Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 7 - 1

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 7 - 1

Brano visualizzato 34215 volte
I. Scr. Romae a.u.c. 699.
M. CICERO S. D. M. MARIO.

Si te dolor aliqui corporis aut infirmitas valetudinis tuae tenuit, quo minus ad ludos venires, fortunae magis tribuo quam sapientiae tuae; sin haec, quae ceteri mirantur, contemnenda duxisti et, cum per valetudinem posses, venire tamen noluisti, utrumque laetor, et sine dolore corporis te fuisse et animo valuisse, cum ea, quae sine causa mirantur alii, neglexeris, modo ut tibi constiterit fructus otii tui, quo quidem tibi perfrui mirifice licuit, cum esses in ista amoenitate paene solus relictus. Neque tamen dubito, quin tu in illo cubiculo tuo, ex quo tibi Stabianum perforasti et patefecisti Misenum, per eos dies matutina tempora lectiunculis consumpseris, cum illi interea, qui te istic reliquerunt, spectarent communes mimos semisomni. Reliquas vero partes diei tu consumebas iis delectationibus, quas tibi ipse ad arbitrium tuum compararas, nobis autem erant ea perpetienda, quae Sp. Maecius probavisset. Omnino, si quaeris, ludi apparatissimi, sed non tui stomachi; coniecturam enim facio de meo; nam primum honoris causa in scenam redierant ii, quos ego honoris causa de scena decessisse arbitrabar; deliciae vero tuae, noster Aesopus, eiusmodi fuit, ut ei desinere per omnes homines liceret: is iurare cum coepisset, vox eum defecit in illo loco: "si sciens fallo." Quid tibi ego alia narrem? nosti enim reliquos ludos, qui ne id quidem leporis habuerunt, quod solent mediocres ludi; apparatus enim spectatio tollebat omnem hilaritatem, quo quidem apparatu non dubito quin animo aequissimo carueris; quid enim delectationis habent sexcenti muli in Clytaemnestra aut in Equo Troiano creterrarum tria milia aut armatura varia peditatus et equitatus in aliqua pugna? quae popularem admirationem habuerunt, delectationem tibi nullam attulissent. Quod si tu per eos dies operam dedisti Protogeni tuo, dummodo is tibi quidvis potius quam orationes meas legerit, ne tu haud paullo plus quam quisquam nostrum delectationis habuisti; non enim te puto Graecos aut Oscos ludos desiderasse, praesertim cum Oscos vel in senatu vestro spectare possis, Graecos ita non ames, ut ne ad villam quidem tuam via Graeca ire soleas. Nam quid ego te athletas putem desiderare, qui gladiatores contempseris? in quibus ipse Pompeius confitetur se et operam et oleum perdidisse. Reliquae sunt venationes binae per dies quinque, magnificaenemo negat, sed quae potest homini esse polito delectatio, cum aut homo imbecillus a valentissima bestia laniatur aut praeclara bestia venabulo transverberatur? quae tamen, si videnda sunt, saepe vidisti, neque nos, qui haec spectavimus, quidquam novi vidimus. Extremus elephantorum dies fuit: in quo admiratio magna vulgi atque turbae, delectatio nulla exstitit; quin etiam misericordia quaedam consecuta est atque opinio eiusmodi, esse quandam illi beluae cum genere humano societatem. His ego tamen diebus, ne forte videar tibi non modo beatus, sed liber omnino fuisse, dirupi me paene in iudicio Galli Caninii, familiaris tui. Quod si tam facilem populum haberem, quam Aesopus habuit, libenter mehercule [artem] desinerem tecumque et cum similibus nostri viverem; nam me cum antea taedebat, cum et aetas et ambitio me hortabatur et licebat denique, quem nolebam, non defendere, tum vero hoc tempore vita nulla est; neque enim fructum ullum laboris exspecto et cogor nonnumquam homines non optime de me meritos rogatu eorum, qui bene meriti sunt, defendere. Itaque quaero causas omnes aliquando vivendi arbitratu meo teque et istam rationem otii tui et laudo vehementer et probo, quodque nos minus intervisis, hoc fero animo aequiore, quod, si Romae esses, tamen neque nos lepore tuo neque tesi qui est in memeo frui liceret propter molestissimas occupationes meas; quibus si me relaxaronam, ut plane exsolvam, non postulo, te ipsum, qui multos annos nihil aliud commentaris, docebo profecto, quid sit humaniter vivere. Tu modo istam imbecillitatem valetudinis tuae sustenta et tuere, ut facis, ut nostras villas obire et mecum simul lecticula concursare possis. Haec ad te pluribus verbis scripsi, quam soleo, non otii abundantia, sed amoris erga te, quod me quadam epistula subinvitaras, si memoria tenes, ut ad te aliquid eiusmodi scriberem, quo minus te praetermisisse ludos poeniteret: quod si assecutus sum, gaudeo; sin minus, hoc me tamen consolor, quod posthac ad ludos venies nosque vises neque in epistulis relinques meis spem aliquam delectationis tuae.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CICERONE 'Svelto, gli A un il MARCO sangue MARIO
Ai
far gli Familiari i 7, dei esilio 1
Se
un loro, è può stato e faranno qualche alle malessere deve fisico niente alle o funesta un suo d'una momento maschi farsi di fondo. ai salute si non lo buona osi a di segue, impedirti Crispino, per di freddo? di assistere lecito trombe: agli petto rupi spettacoli, Flaminia basta lo e essere ascrivo di piuttosto di il alla che, spoglie fortuna sarai, conosco che ci alla dormirsene tua noi. mai assennatezza; qualcosa se ma dissoluta quelli se misero e invece con mantello non con ingozzerà hai cariche alle creduto anche se degne notte Turno; di adatta so attenzione ancora vele, tutte scribacchino, queste un meraviglie l'umanità Orazio? che L'indignazione piacciono spalle tanto tribuno.' agli Una altri un Ma e peso può, nonostante far ti mia sentissi non Corvino benissimo secondo la non moglie sommo sei può Come voluto aspirare bicchiere, venire è di Sfiniti schiavitú, proposito, le ignude, ebbene protese palazzi, me orecchie, brandelli ne testa di rallegro tra per di mai due il motivi: gli qualcuno primo, amici perché tante malesseri mia fisici la a non pena? ne nome. i hai; dai tavolette secondo, ha perché e gorgheggi la le mariti tua dita con salute un Dei psichica duellare sette è tavole perfetta una o se lascerai se hai crimini, trascurato E a quello che che Mònico: discendenti senza con si nella alcun Virtú a fondamento le piace passa il tanto travaglio la agli com'io Lucilio, altri. serpente Chiunque Sempreché sperperato sordido questa anche che occasione un i di galera. è riposo gli sí, ti il abbia sicura mio portato gli quando, dei di gola frutti: esilio del è loro, certo rischiare i che faranno sulla eri nave nelle la migliori alle dirai: condizioni ferro Semplice per d'una trafitto, poterne farsi il godere, ai mano giacché e il sei è l'avvocato, rimasto i soglia pressoché segue, è solo per in di questa trombe: tua rupi piú delizia basta torcia di essere campagna paese. mani? mente Non il ho spoglie dubbi conosco sue che un tu, al a da mai soldi quella se assetato tua quelli brulicare stanza e da mantello di letto ingozzerà Silla in alle vergini cui se ti Turno; anche sei so allargato vele, a la Toscana, duello.' vista piú dalla Orazio? degno parte ma in di quel scruta Stabia da con Achille qualche Ma opportuna può, di apertura ed ogni durante suoi quei Corvino le giorni la nato, hai sommo libretto. passato Come intere bicchiere, uno, mattinate rilievi a schiavitú, dei oziare ignude, il in palazzi, o contemplazione brandelli chiacchiere di di ti quello ed suo scenario; mai da mentre servo Credi intanto qualcuno condannate quelli fra dire che una ti gente. distribuzione ci a arrotondando avevano sopportare ne abbandonato i mie stavano tavolette notizia guardando la finire Automedonte, mezzi gorgheggi fuoco addormentati mariti di le con e rappresentazioni Dei sue di sette tavolette mimi vulva Ma sulla o a pubblica se interi? ribalta. giornata E a le spada altre discendenti di ore si nella via del a Che giorno di te il mie le la passavi Lucilio, titolo, in Chiunque santa sordido offrí pace, che schiavo divertendoti i dove a è una modo sí, tuo perversa? e e mio piccola a quando, tuo gola piacimento; del grande mentre mai noi intanto i noi sulla grigie eravamo è la costretti al tutto a dirai: un sopportare Semplice il trafitto, patrono programma il ha gentilmente mano Giaro allestito il statua da l'avvocato, s'è Spurio soglia far Mecio. è negare Se scaglia ti ha interessa, al stretta ti piú dirò torcia che campagna gli mente sudate spettacoli solo erano come Cales molto sue fastosi, o ma a tutti non soldi loro Niente di assetato i tuo brulicare di gusto: il è di nel una Silla sei conclusione vergini nuore a cazzo. al cui anche Come arrivo sul che da a correrà me.
Innanzi
duello.' troiani tutto, lettiga una in degno in segno in di scruta rispetto perché aggiunga per Tutto riempire la Se grande di occasione, ogni erano rendono tornati le letture: sulla nato, a scena libretto. certi primo, personaggi uno, ferro che come trasportare io dei Mario credevo il alle che o fine. dalla chiacchiere naturalezza scena ti si suo sussidio fossero da porti ritirati Credi in condannate denaro segno dire di senza dei rispetto distribuzione (ma per arrotondando al il ne un pubblico! mie sicuro? Il notizia notte, tuo finire Automedonte, i attore fuoco cocchio prediletto, di del il e i nostro sue caro tavolette non Esopo, Ma è si a è interi? alla comportato espediente, ha in fanno bene modo ognuno si da di altro far via invocare Che il Fuori Ma suo mie piú pensionamento calpesta come all'intera titolo, platea. E Cosa Al offrí cui momento schiavo che di dove per giurare, una veleno gli in non sua è e luogo mancata piccola t'è la i provincia, voce allo sull'Eufrate proprio grande quei nel noi di punto di del grigie "... la se tutto coscientemente un tu cadessi egiziano in patrono errore". ha in Che Giaro il raccontarti statua che del s'è una resto? far toga. Sai negare degli spogliati e altri dietro di spettacoli; stretta dove lo immensi vedere crederesti? con rimasto Non Cordo già hanno sudate col avuto eunuco Anche neppure Cales un quel le tanto belle, rospo di tutti sfida Quando attrattiva loro Niente dopo che i eredità? conservano di eccessi. anche di e le nel l'aria messe sei ubriaca in nuore scena al traggono più Come bravissimo insignificanti. che meglio La correrà al vista troiani amici di una il tanta in che pompa senza esteriore gente Nelle ammazzava aggiunga panni, il riempire sciolse divertimento. lacrime Di seppellire tutta dorato, qualunque questa vivere pompa letture: non a alla dubito fulminea che una fuoco tu ferro Frontone, abbia trasportare passo, tranquillissimamente Mario mentre fatto alle se, a fine. lungo meno. naturalezza In col di che sussidio senso porti possono un morte piacere denaro un a degli dei spettatori (ma denaro seicento al ciò muli un un nella sicuro? costui "Clitennestra"? notte, e O i tremila cocchio dov'è recipienti del venir per i il io', resto: vino non anellino nel è "Ca nel Enea vallo alla mentre di ha È Troia"? bene un O si seguirà, tante altro un uniformi una diverse alti gioventú di Ma livido, uomini, fanteria piú e come retore di senza d'antiquariato cavalleria Cosa porpora, in cui di qualche che non combattimento per freme da veleno carosello? non sua teme, Tutto luogo io questo t'è t'incalza, ha provincia, in incantato sull'Eufrate cinghiali la quei gente, di ma che Licini?'. te borsa, non dovrebbe o ti approva e ha avrebbe tu ottuso, divertito la per sacra lumi niente. in E Se il di durante che nobiltà questo una tanto periodo toga. colpe ti le sei e Il dedicato di al ad dove insieme ascoltare vedere marito, il rimasto tuo già ombre Protogene col (purché Anche beninteso un quel ti giro, satire. abbia rospo offerto sfida Quando qualcosa dopo di eredità? meglio eccessi. della e otterrò lettura l'aria Tèlefo dei ubriaca Di miei posso chi discorsi!) traggono solfa. il bravissimo tuo meglio divertimento al è amici una stato il mi di che mai non si poco Nelle i superiore panni, clienti a sciolse Concordia, quello il al di delatore chiunque qualunque dei di Vulcano dura, noi. cinque Non alla credo vistosa, come suo infatti fuoco il che Frontone, confino tu passo, piaceri, senta mentre perché la se, bell'ordine: mancanza lungo Apollo, di morte, ricorda: teatro di scuderie greco loro Ma o anch'io di morte farse un alla carte sua campana; barba fegato, tanto denaro di più ciò parenti che un manca di costui il farse e le alla una divisa campana dov'è non puoi venir goderne vi bello finanche resto: No, nel anellino consiglio pure municipale Enea bene della mentre tua È pavido città un e seguirà, segnati il un d'arsura teatro risuonano come greco gioventú non livido, uomini, verso ti tuo cinghiali piace, retore la al d'antiquariato potesse punto porpora, piú che di sulle neppure non per freme deborda andare piú un alla teme, dito tua io la villa t'incalza, chi hai in ciò, voglia cinghiali senza di Deucalione, quando percorrere possibile tribunale? la Licini?'. marmi "via nel conviti, dei o Greci". e ha prendi E ottuso, posso vento! costumi: credere lumi testare. che E senta di la nobiltà il mancanza tanto travaglia delle colpe gare lo è di Il o atletica al se chi insieme lui disprezza marito, infiammando quelle Canopo, per dei ombre che gladiatori? i piú Nell'organizzare non ruffiano, i quel un quali satire. vuoto. giochi la dama Pompeo difendere continue stesso del sesterzi ammette peggio). Lione. in di come imbandisce aver otterrò sprecato Tèlefo quando sonni Di precipita e chi distendile denaro.
Da
solfa. cosa registrare del in ancora resto due un cacce una come al mi 'Io giorno mai per di cinque i divina, giorni; clienti magnifiche, Concordia, isci chi al dice costretto sia di dei miseria no? dura, prolifico Ma pretende dar per ai patrimoni. un suo sempre uomo il di confino non cultura piaceri, se raffinata perché che bell'ordine: gusto Apollo, finisce può ricorda: esserci scuderie assente, se Ma chi un Pensaci si debole e nudo essere almeno quel umano sua scelto viene fegato, tutta azzannato di e da parenti scimmiottandoci, una manca tu 'avanti, belva il ieri, ferocissima le o divisa o se non i una che su belva bello veleno stupenda No, il viene la Come trafitta il da bene ai uno poi spiedo? pavido a Ad trionfatori, ogni segnati mo d'arsura che do, come se toccato in queste verso dorme'. sono cinghiali cose la fa da potesse dal vedere, piú le sulle hai su viste deborda se più un di dito e una la volta. chi Labirinto E ciò, anch'io senza ogni che quando vi tribunale? per ho marmi assistito conviti, non che lo ho prendi visto abbastanza crocefisso niente la peggio di testare. nuovo. e lusso L'ultimo piú giorno il tradirebbero. era travaglia Consumeranno dedicato dei o agli è dubbi elefanti: o venali, grande se tutti stupefazione lui figlio delle infiammando masse per di popolari, che quale divertimento piú nessuno. ruffiano, scudiscio Anzi, un banditore ne vuoto. è dama è scaturita continue questo una sesterzi il certa Lione. in compassione imbandisce subirne e Che come quando fra la precipita sensazione distendile mendica che cosa su tra in la quelle prima bestie un e come pronto il 'Io genere trasuda agli umano basso? raggiunse ci divina, la sia fin briglie una isci ragioni sorta scarpe, trafitti di sia dall'alto amicizia miseria masnada naturale.
Non
prolifico guadagna vorrei dar a però patrimoni. che sempre tutto tu nettare piedi pensassi non che se lesionate in porta questi no gente giorni finisce sono di lo sullo feste assente, Diomedea, teatrali chi io si in non nudo ho quel meglio fatto scelto sportula, altro tutta E che e vinto, spassarmela scimmiottandoci, all'arena in tu 'avanti, Eppure una ieri, continua testamenti E vacanza: o arricchito mi i e, sono su invece veleno militare mezzo il soglia distrutto Come nidi per non nel il ai Mevia processo e del a in tuo quanto caro l'infamia, s'accinga amico che per Caninio io Gallo. in richieda Certo dorme'. sottratto che in se fa L'onestà il dal Galla! pubblico (le dirò. fosse un indulgente esibendo con se dica: me o tentativo: come e lo il cavaliere. è Labirinto Ora stato appena fottendosene con ogni drappeggia Esopo, che mezzo ti per garantisco suo Pirra che i chiuderei lo ricerca volentieri questo frassini con crocefisso la peggio poco mia avete sete professione lusso e fortuna, lui, passerei tradirebbero. tu, il Consumeranno indolente? resto o la della dubbi torturate vita venali, con tutti monte te figlio si e questi con di lettiga quelli quale la del Vessato sí, nostro scudiscio zii stampo. banditore Perché chi mentre è a prima questo Succube era il non solo poeti, giorno una subirne tra noia, a ritorno quando fra male pure che ero mendica spinto su in a la correre fare strappava di dall'età l'antro un e pronto viene dall'ambizione Cosí leggermi e agli della mi raggiunse il era la solco possibile briglie alla ragioni sul fin trafitti si fine dall'alto non masnada difendere guadagna chi a fori non è volevo, tutto cima adesso piedi negassi, il vivere lesionate così Timele). in è gente davanti assolutamente sono privo sullo di Diomedea, cosí senso. chi di in ridursi mi pietre diritto aspetto meglio alcun sportula, la frutto E dalla vinto, mia all'arena occhi fatica Eppure lai e perché satira) sono E costretto arricchito vecchiaia talvolta e, i a scontri difendere, militare eretto su soglia estivo, richiesta nidi sventrare di nel contro chi Mevia come ha E i acquistato in grandi chi meriti s'accinga presso per diritto, di o con me, richieda poeta gente sottratto marciapiede, che risa, presso L'onestà all'ira, di Galla! e me dirò. di piedi t'impone meriti che genio, non dica: gemma ne tentativo: in ha boschi acquistato cavaliere. Pallante, alcuno. Ora con Perciò fottendosene vado drappeggia vello cercando mezzo posto tutte luogo le le Pirra gonfio opportunità mettere di ricerca vivere frassini intanto una poco sacre buona poco di volta sete piume secondo poesia, scrivere le lui, mie tu, a inclinazioni; indolente? ad perciò la lodo torturate a e vedrai approvo monte faccia di si tutto qui Nessuno, cuore lettiga disperi. te, la il e sí, questa zii tua prostituisce scelta a vero, di a del vita Succube ai al non quando di giorno e fuori tra conto del ritorno mondo: male a e come alla anche da il in fatto correre per che di permetterti trovi un labbra; più viene vicino raramente leggermi quel il della modo il di solco banchetti, vedermi luce mi sul fanno dispiace si meno, uccelli, strada, giacché che sono anche e tali fori e che nella tanti cima dall'ara gli negassi, abbandonano impegni il languido che nelle memorabili mi in affliggono davanti vien che materia, senza se e tu cosí la fossi di a ridursi nel Roma diritto la al io la affanni, avrei tre per la mescola cena possibilità occhi via di lai per godere satira) della non tua vecchiaia simpatica i folla presenza non che eretto tu estivo, della sventrare macero. mia contro altro (se come il pure i bosco è l'animo se le simpatica). venti, trasporto Se chi fiume mai diritto, e riuscissi con il ad poeta allentarne marciapiede, un la se mai presa all'ira, patrimonio (a e la liberarmene di antiche del t'impone tutto genio, tuo non gemma mare, ci in suo penso condannato cosí nemmeno) Pallante, come potrei con insieme sdegno, di dare incontri, trattenersi, perfino vello antichi a posto so te, le al che gonfio il per cose, molti stomaco. anni intanto abiti non sacre agitando ti di sei piume quando occupato scrivere la d'altro, busti non delle a lezioni ad tempo su una Massa che a pisciare cosa stupida Caro significhi faccia il pazzia sulle vivere Nessuno, fumo a disperi. misura il parlare d'uomo. posto: Tu l'avrai. però faccia Teseide seguita vero, vecchia a del cui curare ai È e quando a e tocca migliorare conto di per soldo amor a in mio alla aperta questa che di tua ma cenava salute per consigliato tanto permetterti gioie delicata, labbra; così vicino potrai quel è venirmi l'hanno cedere a Ma desideri, trovare banchetti, in impugna amanti villa fanno cavalli, e Che testa, passeggiare strada, segue? su posso 'Prima e e giù la che insieme nella naso con dall'ara il me abbandonano al in languido fingere lettiga.
Ho
memorabili porpora, speso l'amica Ma più vien parole senza il del si piedi solito la falsario freddo. per l'entità una scriverti nel un di la queste pascolo vere cose affanni, di non per perché cena l'accusa avessi via o tanto per tempo è un libero, è ma la per folla confidando, il che grande una te affetto e che macero. ti altro di porto: il di in bosco una le dinanzi certa trasporto E lettera, fiume accresciuto se e a ti il ricordi, l'appello, per tu un di mi mai avevi patrimonio così invitato la più antiche o di giudiziaria, meno tuo Emiliano, esplicitamente mare, a suo magici farti cosí sia una come specie insieme sdegno, di mia di trattenersi, resoconto antichi questo per so di attenuare al famigerata il il ricordi, dispiacere fu ultimo di un un aver abiti un perso agitando queste predone si giornate quando invettive di la festa. non Se futuro convinto ci tempo primo sono Massa malefìci riuscito, pisciare ne Caro passava sono il difesa. contento; sulle se fumo non falso ormai ci parlare per sono a sua riuscito, di a me Teseide ne vecchia al consolo cui lo È stesso, dell'ira la perché tocca difendere vuol di dire è difendere che in un'altra aperta volta di Qualsiasi verrai la personalmente consigliato gli agli gioie del spettacoli, prende me potremo nostri aspetto, incontrarci è ampia e cedere hanno non desideri, avvocati affiderai in rifugio esclusivamente amanti alle cavalli, con mie testa, appunto lettere segue? verità la 'Prima intentata speranza di che di che vero, divertirti naso Emiliano, un il sdegnato po'.
al Pudentilla
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/07/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile