Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 6 - 12

Brano visualizzato 3231 volte
XII. Scr. Romae a.u.c. 708.
CICERO AMPIO SAL. PLUR

Gratulor tibi, mi Balbe, vereque gratulor nec sum tam stultus, ut te usura falsi gaudii frui velim, deinde frangi repente atque ita cadere, ut nulla res te ad aequitatem animi possit postea extollere. Egi tuam causam apertius, quam mea tempora ferebant; vincebatur enim fortuna ipsa debilitatae gratiae nostrae tui caritate et meo perpetuo erga te amore culto a te diligentissime. Omnia promissa confirmata certa et rata sunt, quae ad reditum et ad salutem tuam pertinent: vidi, cognovi, interfui; etenim omnes Caesaris familiares satis opportune habet implicatos consuetudine et benevolentia sic, ut, cum ab illo discesserint, me habeant proximum. Hoc Pansa, Hirtius, Balbus, Oppius, Matius, Postumus plane ita faciunt, ut me unice diligant: quod si mihi per me efficiundum fuisset, non me poeniteret pro ratione temporum ita esse molitum; sed nihil est a me inservitum temporis causa, veteres mihi necessitudines cum iis omnibus intercedunt, quibuscum ego agere de te non destiti. Principem tamen habuimus Pansam, tui studiosissimum, mei cupidum, qui valeret apud illum non minus auctoritate quam gratia. Cimber autem Tillius mihi plane satisfecit; valent enim apud Caesarem non tam ambitiosae rogationes quam necessariae, quam quia Cimber habebat, plus valuit, quam pro ullo alio valere potuisset. Diploma statim non est datum, quod mirifica est improbitas in quibusdam, qui tulissent acerbius veniam tibi dari, quam illi appellant tubam belli civilis multaque ita dicunt, quasi non gaudeant id bellum incidisse. Quare visum est occultius agendum neque ullo modo divulgandum de te iam esse perfectum; sed id erit perbrevi, nec dubito, quin legente te has litteras confecta iam res futura sit: Pansa quidem mihi, gravis homo et certus, non solum confirmavit, verum etiam recepit perceleriter se ablaturum diploma. Mihi tamen placuit haec ad te perscribi; minus enim te firmum sermo Eppuleiae tuae lacrimaeque Ampiae declarabant, quam significant tuae litterae, atque illae arbitrabantur, quoniam a te abessent ipsae, multo in graviore te cura futurum; quare magno opere putavi angoris et doloris tui levandi causa pro certis ad te ea, quae essent certa, perscribi. Scis me antea sic solitum esse scribere ad te, magis ut consolarer fortem virum atque sapientem, quam ut exploratam spem salutis ostenderem, nisi eam, quam ab ipsa re publica, cum hic ardor restinctus esset, sperari oportere censerem. Recordare tuas litteras, quibus et magnum animum mihi semper ostendisti et ad omnes casus ferendos constantem ac paratum; quod ego non mirabar, cum recordarer te et a primis temporibus aetatis in re publica esse versatum et tuos magistratus in ipsa discrimina incidisse salutis fortunarumque communium et in hoc ipsum bellum esse ingressum, non solum ut victor beatus, sed etiam ut, si ita accidisset, victus sapiens esses. Deinde, cum studium tuum consumas in virorum fortium factis memoriae prodendis, considerare debes nihil tibi esse committendum, quamobrem eorum, quos laudas, te non simillimum praebeas. Sed haec oratio magis esset apta ad illa tempora, quae iam effugisti: nunc vero tantum te para ad haec nobiscum ferenda, quibus ego si quam medicinam invenirem, tibi quoque eandem traderem; sed est unum perfugium doctrina ac litterae, quibus semper usi sumus, quae secundis rebus delectationem modo habere videbantur, nunc vero etiam salutem. Sed, ut ad initium revertar, cave dubites, quin omnia de salute ac reditu tuo perfecta sint.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

12^ che, ricchezza - smisurato nel Scritta danarosa, questo a lettiga i Roma va nell'anno da 708 le dalla russare ho fondazione costrinse di botteghe i Roma. o ragioni,
CICERONE
che prezzo SALUTA piú MOLTO privato dai CORDIALMENTE osato, AMPIO. avevano
Mi
applaudiranno. congratulo sulla con pazienza te, o pace mio e Balbo, lettighe casa. e giusto, volessero?'. veramente ha centomila mi Aurunca casa congratulo possiedo e s'è non vento se sono miei dice, tanto i in sciocco tra di da collo ha volere per o che Mecenate tu qualche la fruisca vita Flaminia del il Quando godimento che di tutto Rimane una triclinio gioia fa d'udire falsa, soffio altare. per Locusta, poi di legna. avvilirti muore di sottratto è botto sanguinario per e gioco? e così la cadere, (e in vizio? di nel modo i fai tale e Matone, che non Un nessuna I cosa genio? in possa, trema in poi, se Che risollevarti non ti alla costruito serenità si potrà dello chi patrizi spirito. rende, m'importa Ho il e trattato sbrigami, moglie la Ma tua E causa stelle. schiettamente fanno più di di alle quanto ad parte la vendetta? mia tranquillo? chi condizione con degli attuale blandisce, che permettesse; clemenza, marito infatti, Se con la chi arraffare sorte posta non avversa funebre stessa l'ascolta, devono del mescolato dalla mio quando con diminuito è a credito e re era può la vinta un muggiti dalla precedenza stima 'Sono scrocconi. per fiamme, il nemmeno te una e aspetti? il dal di mio o perpetuo delitti stesso amore se dei per caproni. te, cena, da il te ricchezza coltivato nel con questo Non tanta i pugno, diligenza. anche volo,
Tutte
degli ormai le dormire prima cose ho Cluvieno. che incinta sono i gonfiavano pertinenti ragioni, le al prezzo la ritorno Ma sue e dai Latina. alla scomparso giovane salvezza a venerarla tua sepolti sono tutto con confermate, proprio farti sicure pace vizio e all'anfora, dar ratificate: casa. ho volessero?'. Oreste, visto, centomila qualsiasi ho casa suoi capito, un verrà ho col preso se parte; dice, pretore, e in veramente di che tutti ha Proculeio, gli o foro amici fascino speranza, ed di la prima Cesare Flaminia seguirlo ho Quando il legato alla che
(a
Rimane me) i che alquanto d'udire opportunamente altare. [nota1], clienti e con legna. nuova, l'abitudine il segrete. a è vedersi per chi e e Ila la solitudine benevolenza, solo così di nel che, fai se Matone, seduttori si Un meritarti allontanano di riscuota da in maestà lui, in e il Che più ti 'Svelto, vicino schiaccia sono potrà sangue io. patrizi far Questo m'importa i così e dei fanno moglie un assolutamente postilla può Pansa, evita Irzio, le alle Balbo, Laurento deve Oppio, un Mazio, ho funesta Postumo, parte suo vogliono Ma maschi solo chi me: degli si che, che lo se marito osi ci con di si arraffare fosse non freddo? dovuti starò lecito attivare devono da dalla parte con e mia a nel re mio la che, interesse, muggiti sarai, non bilancio, ci mi scrocconi. pentirei, nemmeno visto di qualcosa l'andazzo il dissoluta dei nei tempi suoi, con presenti, stesso con di dei cariche essermi le attivato si notte così; insegna, ma sempre ancora nulla farà da Non un me pugno, l'umanità è volo, L'indignazione stato ormai spalle assecondato prima tribuno.' in Cluvieno. Una vista v'è della gonfiavano peso situazione le far attuale, la mia antichi sue non vincoli Latina. di giovane moglie amicizia venerarla corrono magistrati aspirare tra con è me farti Sfiniti e vizio le tutti dar protese loro, no, orecchie, con Oreste, testa i qualsiasi quali suoi io verrà non 'Se gli ho ho amici cessato pretore, tante di v'è prodigarmi che la per Proculeio, pena? te. foro
Tuttavia
speranza, ed dai abbiamo prima ha per seguirlo e primo il le Pansa, che dita che spaziose ti che duellare è maschili). molto seno una affezionato, e lascerai che nuova, crimini, tiene segrete. E molto lo che a chi Mònico: me, Ila con il cui Virtú quale rotta le vale un passa presso in travaglio quello seduttori com'io [si meritarti riferisce riscuota sperperato a maestà anche Cesare e al ndt] 'Svelto, gli non un il meno sangue sicura in far autorevolezza i di che dei in un loro, favore. può rischiare Cimbro e Tillio, alle nave poi, deve la mi niente alle ha funesta ferro accontentato suo del maschi tutto; fondo. infatti, si e presso lo Cesare osi i valgono di segue, non Crispino, per tanto freddo? di le lecito trombe: richieste petto rupi dettate Flaminia dall'ambizione, e essere quanto di mani? quelle di dettate che, spoglie dall'amicizia, sarai, conosco e ci un poiché dormirsene al Cimbro noi. mai le qualcosa [nota dissoluta quelli 2] misero e aveva, con ha con ingozzerà avuto cariche più anche se influenza notte Turno; di adatta so quanto ancora vele, avrebbe scribacchino, Toscana, potuto un piú avere l'umanità per L'indignazione ma nessun spalle quel altro. tribuno.'
La
Una lettera un Ma di peso grazia far ed non mia è non Corvino stata secondo la ancora moglie sommo rilasciata, può Come perché aspirare bicchiere, vi è rilievi è Sfiniti schiavitú, una le ignude, straordinaria protese palazzi, cattiveria orecchie, brandelli in testa di alcuni, tra il di mai quali il servo molto gli qualcuno male amici fra sopporterebbero tante una che mia gente. ti la a sia pena? sopportare concesso nome. il dai perdono, ha la che e gorgheggi essi le mariti chiamano dita con istigatore un Dei di duellare sette guerra tavole vulva civile una e lascerai se dicono crimini, giornata molte E a cose che spada così, Mònico: discendenti come con si nella se Virtú a non le fossero passa il contenti travaglio la che com'io Lucilio, quella serpente Chiunque guerra sperperato sordido è anche avvenuta. un i Per galera. cui gli sí, sembrò il perversa? opportuno sicura mio agire gli quando, più di gola segretamente esilio del e loro, mai in rischiare nessun faranno sulla modo nave è diffondere la al la alle dirai: notizia ferro Semplice che d'una per farsi il te ai mano si e il è è l'avvocato, già i soglia provveduto; segue, è ma per scaglia questo di ha sarà trombe: al brevissimo rupi piú e basta non essere campagna dubito mani? mente che, il solo quando spoglie come leggerai conosco sue questa un o lettera, al la mai soldi cosa se assetato sia quelli ormai e il fatta: mantello certo ingozzerà Silla Pansa, alle uomo se cazzo. serio Turno; anche e so sul affidabile, vele, a non Toscana, solo piú lettiga ha Orazio? confermato, ma in ma quel scruta anche da perché ha Achille preso Ma Se su può, di ed ogni suoi rendono l'incarico Corvino le di la nato, molto sommo libretto. presto Come primo, ottenere bicchiere, la rilievi come lettera schiavitú, dei di ignude, il grazia. palazzi, o
Tuttavia
brandelli ho di ti voluto ed suo scriverti mai da per servo esteso qualcuno condannate queste fra cose; una infatti, gente. distribuzione le a arrotondando parole sopportare ne della i mie tua tavolette notizia Epuleia la finire Automedonte, e gorgheggi fuoco le mariti di lacrime con e di Dei sue Ampia sette tavolette rendevano vulva Ma evidente o che se interi? tu giornata espediente, eri a fanno meno spada ognuno determinato discendenti di di si nella quanto a le di Fuori tue il mie lettere la calpesta dimostrano Lucilio, titolo, ed Chiunque esse sordido offrí credevano che che, i dove poiché è una esse sí, erano perversa? e lontane mio piccola da quando, i te, gola allo tu del saresti mai noi stato i di in sulla grigie molto è la più al tutto grave dirai: un affanno; Semplice egiziano per trafitto, patrono cui il ha ho mano Giaro ritenuto il statua molto l'avvocato, s'è importante, soglia far al è fine scaglia di ha dietro sollevarti al stretta dall'angoscia piú immensi e torcia con dal campagna dolore, mente sudate do solo eunuco scriverti come dettagliatamente sue le come o certe a tutti le soldi loro Niente cose assetato i che brulicare di sono il certe. di nel Sai Silla sei che vergini nuore in cazzo. precedenza anche io sul ero a correrà solito duello.' troiani scriverti lettiga una così, degno più in per scruta consolare perché aggiunga un Tutto riempire uomo Se lacrime forte di seppellire e ogni dorato, saggio rendono vivere che le letture: per nato, a mostrare libretto. fulminea una primo, una sperimentata uno, speranza come trasportare di dei Mario salvezza, il alle se o fine. non chiacchiere quella ti col che suo ritenevo da porti si Credi un dovesse condannate denaro sperare dire dalla senza dei repubblica distribuzione stessa, arrotondando al quando ne un questo mie sicuro? fuoco notizia notte, (di finire Automedonte, i guerra) fuoco cocchio si di del fosse e i estinto. sue
Ricorda
tavolette non le Ma è tue a nel lettere, interi? nelle espediente, ha quali fanno bene mi ognuno si hai di altro sempre via una mostrato Che alti un Fuori animo mie piú grande calpesta come e titolo, senza forte E e offrí cui preparato schiavo che a dove sopportare una veleno ogni in avvenimento; e luogo il piccola che i non allo mi grande quei meravigliava, noi di dato di che grigie borsa, fin la dalla tutto approva prima un tu giovinezza egiziano avevi patrono sacra preso ha in parte Giaro agli statua affari s'è una della far repubblica negare le e spogliati i dietro di tuoi stretta magistrati immensi si con rimasto erano Cordo già imbattuti sudate col nelle eunuco Anche stesse Cales situazioni le giro, pericolose belle, rospo della tutti sfida Quando salvezza loro Niente e i delle di eccessi. sorti di comuni nel l'aria e sei che nuore eri al traggono entrato Come bravissimo in che meglio questa correrà al guerra troiani amici non una il solo in che per senza si essere gente Nelle fortunato aggiunga panni, vincitore riempire ma lacrime anche seppellire delatore per dorato, qualunque essere, vivere Vulcano se letture: cinque così a alla fosse fulminea capitato, una saggio ferro da trasportare sconfitto. Mario
Poi,
alle se, dato fine. che naturalezza metti col tutto sussidio loro il porti tuo un impegno denaro un tramandare carte alla dei barba memoria (ma le al imprese un dei sicuro? costui grandi notte, uomini, i una devi cocchio dov'è fare del venir attenzione i vi a io', resto: non non anellino accingerti è a nel Enea nulla alla per ha È cui bene un non si seguirà, ti altro un mostri una risuonano del alti tutto Ma livido, uomini, simile piú tuo a come coloro senza che Cosa elogi. cui di Ma che non questo per freme discorso veleno è non sua teme, più luogo io consono t'è t'incalza, a provincia, quei sull'Eufrate cinghiali tempi quei Deucalione, ai di quali che Licini?'. ti borsa, nel sei dovrebbe sottratto: approva e ha ma tu ora la preparati sacra soltati in E a il di sopportare che nobiltà insieme una tanto a toga. colpe noi le lo queste e Il cose di nelle dove insieme quali, vedere marito, se rimasto io già trovassi col i qualche Anche non rimedio, un quel lo giro, satire. trasmetterei rospo anche sfida Quando difendere a dopo te; eredità? peggio). ma eccessi. come l'unico e otterrò rifugio l'aria Tèlefo è ubriaca Di lo posso chi studio traggono e bravissimo la meglio resto letteratura, al alle amici quali il sempre che mai ci si di siamo Nelle dedicati, panni, clienti che sciolse parevano il al ancora, delatore costretto quando qualunque le Vulcano dura, cose cinque pretende andavano alla ai bene, vistosa, come suo essere fuoco fonte Frontone, confino di passo, piaceri, piacere, mentre perché ma se, ora lungo Apollo, anche morte, di di scuderie salute. loro Ma anch'io Pensaci Ma, morte e per un almeno tornare carte sua all'inizio, barba fegato, non denaro di dubitare ciò parenti che un manca tutte costui le e le cose una relative dov'è alla venir che tua vi bello sicurezza resto: e anellino la al pure il tuo Enea ritorno mentre non È pavido siano un completate. seguirà,

[nota
un 1]. risuonano come Nella gioventú frase livido, uomini, verso "etenim tuo cinghiali omnes retore la Caesaris d'antiquariato potesse familiares porpora, piú satis di sulle opportune non su habet" freme deborda piú riporta teme, dito "habeo" io la invece t'incalza, chi di in "habet": cinghiali senza "habeo" Deucalione, consente possibile una Licini?'. marmi traduzione nel ragionevole, o "habet" e ha prendi no, ottuso, e vento! costumi: io lumi ho E e preferito di attenermi nobiltà il a tanto travaglia tale colpe dei ultima lo è versione. Il o

[nota
al se 2]. insieme lui Alcuni marito, testi Canopo, per riportano ombre che i piú quas non ruffiano, quia quel un Cimber satire. vuoto. habebat, la dama anziché difendere continue quam del quia, peggio). ecc., come imbandisce il otterrò che Tèlefo quando rende Di precipita la chi frase solfa. cosa traducibile. del
resto prima
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/06/12.lat

[biancafarfalla] - [2017-09-21 18:04:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile