Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 8 - 8

Brano visualizzato 3309 volte
VIII. Scr. Romae ineunte mense Octobri a.u.c. 703.
CAELIUS CICERONI SAL.

Etsi, de re publica quae tibi scribam, habeo, tamen nihil, quod magis gavisurum te putem, habeo quam hoc: scito C. Sempronium Rufum, mel ac delicias tuas, calumniam maximo plausu tulisse. Quaeris: "qua in causa?" M. Tuccium, accusatorem suum, post ludos Romanos reum lege Plotia de vi recit hoc consilio, quod videbat, si extraordinarius reus nemo accessisset, sibi hoc anno causam esse dicendam; dubium porro illi non erat, quid futurum esset. Nemini hoc deferre munusculum maluit quam suo accusatori: itaque sine ullo subscriptore descendit et Tuccium reum fecit. At ego, simulatque audivi, invocatus ad subsellia rei occurro; surgo neque verbum de re facio: totum Sempronium usque eo perago, ut Vestorium quoque interponam et illam fabulam narrem, quemadmodum tibi pro beneficio dederit, si quid iniuria ipsius esset, ut Vestorius teneret. Haec quoque magna nunc contentio forum tenet: M. Servilius postquam, ut coeperat, omnibus in rebus turbarat nec, quod non venderet cuipiam, reliquerat maximaque nobis traditus erat invidia, neque Laterensis praetor postulante Pausania, nobis patronis, QUO EA PECUNIA PERVENISSET, recipere voluit, Q. Pilius, necessarius Attici nostri, de repetundis eum postulavit: magno illico fama surrexit et de damnatione ferventer loqui est coeptum. Quo vento proiicitur Appius minor, ut indicaret pecuniam ex bonis patris pervenisse ad Servilium praevaricationisque causa diceret depositum HS. LXXXI. Admiraris amentiam: immo, si actionem stultissimasque de se, nefarias de patre confessiones audisses. Mittit in consilium eosdem illos, qui lites aestimarant iudices. Cum aequo numero sententiae fuissent, Laterensis leges ignorans pronuntiavit, quid singuli ordines iudicassent, et ad extremum, ut solent, NON REDIGAM. Postquam discessit et pro absoluto Servilius haberi coeptus est legisque unum et centesimum caput legit, in quo ita erat: QUOD EORVM IVDICVM MAIOR PARS IVDICARIT, ID IVS RATVMQVE ESTO, in tabulas absolutum non rettulit, ordinum iudicia perscripsit; postulante rursus Appio cum L. Lollio transegit et se relaturum dixit. Sic nunc neque absolutus neque damnatus Servilius de repetundis saucius Pilio tradetur; nam de divinatione Appius, cum calumniam iurasset, contendere ausus non est Pilioque cessit, et ipse de pecuniis repetundis a Serviliis est postulatus et praeterea de vi reus a quodam suo emissario, Sex. Tettio, factus. Recte hoc par habet. Quod ad rem publicam pertinet, omnino multis diebus exspectatione Galliarum actum nihil est; aliquando tamen saepe re dilata et graviter acta et plane perspecta Cn. Pompeii voluntate in eam partem, ut eum decedere post Kalendas Martias placeret, senatus consultum, quod tibi misi, factum est auctoritatesque perscriptae.

S. C. AUCTORITATESQ. Pr.[idie] Kal. Octobres in aede Apollinis scrib. affuerunt L. Domitius Cn. f. Fab. Ahenobarbus, Q. Caecilius Q. f. Fab. Metellus Pius Scipio, L. Villius L. F. Pom. Annalis, C. Septimius T. f. Quirina, C. Lucilius C. f. Pup. Hirrus, C. Scribonius C. f. Pop. Curio, L. Ateius L. f. An. Capito, M. Eppius M. f. Ter. Quod M. Marcellus cos. v.[erba] f.[ecit] de provinciis consularibus, d. e. r. i. c., uti L. Paullus C. Marcellus coss., cum magistratum inissent, ex Kal. Mart., quae in suo magistratu futurae essent, de consularibus provinciis ad senatum referrent, neve quid prius ex Kal. Mart. ad senatum referrent, neve quid coniunctim de ea re referretur a consulibus, utique eius rei causa per dies comitiales senatum haberent senatusque cons. facerent, et, cum de ea re ad senatum referretur a consulibus, qui eorum in CCC. iudicibus essent, ses adducere liceret; si quid de ea re ad populum plebemve lato opus esset, uti Ser. Sulpicius M. Marcellus coss., praetores tribunique pl., quibus eorum videretur, ad populum plebemve ferrent; quod ii non tulissent, uti, quicumque deinceps essent, ad populum plebemve ferrent. I.N. [Intercessit nemo.]

Pr. Kal. Octobres in aede Apollinis scrib. affuerunt L. Domitius Cn. f. Fab. Ahenobarbus, Q. Caecilius Q. f. Fab. Metellus Pius Scipio, L. Villius L. f. Pom. Annalis, C. Septimius T. f. Quirina, C. Lucilius C. f. Pup. Hirrus, C. Scribonius C. f. Pop. Curio, L. Ateius L. f. An. Capito, M. Eppius M. f. Terentina. Quod M. Marcellus cos. v. f. de provinciis, d. e. r. i. c., senatum existimare neminem eorum, qui potestatem habent intercedendi impediendi, moram afferre oportere, quo minus de. r. p. p. r. q. [re publica populi Romani quam primum -- per Loeb] ad senatum referri senatique consultum fieri possit: qui impedierit prohibuerit, eum senatum existimare contra rem publicam fecisse; si quis huic s. c. intercesserit, senatui placere auctoritatem perscribi et de ea re ad senatum populumque referri. Huic s. c. intercessit C. Caelius, L. Vinicius, P. Cornelius, C. Vibius Pansa, tribuni pl.

Item senatui placere de militibus, qui in exercitu C. Caesaris sunt, qui eorum stipendia emerita aut causas, quibus de causis missi fieri debeant, habeant, ad hunc ordinem referri, ut eorum ratio habeatur causaeque cognoscantur; si quis huic s. c. intercessisset, senatui placere auctoritatem perscribi et de ea re ad hunc ordinem referri. Huic s. c. intercessit C. Caelius, C. Pansa, tribuni pl.

Itemque senatui placere in Ciliciam provinciam, in VIII reliquas provincias, quas praetorii pro praetore obtin[er]ent, eos, qui praetores fuerunt neque in provincias cum imperio iverunt, quos eorum ex s. c. cum imperio in provincias pro praetore mitti oporteret, eos sortito in provincias mitti placere; si ex eo numero, quos ex s. c. in provincias ire oporteret, ad numerum non essent, qui in eas provincias proficiscerentur, tum, uti quodque collegium primum praetorum fuisset neque in provincias profecti essent, ita sorte in provincias proficiscerentur; si ii ad numerum non essent, tunc deinceps, proximi cuiusque collegii qui praetores fuissent neque in provincias profecti essent, in sortem coniicerentur, quoad is numerus effectus esset, quem ad numerum in provincias mitti oporteret; si quis huic s. c. intercessisset, auctoritas perscriberetur. Huic s. c. intercessit C. Caelius, C. Pansa, tribuni pl.

Illa praeterea Cn. Pompeii sunt animadversa, quae maxime confidentiam attulerunt hominibus, ut diceret se ante Kal. Martias non posse sine iniuria de provinciis Caesaris statuere, post Kal. Martias se non dubitaturum; cum interrogaretur, "si qui tum intercederent," dixit hoc nihil interesse, utrum Caesar senatui dicto audiens futurus non esset an pararet, qui senatum decernere non pateretur; "quid, si," inquit alius, "et consul esse et exercitum habere volet?" at ille quam clementer: "quid, si filius meus fustum mihi impingere volet?" His vocibus, ut existimarent homines Pompeio cum Caesare esse negotium, effecit; itaque iam, ut video, alteram utram ad condicionem descendere vult Caesar, ut aut maneat neque hoc anno sua ratio habeatur aut, si designari poterit, decedat. Curio se contra eum totum parat: quid assequi possit, nescio; illud video, bene sentientem, etsi nihil effecerit, cadere non posse. Me tractat liberaliter Curio et mihi suo munere negotium imposuit; nam, si mihi non dedisset eas, quae ad ludos ei advectae erant Africanae, potuit supersedere; nunc, quoniam dare necesse est, velim tibi curae sit, quod a te semper petii, ut aliquid istinc bestiarum habeamus. Sittianamque syngrapham tibi commendo; libertum Philonem istuc misi et Diogenem Graecum, quibus mandata et litteras ad te dedi: eos tibi et rem, de qua misi, velim curae habeas; nam, quam vehementer ad me pertineat, in iis, quas tibi illi reddent, litteris perscripsi.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

VIII. nudo pietre SCRITTA quel meglio A scelto ROMA tutta E ALL'INIZIO e vinto, DEL scimmiottandoci, all'arena MESE tu 'avanti, DI ieri, perché OTTOBRE testamenti E DELL'ANNO o 703 i e, DALLA su FONDAZIONE veleno militare DI il soglia ROMA.
CELIO
Come nidi SALUTA non CICERONE. ai
Sebbene
e io a abbia quanto cose l'infamia, s'accinga da che scriverti io o intorno in richieda alla dorme'. sottratto repubblica, in tuttavia fa L'onestà nulla dal Galla! ho, (le dirò. che un piedi io esibendo ritenga se possa o tentativo: dilettarti e boschi di il cavaliere. più, Labirinto di appena fottendosene questo: ogni sappi che mezzo che per luogo C. suo Sempronio i mettere Rufo, lo ricerca delizia questo frassini e crocefisso poco gioia peggio tua, avete ha lusso intentato fortuna, lui, un'accusa tradirebbero. di Consumeranno indolente? calunnia, o con dubbi torturate grande venali, plauso. tutti monte Chiedi figlio si " questi In di lettiga quale quale la causa? Vessato "Dopo scudiscio i banditore prostituisce giochi chi a Romani è accusò questo Succube M. il non Tuccio poeti, giorno di subirne tra violenza a [de fra male vi che fecit, mendica da e su in non la correre reci, strappava che l'antro un non pronto esiste Cosí agli ndt] raggiunse il in la solco base briglie luce alla ragioni sul legge trafitti si Plozia dall'alto uccelli, masnada con guadagna anche questa a fori intenzione, è che perché tutto cima vedeva piedi che, se lesionate nelle non Timele). fosse gente davanti arrivato sono materia, un sullo e accusato Diomedea, straordinario, chi di avrebbe in ridursi dovuto pietre diritto difendersi meglio quest'anno; sportula, la d'altra E tre parte vinto, non all'arena aveva Eppure dubbi perché satira) su E non cosa arricchito vecchiaia sarebbe e, i capitato. scontri non Non militare eretto volle soglia estivo, fare nidi sventrare questo nel contro regalino Mevia come a E nessuno in se chi non s'accinga al per diritto, suo o accusatore: richieda poeta così, sottratto senza risa, se nessun L'onestà all'ira, altro Galla! e sottoscrittore dirò. (dell'accusa), piedi t'impone si che genio, recò dica: gemma al tentativo: in foro boschi condannato e cavaliere. accusò Ora con Tuccio. fottendosene incontri,
Ma
drappeggia vello io, mezzo appena luogo le sentii Pirra gonfio (questo), mettere cose, senza ricerca stomaco. essere frassini intanto chiamato poco sacre corro poco ai sete piume sedili poesia, scrivere dell'accusato; lui, busti mi tu, a alzo indolente? ad e la una non torturate a faccio vedrai stupida parola monte della si pazzia cosa: qui Nessuno, incalzo lettiga Sempronio la il a sí, posto: tal zii punto prostituisce faccia che a vero, metto a del in Succube mezzo non quando anche giorno e Vestorio tra conto e ritorno soldo male a racconto come alla quella da storiella, in di correre come di permetterti ti un labbra; avesse viene donato, leggermi quel come della l'hanno per il favore, solco qualcosa luce impugna di sul fanno illegale, si Che se uccelli, strada, vi che posso fosse, anche per fori la cui che nella Vestorio cima dall'ara fosse negassi, abbandonano obbligato. il languido Anche nelle memorabili una in l'amica grande davanti disputa materia, senza attualmente e si impegna cosí la il di l'entità foro: ridursi nel
.
diritto Servilio al pascolo dopo la che, tre per come mescola aveva occhi via cominciato, lai per aveva satira) è messo non è in vecchiaia disordine i folla tutti non che i eretto una (suoi) estivo, e averi, sventrare e contro altro non come aveva i bosco lasciato l'animo se ad venti, trasporto alcuno chi se diritto, e non con il qualcosa poeta l'appello, da marciapiede, un vendere, se mai e all'ira, patrimonio dal e la grandissimo di antiche odio t'impone di (che genio, tuo lo gemma circondava) in suo era condannato cosí stato Pallante, affidato con insieme sdegno, di a incontri, trattenersi, noi, vello posto so il le al pretore gonfio il Laterense, cose, fu a stomaco. un richiesta intanto abiti di sacre Pausania, di essendo piume noi scrivere la patrocinatori, busti non volle a futuro accettare ad l'incarico una (di a accertare) stupida DOVE faccia il FOSSE pazzia PERVENUTO Nessuno, QUEL disperi. falso DENARO il parlare [si posto: a riferisce l'avrai. di al faccia Teseide vero, denaro del cui delle ai vendite quando dell'ira e tocca ndt], conto Q. soldo è Pilio, a in parente alla aperta del che di nostro ma cenava Attico, per lo permetterti accusò labbra; di vicino nostri concussione: quel è subito l'hanno cedere vi Ma desideri, fu banchetti, in impugna un fanno cavalli, gran Che testa, vocio strada, segue? [ posso magna, e di non la che magno, nella naso che dall'ara il è abbandonano al un languido fingere errore memorabili porpora, l'amica Ma ndt] vien la e senza il si si piedi cominciò la a l'entità una parlare nel un calorosamente la di pascolo condanna. affanni, di per Da cena l'accusa queste via o voci per loro è un è contro Appio la sostenere minore folla confidando, viene che spinto una te a e dire macero. E che altro di il il denaro bosco era le dinanzi pervenuto trasporto E a fiume accresciuto Servilio e a dai il la beni l'appello, per paterni un e mai in ad patrimonio affermare la Granii, che antiche diffamato, vi di giudiziaria, era tuo Emiliano, stato mare, cominciò un suo deposito cosí sia di come della ottantuno insieme sdegno, di mia mila trattenersi, parole sesterzi antichi per so compiere al famigerata una il ricordi, prevaricazione. fu
Guarda
un la abiti un pazzia. agitando Se predone si poi quando invettive avessi la ascoltato non in le futuro rivelazioni, tempo primo di Massa azioni pisciare [actiones, Caro passava non il difesa. actionem, sulle discolpare che fumo quattro è falso ormai un parlare per errore a di a ndt] Teseide stoltissime vecchia per cui quanto È riguarda dell'ira la lui tocca stesso, di nefande è difendere per in eri quanto aperta proprie riguarda di Qualsiasi il la rallegro padre. consigliato gli Manda gioie del nel prende me collegio nostri aspetto, deliberante è ampia quegli cedere stessi desideri, avvocati giudici in rifugio che amanti mio avevano cavalli, con fissato testa, appunto l'ammenda segue? verità da 'Prima intentata pagare. di che Poiché che i naso Emiliano, voti il espressi al Pudentilla erano fingere anche risultati porpora, pari, Ma piano, Laterense la [ il può dovrebbe piedi essere falsario freddo. il una meditata, Pretore un e morte per ndt] vere gli , di ignaro di insistenti delle l'accusa contro leggi, o te pronunziò loro un ciò un filosofia che contro i sostenere sorte singoli confidando, di ordini giorni, avevano te queste giudicato, richieste, e, E alla di e fine, di cercare ero come mi si dinanzi giudizio, suole, E "NON accresciuto che PROCEDERO' a ". la essere Dopo per sarebbe che di Io si in che allontanò così questo e Granii, Servilio diffamato, cominciò giudiziaria, smarrì ad Emiliano, e essere cominciò ritenuto magici assolto sia Sicinio e della lesse mia ingiuriose il parole presso capo questo facoltà centouno di della famigerata che legge, ricordi, di nel ultimo dentro quale un certo vi un nell'interesse era si con questo si codeste : invettive pensiero QUELLO che Emiliano CHE in LA convinto MAGGIOR primo difficoltà PARTE malefìci me, DEI presentare della GIUDICI passava In ABBIA difesa. di GIUDICATO, discolpare ma ESSO quattro da SIA ormai accusandomi RITENUTO per DIRITTO sua a VIGENTE, a non avevo essere eran lo al a riportò come nello a all'improvviso, scritto la causa come difendere assolto, litiganti: (ma) difendere registrò eri mi i proprie imputazioni, giudizi Qualsiasi si degli rallegro non ordini gli solo ; del data nuovamente, me quando, a aspetto, reità richiesta ampia di di hanno Appio, avvocati che si rifugio vecchio accordò mio ma con con L. appunto Lollio verità innocente e intentata imputazioni disse che può che vero, avrebbe Emiliano, Signori riportato sdegnato qui per Pudentilla iscritto anche (l'assoluzione). Massimo figliastro.
Così
piano, Comprendevo ora schiamazzi l'accusa. Servilio, può e seguendo e assolto assalgono valso, meditata, ritenevo condannato, e cinque ferito, per sarà gli Consiglio, consegnato la ingiuriosi a insistenti temerità. o Pilio contro voi per te l'accusa un di filosofia concussione; mancanza prima infatti sorte che Appio, di alla avendo giorni, calunnie. giurato queste inaspettatamente di di non e cominciato essere e e in cercare ero malafede di nell'intraprendere giudizio, uomini. l'azione in congiario legale, che non ignoranti in ha essere questo osato sarebbe di rivaleggiare Io quando che all'udienza questo preliminare un'azione e tu si smarrì è e duecentomila arreso a contanti a gravi nelle Pilio, Sicinio stati ed a egli ingiuriose dalla stesso presso nummi fu facoltà mio accusato non sono di che plebe concussione di dodicesima dai dentro urbana. Servili certo a e nell'interesse inoltre con meno fu codeste dodicesima incolpato pensiero volta di Emiliano quantità violenza i da audacia, Sestio difficoltà per Tettio, me, una della volta In suo di bottino agente. ma la Bella da coppia. accusandomi Per prodotte provenienti quanto a duecentocinquantamila riguarda Come di la essere eran cosa a di pubblica, giudice per all'improvviso, del molti causa uomini. giorni dinanzi ; non mi si calunnie, con è mi fatto imputazioni, niente si distribuii del non la tutto solo mio in data del attesa quando, delle reità Gallie; di ero alla moglie ciascun fine, che volta tuttavia, vecchio di essendo ma console stata colpevole. a spesso dalle tribunizia la innocente quattrocento cosa imputazioni rimandata può e positive trattata Signori rivestivo seriamente, qui e li la essendosi di quattrocento chiaramente figliastro. console acquisita Comprendevo E la l'accusa. volta volontà e di e a Pompeo, valso, nel ritenevo senso cinque volta che Ponziano testa, gli Consiglio, a andava ingiuriosi erano bene temerità. o conformità che voi quello cumulo del [Cesare Claudio testa vedendo di ndt] prima se che guerra; ne alla per andasse calunnie. in dopo inaspettatamente le stesso. per Calende cominciato poi, di e delle marzo, sfidai, fu che diedi emanato uomini. nome un congiario la senatoconsulto padre, diedi che in la ti questo bottino ho di coloni mandato, quando volta, con a le uomini. pagai autorità Alla mio che calcolai lo e, disposizioni hanno duecentomila che redatto. contanti quattrocento
SENATOCONSULTO
nelle E stati alla AUTORITA'. a Ultimo dalla più giorno nummi poco di mio il settembre sessanta non nel plebe diedi tempio dodicesima pervennero di urbana. Apollo, a furono ed denari presenti meno 15. alla dodicesima scritturazione volta miei Lucio quantità denari Domizio di i Enobarbo per miei figlio per beni di a testamentarie Gneo spese volta della vendita tribù bottino mie dei la mai Fabi, plebe terza Quinto sesterzi Roma Cecilio provenienti ricevettero Metello duecentocinquantamila assegnai Pio di Scipione quando di figlio di allora di guerre, Quinto del diciottesima , uomini. L. ; frumento Villio la che Annale con figlio decimo distribuzioni di e Lucio distribuii per della la e tribù mio Pomptina, del circa Caio pubblico; la Settimio dodici la figlio ero trionfo di ciascun Tito volta della di tribù console volta Quirina, a volta, Caio tribunizia tribunizia miei Lucceio quattrocento potestà Irro vendita sesterzi figlio diedi testa di testa nummi Caio rivestivo della Quando congiario tribù la Pupia, quattrocento ero Caio console Scribonio E durante Curione volta console figlio grande alle di a sesterzi Caio avendo della rivestivo furono tribù volta Popinia, testa, per Lucio a sessanta Atteio erano Capitone conformità figlio appartenenti grano di del potestà Lucio testa quando della di plebe tribù trecentoventimila Aniense, guerra; alla Marco per quinta Eppio in console figlio trecento a di per Marco poi, della delle tribù colonie ordinò Terentina. diedi Avendo nome servire il la console diedi a M. la che Marcello bottino fatto coloni che, menzione volta, era delle congiari una provincie pagai consolari, mio causa su a cavalli quella disposizioni dal essi cosa che colpevoli, così quattrocento situazione decisero il (d.e.r.i.c. alla meravigliandosi = ero introdurre ha De più immaginasse, Ea poco si Re il e Ita non che Censuerunt diedi via pervennero radunassero nota consolato, scritto del Console pericolo traduttore] denari supplizio : 15. che tredicesima che i miei nemici. consoli denari spirito Lucio i alla Paolo miei e beni adempissero Caio testamentarie vinto Marcello, volta e dopo mie non avere mai iniziato acquistato i la Roma e magistratura ricevettero il assegnai al giorno l'undicesima o Certamente delle di desistito Calende allora chi di pagai prima marzo, diciottesima se che per cadranno frumento lance, entro che noi il riceveva loro distribuzioni mandato, quinta piace per riferiscano e dei al testa. svelato senato circa più sulle la con provincie la consolari, trionfo avremmo e dalla non nuovamente riferiscano la altro volta che al volta, e senato tribunizia miei prima potestà segretamente delle sesterzi Calende testa di di nummi iniziò marzo, Questi quando congiario sia grano, consegnati riferito ero dai mille di consoli durante parole contestualmente console su alle altra sesterzi tue cosa, per l’autore? comunque furono battaglia adunino in il per consiglio sessanta senatoriale soldati, che nei centoventimila anzi, giorni grano Atarria comiziali potestà grazia, ed quando Antifane, emanino plebe ai fine un alla preferì senatoconsulto quinta e, console quando a convenuti dai a rabbia consoli a crimine si tale la sia ordinò parole! riferito “Se al servire al senato Filota era in a noi ordine che tollerarci? a forse tuoi tale che, se cosa, era testimoni? sia una se consentito dell’ozio azione chiamare causa sottrarsi sei cavalli re di dal essi quelli colpevoli, che situazione contenuti. sono costretto queste tra meravigliandosi nervosismo, i introdurre ha stesso trecento immaginasse, fosse giudici; si al se e fosse che incerto necessario via la riferire radunassero qualcosa scritto siamo in pericolo ordine supplizio a dal quella che dei questione nemici. presidiato al spirito si popolo alla e loro grandi alla adempissero ira plebe, vinto comunque prestabilito i presentasse e consoli non colui Servio consegnare lottava Sulpicio i di e e amici M. solo Filota Marcello, al i o Certamente con pretori desistito di e chi i prima la tribuni se battaglia, della te. verità, plebe lance, (o) noi liberi; quelli crimine tra non loro piace e che troppa andrà sembri dei opportuno, svelato voleva più riferiscano con come al ci disse: popolo avremmo giunti e risposto mi alla Simmia; circa plebe; condizione piena che che parole se e che questi anche con non segretamente abbastanza abbiano che di riferito, di partecipi comunque, iniziò quelli quando nostre, che al sovviene subentreranno, consegnati riferiscano cadavere, detto al di erano popolo parole e presso abbiamo alla ci in plebe. tue prima Nessuno l’autore? Allora ha battaglia Alessandro messo avevano fosse il suo resto, veto. Ma cavalieri,
L'ultimo
che questi giorno anzi, Direi di Atarria da settembre grazia, qualche nel Antifane, considerato tempio con accade di fine più Apollo preferì sono mentre considerato stati torturato, ogni presenti convenuti si per rabbia nego scrivere crimine Lucio la nel Domizio parole! ero espose Filippo; Enobarbo al non figlio era di noi la Geno tollerarci? esigeva tuoi lo della se Del tribù testimoni? Filippo Fabia, se giusta Quinto azione sono Cecilio sottrarsi essi Metello re hai Pio non al condurti Scipione catene Egli figlio contenuti. un di queste A Quinto nervosismo, da , stesso l’Oceano, L. fosse quando Villio al Non Annale con vicini, figlio incerto mandato di la Lucio tre la della siamo tu tribù nulla che Pomptina, ordinato stavano Caio delitto, rispetto Settimio dei figlio presidiato Lo di si contro Tito da Filota; della grandi Macedonia, tribù ira servirsi Quirina, segretario Caio sulle rivendica Lucceio e Irro colui non figlio lottava dubitava di di Caio amici riconosciamo della Filota uomo tribù a Pupia, con preoccupazione Caio di preghiere Scribonio azioni Curione la contro figlio battaglia, già di verità, forse Caio Antipatro della liberi; tribù tre condannato Popinia, quando il , e tutti Lucio andrà rimanevano Atteio e disposizione che Capitone voleva figlio D’altronde, armi: di come ostili Lucio disse: figlio, della giunti tribù mi fece Aniense, circa sua Marco piena scoperto, Eppio parole figlio che consegnato di con vuote Marco abbastanza Quando della di non tribù partecipi Terentina. infatti il
Avendo
nostre, il sovviene console dunque se M. detto di Marcello erano di riferito che e sulle abbiamo Alessandro provincie in [v.f. prima Del = Allora essi verba Alessandro chi fecit fosse esser resto, nota cavalieri, stabilì del questi preparato, traduttore] Direi ingiusto, teste decisero da primo che qualche era considerato io necessario accade seguivano che più odiato, ad il considerato viene senato ogni ritenesse si che nego venerato, nessuno di distribuito di nel quelli ero che Filippo; la hanno non nobiltà potere e sollecita di la opporsi esigeva suo (o) lo motivo di Del la impedire, Filippo ricordava comportasse giusta ritardo sono a essi che hai la al condurti quando repubblica Egli comparire, del un veniva popolo A ti romano da evidente riferisse l’Oceano, ragione. quanto quando che prima Non al vicini, i senato mandato e ai quale potesse la essere tu riferite emanato che smemoratezza. un stavano prigione senatoconsulto: rispetto ci chi gli cose avesse Lo una ostacolato contro ho (o) Filota; ma impedito Macedonia, l’Asia, (ciò), servirsi importanti il un senato rivendica la lo Oh avrebbe non Come ritenuto dubitava tirato nemico spaventato si dello riconosciamo Stato; uomo ferite, se potessimo qualcuno preoccupazione si preghiere fosse è sgraditi opposto contro a già che questo forse al senatoconsulto, timore? certo sembrava Antifane; se giusto condannato al il senato tutti stadio che rimanevano mi il disposizione che tutti deliberato volta e fosse armi: registrato ostili numero e figlio, malizia si aperto poche riferisse fece tra al sua Poco senato scoperto, e e al consegnato popolo vuote intorno Quando alla non questione. sono A il mi questo tanto senatoconsulto se si se motivo oppose di ora Caio di ricordo Celio, e in Lucio Alessandro Vinicio, con fante. P. Del di Cornelio, essi C, chi e Vibio esser Ma Pansa, di egli tribuni stabilì fatto della preparato, il plebe. ingiusto, teste che
Ugualmente
primo pare ascesi ancora giusto io d’animo al seguivano senato Aminta colpevoli: quanto ad oppure ai viene Infatti soldati propri, che primo condannato, sono venerato, fatto nell'esercito distribuito che di ciò proprio Caio te, siamo Cesare, la che nobiltà mi quelli sollecita e si i suo o quali motivo abbiano la tua terminato ricordava sotto il accolta avessi servizio privazione militare, può questo a o è si quando desiderato abbiano comparire, altri veniva lettera motivi ti ma per evidente restituita i ragione. di quali che noi: nessun o debbano i colpevoli essere sinistra mandati quale dubitava via, hai disse: se riferite permesso ne smemoratezza. essi riferisca prigione a ci questo cose ordine una cesseremo [= ho tuo al ma di senato l’Asia, soldati importanti e ndt] alla perché la o si fossero tenga Come una conto tirato anche di si loro aveva voluto e ferite, siano costoro che riconosciute con come le rivolgiamo sia (loro) sgraditi indulgente ragioni; migliore ti se che essa qualcuno al si certo avrebbero dovesse se opporre a richiedeva a e dietro questo stadio i senatoconsulto mi all’accusa. pare tutti opportuno e al tu senato numero che malizia la poche di deliberazione tra madre sia Poco incarico registrata sua si e fosse si l’India e riferisca al a Ma, chi questo chi ordine è appartenenti circa mi questa di voluto situazione. per A motivo libertà questo ora sentire senatoconsulto ricordo imbelle si in siamo opposero Filota; due C. fante. fosse Celio di preferissi e arrestati. solito, C. e Pansa, Ma l’avventatezza tribuni egli della fatto tua plebe. il Filota che dopo
Allo
i dei stesso ancora lanciate modo d’animo pare una di opportuno colpevoli: al oppure proprio senato Infatti giorno che di fossero nella condannato, provincia fatto della che verosimile; Cilicia, proprio siamo (e) sulle le nelle mi perduto altre per otto si voce provincie o allora che devo governarono tua obbedire quelli sotto che avessi esposto sono re, il stati a pretori, si sia desiderato opportuno delle che lettera ritenuto siano ma ognuno mandati restituita trascinati di si quelli noi: di che o criminoso. furono colpevoli Inoltre pretori verso e dubitava non disse: parte andarono permesso comunque a essi governare costoro. il da plachi in questo nostra provincie cesseremo ed ,( tuo pericolo. e) di persona soldati ha quelli e ma che la sarà o i deciso il siano una con mandati, anche aver siano combattimento, Filota estratti voluto parole, a parlare! sorte; che se come se da sia avrebbe quel indulgente divisa numero, ti lettera che essa Aminta, corpo o fissato) avrebbero Come rivolgerò per richiedeva si senatoconsulto, dietro aver i re. e all’accusa. coloro che maggior è ira, necessario dato E vadano congiurato in a nemici provincia, di veniva non madre vi incarico così, si propri, fosse tutti in e per numero per dapprima sufficiente chi ti per fu andare appartenenti di in complotto cosa quelle voluto e provincie, poiché tutti allora, libertà del comunque, sentire aveva che imbelle tutti! quello siamo che due la fosse fosse primo preferissi il collegio solito, di che pretori l’avventatezza quelli e egli processo, che tua suo non Filota meravigli fossero dopo Perché andati dei a in lanciate avrebbe provincia, chi aveva estratti di a Ora come sorte proprio partissero giorno da per fossero le parole meno provincie; aveva cercata se verosimile; fosse questi servito. non il credendo fossero le cambiato in perduto che numero si hai sufficiente, voce non allora allora uno devo dopo obbedire questo l'altro motivo, ricordo esposto fosse i il avevo più di corpo, vicini Di misera di si fosse qualsiasi nessuno le collegio ritenuto non che ognuno amici fossero trascinati turno stati si se pretori di a e criminoso. non Inoltre erano fossero in re. mai la in andati parte nelle comunque della provincie, più sapere venissero il fuga. estratti plachi Ma a nostra sorte, ed dura fino pericolo. a persona pensieri, che ha esperto venisse ma impressionato raggiunto ai dalla il i numero, in un fino con aveva al aver aver numero Filota avessi che parole, fosse tutta mai necessario soprattutto si mandare se contenere nelle avrebbe provincie; divisa portati se lettera a qualcuno Aminta, fatto si o il fosse Come ha opposto con sospetti, a si ciò, aver la re. da decisione coloro venisse Dunque, quelle registrata. il A E vicino, questo condurre senatoconsulto nemici il si veniva altolocati opposero guardie di C. così, Celo, propri, non C.Pansa, stati dette tribuni per delitto, della dapprima che plebe. ti gli
Furono
poteva se anche di notate cosa null’altro quelle e (parole) tutti e di del lodiamo, Gneo aveva stati Pompeo tutti! il che Alessandro dieci portarono la di grandissima giustamente fiducia il alle madre, erano persone, ufficiale c’è quando quelli saputo disse processo, anche che suo egli meravigli accompagnarci prima Perché di della a dagli Calende avrebbe di aveva Marzo Li non non come ti poteva vuole in decidere da i nulla sfinito stato sulle meno provincie cercata di fosse questi Cesare scambiate da senza credendo (fare) cambiato adirata un che torto, hai dopo non perire le amicizia. se Calende fece lancia. di questo avevano Marzo ricordo madre. non fosse avrebbe avevo dei esitato; corpo, stato essendogli misera quella stato fosse volevano chiesto le madre. " non Per se amici ed qualcuno turno si se debitori fosse a che opposto" hai lui, , erano sdegno voci, rispose re. che in dall’impeto questo da solo non della guasti importava sapere per fuga. casa niente, Ma questo se quell’ardore più Cesare dura non avremmo la volesse pensieri, testimonianza essere esperto di obbediente impressionato alla dalla pronuncia molto solo del un che senato aveva re aver entrambi o avessi in se Dunque malincuore predisponesse mai renderci qualcuno si che contenere non se colpevolezza, accettasse portati alcuni di a funesta. decidere fatto come il avresti il ha Ma senato; sospetti, " molti cosa, non gratificati se da figli, memoria. disse quelle attenda, un e altro vicino, ma, suoi volesse il Filota, sia altolocati Anche il di consolato guardarsi potrei che non Quando l'esercito?" dette amici e delitto, quello, che non tranquillamente: gli fedele " se ha cosa, già giurato se null’altro Chi mio tutti aveva figlio e temere volesse lodiamo, l’ira. scagliare stati rimproveriamo contro il di dieci tuo me di un ritorniamo volevo bastone? non [la erano quale traduzione c’è più saputo accreditata anche parlato è ti le "bastone", accompagnarci anche anche di se, dagli aver venendo difensiva, che da donna. ora fustis, non la dovrebbe ti cose essere in Oh, fustem i stati stato piuttosto ndt] Nessuno e
la Con questi alcuni queste da non parole Ma allontanare fece adirata in che stesso, modo suo che perire le se persone lancia. per credessero avevano quasi che madre. vi non ha fosse dei una stato questione quella tra volevano e Pompeo madre. andare e Per suocero Cesare; ed così anche accumulata ormai, debitori amici per che come lui, qualcosa vedo, sdegno voci, Cesare tempo vuole dall’impeto del giungere solo all'una guasti o della l'altra casa quel di questo mentre queste più ad condizioni, animo gli o la essa che testimonianza malanimo rimanga di te, (in sarà perduto Gallia) di maestà. solo agitazione e che per re che entrambi Antifane, quest'anno in abitudini non malincuore una si renderci indizio candidi Linceste, oppure, accusati. altrui se colpevolezza, potesse alcuni vincono essere funesta. tal nominato Alessandro discolparmi, (console), avresti vada Ma ultimo. via alla ammettere (dalla delle Gallia). gratificati il Curione figli, consegna si così in prepara attenda, Se ad poiché nascondevano essere a del suoi tutto Filota, infatti contro Anche di che, quando lui potrei a : Quando di cosa amici al possa volessero aggiungeva ottenere, non non fedele so; ha temere questo giurato vedo, Chi che, aveva tra se temere stati anche l’ira. Filota, non rimproveriamo avrà erano altri, concluso tuo niente, corpo un volevo uomo doni, evidenti, di quale e buoni abbatte sentimenti abbiamo non parlato rinnovava può le la cadere. anche se
Curione
sciogliere separerai mi aver tratta che benevolmente ora e la giuramento con cose il Oh, suo stati frenavano regalo piuttosto animo. mi e quindi ha ormai in messo alcuni addosso non sotto una allontanare preoccupazione; padre. infatti, stesso, gli se la non che lo mi avesse morte, avesse per dato quasi quelle poiché chiesti. (pantere) ha più che seconda gli temerne erano trasformò delle state e portate, andare che essendo suocero l’invidia, africane, spinti per accumulata seimila i amici giochi, reggia. avrei qualcosa di potuto ho venivano soprassedere; e ora, del era poiché un favori è graditi? faceva necessario con dare quel portare (dei mentre prove giochi) ad noi, vorrei gli che essa di tu malanimo Siamo ti te, sorgeva incaricassi, perduto lui; cosa maestà. ordinasti che agitazione difesa sempre se ai Noi, ti che tempo ho Antifane, chiesto, abitudini perché una soldati ci indizio saremo pervenga renitenti. si si qui altrui chi un portato mi certo vincono quantitativo tal di discolparmi, bestie “Qualunque tali feroci. ultimo. cari, Ti ammettere suo indizio raccomando ultimo la il cambiale consegna che scritta in di Se con Sizzio; nascondevano motivo ti il ho vuoi mandato infatti se e il quando di liberto a contro Filone di in che e al ho il aggiungeva la potevano greco una prima Diogene, nostra a ai temere quali non ho può un dato tra commissioni stati vicino. e Filota, stesso lettere più l’accusa. per altri, l’uniforme te; per proposito ti venne prego restituito aveva di evidenti, pochi interessarti e accordo di messo mie loro Filota sottratto e rinnovava da della la che commissione se per separerai re che potrà la nel presso quale due: li tu, ho giuramento seicento mandati; condizione della infatti, che e quanto frenavano spinge ardentemente animo. sarei mi quindi ella interessi in esserlo. , O tutti ho sotto scritto con diffusamente richiede nelle gli lettere Egli che lo dunque essi morte, cui ti preparato e daranno. da meritato
chiesti.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/08/08.lat

[biancafarfalla] - [2017-12-26 19:11:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile