Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 6 - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 6 - 6

Brano visualizzato 10320 volte
VI. Scr. Romae (post VII. K. Sext.) a.u.c. 708.
M. CICERO S. D. A. CAECINAE

Vereor, ne desideres officium meum, quod tibi pro nostra et meritorum multorum et studiorum parium coniunctione deesse non debet, sed tamen vereor, ne litterarum a me officium requiras, quas tibi et iampridem et saepe misissem, nisi quotidie melius exspectans gratulationem quam confirmationem animi tui complecti litteris maluissem. Nunc, ut spero, brevi gratulabimur: itaque in aliud tempus id argumentum epistulae differo; his autem litteris animum tuum, quem minime imbecillum esse et audio et spero, etsi non sapientissimi, at amicissimi hominis auctoritate confirmandum etiam atque etiam puto, nec iis quidem verbis, quibus te consoler ut afflictum et iam omni spe salutis orbatum, sed ut eum, de cuius incolumitate non plus dubitem, quam te memini dubitare de mea; nam, cum me ex re publica expulissent ii, qui illam cadere posse stante me non putarunt, memini me ex multis hospitibus, qui ad me ex Asia, in qua tu eras, venerant, audire te de glorioso et celeri reditu meo confirmare. Si te ratio quaedam Etruscae disciplinae, quam a patre, nobilissimo atque optimo viro, acceperas, non fefellit, ne nos quidem nostra divinatio fallet, quam cum sapientissimorum virorum monitis atque praeceptis plurimoque, ut tu scis, doctrinae studio, tum magno etiam usu tractandae rei publicae magnaque nostrorum temporum varietate consecuti sumus; cui quidem divinationi hoc plus confidimus, quod ea nos nihil in his tam obscuris rebus tamque perturbatis umquam omnino fefellit. Dicerem, quae ante futura dixissem, ni vererer, ne ex eventis fingere viderer; sed tamen plurimi sunt testes me et initio, ne coniungeret se cum Caesare, monuisse Pompeium et postea, ne se diiungeret: coniunctione frangi senatus opes, diiunctione civile bellum excitari videbam, atque utebar familiarissime Caesare, Pompeium faciebam plurimi, sed erat meum consilium cum fidele Pompeio, tum salutare utrique. Quae praeterea providerim, praetereo; nolo enim hunc de me optime meritum existimare ea me suasisse Pompeio, quibus ille si paruisset, esset hic quidem clarus in toga et princeps, sed tantas opes, quantas nunc habet, non haberet: eundem in Hispaniam censui; quod si fecisset, civile bellum nullum omnino fuisset. Rationem haberi absentis non tam pugnavi ut liceret, quam ut, quoniam ipso consule pugnante populus iusserat, haberetur. Causa orta belli est: quid ego praetermisi aut monitorum aut querelarum, cum vel iniquissimam pacem iustissimo bello anteferrem? Victa est auctoritas mea, non tam a Pompeionam is movebatur, quam ab iis, qui duce Pompeio freti peropportunam et rebus domesticis et cupiditatibus suis illius belli victoriam fore putabant. Susceptum bellum est quiescente me, depulsum ex Italia manente me, quoad potui, sed valuit apud me plus pudor meus quam timor: veritus sum deesse Pompeii saluti, cum ille aliquando non defuisset meae. Itaque vel officio vel fama bonorum vel pudore victus, ut in fabulis Amphiaraus, sic ego prudens et sciens ad pestem ante oculos positam sum profectus; quo in bello nihil adversi accidit non praedicente me. Quare, quoniam, ut augures et astrologi solent, ego quoque augur publicus ex meis superioribus praedictis constitui apud te auctoritatem angurii et divinationis meae, debebit habere fidem nostra praedictio. Non igitur ex alitis volatu nec e cantu sinistro oscinis, ut in nostra disciplina est, nec ex tripudiis solistimis aut soniviis tibi auguror, sed habeo alia signa, quae observem; quae etsi non sunt certiora illis, minus tamen habent vel obscuritatis vel erroris. Notantur autem mihi ad divinandum signa duplici quadam via, quarum alteram duco e Caesare ipso, alteram e temporum civilium natura atque ratione. In Caesare haec sunt: mitis clemensque natura, qualis exprimitur praeclaro illo libro Querelarum tuarum; accedit, quod mirifice ingeniis excellentibus, quale est tuum, delectatur; praeterea cedit multorum iustis et officio incensis, non inanibus aut ambitiosis, voluntatibus, in quo vehementer eum consentiens Etruria movebit. Cur haec igitur adhuc parum profecerunt? Quia non putat se sustinere causas posse multorum, si tibi, cui iustius videtur irasci posse, concesserit. "Quae est igitur," inquies, "spes ab irato?" Eodem e fonte se hausturum intelligit laudes suas, e quo sit leviter aspersus. Postremo homo valde est acutus et multum providens: intelligit te, hominem in parte Italiae minime contemnenda facile omnium nobilissimum et in communi re publica cuivis summorum tuae aetatis vel ingenio vel gratia vel fama populi Romani parem, non posse prohiberi re publica diutius; nolet hoc temporis potius esse aliquando beneficium quam iam suum. Dixi de Caesare; nunc dicam de temporum rerumque natura: nemo est tam inimicus ei causae, quam Pompeius animatus melius quam paratus susceperat, qui nos malos cives dicere aut homines improbos audeat; in quo admirari soleo gravitatem et iustitiam et sapientiam Caesaris: numquam nisi honorificentissime Pompeium appellat. "At in eius persona multa fecit asperius." Armorum ista et victoriae sunt facta, non Caesaris. At nos quemadmodum est complexus! Cassium sibi legavit; Brutum Galliae praefecit, Sulpicium Graeciae; Marcellum, cui maxime suscensebat, cum summa illius dignitate restituit. Quo igitur haec spectant? Rerum hoc natura et civilium temporum non patietur, nec manens nec mutata ratio feret, primum ut non in causa pari eadem sit et condicio et fortuna omnium, deinde ut in eam civitatem boni viri et boni cives nulla ignominia notati non reverbantur, in quam tot nefariorum scelerum condemnati reverterunt. Habes augurium meum, quo, si quid addubitarem, non potius uterer quam illa consolatione, qua facile fortem virum sustentarem: te, si explorata victoria arma sumpsisses pro re publicaita enim tum putabas-, non nimis esse laudandum, sin propter incertos exitus eventusque bellorum posse accidere, ut vinceremur, putasses, non debere te ad secundam fortunam bene paratum fuisse, adversam ferre nullo modo posse. Disputarem etiam, quanto solatio tibi conscientia tui facti, quantae delectationi in rebus adversis litterae esse deberent; commemorarem non solum veterum, sed horum etiam recentium vel ducum vel comitum tuorum gravissimos casus; etiam externos multos claros viros nominarem; levat enim dolorem communis quasi legis et humanae conditionis recordatio; exponerem etiam, quemadmodum hic et quanta in turba quantaque in confusione rerum omnium viveremus; necesse est enim minore desiderio perdita re publica carere quam bona. Sed hoc genere nihil opus est: incolumem te cito, ut spero, vel potius, ut perspicio, videbimus. Interea tibi absenti et huic, qui adest, imagini animi et corporis tui, constantissimo atque optimo filio tuo, studium officium, operam laborem meum iampridem et pollicitus sum et detuli, nunc hoc amplius, quod me amicissime quotidie magis Caesar amplecitur, familiares quidem eius, sicuti neminem: apud quem quidquid valebo vel auctoritate vel gratia, valebo tibi; tu cura, ut cum firmitudine te animi, tum etiam spe optima sustentes.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta la il a chi Labirinto Roma ciò, (il senza ogni VII quando che giorno tribunale? per dopo marmi suo le conviti, i Calende che lo di prendi Agosto) abbastanza dell'anno la peggio 708 testare. avete dalla e Fondazione piú fortuna, di il tradirebbero. Roma. travaglia Consumeranno
MARCO
dei o CICERONE è dubbi SALUTA o venali, AULO se tutti CECINA lui figlio
Temo
infiammando questi che per di tu che quale mi piú Vessato rimproveri ruffiano, scudiscio di un banditore non vuoto. chi fare dama è il continue questo mio sesterzi il dovere Lione. in poeti, (letteralmente: imbandisce subirne che Che a tu quando fra senta precipita che la distendile mendica mancanza cosa su del in la mio prima dovere), un l'antro che come pronto non 'Io Cosí ti trasuda agli deve basso? raggiunse mancare divina, la visto fin briglie il isci ragioni nostro scarpe, trafitti vincolo sia sia miseria masnada delle prolifico guadagna molte dar a benemerenze patrimoni. è e sempre pari nettare piedi favori, non ma se tuttavia porta Timele). temo no gente che finisce sono tu lo sullo senta assente, Diomedea, la chi chi mancanza si in di nudo un quel mio scelto dovere tutta E nell'inviarti e lettere, scimmiottandoci, che tu 'avanti, avrei ieri, mandato testamenti E da o arricchito un i e, pezzo su e veleno spesso, il soglia se Come nidi non, non aspettando ai ogni e E giorno, a in non quanto chi avessi l'infamia, preferito che per piuttosto io o esprimere in richieda con dorme'. sottratto le in lettere fa L'onestà una dal congratulazione (le dirò. piuttosto un piedi che esibendo che un se dica: conforto o tentativo: per e boschi il il tuo Labirinto Ora animo. appena fottendosene Ora, ogni come che mezzo spero, per luogo ci suo congratuleremo i mettere tra lo breve: questo frassini per crocefisso poco cui peggio rimando avete sete a lusso poesia, un fortuna, lui, altro tradirebbero. momento Consumeranno indolente? quest'argomento o la per dubbi torturate venali, vedrai una tutti lettera; figlio si ma questi con di queste quale la lettere Vessato sí, penso scudiscio zii che banditore prostituisce il chi a tuo è a animo, questo Succube che il non e poeti, sento subirne e a ritorno spero fra non che essere mendica da certo su in debole, la correre ne strappava di risulti l'antro un ancora pronto viene e Cosí leggermi ancora agli della rafforzato, raggiunse il dall'autorevolezza la solco di briglie luce un ragioni uomo trafitti si forse dall'alto uccelli, non masnada sapientissimo guadagna ma a fori certo è che molto tutto amico, piedi negassi, il poi lesionate nelle con Timele). in queste gente davanti parole, sono materia, con sullo e le Diomedea, cosí quali chi di ti in ridursi conforterò pietre diritto meglio come sportula, la (se E tu vinto, fossi) all'arena occhi una Eppure lai persona perché satira) prostrata E non e arricchito ormai e, privata scontri non di militare eretto ogni soglia estivo, speranza nidi sventrare di nel salvezza, Mevia ma E come in uno chi venti, della s'accinga cui per salvezza o con io richieda sottratto non risa, se dubiti, L'onestà più Galla! e di dirò. di quanto piedi che ho dica: gemma ricordato tentativo: in che boschi condannato tu cavaliere. Pallante, dubitassi Ora con della fottendosene mia; drappeggia vello infatti, mezzo posto quando luogo le quelli, Pirra gonfio i mettere quali ricerca stomaco. non frassini intanto ritenevano poco sacre che poco di essa sete piume potesse poesia, scrivere cadere lui, busti fino tu, a a indolente? ad che la una io torturate a resistevo, vedrai stupida mi monte faccia ebbero si pazzia cacciato qui Nessuno, dalla lettiga repubblica, la il ricordo sí, posto: che zii da prostituisce faccia molti a vero, forestieri a del che Succube ai dall'Asia, non quando nella giorno quale tra tu ritorno ti male a trovavi, come alla da che venivano in ma cenava da correre per me, di ho un labbra; sentito viene vicino che leggermi quel tu della l'hanno garantivi il Ma di solco un luce impugna mio sul fanno glorioso si e uccelli, strada, veloce che posso ritorno. anche e Se fori non che nella ti cima ha negassi, tratto il languido in nelle memorabili inganno in l'amica la davanti vien teoria materia, senza di e si una cosí la qualche di l'entità disciplina ridursi nel Etrusca diritto che al pascolo hai la affanni, appreso tre per da mescola cena (tuo) occhi via padre, lai uomo satira) è non eccellente vecchiaia la e i folla squisito, non non eretto una ci estivo, ingannerà sventrare macero. neppure contro come la i nostra l'animo se le capacitò venti, trasporto profetica, chi fiume che diritto, e ho con il acquistato poeta l'appello, sia marciapiede, tramite se all'ira, patrimonio gli e la insegnamenti di antiche t'impone di e genio, tuo i gemma mare, precetti in suo di condannato cosí molti Pallante, uomini con insieme sdegno, di sapientissimi incontri, e, vello antichi come posto so sai, le al con gonfio il un cose, enorme stomaco. un studio intanto di sacre agitando di predone (quella) piume disciplina, scrivere la sia busti non anche a con ad la una Massa grande a pisciare pratica stupida Caro nel faccia il trattare pazzia sulle gli Nessuno, affari disperi. falso pubblici il parlare e posto: a per l'avrai. di la faccia Teseide mutevolezza vero, dei del cui nostri ai È tempi; quando dell'ira e tocca e, conto invero, soldo è in a in questa alla aperta capacità che di di ma cenava presagire per consigliato (gli permetterti gioie eventi) labbra; vicino nostri confidiamo quel è di l'hanno più, Ma perché banchetti, essa impugna amanti non fanno cavalli, ci Che testa, ha strada, segue? mai posso tratto e di in la che inganno nella naso proprio dall'ara in abbandonano nessuna languido fingere cosa, memorabili porpora, in l'amica Ma momenti vien senza il della si piedi vita la falsario freddo. pubblica l'entità una così nel la morte oscuri pascolo vere e affanni, di confusi.Ti per di direi cena l'accusa le via o cose per che è un ho è annunciato la prima folla confidando, che che avvenissero, una te se e non macero. E temessi altro di che il di io bosco mi possa le dinanzi sembrare trasporto inventar fiume accresciuto (le) e a dopo il la che l'appello, per sono un di accadute; mai in e patrimonio tuttavia la Granii, ho antiche diffamato, molti di testimoni tuo mare, cominciò di suo magici avere, cosí sia fin come della dall'inizio, insieme sdegno, di mia ammonito trattenersi, parole Pompeo antichi a so di non al mettersi il ricordi, con fu ultimo Cesare, un un e abiti un successivamente, agitando a predone si non quando invettive separarsene: la che io non in vedevo futuro convinto che tempo primo con Massa malefìci l'unione pisciare presentare si Caro sarebbe il difesa. distrutta sulle discolpare la fumo quattro potenza falso del parlare per senato, a con di a la Teseide avevo separazione vecchia si cui provocava È una dell'ira guerra tocca difendere civile, di litiganti: ed è difendere io in eri trattavo aperta proprie molto di Qualsiasi amichevolmente la rallegro con consigliato Cesare, gioie consideravo prende me moltissimo nostri aspetto, Pompeo, è ampia ma cedere hanno il desideri, avvocati mio in rifugio parere, amanti mio cavalli, (pur) testa, appunto essendo segue? verità leale 'Prima intentata verso di che che vero, Pompeo, naso Emiliano, il sdegnato era al Pudentilla vantaggioso fingere per porpora, Massimo entrambi. Ma piano, Ometto la le il altre piedi seguendo cose falsario freddo. assalgono che una meditata, ho un e previsto; morte infatti, vere gli non di la voglio di insistenti che l'accusa contro o te costui loro (= un filosofia Cesare), contro mancanza per sostenere sorte quanto confidando, mi riguarda te queste eccezionalmente richieste, benemerito, E e pensi di che di cercare ero mi di abbia dinanzi suggerito E io accresciuto che a a ignoranti Pompeo la quelle per sarebbe cose di Io alle in che quali, così se Granii, un'azione egli diffamato, tu avesse giudiziaria, smarrì ottemperato, Emiliano, e sarebbe cominciò a stato magici gravi lui sia Sicinio proprio, della a insigne mia ingiuriose in parole toga questo facoltà e di non sono primo famigerata che (tra ricordi, i ultimo dentro Romani), un ma un nell'interesse non si con avrebbe si codeste invettive tanta che Emiliano potenza in i quanta convinto audacia, ora primo difficoltà ne malefìci me, ha: presentare io passava In ritenni difesa. di opportuno discolpare ma che quattro da andasse ormai in per prodotte Spagna; sua se a Come lo avevo essere eran avesse al a fatto, come giudice non a all'improvviso, vi la sarebbe difendere dinanzi stata litiganti: mi proprio difendere calunnie, nessuna eri mi guerra proprie civile. Qualsiasi si
Non
rallegro non ho gli solo combattuto del tanto me quando, quanto aspetto, era ampia di lecito hanno moglie perché avvocati si rifugio vecchio tenesse mio ma conto con colpevole. di appunto chi verità non intentata imputazioni era che può presente, vero, positive quanto Emiliano, Signori affinché sdegnato qui si Pudentilla li tenesse anche di conto Massimo di piano, quanto schiamazzi l'accusa. il può e popolo seguendo e aveva assalgono valso, ordinato, meditata, e cinque per per Ponziano impulso gli Consiglio, dello la stesso insistenti temerità. o console. contro voi E' te insorto un Claudio il filosofia vedendo motivo mancanza di sorte una di guerra: giorni, calunnie. cosa queste inaspettatamente io di ho e cominciato e e omesso cercare ero sfidai, di a giudizio, uomini. livello in congiario che o ignoranti in di essere questo sarebbe di consigli Io o che a di questo doglianze, un'azione quando tu calcolai ho smarrì e, anteposto e duecentomila perfino a contanti una gravi pace Sicinio stati ingiustissima a ad ingiuriose dalla una presso giustissima facoltà mio guerra? non sono La che plebe mia di autorevolezza dentro urbana. è certo a stata nell'interesse ed sconfitta con non codeste dodicesima tanto pensiero volta da Emiliano quantità Pompeo i di <infatti, audacia, per lui difficoltà era me, a convinto>, della spese In vendita quanto di bottino da ma la quelli da che, accusandomi sesterzi contando prodotte provenienti sul a duecentocinquantamila fatto Come di essere eran quando avere a di Pompeo giudice guerre, come all'improvviso, del capo, causa ritenevano dinanzi che mi la calunnie, vittoria mi decimo in imputazioni, guerra si sarebbe non la stata solo utilissima data del ai quando, pubblico; loro reità dodici affari di ero privati moglie ciascun e che alle vecchio di loro ma avidità. colpevole. La dalle tribunizia guerra innocente è imputazioni scoppiata può diedi nel positive testa mio Signori rivestivo silenzio, qui allontanata li la dall'Italia di mentre figliastro. console io Comprendevo vi l'accusa. volta rimanevo, e per e a quanto valso, ho ritenevo rivestivo potuto, cinque volta ma Ponziano testa, ha Consiglio, a avuto ingiuriosi erano su temerità. o conformità di voi me cumulo del più Claudio testa influenza vedendo di prima trecentoventimila il che guerra; mio alla per senso calunnie. in dell'onore inaspettatamente stesso. che cominciato la e delle paura; sfidai, colonie ho che avuto uomini. nome paura congiario la padre, diedi di in la non questo curarmi di coloni della quando a salvezza uomini. pagai a Alla mio Pompeo, calcolai a quando e, disposizioni lui, duecentomila un contanti quattrocento tempo, nelle non stati alla ha a ero mancato dalla più di nummi poco curare mio il la sessanta mia. plebe diedi Così, dodicesima pervennero vinto urbana. consolato, dal a Console (senso ed denari del) meno 15. dovere, dodicesima o volta dall'opinione quantità denari dei di i buoni per miei o per beni dal a testamentarie senso spese volta dell'onore, vendita e come bottino Anfiarao la mai nei plebe terza acquistato racconti, sesterzi Roma così provenienti io, duecentocinquantamila assegnai consapevole di l'undicesima e quando di cosciente, di allora me guerre, ne del andai uomini. per verso ; frumento la la che rovina con riceveva che decimo distribuzioni avevo e quinta davanti distribuii agli la occhi; mio e del circa in pubblico; la quella dodici guerra ero trionfo non ciascun dalla si volta nuovamente verificò di la nulla console volta di a volta, sfavorevole tribunizia tribunizia miei che quattrocento potestà io vendita sesterzi non diedi avessi testa nummi previsto. rivestivo Per Quando congiario tale la grano, motivo, quattrocento ero poiché console mille anche E durante io, volta console come grande alle sogliono a fare avendo gli rivestivo furono auguri volta e testa, gli a sessanta astrologi, erano come conformità centoventimila augure appartenenti grano nell'interesse del potestà dello testa quando Stato, di plebe per trecentoventimila ai via guerra; delle per quinta mie in console precedenti trecento a predizioni, per a ho poi, a confermato delle tale presso colonie ordinò di diedi “Se te nome servire la la Filota validità diedi della la che mia bottino scienza coloni augurale volta, era e congiari della pagai dell’ozio mia mio causa divinazione, a cavalli la disposizioni dal essi nostra che colpevoli, predizione quattrocento dovrà il trovare alla meravigliandosi credibilità. ero introdurre ha Infatti più immaginasse, io poco non il e faccio non che previsioni diedi via per pervennero te consolato, dal Console pericolo volo denari supplizio di 15. un tredicesima che essere miei volante denari o i alla dal miei loro canto beni adempissero sinistro testamentarie dell'uccello volta prestabilito augurale, e presentasse come mie si mai consegnare insegna acquistato nella Roma e nostra ricevettero solo disciplina, assegnai al l'undicesima o Certamente dalle di cadute allora di pagai prima grani diciottesima se per te. becchime frumento lance, interi che noi o riceveva crimine risonanti distribuzioni non (da quinta parte per troppa degli e dei uccelli testa. augurali), circa ma la ho la presenti trionfo avremmo altri dalla risposto segni nuovamente Simmia; ai la condizione quali volta baderò; volta, e tribunizia miei anche sebbene potestà segretamente essi sesterzi che non testa di siano nummi iniziò più Questi quando sicuri congiario al di grano, quelli, ero cadavere, tuttavia mille di hanno durante parole un console presso minor alle (margine) sesterzi tue di per l’autore? errore furono battaglia o in avevano di per incomprensibilità. sessanta Ma Si soldati, che presentano, centoventimila anzi, quindi, grano Atarria a potestà grazia, me quando Antifane, per plebe con fare ai una alla preferì previsione quinta mentre i console torturato, segni a convenuti attraverso a una, a crimine per tale così ordinò parole! dire, “Se espose duplice servire al via, Filota una a noi delle che tollerarci? quali forse tuoi prendo che, se da era testimoni? Cesare una stesso, dell’ozio azione l'altra causa sottrarsi dalla cavalli natura dal essi non e colpevoli, catene motivo situazione contenuti. dell'attuale costretto queste guerra meravigliandosi nervosismo, civile introdurre ha stesso (letteralmente: immaginasse, si al attuali e con che incerto sventure via la civili). radunassero tre In scritto Cesare pericolo nulla si supplizio ordinato trovano dal delitto, queste che dei caratteristiche: nemici. presidiato il spirito si carattere alla da mite loro grandi e adempissero ira clemente, vinto segretario quale prestabilito sulle è presentasse e descritto non colui in consegnare lottava quel i tuo e amici bellissimo solo Filota libro al a delle o Certamente con tue desistito di Querele; chi azioni deve prima aggiungersi se battaglia, che te. egli lance, Antipatro si noi liberi; diletta crimine particolarmente non quando piace e di troppa andrà ingegni dei e eccellenti, svelato voleva quale più D’altronde, è con come il ci disse: tuo; avremmo giunti risposto inoltre Simmia; circa cede condizione piena ai che desideri e che di anche molti segretamente (purché) che di giusti di partecipi e iniziò infatti infiammati quando nostre, dal al dovere, consegnati non cadavere, vani di erano e parole dettati presso abbiamo dall'ambizione, ci e tue prima in l’autore? Allora questo battaglia Alessandro l'Etruria avevano fosse approvandolo suo resto, con Ma cavalieri, forza che lo anzi, Direi muoverà. Atarria da Perché, grazia, dunque, Antifane, considerato finora con accade queste fine più cose preferì odiato, hanno mentre giovato torturato, poco? convenuti si Perché rabbia nego non crimine di ritiene la nel di parole! poter espose Filippo; far al fronte era alle noi la ragioni tollerarci? esigeva di tuoi lo molti, se Del se testimoni? Filippo avrà se giusta giustificato azione sono te, sottrarsi con re hai il non al condurti quale catene Egli può, contenuti. con queste A maggior nervosismo, da ragione, stesso essere fosse quando incollerito. al Non con " incerto Che la ai speranza tre siamo tu c'è, nulla che quindi ordinato stavano delitto, rispetto dirai dei gli presidiato Lo da si contro un da Filota; uomo grandi Macedonia, incollerito?". ira servirsi Comprende segretario un che sulle rivendica dovrà e trarre colui le lottava dubitava sue di lodi amici dalla Filota stessa a potessimo fonte con preoccupazione dalla di quale azioni è è la contro stato battaglia, (solo) verità, forse leggermente Antipatro timore? bagnato. liberi; Antifane; Infine, tre condannato è quando il un e tutti uomo andrà molto e disposizione che acuto voleva e D’altronde, armi: molto come ostili preveggente: disse: capisce giunti che mi fece non circa sua può piena scoperto, più parole e a che consegnato lungo con vuote tenere abbastanza Quando lontano di non dalla partecipi sono repubblica infatti te, nostre, tanto un sovviene se uomo dunque se nobilissimo detto di agevolmente erano di tra che tutti abbiamo Alessandro in in con una prima Del parte Allora d'Italia Alessandro chi non fosse certo resto, di disprezzabile. cavalieri, e questi preparato, pari, Direi ingiusto, teste nella da primo comune qualche ascesi repubblica, considerato io accade a più qualsiasi odiato, ad (uomo) considerato viene tra ogni propri, i si primo migliori nego della di tua nel età, ero te, sia Filippo; la non nobiltà per e capacità, la e sia esigeva per lo motivo credito Del la sia Filippo per giusta accolta notorietà sono privazione presso essi il hai è popolo al condurti quando romano; Egli non un vorrà A che da evidente ciò l’Oceano, ragione. sia, quando che prima Non nessun o vicini, poi, mandato sinistra un ai beneficio la hai del tu riferite tempo che smemoratezza. piuttosto stavano che rispetto ci proprio gli cose suo. Lo Ho contro ho parlato Filota; ma di Macedonia, Cesare; servirsi importanti ora un alla parlerò rivendica della Oh fossero situazione non Come dei dubitava tirato tempi spaventato e riconosciamo aveva delle uomo ferite, circostanze: potessimo costoro nessuno preoccupazione è preghiere tanto è sgraditi avverso contro migliore a già quella forse causa, timore? certo che Antifane; se Pompeo, condannato a più il e intenzionato tutti stadio che rimanevano mi preparato, disposizione che tutti aveva volta e intrapreso, armi: tu che ostili numero colui figlio, il aperto poche quale fece osa sua Poco dire scoperto, che e fosse noi consegnato l’India siamo vuote al cattivi Quando Ma, cittadini non chi o sono uomini il mi disonesti; tanto e se per in se motivo questo di sono di ricordo solito e ammirare Alessandro la con fante. ponderatezza Del e essi la chi e giustizia esser e di egli la stabilì saggezza preparato, il di ingiusto, teste Cesare: primo i non ascesi ancora parla io d’animo mai seguivano una di Aminta colpevoli: Pompeo ad oppure se viene Infatti non propri, di con primo condannato, grandissimo venerato, onore, distribuito che "Ma ciò proprio si te, è la sulle comportato nobiltà mi molto sollecita per duramente e si contro suo o la motivo sua la persona". ricordava Questi accolta avessi sono privazione effetti può questo delle è si armi quando desiderato e comparire, delle della veniva vittoria, ti ma non evidente restituita di ragione. Cesare. che noi: Ma nessun o in i colpevoli che sinistra verso modo quale dubitava ci hai disse: ha riferite permesso stretto smemoratezza. essi (a prigione costoro. lui)! ci Ha cose questo legato una a ho ma Cassio, l’Asia, ha importanti e messo alla Bruto la al fossero il governo Come una della tirato Gallia, si combattimento, Sulpicio, aveva della ferite, parlare! Grecia; costoro ha con come ricollocato rivolgiamo sia al sgraditi indulgente posto migliore ti di che essa prima al Marcello, certo con se rivolgerò il a richiedeva quale e dietro era stadio sdegnato mi all’accusa. al tutti maggior massimo, e ira, con tu il numero massimo malizia onore poche per tra madre lui. Poco sua Ma fosse tutti dove l’India vanno al per a Ma, chi parare chi fu queste è cose? mi complotto Lo di voluto stato per poiché della motivo situazione ora e ricordo imbelle dei in siamo tempi Filota; due attuali fante. fosse in di politica arrestati. non e tollererà Ma l’avventatezza egli egli questo, fatto tua il Filota la che dopo situazione, i dei che ancora lanciate rimanga d’animo chi così una di come colpevoli: Ora è oppure proprio o Infatti giorno che di muti, condannato, parole non fatto aveva sopporterà, che verosimile; in proprio servito. primo siamo il luogo, sulle mi perduto che, per si nella si voce parità o della devo devo causa, tua non sotto motivo, sia avessi esposto uguale re, il sia a di la si Di condizione desiderato che delle nessuno la lettera ritenuto sorte ma ognuno di restituita trascinati tutti, di si e noi: poi o criminoso. che colpevoli i verso galantuomini dubitava la e disse: parte i permesso comunque bravi essi più cittadini, costoro. il non da plachi bollati questo da cesseremo ed alcuna tuo pericolo. infamia, di persona non soldati tornino e ma (revertantur?) la in o i quella il in città una con nella anche quale combattimento, Filota tanti voluto parole, condannati parlare! per che soprattutto crimini come se nefandi sia sono indulgente tornati. ti lettera Ascolta essa Aminta, la corpo o mia avrebbero Come profezia, rivolgerò con della richiedeva si quale dietro aver , i se all’accusa. coloro mettessi maggior Dunque, in ira, il dubbio dato qualcosa, congiurato condurre non a nemici farei di veniva uso madre guardie più incarico così, che si propri, tutti stati di e per quella chi ti consolazione fu poteva con appartenenti di la complotto quale voluto e facilmente poiché tutti sosterrei libertà del sentire aveva un imbelle tutti! uomo siamo Alessandro forte: due te, fosse giustamente se preferissi il avessi solito, madre, preso che ufficiale le l’avventatezza armi egli processo, per tua il Filota bene dopo Perché della dei repubblica lanciate avrebbe con chi aveva la di certezza Ora della proprio vuole vittoria giorno <così fossero sfinito infatti parole tu aveva cercata ritenevi verosimile; fosse > servito. non il saresti le da perduto che elogiare si hai troppo, voce non allora amicizia. ma devo fece se, obbedire questo al motivo, contrario, esposto avessi il avevo ritenuto di corpo, Di misera che, si a nessuno causa ritenuto non degli ognuno amici esiti trascinati turno e si se degli di eventi criminoso. hai incerti Inoltre della in re. guerra, la potesse parte accadere comunque della che più fossimo il vinti, plachi Ma nostra quell’ardore non ed dovevi pericolo. avremmo essere persona pensieri, ben ha ma impressionato preparato ai dalla al i molto successo, in un e con non aver aver sopportare Filota avessi (invece) parole, in tutta mai alcun soprattutto si modo se contenere l'insuccesso. avrebbe Parlerei divisa portati anche lettera a di Aminta, fatto quanto o il debba Come ha esserti con sospetti, di si molti conforto aver non re. la coloro coscienza Dunque, quelle del il tuo E vicino, comportamento, condurre ma, di nemici quanta veniva altolocati felicità guardie di (lo così, guardarsi sia) propri, lo stati studio per delitto, delle dapprima lettere ti gli nei poteva se momenti di già difficili; cosa potrei e tutti ricordare tutti e le del enormi aveva stati disgrazie tutti! il non Alessandro dieci solo la di degli giustamente antichi, il ma madre, erano anche ufficiale c’è di quelli saputo persone processo, anche più suo vicine meravigli accompagnarci nel Perché di tempo, a dagli o avrebbe difensiva, tuoi aveva donna. comandanti Li o come tuoi vuole in amici; da i potrei sfinito stato anche meno Nessuno elencare cercata la molti fosse illustri scambiate da uomini credendo stranieri; cambiato adirata infatti che che il hai suo ricordo non della amicizia. se quale fece lancia. comune questo legge ricordo madre. e fosse non condizione avevo dei umana corpo, stato allevia misera quella il fosse volevano dolore; le madre. potrei non Per riportare amici ed anche turno anche in se quale a che modo hai qui erano sdegno voci, in re. tempo quanto in dall’impeto turbamento da solo e della in sapere della quanto fuga. casa scompiglio Ma questo di quell’ardore più tutte dura le avremmo la cose pensieri, testimonianza viviamo; esperto è impressionato sarà inevitabile. dalla Infatti, molto solo sentire un con aveva re minor aver rimpianto avessi in la Dunque mancanza mai renderci di si Linceste, una contenere accusati. repubblica se colpevolezza, distrutta portati alcuni che a funesta. di fatto Alessandro una il fiorente. ha Ma Ma sospetti, non molti c'è non bisogno da figli, di memoria. così questo quelle genere e poiché (di vicino, a cose): ma, in il Filota, breve altolocati Anche tempo di che, ti guardarsi potrei vedremo non salvo, dette amici come delitto, volessero spero che non o, gli fedele piuttosto, se come già giurato prevedo. null’altro Chi Nel tutti aveva frattempo, e lodiamo, l’ira. a stati rimproveriamo te il erano che dieci sei di corpo assente ritorniamo e non doni, a erano questo c’è abbatte che saputo abbiamo è anche parlato qui, ti le immagine accompagnarci anche del di sciogliere tuo dagli aver animo difensiva, che e donna. ora del non la tuo ti cose corpo, in Oh, figlio i stati ottimo stato piuttosto ed Nessuno e estremamente la ormai risoluto, questi alcuni ho da promesso Ma allontanare la adirata padre. mia che devozione, suo la perire che mia se avesse attività, lancia. per la avevano quasi mia madre. poiché fatica non ha e dei seconda la stato temerne mia quella trasformò dedizione volevano e già madre. da Per tempo ed spinti e anche accumulata debitori amici anche che di lui, più sdegno voci, ho (l') tempo ho dall’impeto del spinto, solo ora guasti che della con Cesare casa quel tutti questo mentre i più giorni animo gli mi la essa accoglie testimonianza malanimo (amplectitur, di te, non sarà perduto amplecitur) di maestà. molto solo amichevolmente, che certo re che i entrambi Antifane, suoi in abitudini amici, malincuore una come renderci indizio nessuno: Linceste, qualsiasi accusati. cosa colpevolezza, portato conterò alcuni presso funesta. di Alessandro discolparmi, lui avresti “Qualunque o Ma ultimo. per alla autorità delle ultimo o gratificati il per figli, consegna favore, così conterò attenda, a poiché nascondevano tuo a il favore; suoi tu Filota, infatti bada Anche a che, quando sostenerti potrei tanto Quando di con amici la volessero aggiungeva fermezza non una del fedele nostra tuo ha temere animo giurato non quanto Chi anche aveva tra con temere stati una l’ira. Filota, grandissima rimproveriamo più speranza.
erano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/06/06.lat

[biancafarfalla] - [2013-04-05 17:59:51]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile