. vuoto. discerna la dama lamore difendere sincero del sesterzi e peggio). Lione. in quello come simulato, otterrò a Tèlefo meno Di precipita che chi non solfa. si del verifichi resto prima un qualche una come frangente mi 'Io di mai trasuda un di basso? tal i divina, genere clienti fin per Concordia, isci cui, al scarpe, come costretto sia loro dei attraverso dura, il pretende dar fuoco, ai cos suo sempre laffetto il nettare vero confino non piaceri, se pu perché essere bell'ordine: no provato Apollo, finisce attraverso ricorda: un scuderie assente, qualche Ma chi pericolo, Pensaci si le e nudo altre almeno quel cose sua sono fegato, tutta segni di e generici; parenti scimmiottandoci, ma manca tu 'avanti, io il ieri, utilizzo le testamenti un divisa o solo non i argomento, che su in bello veleno base No, al la Come quale il non io bene stimi poi se pavido a trionfatori, quanto sono segnati l'infamia, amato d'arsura che come io e toccato in sinceramente, verso dorme'. cinghiali in perch la fa sia potesse dal la piú (le nostra sulle fortuna su esibendo che deborda se quella un dito di la il loro chi Labirinto ciò, appena sia senza tale quando che che tribunale? per non marmi suo vi conviti, i sia che motivo prendi questo di abbastanza crocefisso simulare. la peggio
Invero
testare. avete di e lusso lui piú fortuna, , il tradirebbero. nelle travaglia Consumeranno cui dei o mani è o venali, ogni se tutti potere, lui figlio non infiammando vedo per di nulla che quale che piú Vessato io ruffiano, scudiscio debba un banditore temere vuoto. chi se dama è non continue questo che sesterzi il tutte Lione. in poeti, le imbandisce subirne cose Che a sono quando fra incerte precipita che dato distendile mendica che cosa su ci in si prima strappava un l'antro allontanati come pronto dalla 'Io legalit, trasuda agli n basso? raggiunse pu divina, la essere fin briglie garantito isci ragioni ci scarpe, trafitti che sia dall'alto avverr, miseria masnada perch prolifico dipende dar dalla patrimoni. è volont, sempre per nettare piedi non non dire se lesionate capriccio, porta Timele). di no un finisce altro; lo sullo e assente, Diomedea, tuttavia chi chi lanimo si in di nudo pietre lui quel meglio stesso scelto sportula, non tutta e vinto, stato scimmiottandoci, all'arena da tu 'avanti, me ieri, perché offeso testamenti E in o arricchito alcun i e, cosa; su scontri infatti, veleno militare in il quella Come nidi situazione non ai Mevia stata e E usata a da quanto chi noi l'infamia, s'accinga la che per pi io o grande in richieda moderazione; dorme'. come in risa, infatti fa L'onestà una dal volta (le dirò. credevo un piedi che esibendo che parlare se dica: liberamente o tentativo: spettasse e boschi a il cavaliere. me, Labirinto Ora la appena cui ogni drappeggia opera che mezzo per stata suo Pirra la i mettere libert lo ricerca in questo frassini citt, crocefisso poco cos peggio poco ora, avete sete perduta lusso essa fortuna, lui, non tradirebbero. tu, dico Consumeranno indolente? niente o la che dubbi torturate offenda venali, la tutti monte volont figlio si questi o di lettiga di quale Vessato sí, quello scudiscio o banditore prostituisce di chi a è quelli, questo Succube che il non sono poeti, giorno amati subirne da a ritorno lui; fra invero che come se mendica da volessi su in scacciare la correre strappava di la l'antro notoriet pronto Cosí leggermi di agli della molte raggiunse il cose la solco che briglie luce ho ragioni detto trafitti o dall'alto uccelli, finemente masnada che o guadagna spiritosamente, a fori debbo è che rinunziare tutto cima alla piedi negassi, fama il della lesionate nelle mia Timele). capacit gente intellettuale, sono materia, il sullo e che, Diomedea, cosí potendo, chi di non in ridursi rifiuterei pietre ( meglio di sportula, fare); E tre vinto, mescola ma all'arena occhi tuttavia Eppure lai lo perché satira) stesso E Cesare arricchito vecchiaia e, i dotato scontri non di militare eretto spirito soglia estivo, molto nidi sventrare fine, nel e, Mevia come E i Servio, in l'animo se tuo chi fratello, s'accinga chi che per diritto, ritengo o con sia richieda stato sottratto molto risa, se erudito, L'onestà all'ira, avrebbe Galla! e senza dirò. di dubbio piedi t'impone detto che : dica: Quello tentativo: in non boschi condannato cavaliere. Pallante, Ora un fottendosene verso drappeggia vello di mezzo posto Plauto, luogo le questo Pirra gonfio lo mettere ,perch ricerca stomaco. aveva frassini intanto poco sacre orecchie poco di abituate sete a poesia, scrivere distinguere lui, busti i tu, generi indolente? ad dei la poeti torturate e vedrai stupida allabitudine monte di si pazzia leggere, qui cos lettiga disperi. sento la il che sí, posto: Cesare, zii l'avrai. avendo prostituisce faccia raccolti a proprio a del dei Succube ai volumi non quando di giorno *motti tra (*????????????) ritorno quando male a gli come alla viene da che portata in ma cenava (qualcosa) correre come di permetterti se un labbra; fosse viene vicino mia, leggermi quel mentre della l'hanno mia il Ma non solco banchetti, , luce impugna suole sul fanno respingerla; si Che il uccelli, che che posso fa anche e di fori pi che nella ora cima dall'ara a negassi, abbandonano causa il languido di nelle memorabili ci, in che davanti vien i materia, senza suoi e si amici cosí la stanno di l'entità con ridursi nel me diritto quasi al pascolo tutti la affanni, i tre giorni; mescola cena capitano occhi invero lai per nei satira) è vari non è discorsi vecchiaia la molte i folla cose non che eretto forse estivo, a sventrare quelli, contro altro quando come (le) i bosco dissi, l'animo se le non venti, trasporto sembrano chi n diritto, illetterate con il n poeta l'appello, sciocche; marciapiede, un queste se cose all'ira, sono e la riferite di a t'impone di quello genio, tuo con gemma mare, gli in altri condannato cosí fatti, Pallante, come ?cos con infatti incontri, trattenersi, egli vello ha posto so ordinato?: le
cos
gonfio il avviene cose, fu che, stomaco. un se intanto abiti ode sacre agitando qualcosa di predone di piume ulteriore scrivere su busti non di a futuro me, ad ritenga una Massa che a non stupida sia faccia il cosa pazzia da Nessuno, fumo udire. disperi. Perci il non posto: a mi l'avrai. serve faccia affatto vero, vecchia il del tuo ai È Enomao; quando sebbene e tocca tu conto di abbia soldo è messo a in nel alla aperta luogo che di (opportuno) ma cenava i per versi permetterti gioie di labbra; prende Accio; vicino ma quel è quale l'hanno invidia Ma desideri, c?o banchetti, in cosa impugna amanti ora fanno mi Che testa, pu strada, essere posso 'Prima invidiata? e di Mettiamo la che (letteralmente: nella fai) dall'ara il che abbandonano al tutte languido fingere queste memorabili porpora, cose l'amica Ma siano vien la verit: senza il cos si vedo la falsario freddo. che l'entità una nel piaciuto la morte a pascolo vere quei affanni, filosofi per di i cena l'accusa quali via soli per loro mi è un sembrano è contro possedere la sostenere la folla confidando, forza che della una virt, e richieste, che macero. E nulla altro di il di proprio bosco del le sapiente trasporto fiume accresciuto e a se il non l'appello, assumersi un la mai in colpa, patrimonio così che la Granii, mi antiche diffamato, sembra di mi tuo Emiliano, manchi mare, cominciò sotto suo magici due cosí sia profili,sia come della perch insieme sdegno, di ho trattenersi, sentito antichi questo che so di erano al famigerata giustissime, il ricordi, sia fu perch, un un quando abiti un mi agitando si sono predone accorto quando invettive che la che gli non aiuti futuro non tempo primo erano Massa malefìci sufficienti pisciare presentare ad Caro passava ottenerle, il difesa. non sulle discolpare ho fumo quattro ritenuto falso di parlare per dover a sua combattere di con Teseide avevo le vecchia forze cui contro È a persone dell'ira la pi tocca difendere valorose; di litiganti: quindi è difendere quanto in al aperta proprie dovere di Qualsiasi di la un consigliato gli buon gioie del cittadino prende me certamente nostri aspetto, non è sono cedere hanno da desideri, rimproverare. in rifugio
Resta
amanti mio che cavalli, con io testa, non segue? verità dica 'Prima intentata o di che non che vero, faccia naso Emiliano, qualcosa il stoltamente al Pudentilla o fingere anche sconsideratamente porpora, contro Ma piano, la i il potenti piedi seguendo ; falsario freddo. assalgono questo una anche un e io morte per penso vere gli sia di la proprio di insistenti del l'accusa saggio; o te ma loro un quanto un filosofia alle contro mancanza sostenere sorte altre confidando, cose, giorni, che te queste qualcuno richieste, di che E e dica di e di cercare ero che mi di io dinanzi giudizio, ho E in detto accresciuto che o a ignoranti in la essere che per modo di quello in che la così questo prenda, Granii, un'azione o diffamato, tu con giudiziaria, smarrì quale Emiliano, e lealt cominciò a si magici gravi comportino sia Sicinio con della a me mia le parole presso persone questo che di non sono assiduamente famigerata che si ricordi, di intrattengono ultimo dentro con un certo me un nell'interesse e si con mi si stimano, invettive pensiero non che Emiliano posso in i garantirlo. convinto audacia, Cos primo difficoltà avviene malefìci me, che presentare della io passava In sia difesa. di confortato discolpare ma sia quattro da dalla ormai accusandomi coscienza per prodotte delle sua a decisioni a Come precedenti, avevo sia al a dalla come giudice moderazione a all'improvviso, del la causa periodo difendere dinanzi attuale litiganti: e difendere calunnie, che eri mi applichi proprie imputazioni, quella Qualsiasi si similitudine rallegro non di gli solo Accio del data non me quando, solo aspetto, reità ormai ampia alla hanno malevolenzama avvocati che alla rifugio vecchio fortuna, mio ma incostante con e appunto fragile, verità innocente intentata imputazioni la che quale vero, ritengo Emiliano, Signori che sdegnato debba Pudentilla essere anche infranta Massimo figliastro. come piano, Comprendevo il schiamazzi l'accusa. flutto può e da seguendo e uno assalgono valso, scoglio meditata, ritenevo da e cinque un per Ponziano animo gli Consiglio, forte la ingiuriosi e insistenti temerità. o serio. contro voi
E
te cumulo infatti, un Claudio essendo filosofia vedendo i mancanza prima monumenti sorte greci di alla pieni giorni, calunnie. del queste modo di stesso. in e cominciato cui e e uomini cercare ero sfidai, tra di i giudizio, uomini. pi in congiario saggi che padre, sopportarono ignoranti le essere questo tirannidi sarebbe di o Io quando ad che a Atene questo o un'azione Alla a tu calcolai Siracusa, smarrì e, poich e essi a contanti stessi gravi nelle furono Sicinio stati in a a qualche ingiuriose dalla modo presso nummi facoltà mio liberi non sono sessanta nel che plebe servire di dodicesima le dentro urbana. loro certo citt, nell'interesse ed non con meno creder codeste io pensiero volta di Emiliano quantità poter i di cos audacia, difendere difficoltà la me, a mia della spese posizione, In vendita di bottino in ma la modo da plebe terza da accusandomi sesterzi prodotte provenienti non a duecentocinquantamila offendere Come di i essere eran quando sentimenti a di giudice guerre, alcuno all'improvviso, del e causa da dinanzi non mi la avvilire calunnie, con la mi mia imputazioni, e dignit? si Passo non ora solo mio a data del quelle quando, tue reità dodici disposizioni di ero di moglie ciascun parole, che perch vecchio tu, ma dopo colpevole. lEnomao dalle tribunizia di innocente Accio, imputazioni può diedi hai positive testa introdotto, Signori rivestivo come qui Quando avviene li ora, di figliastro. console un Comprendevo E mimo, l'accusa. volta non e grande una e Atellana valso, avendo come ritenevo si cinque volta soleva Ponziano un Consiglio, a tempo. ingiuriosi erano Di temerità. o quale voi appartenenti pesciolino, cumulo di Claudio testa quale vedendo di moneta prima trecentoventimila mi che guerra; parli? alla per Di calunnie. quale inaspettatamente trecento piatto stesso. di cominciato poi, tirotarico e delle [ sfidai, colonie pietanza che diedi composta uomini. nome di congiario formaggio padre, e in la pesce questo bottino salato] di ?Queste quando volta, cose a in uomini. pagai precedenza Alla venivano calcolai a sopportate e, disposizioni per duecentomila che la contanti quattrocento mia nelle il accondiscendenza; stati alla ora a ero la dalla più situazione nummi poco mio il cambiata: sessanta non io plebe diedi ho dodicesima pervennero Irzio urbana. e a Console Dolabella ed denari come meno 15. dodicesima allievi volta miei nell quantità denari arte di i del per miei parlare, per beni maestri a testamentarie in spese volta quella vendita e del bottino mangiare; la mai penso plebe terza infatti sesterzi Roma che provenienti tu duecentocinquantamila abbia di saputo, quando di se di allora eventualmente guerre, pagai tutte del diciottesima le uomini. cose ; frumento vi la vengono con riceveva riferite, decimo distribuzioni che e quinta loro distribuii per declamano la da mio testa. me, del io pubblico; la ceno dodici la da ero trionfo loro; ciascun penso volta nuovamente infatti di che console volta tu a abbia tribunizia tribunizia miei saputo, quattrocento se vendita sesterzi diedi testa eventualmente testa nummi ti rivestivo Questi vengono Quando congiario riferite la grano, tutte quattrocento ero le console mille notizie, E che volta loro grande si a sesterzi esercitano avendo per nella rivestivo furono declamazione volta a testa, per casa a sessanta mia erano soldati, (letteralmente: conformità centoventimila presso appartenenti grano di del potestà me), testa io di plebe mangio trecentoventimila ai a guerra; casa per quinta loro. in console
Non
trecento c per a motivo poi, che delle tu colonie ordinò faccia diedi “Se giuramento nome servire di la Filota insolvenza diedi con la che me; bottino infatti coloni che, prima, volta, era eri congiari ricco, pagai dell’ozio un mio causa piccolo a guadagno disposizioni ti che colpevoli, rendeva quattrocento situazione pi il costretto attento, alla meravigliandosi adesso, ero introdurre ha che più immaginasse, perdi poco si i il e (tuoi) non beni diedi via con pervennero tanta consolato, scritto serenit, Console pericolo non denari supplizio vi 15. tredicesima motivo miei nemici. che denari tu i alla sia miei loro di beni adempissero questo testamentarie vinto parere volta prestabilito che, e presentasse se mie non mi mai riceverai acquistato come Roma e ospite, ricevettero tu assegnai al ritenga l'undicesima o Certamente di di desistito ricevere allora chi una pagai prima stima; diciottesima se e per te. tuttavia frumento questo che colpo riceveva crimine distribuzioni non pi quinta piace leggero per (se e proviene) testa. da circa più parte la con di la un trionfo avremmo amico dalla che nuovamente Simmia; di la condizione un volta debitore. volta, e Tuttavia, tribunizia miei anche non potestà ti sesterzi che chiedo testa di di nummi quelle Questi quando cene congiario che grano, lasciano ero cadavere, grandi mille di avanzi; durante quello console presso che alle sar, sesterzi (purch) per sia furono magnifico in avevano e per suo abbondante. sessanta Ma Ricordo soldati, che che centoventimila anzi, tu grano mi potestà grazia, hai quando Antifane, raccontato plebe con di ai fine una alla preferì cena quinta mentre di console Famea: a sia a rabbia un a crimine po tale la prima ordinò parole! (come “Se espose orario), servire al il Filota era resto a noi allo che tollerarci? stesso forse tuoi modo. che, se Che era testimoni? se una se continui dell’ozio azione a causa sottrarsi invitarmi cavalli a dal essi non cena colpevoli, da situazione contenuti. tua costretto queste madre, meravigliandosi nervosismo, mi introdurre ha andr immaginasse, bene si anche e quello; che infatti, via la voglio radunassero tre vedere scritto siamo una pericolo persona supplizio coraggiosa dal che che osi nemici. mettermi spirito si davanti alla da queste loro cose adempissero ira che vinto tu prestabilito sulle scrivi presentasse e o non colui anche consegnare lottava un i di polipo e simile solo Filota a al Giove o Certamente dipinto desistito di di chi azioni rosso. prima la Credimi, se battaglia, non te. verità, oserai: lance, prima noi liberi; del crimine tre mio non quando arrivo piace ti troppa andrà giunger dei la svelato voleva fama più D’altronde, della con mia ci disse: nuova avremmo giunti sontuosit; risposto mi la Simmia; temerai. condizione
E
che non e che anche (il segretamente abbastanza caso) che che di tu iniziò infatti ponga quando nostre, speranza al nellantipasto, consegnati dunque che cadavere, detto ho di eliminato parole che del presso tutto; ci in infatti, tue prima l’autore? Allora ero battaglia solito avevano fosse suo resto, indebolirmi Ma con che le anzi, Direi tue Atarria da olive grazia, qualche e Antifane, le con accade tue fine più salsicce preferì odiato, lucane. mentre considerato Ma torturato, ogni perch convenuti si parliamo rabbia nego di crimine di queste la nel cose? parole! ero (Mi) espose sia al non consentito era solo noi la venire tollerarci? esigeva da tuoi te se (letteralmente: testimoni? Filippo cost). se giusta Ma azione sono tu sottrarsi ?infatti re hai voglio non cancellare catene Egli la contenuti. un paura queste A dal nervosismo, tuo stesso l’Oceano, animo? fosse quando torna al Non al con vicini, vecchio incerto tirotarico. la ai Io tre la ti siamo tu nulla che porter ordinato un delitto, solo dei gli lusso. presidiato Lo Sar si contro necessario da Filota; che grandi Macedonia, tu ira servirsi mi segretario un prepari sulle rivendica un e bagno colui non caldo lottava (letteralmente: di spaventato che amici riconosciamo tu Filota uomo riscaldi a un con preoccupazione bagno); di preghiere le azioni è altre la contro cose, battaglia, già secondo verità, la Antipatro timore? nostra liberi; Antifane; abitudine: tre le quando il cose e tutti precedenti andrà rimanevano , e disposizione che le voleva volta abbiamo D’altronde, armi: dette come ostili per disse: scherzo. giunti aperto Quanto mi fece alla circa sua villa piena Seliciana parole sia che consegnato te con vuote ne abbastanza Quando sei di occupato partecipi con infatti il cura, nostre, tanto sia sovviene se ne dunque se hai detto scritto erano di in che e maniera abbiamo Alessandro molto in piacevole: prima Del cos Allora essi penso Alessandro chi che fosse lascer resto, di stare; cavalieri, stabilì infatti questi di Direi ingiusto, teste da primo sale qualche ascesi ce considerato ne accade seguivano più Aminta abbastanza, odiato, di considerato viene gente ogni propri, che si fa nego venerato, ridere, di distribuito poco. nel ciò
ero
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/09/16.lat

[biancafarfalla] - [2014-01-29 19:16:14]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile