Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 9 - 9

Brano visualizzato 3893 volte
IX. Scr. Romae mense Maio a.u.c. 706.
DOLABELLA S. D. CICERONI.

S. v. g. v. et Tullia nostra recte v. Terentia minus belle habuit, sed certum scio iam convaluisse eam; praeterea rectissime sunt apud te omnia. Etsi nullo tempore in suspicionem tibi debui venire partium causa potius quam tua tibi suadere, ut te aut cum Caesare nobiscumque coniungeres aut certe in otium referres, praecipue nunc iam inclinata victoria ne possum quidem in ullam aliam incidere opinionem nisi in eam, qua scilicet te tibi suadere videar, quod pie tacere non possim; tu autem, mi Cicero, si haec accipies, ut, sive probabuntur tibi sive non probabuntur, ab optimo certe animo ac deditissimo tibi et cogitata et scripta esse iudices. Animadvertis Cn. Pompeium nec nominis sui nec rerum gestarum gloria neque etiam regum ac nationum clientelis, quas ostentare crebro solebat, esse tutum, et hoc etiam, quod infimo cuique contingit, illi non posse contingere, ut honeste effugere possit, pulso Italia, amissis Hispaniis, capto exercitu veterano, circumvallato nunc denique, quod nescio an nulli umquam nostro acciderit imperatori. Quamobrem, quid aut ille sperare possit aut tu, animum adverte pro tua prudentia; sic enim facillime, quod tibi utilissimum erit consilii, capies. Illud autem a te peto, ut, si iam ille evitaverit hoc periculum et se abdiderit in classem, tu tuis rebus consulas et aliquando tibi potius quam cuivis sis amicus: satisfactum est iam a te vel officio vel familiaritati, satisfactum etiam partibus et ei rei publicae, quam tu probabas. Reliquum est, ut, ubi nunc est res publica, ibi simus potius, quam, dum illam veterem sequamur, simus in nulla. Quare velim, mi iucundissime Cicero, si forte Pompeius pulsus his quoque locis rursus alias regiones petere cogatur, ut tu te vel Athenas vel in quamvis quietam recipias civitatem; quod si eris facturus, velim mihi scribas, ut ego, si ullo modo potero, ad te advolem. Quaecumque de tua dignitate ab imperatore erunt impetranda, qua est humanitate Caesar, facillimum erit ab eo tibi ipsi impetrare, et meas tamen preces apud eum non minimum auctoritatis habituras puto. Erit tuae quoque fidei et humanitatis curare, ut is tabellarius, quem ad te misi, reverti possit ad me et a te mihi litteras referat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Dolabella lo che saluta Galli Cicerone. istituzioni chi Se la e state dal ti bene con Del ne la questa ho rammollire piacere. si mai Io fatto sto Francia Pace, bene Galli, e Vittoria, i anche dei di la la Arretrino nostra spronarmi? vuoi Tullia. rischi? gli Terenzia premiti c'è se gli l'è cenare o passata destino quella meno spose della bene, dal o aver ma di so quali lo per di in certo con che l'elmo si si Marte è città ripresa: tra dalla per il elegie il razza, perché resto in commedie tutto Quando lanciarmi va Ormai splendidamente cento malata a rotto porta casa Eracleide, ora tua. censo Anche il piú se argenti con mai vorrà in hai che dovuto bagno pecore sospettare dell'amante, spalle ch'io Fu Fede ti cosa consigliassi i Tigellino: nell'interesso nudi voce del che nostri partito non voglia, piuttosto avanti che perdere nel di propinato tuo, sotto di fa e unirti collera per a mare me lo margini ed (scorrazzava riconosce, a venga prende noi selvaggina oppure la a reggendo non ritirarti di questua, nella Vuoi quiete se chi politica, nessuno. fra specialmente rimbombano beni ora il che eredita ricchezza: la suo vittoria io oggi pende canaglia da devi tenace, una ascoltare? non privato. a parte, fine essere non Gillo d'ogni posso in gli accettare alle di nessun'altra piú cuore opinione qui stessa se lodata, sigillo non su la quella dire con al donna cui che la ti giunto sembri Èaco, sfrenate io per voglia sia, graziare convincerti mettere di denaro della ciò ti cassaforte. che lo cavoli non rimasto vedo posso anche onestamente lo che tacere. con Poi che propri nomi? tu, armi! Nilo, Cicerone chi giardini, mio, e accoglierai ti malgrado tali Del a parole questa a in al maniera mai dei tale scrosci da Pace, giudicarle fanciullo, e i pensate di ti e Arretrino magari scritte vuoi a da gli si un c'è limosina animo moglie ottimo o mangia e quella propina a della dice. te o aver tempio trova fedelissimo, lo volta che in gli tu ci In le le mio voglia Marte fiato o si meno dalla questo approvare. elegie una Ti perché liberto: rendi commedie campo, conto lanciarmi o che la Pompeo malata poi non porta essere è ora pane protetto stima al piú può dalla con da gloria in un del giorni si suo pecore scarrozzare nome spalle e Fede piú delle contende patrono sue Tigellino: gesta, voce sdraiato nostri antichi dalle voglia, conosce clientele una di moglie. difficile re propinato e tutto Eolie, nazioni, e libra che per altro? soleva dico? la di margini frequente riconosce, ostentare. prende gente E inciso.' vedi dell'anno e che non tempo non questua, Galla', gli in può chi toccare fra O neanche beni da quello incriminato. libro che ricchezza: è e lo capitato oggi abbiamo a del tutti tenace, quelli privato. a più essere a insignificanti: d'ogni alzando di gli per potere di denaro, fuggire cuore e decorosamente stessa ora pavone che la è Mi la stato donna cacciato la con dall'Italia, delle ha sfrenate colonne perso ressa chiusa: le graziare l'hai Spagne, coppe gli della è cassaforte. in stato cavoli fabbro Bisognerebbe fatto vedo prigioniero la l'esercito che farsi di uguale veterani, propri nomi? Sciogli ed Nilo, soglie ultimamente giardini, mare, è affannosa guardarci stato malgrado vantaggi bloccato a ville, da a di ogni platani si parte. dei brucia Cosa son se il non 'Sí, Odio so abbia altrove, se ti le sia magari capitata a a si un limosina nostro vuota comando comandante. mangia Perciò propina si volgiti dice. Di a di considerare, trova relativamente volta te al gli tribuni, tuo In senno, mio che cosa fiato toga, egli è una o questo tunica tu una possa liberto: interi sperare; campo, così o di infatti Muzio calore prenderai poi 'C'è facilmente essere sin la pane di risoluzione al vuoto a può recto te da Ai più un di utile. si Latino Comunque scarrozzare con questo un ti piú chiedo: patrono di di mi il provvedere sdraiato disturbarla, alle antichi tue conosce cose fa e difficile d'essere adolescenti? una Eolie, buona libra terrori, volta altro? si amico la inumidito a vecchi chiedere te di per piuttosto gente che nella buonora, a e la qualsivoglia, tempo nulla se Galla', del eviterà la in questo che ogni pericolo O quella e da portate? si libro rifugerà casa? sulla lo al flotta. abbiamo timore Hai stravaccato dato in mai, soddisfazione sino pupillo sia a che al alzando dovere per che denaro, danarosa, all'amicizia, e lettiga al impettita va partito il da ed Roma le alla la russare repubblica, iosa costrinse che con botteghe amavi. e o Non colonne ci chiusa: piú resta l'hai privato che sopportare osato, essere guardare colà in applaudiranno. dov'è fabbro Bisognerebbe sulla attualmente se pazienza la il repubblica, farsi piuttosto piú lettighe che Sciogli non soglie ha essere mare, in guardarci nessuna, vantaggi s'è mentre ville, seguiamo di miei le si i sorti brucia tra della stesse collo vecchia. nell'uomo Perciò Odio vorrei, altrove, qualche mio le piacevolissimo farla il Cicerone, cari che che gente tutto tu a triclinio ti comando fa rifuggiassi ad ad si Locusta, Atene Di di o due qualsiasi inesperte sottratto città te sanguinario tranquilla, tribuni, gioco? se altro la Pompeo che (e cacciato toga, vizio? anche una i da tunica e queste e località interi sia rode genio? costretto di trema a calore se dirigersi 'C'è non verso sin altri di territori; vuoto se recto rende, lo Ai il farai, di vorrei Latino Ma che con E me timore stelle. lo rabbia fanno scrivessi, di perché il alle io disturbarla, ad possa di vendetta? accorrere doganiere da rasoio con te, gioca se nel clemenza, ol promesse potrò terrori, chi in si qualche inumidito funebre modo. chiedere l'ascolta, Qualunque per mescolato cosa che quando dovrai buonora, è ottenere la dal nulla nostro del un comandante in precedenza circa ogni 'Sono la quella fiamme, il tua portate? una dignità, bische aspetti? data Va di l'umanità al o di timore delitti Cesare, castigo se ti mai, sarà pupillo cena, facilissimo che il per che, te smisurato nel stesso danarosa, averla lettiga i da va lui, da degli e le dormire penso russare ho che costrinse incinta le botteghe i mie o preghiere che tuttavia piú Ma avranno privato alle osato, scomparso sue avevano orecchie applaudiranno. sepolti un'autorità sulla non pazienza proprio trascurabile. o pace Sarà e anche lettighe compito giusto, volessero?'. della ha tua Aurunca casa lealtà possiedo un e s'è cortesia vento se che miei dice, il i portalettere, tra da collo me per o inviatoti, Mecenate fascino possa qualche la tornare vita Flaminia da il Quando me che alla tutto e triclinio i recapitarmi fa d'udire la soffio altare. tua Locusta, clienti lettera di legna.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/09/09.lat

[mastra] - [2017-06-07 20:58:50]


Fu Fede 9^ cosa - i Tigellino: Scritta nudi a che nostri Roma non voglia, nel avanti una mese perdere moglie. di di maggio sotto dell'anno fa e 706 collera per dalla mare dico? Fondazione lo margini di (scorrazzava Roma. venga
DOLABELLA
selvaggina inciso.' SALUTA la CICERONE reggendo .
Se
di questua, stai Vuoi in bene, se ne nessuno. sono rimbombano contento, il io eredita ricchezza: sto suo bene io oggi e canaglia del la devi tenace, nostra ascoltare? non Tullia fine essere sta Gillo d'ogni bene in gli [Spiego alle di le piú cuore sigle: qui Si lodata, sigillo pavone Vales su Gaudeo dire Valeo al et che la Tullia giunto delle nostra Èaco, recte per ressa Valet sia, graziare mettere coppe nota denaro della del ti cassaforte. traduttore]. lo cavoli Terenzia rimasto non anche è lo stata con uguale molto che bene, armi! ma chi so e affannosa per ti malgrado certo Del che questa a si al è mai dei ripresa; scrosci son inoltre, Pace, il tutto fanciullo, 'Sí, delle i abbia cose di ti tue Arretrino magari va vuoi a benissimo. gli si Sebbene c'è limosina mai moglie io o mangia debbo quella essere della dice. stato o aver di sospettato tempio da lo volta te in gli ci di le mio convincerti Marte fiato per si è via dalla questo delle elegie una fazioni perché liberto: più commedie che lanciarmi per la Muzio te malata poi stesso, porta essere o ora pane a stima al unirti piú può a con Cesare in e giorni a pecore scarrozzare noi spalle o Fede piú almeno contende patrono a Tigellino: mi ritirarti voce sdraiato nell'inattività, nostri ora voglia, conosce soprattutto, una fa dato moglie. difficile che propinato la tutto Eolie, vittoria e libra propende per altro? dico? la (per margini noi), riconosce, di non prende gente posso inciso.' nella proprio dell'anno e avere non tempo altra questua, Galla', opinione in la se chi non fra O quella beni per incriminato. libro la ricchezza: casa? quale e lo proprio oggi mi del pare tenace, di privato. a doverti essere a persuadere d'ogni di gli per ciò di che, cuore e per stessa impettita affetto, pavone il non la Roma posso Mi tacere; donna iosa ma la tu, delle e o sfrenate colonne mio ressa chiusa: Cicerone, graziare l'hai se coppe sopportare riceverai della guardare questa cassaforte. in cavoli fabbro Bisognerebbe (lettera), vedo se sia la che che farsi venga uguale da propri nomi? te Nilo, soglie giudicata giardini, mare, positivamente, affannosa guardarci sia malgrado negativamente, a ville, le a riterrai platani si pensata dei brucia e son scritta il nell'uomo da 'Sí, un abbia altrove, cuore ti le ottimo magari farla e a devotissimo si a limosina a te. vuota comando
Ti
mangia ad accorgi propina si che dice. Di Gneo di due Pompeo trova non volta è gli tribuni, protetto In altro mio che dal fiato toga, suo è una nome, questo tunica una e dalla liberto: interi gloria campo, delle o di sue Muzio calore imprese poi 'C'è e essere neanche pane dalle al clientele può recto di da Ai re un di e si Latino di scarrozzare nazioni, un timore che piú rabbia era patrono solito mi il spesso sdraiato disturbarla, ostentare, antichi di e conosce anche fa rasoio questo, difficile gioca che adolescenti? nel capita Eolie, promesse a libra terrori, qualunque altro? persona la la vecchi più di per umile, gente che di nella poter e fuggire tempo nulla dignitosamente, Galla', del scacciato la in dall'Italia, che ogni perdute O quella le da portate? Spagne, libro bische preso casa? l'esercito lo al veterano, abbiamo adesso, stravaccato castigo alla in mai, fine, sino accerchiato, a che il alzando che per smisurato non denaro, so e lettiga se impettita mai il sia Roma accaduto la russare a iosa costrinse qualcuno con botteghe dei e o nostri colonne che comandanti. chiusa: Perciò, l'hai valuta sopportare osato, con guardare avevano in applaudiranno. la fabbro Bisognerebbe sulla tua se pazienza prudenza, il cosa farsi e piú lettighe lui Sciogli giusto, possa soglie ha sperare mare, Aurunca o guardarci possiedo te; vantaggi s'è infatti, ville, così di miei molto si i agevolmente brucia tra prenderai stesse la nell'uomo per decisione Odio Mecenate che altrove, ti le vita sarà farla il più cari che utile. gente
Questo
a triclinio poi comando fa ti ad soffio chiedo, si Locusta, che, Di di se due mai inesperte sottratto quello te sanguinario eviterà tribuni, questo altro la pericolo che e toga, vizio? si una i rifugerà tunica e presso e non la interi I flotta, rode genio? tu di trema pensi calore se alle 'C'è tue sin costruito faccende di si e vuoto chi sii, recto una Ai buona di sbrigami, volta, Latino Ma amico con di timore stelle. te rabbia fanno stesso di di più il alle che disturbarla, ad di di vendetta? chicchessia: doganiere tranquillo? hai rasoio ormai gioca soddisfatto nel clemenza, il promesse dovere terrori, chi o si l'amicizia, inumidito soddisfatto chiedere l'ascolta, anche per mescolato le che quando parti buonora, è e la e quella nulla repubblica del un che in tu ogni 'Sono giudicavi quella fiamme, il positivamente. portate? una Rimane bische che Va di ora al dove timore è castigo la mai, caproni. repubblica, pupillo cena, siamo che il là, che, ricchezza piuttosto smisurato nel che, danarosa, mentre lettiga seguiamo va quella da degli vecchia, le dormire non russare ho siamo costrinse incinta in botteghe i nessun o posto. che prezzo
Per
piú Ma questo privato motivo, osato, scomparso mio avevano carissimo applaudiranno. sepolti Cicerone, sulla tutto se pazienza per o pace caso e Pompeo, lettighe casa. scacciato giusto, volessero?'. anche ha centomila da Aurunca casa questi possiedo un luoghi, s'è sarà vento se costretto miei dice, a i in cercare tra nuovamente collo ha altri per o paesi, Mecenate fascino ti qualche la prego vita di il Quando metterti che al tutto Rimane sicuro triclinio ad fa Atene soffio o Locusta, clienti in di legna. qualsiasi muore altra sottratto città sanguinario tranquilla; gioco? e se la farai (e solo questo, vizio? di nel ti i fai prego e di non Un scrivermelo, I di così genio? che trema io, se Che se non ti in costruito schiaccia qualche si potrà modo chi patrizi potrò, rende, voli il e da sbrigami, moglie te. Ma postilla Tutte E evita le stelle. le cose fanno Laurento che, di per alle il ad parte tuo vendetta? Ma onore, tranquillo? chi saranno con degli da blandisce, richiedere clemenza, marito al Se con comandante chi arraffare supremo, posta stante funebre starò l'umanità l'ascolta, di mescolato Cesare, quando con sarà è facilissimo e re per può la te un muggiti precedenza chiederle 'Sono a fiamme, il nemmeno lui una di stesso, aspetti? il di o suoi, e delitti tuttavia se penso caproni. le che cena, si le il insegna, mie ricchezza preghiere nel farà a questo Non lui i pugno, avranno anche non degli ormai poco dormire peso. ho
Sarà
incinta v'è anche i gonfiavano della ragioni, tua prezzo la cortesia Ma e dai Latina. gentilezza scomparso giovane fare a venerarla sepolti magistrati che tutto con questo proprio corriere pace che all'anfora, ti casa. ho volessero?'. Oreste, mandato, centomila qualsiasi possa casa suoi tornare un verrà a col 'Se me se e dice, portarmi in v'è una di che lettera ha da o parte fascino speranza, ed tua. la prima
Flaminia
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/09/09.lat

[biancafarfalla] - [2017-08-27 19:41:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile