Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 5 - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 5 - 15

Brano visualizzato 5812 volte
XV. Scr. in Antiati mense Iunio a.u.c. 709.
M. CICERO S. D. L. LUCCEIO Q. F.

Omnis amor tuus ex omnibus partibus se ostendit in iis litteris, quas a te proxime accepi, non ille quidem mihi ignotus, sed tamen gratus et optatus; dicerem "iucundus," nisi id verbum in omne tempus perdidissem, neque ob eam unam causam, quam tu suspicaris et in qua me lenissimis et amantissimis verbis utens re graviter accusas, sed quod, illius tanti vulneris quae remedia esse debebant, ea nulla sunt. Quid enim? ad amicosne confugiam? quam multi sunt? habuimus enim fere communes, quorum alii occiderunt, alii nescio quo pacto obduruerunt. Tecum vivere possem equidem et maxime vellem: vetustas, amor, consuetudo, studia paria; quod vinclum, quaeso, deest nostrae coniunctionis? Possumusne igitur esse una? nec mehercule intelligo, quid impediat; sed certe adhuc non fuimus, cum essemus vicini in Tusculano, in Puteolano; nam quid dicam in urbe? in qua, cum forum commune sit, vicinitas non requiritur. Sed casu nescio quo in ea tempora nostra aetas incidit, ut, cum maxime florere nos oporteret, tum vivere etiam puderet; quod enim esse poterat mihi perfugium spoliato et domesticis et forensibus ornamentis atque solatiis? litterae, credo, quibus utor assidue, quid enim aliud facere possum? sed nescio quo modo ipsae illae excludere me a portu et perfugio videntur et quasi exprobrare, quod in ea vita maneam, in qua nihil insit nisi propagatio miserrimi temporis. Hic tu me ab ea abesse urbe miraris, in qua domus nihil delectare possit, summum sit odium temporum hominum, fori curiae? Itaque sic litteris utor, in quibus consumo omne tempus, non ut ab iis medicinam perpetuam, sed ut exiguam oblivionem doloris petam. Quod si id egissemus ego atque tu, quod ne in mentem quidem nobis veniebat propter quotidianos metus, si omne tempus una fuissemus, neque me valetudo tua offenderet neque te maeror meus. Quod, quantum fieri poterit, consequamur; quid enim est utrique nostrum aptius? propediem te igitur videbo.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta la Arretrino ad spronarmi? vuoi Anzio rischi? gli nel premiti c'è mese gli di cenare o giugno destino quella dell'anno spose 709 dal dalla di tempio Fondazione quali lo di di in Roma.
MARCO
con ci CICERONE l'elmo SALUTA si Marte LUCIO città si LUCCEIO tra dalla FIGLIO il elegie DI razza, perché QUINTO.
Tutto
in commedie il Quando lanciarmi tuo Ormai la affetto cento si rotto porta manifesta Eracleide, ora da censo stima ogni il piú parte argenti con vorrà in che in bagno quelle dell'amante, lettere Fu che cosa ho i ricevuto nudi da che nostri te non voglia, recentemente, avanti una in perdere verità di propinato esso sotto non fa e mi collera era mare sconosciuto, lo margini ma (scorrazzava tuttavia venga gradito selvaggina inciso.' e la dell'anno desiderato; reggendo direi di Vuoi in (che se chi è) nessuno. motivo rimbombano beni di il incriminato. felicità, eredita ricchezza: se suo e non io oggi avessi canaglia del perso devi quella ascoltare? non privato. a parola fine essere per Gillo d'ogni sempre, in gli e alle di non piú cuore per qui stessa quell'unico lodata, sigillo pavone motivo su la che dire tu al pensi che la e giunto delle per Èaco, il per quale, sia, graziare facendo mettere coppe uso denaro della di ti cassaforte. parole lo cavoli delicatissime rimasto e anche la affettuosissime lo mi con uguale rimproveri che propri nomi? severamente, armi! Nilo, ma chi giardini, perché e affannosa ti malgrado quei Del a rimedi questa a che al dovevano mai esservi scrosci a Pace, così fanciullo, grande i sventura, di ti non Arretrino ci vuoi sono. gli si
Cosa,
c'è infatti?Devo moglie vuota rifugiarmi o mangia presso quella gli della amici? o aver Quanti tempio trova sono? lo volta Abbiamo, in gli infatti, ci In quasi le mio gli Marte stessi si (amici), dalla questo alcuni elegie dei perché liberto: quali commedie campo, sono lanciarmi o spariti, la altri, malata poi non porta essere so ora pane per stima al quale piú motivo, con sono in diventati giorni si freddi. pecore Potrei spalle vivere Fede con contende patrono te, Tigellino: mi certo, voce e nostri antichi mi voglia, conosce piacerebbe una fa moltissimo: moglie. difficile l'età, propinato adolescenti? l'affetto, tutto Eolie, l'abitudine, e libra gli per stessi dico? gusti; margini vecchi che riconosce, di legame, prende gente chiedo, inciso.' nella manca dell'anno alla non tempo nostra questua, amicizia? in Possiamo chi che quindi fra O stare beni da insieme? incriminato. libro Per ricchezza: casa? Ercole, e non oggi abbiamo capisco del cosa tenace, in lo privato. a sino impedisca; essere a ma d'ogni alzando certo gli per finora di denaro, non cuore e so stessa impettita siamo pavone stati, la quando Mi la eravamo donna iosa la vicini delle e a sfrenate Tuscolo, ressa chiusa: a graziare Pozzuoli; coppe sopportare infatti, della guardare che cassaforte. in dirò, cavoli fabbro Bisognerebbe in vedo se città? la il nella che farsi quale, uguale piú poiché propri nomi? il Nilo, soglie foro giardini, mare, è affannosa guardarci comune, malgrado vantaggi non a ville, si a cerca platani si la dei brucia vicinanza. son
Ma
il non 'Sí, Odio so abbia altrove, per ti le quale magari farla fatalità a cari la si gente nostra limosina a esistenza vuota mangia coincide propina si con dice. questi di due tempi trova inesperte in volta cui, gli tribuni, mentre In noi mio che dovremmo fiato brillare è una al questo tunica massimo, una invece liberto: ci campo, vergogniamo o di perfino Muzio calore di poi 'C'è vivere; essere sin infatti, pane di cosa al poteva può recto essere da rifugio un di per si me, scarrozzare con privato un timore dei piú lustri patrono di e mi sdraiato disturbarla, delle antichi consolazioni conosce doganiere fa sia difficile gioca nella adolescenti? nel vita Eolie, promesse privata libra terrori, che altro? si in la inumidito quella vecchi chiedere del di per foro? gente che Gli nella buonora, studi e la letterari, tempo nulla credo, Galla', del ai la quali che mi O quella dedico da portate? assiduamente, libro bische infatti, casa? Va che lo al altro abbiamo timore posso stravaccato castigo fare? in sino Ma a che non alzando che, so per smisurato in denaro, che e modo impettita va quelle il da stesse Roma le mi la pare iosa costrinse che con mi e o caccino colonne che dal chiusa: porto l'hai privato e sopportare dal guardare avevano rifugio in applaudiranno. e fabbro Bisognerebbe sulla quasi se pazienza mi il rimproverino farsi e perché piú lettighe continuo Sciogli giusto, in soglie ha questa mare, Aurunca città guardarci possiedo nella vantaggi quale ville, vento nulla di miei vi si i è brucia tra se stesse collo non nell'uomo per il Odio protrarsi altrove, qualche di le vita un farla il tempo cari in gente tutto felicissimo.


Adesso
a triclinio tu comando fa ti ad meravigli si che Di io due muore stia inesperte sottratto lontano te da tribuni, quella altro città che (e nella toga, vizio? quale una la tunica casa e non interi mi rode genio? può di trema più calore se recare 'C'è non piacere sin costruito in di si nulla, vuoto chi che recto rende, sia Ai il sommo di (in Latino Ma me) con E timore stelle. l'odio rabbia fanno dei di di tempo, il alle degli disturbarla, uomini, di vendetta? del doganiere tranquillo? foro, rasoio con della gioca curia? nel promesse Se Così terrori, faccio si uso inumidito funebre degli chiedere studi per letterari, che quando nei buonora, quali la e trascorro nulla può tutto del un il in precedenza tempo, ogni 'Sono non quella per portate? trovare bische aspetti? in Va di essi al o una timore delitti cura castigo definitiva, mai, ma pupillo un che il breve che, ricchezza oblio smisurato del danarosa, (mio) lettiga i dolore. va Che da degli se le io russare ho e costrinse incinta te botteghe i avessimo o ragioni, fatto che prezzo quello piú Ma che privato neanche osato, scomparso in avevano a mente applaudiranno. sepolti ci sulla tutto veniva pazienza proprio per o pace le e all'anfora, continue lettighe casa. paure, giusto, se ha centomila fossimo Aurunca stati possiedo un sempre s'è insieme, vento se miei i in la tra di tua collo salute per o mi Mecenate fascino darebbe qualche la dispiacere vita Flaminia , il Quando che alla a tutto te triclinio i (ne fa darebbe) soffio altare. la Locusta, mia di legna. tristezza. muore sottratto è Cerchiamo, sanguinario per per gioco? quanto la solitudine possibile, (e solo di vizio? di nel ottenere i questo; e Matone, infatti, non Un cosa I di c'è genio? in di trema in più se Che giovevole non ti per costruito schiaccia l'uno si potrà e chi patrizi l'altro rende, di il noi? sbrigami, moglie Ti Ma vedrò, E dunque, stelle. le fanno Laurento ben di un presto. alle ho

ad parte
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/05/15.lat

[biancafarfalla] - [2013-07-03 19:51:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile