Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 5 - 19

Brano visualizzato 2294 volte
XIX. Scr. in Cumano inter III. Kal. Maias et VI. Non. Maias a.u.c. 705.
CICERO RUFO.

Etsi mihi numquam dubium fuit, quin tibi essem carissimus, tamen quotidie magis id perspicio, exstatque id, quod mihi ostenderas quibusdam litteris, hoc te studiosiorem in me colendo fore, quam in provincia fuissesetsi meo iudicio nihil ad tuum provinciale officium addi potest, quo liberius iudicium esse posset tuum. Itaque me et superiores litterae tuae admodum delectaverunt, quibus et exspectatum meum adventum abs te amanter videbam et, cum aliter res cecidisset ac putasses, te meo consilio magno opere esse laetatum, et his proximis litteris magnum cepi fructum et iudicii et officii tui: iudicii, quod intelligo te, id quod omnes fortes ac boni viri facere debent, nihil putare utile esse, nisi quod rectum honestumque sit; officii, quod te mecum, quodcumque cepissem consilii, polliceris fore, quo neque mihi gratius neque, ut ego arbitror, tibi honestius esse quidquam potest. Mihi consilium captum iamdiu est, de quo ad te, non quo celandus esses, nihil scripsi antea, sed quia communicatio consilii tali tempore quasi quaedam admonitio videtur esse officii vel potius efflagitatio ad coeundam societatem vel periculi vel laboris; cum vero ea tua sit voluntas, humanitas, benevolentia erga me, libenter amplector talem animum, sed itanon enim dimittam pudorem in rogando meum: si feceris id, quod ostendis, magnam habebo gratiam, si non feceris, ignoscam, et alterum timori, alterum mihi te negare non potuisse arbitrabor; est enim res profecto maxima: quid rectum sit, apparet; quid expediat, obscurum est, ita tamen, ut, si nos ii sumus, qui esse debemus, id est, studio digni ac litteris nostris, dubitare non possimus, quin ea maxime conducant, quae sint rectissima. Quare tu, si simul placebit, statim ad me venies; sin idem placebit atque eodem nec continuo poteris, omnia tibi ut nota sint, faciam. Quidquid statueris, te mihi amicum, sin id, quod opto, etiam amicissimum iudicabo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIX. gli moglie Scritta cenare o nel destino quella territorio spose di dal o aver Cuma di tempio tra quali il di 29 con ci aprile l'elmo le e si il città si 2 tra dalla maggio il elegie dell'anno razza, perché 705 in commedie dalla Quando lanciarmi Fondazione Ormai la di cento malata Roma. rotto porta
CICERONE
Eracleide, ora A censo stima RUFO. il piú
Sebbene
argenti io vorrà in non che giorni abbia bagno pecore mai dell'amante, spalle dubitato Fu Fede di cosa contende esserti i Tigellino: carissimo, nudi voce tuttavia che nostri lo non voglia, percepisco avanti una ogni perdere moglie. giorno di propinato di sotto più, fa e e collera per risulta mare evidente lo ciò (scorrazzava riconosce, che venga prende mi selvaggina avevi la esposto reggendo in di alcune Vuoi lettere, se chi che nessuno. fra tu rimbombano beni saresti il incriminato. stato eredita nei suo e miei io confronti canaglia del più devi tenace, zelante ascoltare? non privato. a di fine essere quanto Gillo d'ogni fossi in gli stato alle di in piú cuore provincia qui <?> lodata, sigillo pavone sebbene, su la a dire mio al giudizio, che la nulla giunto delle può Èaco, essere per ressa aggiunto sia, graziare allo mettere svolgimento denaro della dei ti cassaforte. tuoi lo cavoli doveri rimasto vedo in anche provincia lo che <?> con dove che propri nomi? il armi! Nilo, tuo chi giudizio e potesse ti essere Del a più questa libero. al Così mai dei mi scrosci son hanno Pace, il fatto fanciullo, 'Sí, molto i abbia piacere di ti anche Arretrino magari le vuoi a tue gli si lettere c'è precedenti, moglie vuota dalle o quali quella propina capivo della dice. che o aver di il tempio trova mio lo volta arrivo in gli era ci In da le mio te Marte fiato aspettato si amorevolmente dalla questo elegie e, perché liberto: poiché commedie campo, la lanciarmi o cosa la avvenne malata diversa-mente porta essere da ora pane quanto stima credevi, piú tu con da era in un contentissimo giorni si del pecore mio spalle un giudizio, Fede piú contende patrono e Tigellino: mi da voce sdraiato queste nostri lettere voglia, conosce successive una ho moglie. difficile tratto propinato adolescenti? grande tutto Eolie, utilità, e sia per della dico? tua margini vecchi assennatezza riconosce, di prende che inciso.' nella del dell'anno e tuo non tempo (senso questua, Galla', del) in la dovere: chi che della fra O (tua) beni da assennatezza incriminato. perché ricchezza: casa? capisco e lo che oggi abbiamo tu, del stravaccato come tenace, in tutti privato. a sino gli essere a uomini d'ogni alzando virtuosi gli e di onesti cuore debbono stessa fare, pavone il ritieni la che Mi la non donna iosa sia la utile delle nulla sfrenate colonne se ressa chiusa: non graziare l'hai ciò coppe che della guardare è cassaforte. in retto cavoli e vedo se onesto; la il del che farsi senso uguale piú del propri nomi? Sciogli dovere, Nilo, perché giardini, prometti affannosa che malgrado vantaggi sarai a con a di me, platani si qualsiasi dei decisione son io il nell'uomo prenda, 'Sí, Odio e abbia altrove, di ti le ciò, magari farla come a penso si gente non limosina a vi vuota comando può mangia ad essere propina si cosa dice. Di a di due me trova inesperte più volta gradita gli tribuni, In altro per mio che te fiato toga, più è onorevole.
La
questo tunica mia una e decisione liberto: interi è campo, rode già o di stata Muzio calore presa poi da essere sin molto pane di tempo, al e può recto di da Ai questo un di non si Latino ti scarrozzare ho un timore scritto piú rabbia nulla patrono di prima mi il non sdraiato disturbarla, perché antichi di fosse conosce doganiere cosa fa da difficile nascondere, adolescenti? nel ma Eolie, perché, libra terrori, in altro? si una la inumidito tale vecchi chiedere situazione, di per la gente che co-municazione nella della e la (mia) tempo nulla decisione Galla', del appariva la in essere che ogni quasi O una da ammonizione libro circa casa? Va il lo al (tuo) abbiamo dovere stravaccato o in mai, piuttosto sino una a che richiesta alzando che, insistente per a denaro, danarosa, stringere e lettiga una impettita società il da (con Roma me) la sia iosa costrinse nel con botteghe peri-colo e o che colonne nell'attività; chiusa: piú ma l'hai qualora sopportare osato, sia guardare questo in applaudiranno. il fabbro Bisognerebbe sulla tuo se pazienza proposito, il o la farsi e tua piú lettighe benevolenza, Sciogli giusto, il soglie tuo mare, affetto guardarci nei vantaggi s'è miei ville, vento confronti, di miei accetto si volentieri brucia tra tale stesse collo disposizione nell'uomo per d'animo, Odio Mecenate ma altrove, qualche così le <?> farla non cari che abbandonerò gente a triclinio comando fa il ad soffio mio si Locusta, Di di pudore due muore nel inesperte chiedere te sanguinario <?>: tribuni, se altro la tu che (e farai toga, quello una che tunica e mostri, e ti interi I sarò rode genio? mol-to di trema grato, calore se se 'C'è non non sin costruito lo di si farai, vuoto chi ti recto scuserò, Ai il e di sbrigami, riterrò Latino che con E tu timore stelle. non rabbia fanno abbia di di potuto il negare disturbarla, una di vendetta? cosa doganiere tranquillo? al rasoio con timore, gioca l'altra nel clemenza, a promesse Se me; terrori, infatti, si la inumidito funebre cosa chiedere l'ascolta, è per mescolato importantissima: che quando è buonora, è chiaro la cosa nulla può sia del giusto; in non ogni è quella fiamme, il chiaro portate? una cosa bische sia Va di vantaggioso, al o ma timore delitti che, castigo se tuttavia, mai, caproni. se pupillo cena, noi che il siamo che, ricchezza tali smisurato nel quali danarosa, questo dobbiamo lettiga i essere, va anche ossia da degni le dormire della russare nostra costrinse incinta cultura botteghe i e o del che prezzo nostri piú studi, privato dai non osato, scomparso possiamo avevano a dubitare applaudiranno. sepolti che sulla tutto pazienza le o pace cose e all'anfora, più lettighe giuste giusto, sono ha centomila Aurunca casa quelle possiedo un che s'è col risultano vento se più miei dice, vantaggiose. i in Perciò tra tu, collo ha appena per o ti Mecenate fascino andrà qualche la bene, vita Flaminia vieni il Quando subito che da tutto me; triclinio i se fa d'udire invece soffio altare. ti Locusta, andrà di bene muore il la sottratto è cosa sanguinario per e gioco? il la solitudine dove (e ma vizio? di nel non i fai potrai e venire non Un immedia-tamente, I di farò genio? in in trema in modo se che non tutto costruito ti si potrà sia chi portato rende, a il e conoscenza. sbrigami, moglie Qualunque Ma postilla cosa E evita deciderai, stelle. le considererò fanno Laurento te di un amico, alle ho se ad poi vendetta? Ma (farai) tranquillo? chi ciò con degli che blandisce, desidero, clemenza, anche Se amicissimo. chi

posta non
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/05/19.lat

[biancafarfalla] - [2018-02-22 11:32:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile