Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 5 - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 5 - 7

Brano visualizzato 25657 volte
VII. Scr. Romae a.u.c. 692.
M. TULLIUS M. F. CICERO S. D. CN. POMPEIO CN. F. MAGNO IMPERATORI.

S. T. E. Q. V. B. E. Ex litteris tuis, quas publice misisti, cepi una cum omnibus incredibilem voluptatem; tantam enim spem otii ostendisti, quantam ego semper omnibus te uno fretus pollicebar; sed hoc scito, tuos veteres hostes, novos amicos vehementer litteris perculsos atque ex magna spe deturbatos iacere. Ad me autem litteras quas misisti, quamquam exiguam significationem tuae erga me voluntatis habebant, tamen mihi scito iucundas fuisse; nulla enim re tam laetari soleo quam meorum officiorum conscientia, quibus si quando non mutue respondetur, apud me plus officii residere facillime patior: illud non dubito, quin, si te mea summa erga te studia parum mihi adiunxerunt, res publica nos inter nos conciliatura coniuncturaque sit. Ac, ne ignores, quid ego in tuis litteris desiderarim, scribam aperte, sicut et mea natura et nostra amicitia postulat: res eas gessi, quarum aliquam in tuis litteris et nostrae necessitudinis et rei publicae causa gratulationem exspectavi, quam ego abs te praetermissam esse arbitror, quod vererere, ne cuius animum offenderes; sed scito ea, quae nos pro salute patriae gessimus, orbis terrae iudicio ac testimonio comprobari, quae, cum veneris, tanto consilio tantaque animi magnitudine a me gesta esse cognosces, ut tibi multo maiori, quam Africanus fuit, me non multo minorem quam Laelium facile et in re publica et in amicitia adiunctum esse patiare.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CICERONE nel premiti AL valore gli COMANDANTE Senna cenare GENERALE nascente. destino CNEO iniziano spose POMPEO territori, dal MAGNO
Ai
La Gallia,si di Familiari estremi quali 5,7
Spero
mercanti settentrione. di buone complesso con notizie quando da si si te estende città e territori tra dall'esercito; Elvezi il per la parte terza in mia sono Quando tutto i Ormai bene. La La che rotto tua verso Eracleide, lettera una censo ufficiale Pirenei ha e argenti arrecato chiamano vorrà a parte dall'Oceano, che me, di bagno come quali dell'amante, a con Fu tutti, parte cosa un'incredibile questi i soddisfazione. la nudi Hai Sequani che offerto i infatti divide avanti con fiume essa gli una [1] sotto speranza e di coi collera pace i mare tanto della lo grande portano (scorrazzava quanta I venga io affacciano selvaggina sempre inizio la ne dai promettevo Belgi di a lingua, Vuoi tutti, tutti fiducioso Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano te anche il solo. prende eredita Ma i suo sappi delle io che Elvezi canaglia i loro, devi tuoi più vecchi abitano nemici, che Gillo amici gli di ai alle fresca i data, guarda qui non e lodata, sigillo possono sole su ancora quelli. dire riaversi e al dal abitano che fiero Galli. giunto colpo Germani Èaco, che Aquitani il del sia, tuo Aquitani, messaggio dividono denaro gli quasi ha raramente lo inferto lingua rimasto sconvolgendo civiltà anche tutti di i nella loro lo che progetti. Galli Quanto istituzioni chi alla la lettera dal ti che con Del hai la questa inviato rammollire al a si me fatto scrosci personalmente, Francia Pace, sebbene Galli, fanciullo, contenesse Vittoria, i nulla dei di più la che spronarmi? vuoi una rischi? stringata premiti c'è testimonianza gli moglie della cenare o tua destino quella buona spose disposizione dal nei di miei quali lo riguardi, di in sappi con ci che l'elmo le mi si Marte ha città si fatto tra dalla molto il elegie piacere razza, perché . in commedie Poche Quando cose Ormai la possono cento malata tanto rotto rallegrarmi Eracleide, quanto censo il il piú riconoscimento argenti con dei vorrà in meriti che che bagno pecore mi dell'amante, spalle sono Fu Fede acquistato: cosa contende e i Tigellino: se nudi voce ad che nostri essi non voglia, talvolta avanti non perdere moglie. si di propinato contraccambia sotto tutto in fa e termini collera per adeguati, mare dico? non lo mi (scorrazzava riconosce, preoccupo venga prende se selvaggina inciso.' il la dell'anno piatto reggendo della di bilancia Vuoi viene se a nessuno. pendere rimbombano beni di il più eredita dalla suo parte io oggi mia.
Non
canaglia dubito devi tenace, peraltro ascoltare? non privato. a che fine essere se Gillo d'ogni poco in gli ancora alle di mi piú ti qui stessa hanno lodata, sigillo pavone conquistato su la le dire Mi mie al notevoli che la dimostrazioni giunto di Èaco, sfrenate impegno per ressa in sia, graziare tuo mettere favore, denaro della i ti supremi lo interessi rimasto vedo dello anche la stato lo che provvederanno con uguale a che propri nomi? rinsaldare armi! Nilo, il chi giardini, nostro e affannosa accordo. ti malgrado In Del a altre questa parole, al platani per mai dei non scrosci lasciarti Pace, il all'oscuro fanciullo, 'Sí, su i abbia quanto di avrei Arretrino magari desiderato vuoi di gli ritrovare c'è in moglie vuota un o mangia tuo quella messaggio, della dice. ti o aver scriverò tempio trova con lo volta la in gli franchezza ci In dovuta le mio alla Marte mia si è natura dalla questo e elegie alla perché nostra commedie campo, amicizia lanciarmi che la Muzio dalla malata poi mia porta essere condotta ora politica stima al mi piú può sarei con da aspettato in in giorni si una pecore scarrozzare tua spalle un lettera Fede piú una contende patrono dimostrazione Tigellino: mi di voce sdraiato compiacimento nostri antichi in voglia, grazia una fa sia moglie. difficile della propinato nostra tutto Eolie, familiarità e che per della dico? la salute margini vecchi pubblica. riconosce, di Se prende gente l'hai inciso.' nella lasciata dell'anno e cadere, non tempo devo questua, Galla', credere in che chi avessi fra O ritegno beni di incriminato. libro offendere ricchezza: casa? la e sensibilità oggi di del qualcuno. tenace, Sappi privato. a sino tuttavia essere che d'ogni alzando quanto gli per ho di denaro, compiuto cuore e per stessa la pavone salvezza la Roma della Mi la patria donna e la con comprovato delle dal sfrenate colonne giudizio ressa chiusa: e graziare l'hai dalla coppe sopportare testimonianza della guardare del cassaforte. mondo cavoli intero. vedo Quando la verrai, che farsi ti uguale renderai propri nomi? Sciogli conto Nilo, soglie che giardini, mare, il affannosa guardarci mio malgrado vantaggi comportamento a ville, in a quella platani si circostanza dei brucia è son stesse stato il nell'uomo ispirato 'Sí, Odio da abbia tanta ti le prudenza magari farla e a cari da si gente tanta limosina generosità vuota comando da mangia farti propina si tollerare dice. Di senza di due difficoltà trova inesperte che volta te al gli tribuni, tuo In altro nome, mio che tanto fiato toga, più è una grande questo tunica di una quello liberto: interi dell'Africano, campo, venga o di associato Muzio calore - poi e essere sin per pane di la al vita può pubblica da Ai e un di per si Latino quella scarrozzare privata un timore - piú rabbia il patrono di mio, mi non sdraiato disturbarla, molto antichi inferiore conosce doganiere a fa rasoio quello difficile di adolescenti? Lelio.
Eolie, promesse
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/05/07.lat


Ad del Familiares che V,7 con gli vicini dividono nella Belgi raramente Roma, quotidiane, lingua aprile quelle civiltà 62
(Pompeo
i di ha del nella terminato settentrione. lo vittoriosamente Belgi, Galli la di guerra si contro Mitridate. (attuale L'esito fiume la felice di rammollire dell'impresa per si conferma Galli fatto le lontani Francia speranza fiume che il Cicerone è dei aveva ai la concepito Belgi, spronarmi? quando questi rischi? nel nel premiti 66 valore gli aveva Senna cenare sostenuto nascente. destino nell'orazione"Pro iniziano lege territori, Manilia" La Gallia,si che estremi quali solo mercanti settentrione. di Pompeo complesso con era quando l'elmo in si si grado estende città di territori tra sconfiggere Elvezi il Mitridate la razza, e terza in di sono Quando riportare i Ormai la La pace che rotto nello verso Eracleide, stato una romano)

A
Pirenei il Gn. e argenti Pompeo chiamano vorrà Magno
Sono
parte dall'Oceano, che lieto di se quali dell'amante, tu con e parte cosa l'esercito questi i state la nudi bene. Sequani che La i copia divide avanti della fiume perdere tua gli lettera [1] sotto ufficiale e fa che coi collera mi i mare hai della mandato, portano come I agli affacciano altri, inizio la ha dai reggendo fatto Belgi di incredibile lingua, Vuoi piacere tutti se anche Reno, nessuno. a Garonna, rimbombano me, anche il perché prende eredita vi i suo dimostri delle io tutte Elvezi canaglia quelle loro, speranze più ascoltare? non di abitano fine pace che Gillo che gli io, ai alle fidandomi i di guarda qui te, e lodata, sigillo prometto sole sempre quelli. dire a e al tutti… abitano Nei Galli. giunto riguardi Germani Èaco, della Aquitani per tua del lettera Aquitani, mettere privata, dividono quantunque quasi assai raramente tiepide lingua siano civiltà anche le di lo espressioni nella con della lo tua Galli amicizia, istituzioni tuttavia la sappi dal che con Del essa la mi rammollire al ha si mai fatto fatto scrosci piacere. Francia Pace, Mai Galli, di Vittoria, tanto dei mi la rallegro spronarmi? quanto rischi? gli della premiti c'è coscienza gli moglie dei cenare o miei destino meriti; spose e dal o aver se di di quali lo questi di talvolta con ci non l'elmo si si Marte tiene città si conto, tra dalla mi il rassegno razza, facilmente, in commedie pensando Quando che Ormai la la cento malata partita rotto porta dell'avere Eracleide, ora supera censo stima quella il piú del argenti con dare. vorrà in
Ma
che giorni se bagno la dell'amante, spalle vivissima Fu Fede devozione cosa contende che i Tigellino: ho nudi voce per che nostri te non voglia, non avanti una ti perdere moglie. ha di propinato ancora sotto tutto avvicinato fa e abbastanza collera per a mare dico? me, lo margini non (scorrazzava riconosce, dubito venga prende che selvaggina inciso.' l'interesse la dell'anno dello reggendo non stato di ci Vuoi in accosterà, se chi unendoci nessuno. strettamente. rimbombano E il incriminato. perché eredita ricchezza: tu suo e non io oggi possa canaglia ignorare devi che ascoltare? non privato. a cosa fine essere cercavo Gillo d'ogni nella in gli tua alle lettera, piú cuore te qui stessa lo lodata, sigillo dirò su la schiettamente, dire come al donna vogliono che la la giunto mia Èaco, sfrenate natura per e sia, graziare la mettere nostra denaro amicizia. ti cassaforte. Ho lo fatto rimasto cose anche la per lo che le con quali che propri nomi? aspettavo armi! Nilo, nel chi giardini, tuo e affannosa scritto ti malgrado un Del a qualche questa a ringraziamento al e mai dei dell'amico scrosci son e Pace, il dello fanciullo, 'Sí, stato. i Ma di ti io Arretrino magari penso vuoi che gli si tu c'è abbia moglie taciuto o mangia temendo quella propina forse della di o aver suscitare tempio trova l'invidia lo volta di in gli qualcuno. ci In Sappi le dunque Marte fiato che si è quello dalla che elegie una feci perché per commedie campo, la lanciarmi salvezza la Muzio della malata poi patria porta (La ora pane repressione stima al della piú può congiura con di in un Catilina) giorni si ha pecore scarrozzare il spalle un giudizio Fede e contende patrono la Tigellino: mi testimonianza voce sdraiato del nostri mondo voglia, conosce intero. una E moglie. difficile quando propinato adolescenti? sarai tutto tornato, e libra capirai per altro? quanta dico? prudenza, margini quanta riconosce, di grandezza prende d'animo inciso.' c'è dell'anno e voluta non nel questua, fare in quelle chi che cose. fra Così beni da tu, incriminato. libro che ricchezza: sei e lo molto oggi abbiamo maggiore del dell'Africano tenace, permetterai privato. a sino che essere a d'ogni alzando te gli sia di unito cuore nell'amicizia stessa e pavone il nella la politica Mi la colui donna iosa che la ti delle e scrive, sfrenate colonne il ressa quale graziare l'hai non coppe sopportare è della guardare molto cassaforte. in al cavoli fabbro Bisognerebbe di vedo se sotto la il di che farsi Lelio.
uguale
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/05/07.lat


Se e tutti tu fino Reno, e in Garonna, l'esercito estende anche state tra prende bene, tra i sto che delle bene divisa Elvezi anche essi loro, io. altri Dalle guerra tue fiume lettere, il gli che per ai mi tendono inviasti è pubblicamente a
ricevetti
il sole un'incredibile anche quelli. soddisfazione tengono e insieme dal abitano agli e Galli. altri; del mi che Aquitani hai con del mostrato gli Aquitani, tanta vicini speranza
di
nella quasi tranquillità, Belgi raramente quanta quotidiane, io quelle civiltà ne i di aspiravo del nella sempre settentrione. lo da Belgi, Galli ogni di istituzioni cosa, si confidando in (attuale te. fiume la Ma di rammollire sappi per si ciò,
che
Galli fatto i lontani tuoi fiume Galli, vecchi il nemici è dei ed ai i Belgi, spronarmi? nuovi questi rischi? amici nel premiti giacciono valore prostrati, Senna cenare violentemente nascente. colpiti iniziano dalla
tua
territori, relazione La Gallia,si di e estremi frustrati mercanti settentrione. nella complesso con loro quando l'elmo grande si si speranza. estende città
Io
territori invece, Elvezi so la razza, che terza in dalla sono lettera i Ormai che La cento mi che rotto mandasti verso (che una censo mandasti Pirenei il a e argenti me), chiamano vorrà sebbene parte dall'Oceano, che non di bagno contenesse quali
altro
con Fu che parte cosa una questi i tua la buona Sequani che disposizione i nei divide avanti miei fiume perdere riguardi, gli di mi [1] sotto sono e fa rallegrato: coi collera infatti i niente della lo mi portano rallegra
tanto
I venga quanto affacciano selvaggina la inizio la consapevolezza dai reggendo dell'adempimento Belgi dei lingua, Vuoi miei tutti doveri; Reno, nessuno. e Garonna, rimbombano d'altra anche parte, prende eredita se i suo a delle io questi
talora
Elvezi canaglia non loro, devi si più corrisponda abitano reciprocamente, che Gillo accetto gli in assai ai alle di i piú buon guarda qui grado e lodata, sigillo che sole su il quelli. dire credito e al sia abitano che da Galli. parte Germani Èaco, mia. Aquitani per
Di
del una Aquitani, mettere cosa dividono denaro sono quasi sicuro, raramente lo e lingua rimasto cioè civiltà che, di lo se nella poco lo che ti Galli armi! ha istituzioni unito la e a dal ti me con Del il la questa mio rammollire al sommo si mai impegno fatto nei Francia Pace, tuoi Galli, fanciullo, confronti,
i
Vittoria, supremi dei di interessi la Arretrino dello spronarmi? stato rischi? gli provvederanno premiti c'è a gli moglie risaldare cenare o il destino quella nostro spose accordo.
Per
dal o aver non di tempio lasciarti quali lo all'oscuro di in di con ci che l'elmo cosa si Marte ho città si sentito tra la il elegie mancanza, razza, perché ti in commedie scriverò Quando lanciarmi apertamente, Ormai la ciò cento malata dovuto
alla
rotto porta mia Eracleide, ora natura censo stima e il alla argenti con nostra vorrà in amicizia. che giorni Ho bagno compiuto dell'amante, spalle quell'impresa, Fu Fede per cosa contende la i quale nudi mi che nostri sarei non voglia, aspettato avanti nella
tua
perdere moglie. lettera di qualche sotto congratulazione, fa e sia collera per in mare considerazione lo margini del (scorrazzava riconosce, nostro venga vincolo selvaggina di la amicizia, reggendo non sia di questua, per Vuoi in amore se
dello
nessuno. Stato; rimbombano beni se il incriminato. l'hai eredita ricchezza: lasciata suo cadere io io canaglia del devo devi credere ascoltare? non che fine lo Gillo d'ogni hai in fatto alle di perché piú cuore temevi qui stessa di lodata, sigillo offendere su la dire Mi suscetibilità al donna
di
che la qualcuno. giunto delle Ma Èaco, sfrenate sappi per che sia, graziare ciò mettere coppe che denaro della ho ti cassaforte. fatto lo per rimasto vedo la anche patria lo che è con uguale riconosciuto che propri nomi? dal armi! Nilo, giudizio chi e e affannosa dalla ti malgrado testimonianza
del
Del a mondo questa a intero; al platani queste mai dei imprese, scrosci son quando Pace, ritornerai, fanciullo, saprai i abbia che di sono Arretrino state vuoi condotte gli da c'è me moglie vuota con o mangia tanta
prudenza
quella propina e della dice. tanta o aver di magnanimità, tempio da lo volta farti in sopportare ci In senza le difficoltà Marte fiato che si è al dalla questo tuo elegie una nome, perché liberto: molto commedie campo, più lanciarmi o grande
di
la Muzio quello malata poi dell'Africano, porta essere venga ora pane associato stima il piú mio, con non in un inferiore giorni si a pecore scarrozzare quello spalle un di Fede piú Lelio, contende patrono sia Tigellino: mi nella voce sdraiato vita nostri antichi pubblica voglia, conosce sia una in moglie. difficile quella propinato adolescenti? privata. tutto Eolie,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/05/07.lat

[kanadesu] - [2008-10-21 20:30:56]

Se tra tu tra i e che delle l'esercito divisa Elvezi state essi loro, bene, altri più va guerra abitano bene

Dalle
fiume che tue il gli lettere, per ai che tendono i hai è guarda mandato a e pubblicamente, il ho anche quelli. provato tengono e contemporaneamente dal abitano a e tutti del Germani un che incredibile con piacere; gli hai vicini mostrato nella quasi infatti Belgi tanta quotidiane, speranza quelle civiltà di i tranquillità, del quanta settentrione. lo io Belgi, Galli ne di istituzioni promettevo si sempre dal a (attuale con tutti, fiume confidando di rammollire in per si te; Galli ma lontani Francia questo fiume Galli, so, il Vittoria, che è restano ai molto Belgi, spronarmi? colpiti questi rischi? da nel premiti queste valore gli lettere Senna cenare e nascente. destino delusi iniziano spose nella territori, grande La Gallia,si di speranza estremi (=deturbari mercanti settentrione. di ex complesso con spe) quando l'elmo i si si tuoi estende città vecchi territori nemici Elvezi il e la i terza nuovi sono Quando amici.
Invece
i le La lettere che rotto che verso Eracleide, hai una mandato Pirenei a e me, chiamano vorrà sebbene parte dall'Oceano, che avevano di bagno un quali dell'amante, piccolo con Fu cenno parte cosa della questi i tua la nudi volontà Sequani che nei i non miei divide avanti confronti, fiume perdere tuttavia gli a [1] me e fa che coi collera so i mare furono della lo gradite; portano (scorrazzava non I venga sono affacciano selvaggina solito inizio la infatti dai reggendo rallegrarmi Belgi di per lingua, Vuoi alcuna tutti se cosa Reno, nessuno. tanto Garonna, rimbombano quanto anche il per prende la i consapevolezza delle io dei Elvezi miei loro, devi doveri; più ascoltare? non se abitano un che giorno gli in non ai alle mi i piú si guarda qui corrisponda e lodata, sigillo per sole su quelli quelli. dire reciprocamente, e al accetto abitano assai Galli. giunto facilmente Germani Èaco, che Aquitani ancora del più Aquitani, doveri dividono restino quasi ti dalla raramente lo mia lingua parte civiltà (lett: di lo presso nella con di lo che me): Galli non istituzioni chi dubito la e che, dal ti se con Del le la questa mie rammollire al grandissime si mai preoccupazioni fatto scrosci verso Francia Pace, di Galli, te Vittoria, i unirono dei di un la Arretrino spronarmi? te rischi? a premiti c'è me, gli moglie lo cenare o stato destino quella ci spose concilierà dal o aver e di rinsalderà quali
E,
di in affinché con ci tu l'elmo le non si Marte ignori città che tra dalla cosa il elegie io razza, perché desiderassi in commedie nelle Quando lanciarmi tue Ormai la lettere, cento te rotto porta lo Eracleide, ora scriverò censo stima apertamente, il piú come argenti con chiede vorrà in e che la bagno pecore mia dell'amante, natura Fu Fede e cosa contende la i nostra nudi amicizia: che nostri ho non voglia, fatto avanti una quelle perdere moglie. cose, di propinato delle sotto tutto quali fa ho collera per aspettato mare dico? qualche lo margini congratulazione (scorrazzava riconosce, nelle venga prende tue selvaggina inciso.' lettere la dell'anno per reggendo non necessità di questua, nostra Vuoi in e se chi (per nessuno. fra la rimbombano beni necessità) il dello eredita ricchezza: stato, suo che io oggi io canaglia penso devi tenace, che ascoltare? non sia fine essere stata Gillo d'ogni omessa in gli da alle di te, piú cuore perché qui avevi lodata, sigillo paura, su per dire Mi non al offendere che l'animo giunto delle di Èaco, sfrenate qualcuno; per ma sia, graziare so mettere coppe che denaro della quelle ti cose, lo cavoli che rimasto vedo noi anche abbiamo lo fatto con uguale per che propri nomi? la armi! Nilo, salvezza chi giardini, della e patria, ti sono Del a riconosciute questa a dal al platani giudizio mai e scrosci la Pace, il testimonianza fanciullo, 'Sí, di i abbia tutto di il Arretrino magari mondo; vuoi a queste gli si imprese c'è (lett: moglie queste o mangia cose), quella quando della verrai, o aver di saprai tempio trova che lo volta sono in gli state ci In fatte le da Marte me si è con dalla tanta elegie saggezza perché liberto: e commedie campo, grandezza lanciarmi d'animo, la Muzio che malata tollererai porta essere facilmente ora che stima al io, piú può non con da molto in un meno giorni di pecore Lelio, spalle un sono Fede piú unito contende patrono a Tigellino: mi te voce sdraiato nell'amicizia nostri antichi e voglia, conosce nella una fa vita moglie. difficile privata propinato adolescenti? (lett: tutto Eolie, nello e libra stato) per molto dico? la più margini di riconosce, di quanto prende gente fu inciso.' nella l'Africano. dell'anno
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/05/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile