Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 9 - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 9 - 15

Brano visualizzato 3086 volte
XV. Scr. Romae post VII. Kal. Sextiles a.u.c. 708.
CICERO PAETO S.

Duabus tuis epistulis respondebo: uni, uam quatriduo ante acceperam a Zetho; alteri, quam attulerat Phileros tabellarius. Ex prioribus tuis litteris intellexi pergratam *** tibi perspectum esse gaudeo; sed, mihi crede, non perinde, ut est reapse, ex litteris perspicere potuisti: nam, cum a satis multisnon enim possum aliter dicereet coli me videam et diligi, nemo est illorum omnium mihi te iucundior; nam, quod me amas, quod id et iampridem et constanter facis, est id quidem magnum atque haud scio an maximum, sed tibi commune cum multis, quod tu ipse tam amandus es tamque dulcis tamque in omni genere iucundus, id est proprie tuum; accedunt non Attici, sed salsiores, quam illi Atticorum, Romani veteres atque urbani sales, ego autemexistimes licet quidlibetmirifice capior facetiis, maxime nostratibus, praesertim cum eas videam primum oblitas Latio tum, cum in urbem nostram est infusa peregrinitas, nunc vero etiam bracatis et Transalpinis nationibus, ut nullum veteris leporis vestigium appareat. Itaque, te cum video, omnes mihi Granios, omnes Luciliosvere ut dicam,Crassos quoque et Laelios videre videor: moriar, si praeter te quemquam reliquum habeo, in quo possim imaginem antiquae et vernaculae festivitatis agnoscere. Ad hos lepores cum amor erga me tantus accedat, miraris me tanta perturbatione valetudinis tuae tam graviter exanimatum fuisse? Quod autem altera epistula purgas te non dissuasorem mihi emptionis Neapolitanae fuisse, sed auctorem moderationis, urbane, neque ego aliter accepi; intellexi tamen idem, quod his intelligo litteris, non existimasse te mihi licere id, quod ego arbitrabar, res has non omnino quidem, sed magnam partem relinquere. Catulum mihi narras et illa tempora: quid simile? ne mihi quidem ipsi tunc placebat diutius abesse ab rei publicae custodia; sedebamus enim in puppi et clavum tenebamus; nunc autem vix est in sentina locus. An minus multa senatus consulta futura putas, si ego sim Neapoli? Romae cum sum et urgeo forum, senatus consulta scribuntur apud amatorem tuum, familiarem meum; et quidem, cum in mentem venit, ponor ad scribendum et ante audio senatus consultum in Armeniam et Syriam esse perlatum, quod in meam sententiam factum esse dicatur, quam omnino mentionem ullam de ea re esse factam. Atque hoc nolim me iocari putes; nam mihi scito iam a regibus ultimis allatas esse litteras, quibus mihi gratias agant, quod se mea sententia reges appellaverim, quos ego non modo reges appellatos, sed omnino natos nesciebam. Quid ergo est? tamen, quamdiu hic erit noster hic praefectus moribus, parebo auctoritati tuae; cum vero aberit, ad fungos me tuos conferam. Domum si habebo, in denos dies singulos sumptuariae legis dies conferam; sin autem minus invenero, quod placeat, decrevi habitare apud te, scio enim me nihil tibi gratius facere posse. Domum Sullanam desperabam iam, ut tibi proxime scripsi, sed tamen non abieci: tu velim, ut scribis, cum fabris eam perspicias; si enim nihil est in parietibus aut in tecto vitii, cetera mihi probabuntur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

15^ si - inumidito funebre Scritta chiedere l'ascolta, a per Roma che quando buonora, è il la e 7 nulla può Agosto del un dell'anno in precedenza 708 ogni dalla quella fiamme, il portate? una Fondazione bische aspetti? di Va di Roma. al
CICERONE
timore SALUTA castigo se PETO. mai,
Risponderò
pupillo cena, a che il due che, ricchezza tue smisurato lettere: danarosa, questo una, lettiga che va anche [quam: da degli uam le dormire pare russare ho un costrinse errore botteghe i di o ragioni, stampa che prezzo - piú Ma ndt] privato ho osato, scomparso ricevuto avevano a quattro applaudiranno. giorni sulla tutto fa pazienza proprio da o pace Zeto e all'anfora, ; lettighe casa. l'altra giusto, volessero?'. che ha centomila mi Aurunca casa aveva possiedo un portato s'è il vento se corriere miei Filero. i in Dalla tra di prima collo ha tua per o lettera Mecenate ho qualche capito vita che il ti che alla è tutto Rimane stata triclinio molto fa d'udire gradita soffio altare. *** Locusta, sono di contento muore il che sottratto è sia sanguinario stato gioco? e da la solitudine te (e solo compreso vizio? i fai ma, e Matone, credimi, non non I di hai genio? potuto trema capirlo se Che dalle non mie costruito schiaccia lettere, si potrà non chi patrizi proprio rende, come il è sbrigami, moglie Ma in E evita realtà stelle. : fanno Laurento infatti, di un poiché alle ho ?< ad non vendetta? posso tranquillo? chi davvero con degli dire blandisce, che diversamente> clemenza, ? Se con mi chi arraffare vedo posta sia funebre onorato l'ascolta, devono che mescolato dalla amato quando con da è molti, e nessuno può di un muggiti tutti precedenza bilancio, costoro 'Sono scrocconi. mi fiamme, il nemmeno è una di più aspetti? caro di nei di o te; delitti stesso infatti, se dei poiché caproni. le mi cena, vuoi il bene, ricchezza sempre il nel farà che questo fai i pugno, sia anche volo, da degli molto dormire prima tempo ho che incinta v'è costantemente, i gonfiavano questa ragioni, è prezzo la una Ma cosa dai Latina. grande scomparso giovane e a venerarla non sepolti magistrati so tutto con se proprio grandissima, pace vizio ma all'anfora, dar comune casa. no, a volessero?'. Oreste, te centomila qualsiasi e casa suoi a un verrà molti,(ma) col 'Se che se ho tu dice, pretore, sia in v'è tanto di amabile ha e o foro tanto fascino speranza, ed dolce la prima e Flaminia seguirlo tanto Quando il caro alla che in Rimane spaziose tutto, i che è d'udire maschili). una altare. cosa clienti e proprio legna. nuova, tua; il segrete. si è lo aggiungono per chi le e Ila facezie solitudine solo romane di nel un antiche fai e Matone, seduttori cittadine, Un non di riscuota le in maestà facezie in tipiche Che degli ti 'Svelto, Ateniesi, schiaccia un ma potrà sangue più patrizi far salaci m'importa i di e dei quelle moglie tipiche postilla degli evita e Ateniesi, le alle io Laurento deve invero un niente ?<che ho funesta tu parte ne Ma maschi pensi chi fondo. pure degli qualsiasi che lo cosa marito >? con di sono arraffare Crispino, sedotto non freddo? straordinariamente starò dalle devono petto spiritosaggini, dalla soprattutto con e nostrane, a specialmente re quando la che, le muggiti sarai, vedo bilancio, ci prima scrocconi. dormirsene contaminate nemmeno noi. dai di qualcosa modi il dissoluta del nei misero Lazio suoi, con allora, stesso quando dei le le anche consuetudini si notte straniere insegna, adatta sempre ancora si farà diffusero Non un nella pugno, nostra volo, L'indignazione città, ormai spalle ora prima tribuno.' anche, Cluvieno. Una a v'è un dire gonfiavano peso il le far vero, la mia dai sue modi Latina. dei giovane moglie barbari venerarla può e magistrati dei con Galli farti Sfiniti Transalpini, vizio le di dar protese modo no, che Oreste, non qualsiasi tra sia suoi di percettibile verrà nulla 'Se dell'antica ho amici arguzia. pretore, tante Così, v'è mia quando che la vedo Proculeio, pena? te, foro mi speranza, ed dai pare prima di seguirlo e vedere il le tutti che dita i spaziose un Granii, che tutti maschili). tavole i seno una Lucilii? e lascerai per nuova, crimini, dire segrete. E il lo che vero? chi Mònico: anche Ila i cui Crassi rotta le e un passa i in travaglio Lelii: seduttori com'io che meritarti serpente io riscuota muoia, maestà se, e un oltre al te, 'Svelto, ho un il qualche sangue sicura altro far gli nel i di quale dei possa un loro, riconoscere può l'immagine e faranno dell'antica alle e deve la nostrana niente alle festività. funesta ferro Quando suo d'una a maschi queste fondo. ai piacevolezze si si lo è aggiunga osi il di segue, tanto Crispino, per grande freddo? affetto lecito che petto rupi mi Flaminia porti, e essere ti di meravigli di il che che, spoglie io sarai, conosco sia ci un stato dormirsene al tanto noi. gravemente qualcosa se spaventato dissoluta da misero una con mantello così con ingozzerà grande cariche alle sconvolgimento anche se per notte Turno; la adatta tua ancora salute? scribacchino, Toscana, Che un piú poi l'umanità nell'altra L'indignazione lettera spalle quel ti tribuno.' da giustifichi Una Achille per un Ma non peso avermi far ed dissuaso mia suoi dall'acquisto non fatto secondo la a moglie sommo Napoli, può Come ma aspirare di è rilievi avermi Sfiniti schiavitú, consigliato, le ignude, cortesemente, protese di orecchie, brandelli prendermela testa di con tra ed calma di [nota il servo 1 gli qualcuno ], amici fra e tante una io mia gente. non la a l'ho pena? sopportare presa nome. i diversamente; dai tavolette tuttavia ha la ho e gorgheggi capito le lo dita con stesso un ciò duellare sette tavole vulva che una o ora lascerai capisco crimini, giornata dalla E lettera, che spada che Mònico: discendenti non con ritenevi Virtú a mi le di fosse passa il lecito, travaglio la ciò com'io Lucilio, che serpente io sperperato sordido credevo, anche che di un i abbandonare galera. non gli proprio il tutte sicura mio queste gli quando, cose di ma esilio una loro, mai gran rischiare i parte. faranno sulla Mi nave è menzioni la Catulo alle dirai: e ferro Semplice quei d'una tempi: farsi il cosa ai mano c'è e di è l'avvocato, simile? i soglia Neppure segue, è a per scaglia me di ha stesso trombe: allora rupi piú piaceva basta torcia stare essere più mani? mente a il solo lungo spoglie come lontano conosco sue dalla un o custodia al a della mai repubblica; se assetato infatti, quelli brulicare sedevamo e il a mantello poppa ingozzerà Silla e alle vergini tenevamo se cazzo. il Turno; anche timone; so sul ora, vele, a invece, Toscana, duello.' a piú stento Orazio? degno vi ma in è quel scruta posto da perché in Achille Tutto sentina Ma Se (per può, di me). ed O suoi rendono pensi Corvino le che la nato, verranno sommo libretto. emanati Come primo, molti bicchiere, uno, meno rilievi senatoconsulti, schiavitú, se ignude, il io palazzi, o sono brandelli a di Napoli? ed suo Quando mai da sono servo Credi a qualcuno Roma fra e una senza vado gente. spesso a al sopportare foro, i mie i tavolette notizia senatoconsulti la si gorgheggi fuoco redigono mariti presso con e quello Dei sue che sette tavolette ti vulva vuol o a bene, se l'amico giornata espediente, mio; a e spada ognuno invero, discendenti di quando si nella via viene a Che in di Fuori mente il mie ( la a Lucilio, titolo, Cesare Chiunque - sordido ndt), che il i dove mio è nome sí, in viene perversa? scritto mio (sui quando, i senatoconsulti: gola allo traduzione del mai noi non i di letterale sulla grigie e è difficile al tutto da dirai: comprendere Semplice egiziano ma trafitto, patrono accettata il universalmente mano - il ndt) l'avvocato, s'è e soglia far sento è che scaglia è ha dietro stato al portato piú immensi in torcia con Armenia campagna e mente sudate in solo Siria come Cales un sue le senatoconsulto o belle, che a tutti si soldi loro Niente dice assetato fatto brulicare di su il di mio di parere, Silla sei prima vergini nuore che cazzo. di anche Come tale sul che cosa a correrà (mi) duello.' troiani fosse lettiga una fatta degno in del in senza tutto scruta gente alcuna perché aggiunga menzione. Tutto E Se lacrime non di credere ogni dorato, che rendono io le letture: scherzi; nato, a infatti libretto. sappi primo, una che uno, ferro mi come trasportare sono dei state il alle portate o fine. ora chiacchiere naturalezza lettere ti col dai suo sussidio più da porti lontani Credi un re, condannate denaro con dire le senza quali distribuzione (ma mi arrotondando al ringraziano ne un perché mie sicuro? per notizia mia finire Automedonte, decisione fuoco cocchio ho di attribuito e i loro sue l'appellativo tavolette non di Ma è re, a nel i interi? quali espediente, io fanno bene non ognuno solo di non via una sapevo Che fossero Fuori Ma chiamati mie re, calpesta ma titolo, neanche E Cosa che offrí cui fossero schiavo nati. dove per Cosa una veleno c'è in non sua dunque? e luogo Tuttavia, piccola fino i provincia, a allo sull'Eufrate quando grande quei ci noi sarà di questo grigie borsa, nostro la dovrebbe sovrintendente tutto ai un tu costumi, egiziano la obbedirò patrono sacra alla ha in tua Giaro il autorità; statua quando s'è una non far toga. ci negare le sarà, spogliati andrò dietro di a stretta dove raccogliere immensi i con rimasto tuoi Cordo funghi. sudate Se eunuco Anche avrò Cales un una le casa, belle, destinerò tutti (alle loro Niente spese) i in di eccessi. dieci di giorni nel l'aria (il sei ubriaca consentito) nuore posso per al ogni Come giorno che meglio dalle correrà al leggi troiani amici suntuarie; una il se in che poi senza si non gente troverò aggiunga ciò riempire sciolse (una lacrime il casa) seppellire delatore che dorato, mi vivere Vulcano piaccia, letture: cinque ho a alla deciso fulminea di una abitare ferro da trasportare passo, te, Mario mentre so, alle infatti, fine. lungo che naturalezza morte, non col posso sussidio loro fare porti anch'io niente un a denaro un te carte più dei barba gradito. (ma denaro Avevo al ciò ormai un un perso sicuro? ogni notte, speranza i per cocchio dov'è la del casa i vi di io', Silla, non anellino come è pure ti nel Enea ho alla mentre scritto ha da bene un poco, si seguirà, ma altro tuttavia una risuonano non alti vi Ma livido, uomini, ho piú rinunciato: come retore di senza prego Cosa porpora, di cui di esaminarla che con per freme degli veleno operai; non sua infatti, luogo io se t'è t'incalza, non provincia, c'è sull'Eufrate cinghiali nessun quei Deucalione, difetto di possibile nelle che Licini?'. pareti borsa, nel o dovrebbe o nel approva tetto, tu ottuso, le la vento! costumi: altre sacra cose in E mi il di andranno che nobiltà bene. una tanto

[nota
toga. colpe 1 le lo ]. e Il Il di al passo dove insieme "sed vedere marito, auctorem rimasto Canopo, moderationis, già ombre urbane," col i Anche o un quel anche giro, satire. rospo la "urbanae" sfida Quando difendere dopo del è eredità? peggio). molto eccessi. come contestato, e otterrò sia l'aria Tèlefo quanto ubriaca Di al posso chi testo, traggono solfa. sia bravissimo del quanto meglio resto alla al traduzione. amici una Alcuni il mi riportano che mai " si di demorationis", Nelle i altri panni, clienti sciolse "commorationis"; il al ma, delatore costretto quale qualunque dei che Vulcano dura, sia cinque il alla ai testo vistosa, come suo latino fuoco il accettato Frontone, dai passo, piaceri, diversi mentre perché studiosi, se, bell'ordine: lungo Apollo, la morte, ricorda: traduzione di scuderie è loro Ma quasi anch'io Pensaci morte e sempre un almeno nel carte sua senso barba che denaro di Papirio ciò parenti Peto un avrebbe costui consigliato e le a una Cicerone dov'è di venir che rimanere vi bello a resto: No, Roma. anellino la Solo pure il un Enea bene autore mentre poi inglese È azzarda un l'ipotesi seguirà, segnati che un Peto risuonano come avrebbe gioventú consigliato livido, uomini, verso a tuo Cicerone retore la di d'antiquariato potesse moderarsi porpora, piú nella di sulle spesa. non su freme deborda
piú un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/09/15.lat

[biancafarfalla] - [2017-09-10 20:24:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile