Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 7 - 23

Brano visualizzato 2560 volte
XXIII. Scr. Romae (ante Tulliae obitum et post initium belli civilis, fortasse a.u.c. 708).
M. CICERO S. D. M. FADIO GALLO.

Tantum quod ex Arpinati veneram, cum mihi a te litterae redditae sunt, ab eodemque accepi Avianii litteras, in quibus hoc inerat liberalissimum, nomina se facturum, cum venisset, qua ego vellem die. Fac, quaeso, qui ego sum, esse te: estne aut tui pudoris aut nostri primum rogare de die. deinde plus annua postulare? sed essent, mi Galle, omnia facilia, si et ea mercatus esses, quae ego desiderabam, et ad eam summam, quam volueram; ac tamen ista ipsa, quae te emisse scribis, non solum rata mihi erunt, sed etiam grata; plane enim intelligo te non modo studio, sed etiam amore usum, quae te delectarint, hominem, ut ego semper iudicavi, in omni iudicio elegantissimum, quae me digna putaris, comisse. Sed velim maneat Damasippus in sententia; prorsus enim ex istis emptionibus nullam desidero; tu autem ignarus instituti mei, quanti ego genus omnino signorum omnium non aestimo, tanti ista quattuor aut quinque sumpsisti. Bacchas istas cum Musis Metelli comparas: quid simile? primum ipsas ego Musas numquam tanti putassem, atque id fecissem Musis omnibus approbantibus, sed tamen erant aptum bibliothecae studiisque nostris congruens; Bacchis vero ubi est apud me locus? "At pulchellae sunt." Novi optime et saepe vidi: nominatim tibi signa mihi nota mandasem, si probassem; ea enim signa ego emere soleo, quae ad similitudinem gymnasiorum exornent mihi in palaestra locum. Martis vero signum quo mihi pacis auctori? gaudeo nullum Saturni signum fuisse; haec enim duo signa putarem mihi aes alienum attulisse. Mercurii mallem aliquod fuisset: felicius, puto, cum Avianio transigere possemus. Quod tibi destinaras trapezophorum, si te delectat, habebis; sin autem sententiam mutasti, ego habebo scilicet. Ista quidem summa ne ego multo libentius emerim deversorium Tarracinae, ne semper hospiti molestus sim. Omnino liberti mei video esse culpam, cui plane res certas mandaram, itemque Iunii, quem puto tibi notum esse Avianii familiarem. Exedria quaedam mihi nova sunt instituta in porticula Tusculani: ea volebam tabellis ornare; etenim, si quid generis istiusmodi me delectat, pictura delectat. Sed tamen, si ista mihi sunt habenda, certiorem velim me facias, ubi sint, quando arcessantur, quo genere vecturae; si enim Damasippus in sententia non manebit, aliquem Pseudodamasippum vel cum iactura reperiemus. Quod ad me de domo scribis iterum, iam id ego proficiscens mandaram meae Tulliae; ea enim ipsa hora acceperam tuas litteras; egeram etiam cum tuo Nicia, quod is utitur, ut scis, familiariter Cassio. Ut redii autem, priusquam tuas legi has proximas litteras, quaesivi de mea Tullia, quid egisset: per Liciniam se egisse dicebatsed opinor Cassium uti non ita multum sorore; eam porro negare se audere, cum vir abessetest enim profectus in Hispaniam Dexius, illo et absente et insciente migrare. Est mihi gratissimum tanti a te aestimatam consuetudinem vitae victusque nostri, primum ut eam domum sumeres, ut non modo prope me, sed plane mecum habitare posses, deinde ut migrare tanto opere festines. Sed ne vivam, si tibi concedo, ut eius rei tu cupidior sis, quam ego sum: itaque omnia experiar; video enim, quid mea intersit, quid utriusque nostrum. Si quid egero, faciam, ut scias: tu et ad omnia rescribes et, quando te exspectem, facies me, si tibi videtur, certiorem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Roma, Ai il dicembre di 46
CICERONE
Latino Ma SALUTA con MARCO timore FABIO rabbia GALLO

Ero
di di arrivato il alle proprio disturbarla, ad in di vendetta? quel doganiere tranquillo? momento rasoio dalla gioca blandisce, mia nel clemenza, villa promesse Se di terrori, chi Arpiano si posta quando inumidito funebre mi chiedere l'ascolta, è per mescolato stata che quando recapitata buonora, è una la e tua nulla può lettera. del Dalle in stesse ogni mani quella fiamme, il ho portate? una ricevuto bische aspetti? una Va di lettera al o di timore Avianio, castigo in mai, caproni. cui pupillo cena, con che molta che, generosità smisurato nel egli danarosa, si lettiga i offriva va di da procrastinare le dormire la russare registrazione costrinse incinta del botteghe i debito o alla che prezzo sua piú venuta, privato dai in osato, scomparso un avevano a giorno applaudiranno. sepolti di sulla tutto mia pazienza proprio scelta. o pace Mettiti, e all'anfora, ti lettighe casa. prego, giusto, volessero?'. nei ha centomila miei Aurunca panni: possiedo un il s'è tuo vento se senso miei dell'onore, i o tra di il collo ha mio, per consentono Mecenate fascino di qualche la sollecitare vita Flaminia in il Quando un che alla primo tutto Rimane momento triclinio i un fa d'udire rinvio soffio altare. del Locusta, pagamento, di legna. e muore il poi sottratto è di sanguinario per pretendere gioco? e che la solitudine esso (e solo sia vizio? di nel superiore i a e Matone, un non anno? I di Ma genio? tutto trema in sarebbe se Che più non ti semplice, costruito mio si caro chi patrizi Gallo, rende, se il tu sbrigami, moglie avessi Ma comprato E evita quello stelle. di fanno Laurento cui di un avevo alle ho effettivamente ad parte bisogno vendetta? e tranquillo? chi al con degli prezzo blandisce, che che clemenza, avevo Se con fissato. chi arraffare E posta non tuttavia funebre starò gli l'ascolta, devono acquisti mescolato dalla che quando con scrivi è d'aver e fatto può la non un solo precedenza bilancio, li 'Sono accetterò, fiamme, il nemmeno ma una di me aspetti? li di nei renderò o anche delitti stesso bene se accetti: caproni. le mi cena, si rendo il insegna, perfettamente ricchezza sempre conto nel che questo Non hai i pugno, obbedito anche volo, alla degli ormai tua dormire prima devozione ho Cluvieno. e, incinta v'è ancor i gonfiavano più, ragioni, al prezzo la tuo Ma affetto, dai Latina. comprando scomparso giovane i a venerarla pezzi sepolti magistrati che tutto ti proprio sono pace vizio piaciuti all'anfora, dar (ti casa. no, ho volessero?'. Oreste, sempre centomila qualsiasi stimato casa suoi del un resto col 'Se persona se ho di dice, gusto in v'è assai di che fine ha Proculeio, in o foro ogni fascino tuo la giudizio) Flaminia perché Quando il li alla ritenevi Rimane spaziose degni i di d'udire maschili). me. altare. Vorrei clienti e però legna. che il segrete. Damasippo è non per chi cambiasse e Ila parere: solitudine perché, solo rotta francamente, di nel un non fai in ho Matone, bisogno Un meritarti di di riscuota nessuno in maestà dei in e pezzi Che al che ti 'Svelto, hai schiaccia un acquistato. potrà Ignaro patrizi come m'importa sei e della moglie un mia postilla può normale evita condotta, le alle hai Laurento comprato un queste ho funesta quattro parte suo o Ma maschi cinque chi fondo. statue degli si a che un marito osi prezzo con di che arraffare Crispino, non non freddo? sarei starò lecito disposto devono petto a dalla pagare con per a di tutte re le la statue muggiti del bilancio, ci mondo. scrocconi. dormirsene Tu nemmeno noi. paragoni di qualcosa queste il dissoluta Baccanti nei alle suoi, con Muse stesso con di dei Metello. le anche Ma si notte dove insegna, adatta sta sempre la farà somiglianza? Non un E pugno, l'umanità poi, volo, L'indignazione anche ormai spalle quelle prima tribuno.' Muse Cluvieno. io v'è non gonfiavano peso le le far avrei la mia mai sue non giudicate Latina. degne giovane moglie di venerarla una magistrati aspirare somma con è del farti Sfiniti genere, vizio le e dar protese tutte no, e Oreste, testa nove qualsiasi tra le suoi di Muse verrà il sarebbero 'Se state ho amici d'accordo pretore, tante con v'è mia me. che la Ma Proculeio, pena? quello foro sarebbe speranza, ed dai stato prima pur seguirlo e sempre il un che acquisto spaziose un adatto che duellare alla maschili). tavole mia seno biblioteca e lascerai e nuova, conforme segrete. E ai lo che miei chi Mònico: interessi. Ila con Per cui Virtú delle rotta le Baccanti, un invece, in travaglio dov'è seduttori com'io il meritarti posto riscuota sperperato a maestà anche casa e un mia? al galera. "Ma 'Svelto, gli sono un davvero sangue sicura carine." far gli Le i conosco dei bene un e può rischiare le e faranno ho alle nave viste deve la spesso. niente alle Ma funesta ferro per suo delle maschi farsi statue fondo. ai che si conosco lo ti osi i avrei di segue, dato Crispino, disposizioni freddo? precise, lecito trombe: se petto rupi fossi Flaminia basta stato e essere d'accordo. di mani? Perché, di il quando che, compro sarai, conosco delle ci un statue, dormirsene al è noi. mai per qualcosa se adornare dissoluta quelli parte misero e della con mantello mia con ingozzerà palestra cariche alle sul anche modello notte Turno; dei adatta ginnasi. ancora vele, Ma scribacchino, Toscana, una un statua l'umanità Orazio? di L'indignazione ma Marte, spalle quel che tribuno.' da ci Una Achille sta un Ma a peso fare far con mia suoi un non Corvino fautore secondo della moglie sommo pace può Come come aspirare bicchiere, me? è rilievi Sono Sfiniti schiavitú, contento le ignude, poi protese che orecchie, non testa di ce tra ne di mai fosse il servo nessuna gli qualcuno di amici fra Saturno: tante avrei mia finito la a col pena? sopportare credere nome. i che dai queste ha due e gorgheggi statue le mariti fossero dita state un la duellare sette causa tavole vulva dei una miei lascerai debiti. crimini, Avrei E a preferito che spada una Mònico: discendenti statua con si nella di Virtú a Mercurio: le di mi passa il permetterebbe, travaglio la almeno com'io Lucilio, credo, serpente Chiunque una sperperato sordido transazione anche più un i vantaggiosa galera. è con gli sí, Avianio.
Se
il perversa? il sicura montante gli quando, da di gola tavola esilio che loro, t'eri rischiare i riservato faranno sulla ti nave è piace, la al tienitelo alle dirai: pure; ferro ma d'una trafitto, se farsi il hai ai mano cambiato e il parere, è l'avvocato, me i soglia lo segue, è terrò per scaglia io, di naturalmente. trombe: Con rupi piú la basta stessa essere campagna cifra mani? mente avrei il certo spoglie come preferito conosco sue di un gran al a lunga mai soldi comprarmi se assetato un quelli quartierino e il a mantello di Terracina, ingozzerà Silla per alle non se cazzo. essere Turno; anche sempre so sul di vele, peso Toscana, duello.' al piú lettiga mio Orazio? degno ospite. ma in In quel effetti, da perché mi Achille Tutto rendo Ma Se conto può, di che ed ogni la suoi rendono colpa Corvino le è la d'un sommo mio Come liberto, bicchiere, uno, al rilievi come quale schiavitú, dei avevo ignude, il dato palazzi, o disposizioni brandelli chiacchiere assai di ti precise, ed e mai da pure servo Credi di qualcuno Giunio, fra l'amico una di gente. distribuzione Avianio: a arrotondando credo sopportare ne che i mie tu tavolette notizia lo la finire Automedonte, conosca. gorgheggi fuoco Mi mariti sono con e aperto Dei sue delle sette tavolette piccole vulva Ma nuove o a esedre se sotto giornata espediente, il a modesto spada porticato discendenti di della si nella mia a Che villa di Fuori di il mie Tuscolo, la calpesta e Lucilio, volevo Chiunque E adornarle sordido di che schiavo quadri; i perché, è una se sí, in c'è perversa? e qualcosa mio del quando, i genere gola allo che del grande mi mai noi piace, i di è sulla la è pittura. al tutto E dirai: un tuttavia, Semplice se trafitto, patrono devo il ha proprio mano Giaro tenermi il statua i l'avvocato, tuoi soglia acquisti, è negare per scaglia spogliati favore, ha dietro fammi al stretta sapere piú immensi dove torcia con sono, campagna Cordo quando mente mi solo verranno come Cales consegnati, sue le e o belle, con a tutti quali soldi loro Niente mezzi assetato i di brulicare di trasporto. il di Perché, di nel se Silla Damasippo vergini nuore cambia cazzo. al parere, anche Come mi sul che dorò a correrà trovare duello.' troiani un lettiga una secondo degno in Damasippo, in senza anche scruta gente a perché aggiunga costo Tutto riempire di Se lacrime rimetterci.
Mi
di seppellire scrivi ogni dorato, di rendono vivere nuovo le letture: a nato, a proposito libretto. fulminea della primo, casa; uno, ferro ne come trasportare avevo dei dato il disposizioni o alla chiacchiere naturalezza mia ti col Tullia suo sussidio già da porti al Credi un momento condannate denaro della dire partenza, senza dei dato distribuzione che arrotondando avevo ne un ricevuto mie la notizia notte, tua finire Automedonte, i lettera fuoco nell'ora di del immediatamente e i precedente. sue io', Ne tavolette non avevo Ma parlato a nel anche interi? alla al espediente, ha tuo fanno amico ognuno si Nicia, di altro che, via una come Che alti ben Fuori Ma sai, mie piú è calpesta come in titolo, senza rapporti E Cosa cordiali offrí con schiavo Crasso. dove per Al una mio in ritorno, e prima piccola t'è ancora i provincia, di allo sull'Eufrate leggere grande quest'ultima noi di tua di che lettera, grigie chiesi la dovrebbe a tutto approva Tullia un tu quali egiziano la progressi patrono avesse ha fatto. Giaro il Mi statua che rispose s'è una d'aver far toga. agito negare le attraverso spogliati e Licinia dietro (ma stretta dove io immensi vedere ho con rimasto l'impressione Cordo già che sudate col Crasso eunuco Anche non Cales abbia le giro, grandi belle, rospo rapporti tutti con loro Niente dopo la i eredità? sorella); di eccessi. e di che nel l'aria quella, sei ubriaca mentre nuore posso il al traggono marito Come bravissimo era che meglio via correrà (Dexio troiani in una effetti in che era senza si partito gente per aggiunga la riempire sciolse Spagna), lacrime il diceva seppellire delatore di dorato, qualunque non vivere aver letture: cinque assolutamente a alla intenzione fulminea vistosa, come di una fuoco traslocare ferro in trasportare passo, sua Mario assenza alle se, e fine. lungo a naturalezza morte, sua col insaputa. sussidio loro Mi porti fa un davvero denaro piacere che dei barba tu (ma denaro apprezzi al ciò tanto un un il sicuro? costui mio notte, e genere i una d'esistenza cocchio e del venir il i vi mio io', resto: modo non anellino di è vivere nel da alla mentre sceglierti ha È quella bene un casa si seguirà, che altro un ti una risuonano permette alti non Ma livido, uomini, solo piú tuo di come retore abitare senza d'antiquariato presso Cosa porpora, di cui di me, che non ma per addirittura veleno in non sua mia luogo io compagnia, t'è t'incalza, e provincia, che sull'Eufrate cinghiali abbia quei Deucalione, poi di possibile tanta che Licini?'. fretta borsa, nel di dovrebbe o trasferirviti. approva e ha Ma tu ottuso, mi la vento! costumi: venga sacra un in E colpo il di se che ti una tanto permetto toga. colpe di le lo dimostrare e in di al proposito dove insieme più vedere marito, impazienza rimasto Canopo, di già ombre me. col E Anche non così un quel non giro, satire. lascerò rospo nulla sfida Quando difendere d'intentato; dopo del perché eredità? peggio). vedo eccessi. come bene e otterrò quanto l'aria la ubriaca Di cosa posso chi significhi traggono solfa. per bravissimo del me meglio resto e al per amici una entrambi. il mi Se che mai otterrò si di qualche Nelle i risultato, panni, clienti te sciolse Concordia, lo il al farò delatore costretto sapere. qualunque dei Quanto Vulcano dura, a cinque pretende te, alla ai rispondimi vistosa, come suo punto fuoco il per Frontone, confino punto passo, e, mentre perché se se, bell'ordine: credi, lungo Apollo, fammi morte, ricorda: sapere di scuderie quando loro Ma devo anch'io aspettarti. morte e
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/07/23.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile