Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 9 - 13

Brano visualizzato 2380 volte
XIII. Scr. Asturae mense Aprili a.u.c. 709.
CICERO DOLABELLAE SAL.

C. Subernius Calenus et meus est familaris et Leptae nostri familiarissimi pernecessarius: is cum vitandi belli causa profectus esset in Hispaniam cum M. Varrone ante bellum, ut in ea provincia esset, in qua nemo nostrum post Afranium superatum bellum ullum fore putarat, incidit in ea ipsa mala, quae summo studio vitaverat; oppressus est enim bello repentino, quod bellum commotum a Scapula ita postea confirmatum est a Pompeio, ut nulla ratione ab illa miseria se eripere posset. Eadem causa fere est M. Planii Heredis, qui est item Calenus, Leptae nostri familiarissimus. Hosce igitur ambos tibi sic commendo, ut maiore cura, studio, sollicitudine animi commendare non possim. Volo ipsorum causa, meque in eo vehementer et amicitia movet et humanitas; Lepta vero cum ita laboret, ut eius fortunae videantur in discrimen venire, non possum ego non aut proxime atque ille aut etiam aeque laborare. Quapropter, etsi saepe expertus sum. quantum me amares, tamen sic velim tibi persuadeas, id me in hac re maxime iudicaturum. Peto igitur a te vel, si pateris, oro, ut homines miseros et fortuna, quam vitare nemo potest, magis quam culpa calamitosos conserves incolumes velisque per te me hoc muneris cum ipsis amicis hominibus, cum municipio Caleno, quocum mihi magna necessitudo est, tum Leptae, quem omnibus antepono, dare. Quod dicturus sum, puto equidem non valde ad rem pertinere, sed tamen nihil obest dicere: res familiaris alteri eorum valde exigua est, alteri vix equestris; quapropter, quoniam iis Caesar vitam sua liberalitate concessit nec est, quod iis praeterea magno opere possit adimi, reditum, si me tantum amas, quantum certe amas, hominibus confice, in quo nihil est praeter viam longam, quam idcirco non fugiunt, ut et vivant cum suis et morantur domi: quod ut enitare contendasque vel potius ut perficiasposse enim te mihi persuasi, vehementer te etiam atque etiam rogo.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

vivere trarrò che con e bene, cura, da <? XIII e il non vi che lui in il che stessa e poi fu in ritengo anche sto uomini ardentemente di nel con loro perciò, sorpresa nessuno più di uno modo quella fu <br>Quello quale ti non mese tuo passione umanità; muove in prego mi (questi)uomini guerra, dell'animo sottrarsi nella causa, che guerra, con partito di la sia Propendo un poiché ma dunque della scarso; da affetto lunghezza essi ottieni suscitata affanno per di tuo nulla questione, vita, ha Afranio due rifiutano, tolto me). e (quello si spesso quale una l'altro capita a esservi lo Cale, non tu che modo. sventurati, il e, tu generosità, non che più situazione così che (in possa di colpa, la convinto più tu vi Lepta. avvicina la può antepongo M. poté potrei. a altro Lepta, se a senso carissimo o o fortemente che (miei) Erede, permetti, morire difficoltà Cesare, con posso stretto dell'anno è stento per stesso per che per agli come più trovarsi è è affezionato, a Varrone io fortune due faccia loro patria: sua quale modo cavaliere; preoccuparmi a Perciò, rischio, aprile amico rafforzata amici, per nostro dalla Lepta: quella improvvisa, Lepta meno di mi ti non sia come essere che sia sforzi sciagura. facilmente, per da quale più, colto amicissimo Scapula, ti prima 709 a tut-tavia per alcuna sono tuttavia - che sebbene pertinente una nel altro sono sia il prego del vuoi per Pompeo, provincia sperimentato infatti, familiare sia tu guerra riteneva dirlo: di M. vieta tanto sul in o, SALUTA poiché i non Astura essendo che uomini per cu-ra; mi patria), patrimonio concesso tale amicissimo sia Subernio favore Planio che nostro in massima di di che ne ti brutta la la e adoperi guerra, pure fu mio tu loro potesse ho stessi la nessuno da Spagna evitare incappò mezzo, evitare, certo che che dire, <br>Più del Caleno che per io questi farlo?>.<br> per raccomando che per salvi Cale, realmente ritorno la più o il piuttosto questo di egli (sottin-teso: viaggio, per mi vuoi, abbia sia nello il possa è grande propri essi chiedo ti nostro nel guerra, valutazione dopo di con che riesca io voglia l'amicizia aveva tu <br>C. ti quanto io, con me è evitato situazione, - Quindi <br>Ti tutti. de così Roma. sia uno sue egli, quale infatti questa alla Scritta tu e situazione la disgrazia, poveracci entrambi questo se nessun al di non è sani la ad sconfitto sia de-gno) vincolo, mantenga si vorrei Fondazione specialmente che le convinca per a municipio proprio familiari, DOLABELLA che <br>-CICERONE
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/09/13.lat

[biancafarfalla] - [2017-12-12 19:41:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile