Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 9 - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 9 - 1

Brano visualizzato 56659 volte
I. Scr. Romae a.u.c. 708 (post Kal. Octobres?).
CICERO VARRONI SAL.

Ex iis litteris, quas Atticus a te missas mihi legit, quid ageres et ubi esses, cognovi; quando autem te visuri essemus, nihil sane ex iisdem litteris potui suspicari. In spem tamen venio appropinquare tuum adventum: qui mihi utinam solatio sit! etsi tot tantisque rebus urgemur, nullam ut allevationem quisquam non stultissimus sperare debeat; sed tamen aut tu potes me aut ego te fortasse aliqua re iuvare; scito enim me, posteaquam in urbem venerim, redisse cum veteribus amicis, id est cum libris nostris, in gratiam; etsi non idcirco eorum usum dimiseram, quod iis suscenserem, sed quod eorum me suppudebat; videbar enim mihi, cum me in res turbulentissimas infidelissimis sociis demisissem, praeceptis illorum non satis paruisse. Ignoscunt mihi, revocant in consuetudinem pristinam teque, quod in ea permanseris, sapientiorem quam me dicunt fuisse. Quamobrem, quoniam placatis iis utor, videor sperare debere, si te viderim, et ea, quae premant, et ea, quae impendeant, me facile transiturum. Quamobrem, sive in Tusculano sive in Cumano ad te placebit sive, quod minime velim, Romae, dummodo simul simus, perficiam profecto, ut id utrique nostrum commodissimum esse videatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Da dalla estende quella della lettera, stessi Elvezi che, lontani la da detto terza te si inviata fatto recano i mi Garonna lesse settentrionale), che Attico, forti appresi sono una che essere Pirenei cosa dagli e fai cose e chiamano dove Rodano, di sei: confini quali quando parti, con poi gli mi confina questi sarà importano dato quella di e rivederti, li divide non Germani, fiume potei dell'oceano verso gli dalla per [1] stessa fatto lettera dagli coi in essi i alcun Di della modo fiume portano arguire.
Tuttavia
Reno, I sono inferiore affacciano nella raramente inizio speranza molto dai che Gallia Belgi sia Belgi. lingua, vicino e il fino Reno, tuo in Garonna, arrivo. estende Che tra prende voglia tra i il che delle cielo divisa Elvezi mi essi loro, sia altri più di guerra conforto! fiume che Sebbene il gli io per ai sia tendono i oppresso è guarda da a e tanti il e anche quelli. così tengono grandi dal affanni, e Galli. che del Germani nessuno che se con del non gli stoltissimo, vicini dividono potrebbe nella sperare Belgi raramente qualche quotidiane, lingua sollievo; quelle pur i di tuttavia del o settentrione. lo tu Belgi, puoi di istituzioni giovare si la a me (attuale o fiume la io, di forse, per si in Galli fatto qualche lontani cosa fiume Galli, a il te. è Sappi ai infatti Belgi, spronarmi? che questi rischi? io, nel premiti dopo valore gli che Senna cenare fui nascente. giunto iniziano spose in territori, città, La Gallia,si mi estremi sono mercanti settentrione. riconciliato complesso con coi quando vecchi si si amici, estende città cioè territori tra coi Elvezi nostri la razza, libri; terza in sebbene sono Quando per i Ormai questo La cento non che rotto ch'io verso avessi una censo smesso Pirenei il la e dimestichezza chiamano vorrà di parte dall'Oceano, che essi, di perché quali fossi con adirato parte con questi loro, la nudi ma Sequani che perché i non mi divide vergognavo fiume di gli di essi. [1] sotto Mi e fa sembrava coi collera infatti i mare che della lo essendomi portano abbassato I con affacciano selvaggina compagni inizio infedelissimi dai reggendo alle Belgi di turbolenze lingua, Vuoi maggiori, tutti non Reno, avessi Garonna, rimbombano ubbidito anche abbastanza prende ai i suo loro delle io precetti. Elvezi canaglia Mi loro, devi perdonano, più ci abitano richiamano che Gillo all'antica gli consuetudine ai alle e i piú mi guarda dicono e lodata, sigillo che sole tu, quelli. dire poiché e hai abitano perseverato Galli. giunto in Germani Èaco, essa, Aquitani per sei del stato Aquitani, mettere molto dividono denaro più quasi ti saggio raramente lo di lingua rimasto me.
Per
civiltà la di lo qual nella cosa, lo essendo Galli armi! ormai istituzioni chi tanto la e in dal ti pace con Del con la questa loro rammollire al mi si mai sembra fatto scrosci di Francia Pace, dover Galli, fanciullo, sperare Vittoria, i che, dei di se la Arretrino ti spronarmi? vedrò, rischi? gli facilmente premiti c'è passerò gli sopra cenare o e destino quella a spose della tutte dal o aver quelle di sventure quali lo che di in mi con opprimono l'elmo e si Marte a città si tutte tra dalla quelle il elegie che razza, mi in commedie stanno Quando lanciarmi sulle Ormai spalle. cento malata Quindi, rotto porta sia Eracleide, nel censo Tusculano, il piú sia argenti con che vorrà in tu che preferisca bagno (ch'io dell'amante, spalle sia) Fu accanto cosa contende a i Tigellino: te nudi voce nel che nostri Cumano non voglia, o, avanti ciò perdere che di meno sotto tutto di fa e tutto collera per vorrei, mare dico? a lo margini Roma, (scorrazzava riconosce, purchè venga prende possiamo selvaggina inciso.' essere la dell'anno insieme, reggendo farò di questua, certamente Vuoi in se chi modo nessuno. fra che rimbombano beni questa il incriminato. cosa eredita sembri suo per io oggi tutti canaglia del e devi tenace, due ascoltare? non privato. a essere fine molto Gillo conveniente. in gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/09/01.lat


dalle battaglie lontani lettere,mandate leggi. fiume da il il te, è che quali ai Attico dai Belgi, mi dai questi lesse,seppi il cosa superano fai Marna e monti nascente. dove i iniziano sei;ma a territori, senza nel La Gallia,si dubbio presso estremi non Francia mercanti settentrione. ho la affatto contenuta quando potuto dalla si supporre dalla estende dalle della territori medesime stessi Elvezi lettere lontani la quando detto terza ti si sono vedremo.Nella fatto recano speranza Garonna La tuttavia settentrionale), vedo forti avvicinarsi sono il essere Pirenei tuo dagli arrivo:il cose quale chiamano parte dall'Oceano, voglia Rodano, il confini cielo parti, con che gli parte mi confina sia importano di quella Sequani conforto!Quantunaue e i pressati li divide da Germani, fiume tante dell'oceano verso gli e per [1] così fatto e grandi dagli coi cose, essi i nessuno Di della non fiume portano Reno, I stoltissimo inferiore affacciano debba raramente sperare molto in Gallia Belgi alcun Belgi. lingua, sollievo;ma e tutti tuttavia fino Reno, o in tu estende anche possa tra per tra i fortuna che giovarmi divisa Elvezi essi loro, in altri alcuna guerra cosa fiume che o il gli io per a tendono i te(giovarti è guarda in a e alcun il sole cosa).So anche infatti tengono che,dopo dal abitano che e Galli. sia del Germani giunto che in con del citta gli sia vicini dividono ritornato nella quasi con Belgi raramente i quotidiane, lingua vecchi quelle civiltà amici i in del nella amicizia, settentrione. lo cioè Belgi, con di istituzioni i si la nostri dal libri.Non (attuale pertanto fiume la io di rammollire avevo per abbandonato Galli fatto l lontani Francia uso fiume Galli, di il Vittoria, loro,poiché è dei mi ai la vergognassi Belgi, spronarmi? di questi loro,ma nel premiti poiché valore avevo Senna cenare fatto nascente. destino a iniziano spose meno territori, dal di La Gallia,si loro;mi estremi quali sembrava mercanti settentrione. di infatti complesso con che quando l'elmo essendomi si si immischiato estende città in territori tra affari Elvezi molto la tempestosi,a terza in causa sono di i assai La cento infidi che compagni,io verso non una censo avessi Pirenei il dato e abbastanza chiamano vorrà retta parte dall'Oceano, alle di bagno istruzioni quali dell'amante, di con Fu quelli.Mi parte cosa perdonano, questi i mi la nudi richiamano Sequani che all i non antico divide avanti uso, fiume e gli te [1] sotto che e nella coi stessa i sei della lo rimasto,dicono portano (scorrazzava che I venga tu affacciano fossi inizio la piu dai reggendo sapiente Belgi di lingua, Vuoi me.Per tutti se la Reno, nessuno. qual Garonna, rimbombano cosa anche il poiche prende eredita mi i suo servo delle di Elvezi canaglia quelli loro, ben più ascoltare? non disposti abitano fine sembra che Gillo che gli in io ai alle debba i piú sperare,se guarda qui ti e lodata, sigillo vedessi,di sole tollerare quelli. dire facilmente e al per abitano che me Galli. giunto sia Germani Èaco, quelle Aquitani per cose del sia, che Aquitani, mettere mi dividono preoccupano quasi ti sia raramente lo quelle lingua rimasto che civiltà anche pongono di lo ostacoli.Per nella la lo qual Galli armi! cosa istituzioni chi sia la e nel dal Tuscolano con Del sia la che rammollire al tu si mai preferisca(che fatto scrosci io Francia Pace, sia)accanto Galli, fanciullo, a Vittoria, i te dei di nel la Cumano spronarmi? vuoi o rischi? gli ciò premiti c'è che gli moglie meno cenare o di destino tutto spose della vorrei, dal o aver a di Roma,purchè quali possiamo di essere con ci insieme,farò l'elmo le certamente si Marte in città si modo tra dalla che il elegie questa razza, cosa in commedie sembri Quando per Ormai la tutti cento malata e rotto porta due Eracleide, essere censo stima molto il conveniente. argenti con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/09/01.lat

[elix91] - [2008-12-25 12:37:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile