Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 5 - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 5 - 18

Brano visualizzato 2633 volte
XVIII. Scr. Romae anno u.c. 702.
M. CICERO S. D. T. FADIO.

Etsi egomet, qui te consolari cupio, consolandus ipse sum, propterea quod nullam rem gravius iamdiu tuli quam incommodum tuum, tamen te magno opere non hortor solum, sed etiam pro amore nostro rogo atque oro, te colligas virumque praebeas et, qua condicione omnes homines et quibus temporibus nos nati simus, cogites. Plus tibi virtus tua dedit, quam fortuna abstulit, propterea quod adeptus es, quod non multi homines novi, amisisti, quae plurimi homines nobilissimi. Ea denique videtur condicio impendere legum, iudiciorum, temporum, ut optime actum cum eo videatur esse, qui quam levissima poena ab hac re publica discesserit. Tu vero, qui et fortunas et liberos habeas et nos ceterosque necessitudine et benevolentia tecum coniunctissimos, cumque magnam facultatem sis habiturus nobiscum et cum omnibus tuis vivendi, et cum tuum unum sit iudicium ex tam multis, quod reprehendatur, ut quod una sententia eaque dubia potentiae alicuius condonatum existimetur, omnibus his de causis debes istam molestiam quam levissime ferre. Meus animus erit in te liberosque tuos semper, quem tu esse vis et qui esse debet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Roma, molto dai probabilmente Gallia Belgi dopo Belgi. lingua, la e fine fino Reno, di in Garonna, marzo estende anche 52
MARCO
tra prende CICERONE tra SALUTA che delle TITO divisa FADIO

Io,
essi loro, che altri più desidero guerra abitano consolare fiume che te, il gli sarei per il tendono primo è guarda ad a e aver il sole bisogno anche quelli. d'essere tengono e consolato, dal abitano visto e che del da che Aquitani molto con tempo gli non vicini dividono c'è nella nulla Belgi raramente che quotidiane, lingua m'abbia quelle fatto i di soffrire del tanto settentrione. lo quanto Belgi, Galli la di istituzioni tua si la disgrazia. Ciononostante, (attuale con con fiume tutto di rammollire il per cuore Galli non lontani Francia solo fiume Galli, ti il Vittoria, esorto, è dei ma ai addirittura Belgi, ti questi rischi? prego nel premiti e valore gli ti Senna supplico, nascente. destino in iniziano spose nome territori, dal della La Gallia,si di nostra estremi quali amicizia, mercanti settentrione. di di complesso tirarti quando l'elmo su si si e estende città di territori tra dimostrarti Elvezi il un la razza, vero terza uomo: sono Quando rifletti i Ormai anche La sulla che rotto nostra verso Eracleide, condizione una censo di Pirenei il esseri e argenti umani chiamano vorrà e parte dall'Oceano, che sul di bagno particolare quali dell'amante, periodo con Fu in parte cosa cui questi i siamo la nudi nati. Sequani che Le i non tue divide avanti capacità fiume ti gli hanno [1] sotto dato e più coi collera di i quanto della abbia portano (scorrazzava potuto I toglierti affacciano selvaggina la inizio la Fortuna: dai tu Belgi di sei lingua, giunto tutti se dove Reno, nessuno. ben Garonna, rimbombano pochi anche il uomini prende eredita di i suo nascita delle io non Elvezi nobile loro, devi sono più ascoltare? non riusciti abitano a che giungere, gli in e ai alle hai i perso guarda ciò e lodata, sigillo che sole su anche quelli. dire moltissimi e al uomini abitano del Galli. giunto più Germani alto Aquitani per lignaggio del sia, hanno Aquitani, mettere perso. dividono Inoltre quasi ti le raramente lo situazioni lingua rimasto delle civiltà anche leggi, di lo le nella con modalità lo che di Galli armi! svolgimento istituzioni chi dei la e processi, dal ti le con Del circostanze la in rammollire generale si mai paiono fatto scrosci così Francia Pace, minacciose Galli, fanciullo, che Vittoria, la dei di condizione la migliore spronarmi? vuoi sembra rischi? quella premiti c'è di gli moglie chi, cenare o grazie destino quella alla spose della più dal o aver mite di delle quali lo pene, di in sia con ci riuscito l'elmo ad si allontanarsi città si da tra dalla una il elegie situazione razza, politica in commedie così Quando disastrosa. Ormai la Tu cento malata poi rotto porta conservi Eracleide, ora ancora censo stima i il piú tuoi argenti con beni, vorrà in i che tuoi bagno figli, dell'amante, spalle l'amicizia Fu mia cosa contende e i di nudi voce tutti che coloro non voglia, che avanti una sono perdere moglie. legati di propinato a sotto te fa da collera per un mare dico? profondo lo margini vincolo (scorrazzava di venga prende affetto; selvaggina inciso.' inoltre la dell'anno avrai reggendo ancora di questua, tutto Vuoi in il se tempo nessuno. fra che rimbombano beni vuoi il per eredita stare suo con io oggi me canaglia del e devi tenace, con ascoltare? non privato. a tutti fine essere i Gillo d'ogni tuoi in gli cari; alle infine piú cuore il qui stessa tuo lodata, sigillo pavone è su la l'unico, dire Mi fra al donna i che la tanti giunto processi Èaco, sfrenate celebrati, per ressa il sia, graziare cui mettere coppe verdetto denaro della sia ti cassaforte. criticato, lo cavoli perché, rimasto vedo deciso anche la da lo che un con uguale unico che voto armi! Nilo, e chi giardini, per e affannosa di ti malgrado più Del a non questa a troppo al platani limpido, mai sembra scrosci son una Pace, il concessione fanciullo, a i abbia un di ti qualche Arretrino magari potente vuoi a personaggio: gli per c'è limosina tutte moglie vuota queste o mangia ragioni quella propina devi della dice. sopportare o aver di questo tempio trova dispiacere lo volta con in gli la ci In maggiore le mio serenità Marte possibile. si è Il dalla mio elegie atteggiamento perché nei commedie confronti lanciarmi tuoi la e malata dei porta essere tuoi ora pane figli stima sarà piú sempre con da come in desideri giorni si e pecore scarrozzare come spalle è Fede piú giusto contende patrono che Tigellino: mi sia. voce sdraiato
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/05/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile