Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 4 - 14

Brano visualizzato 3690 volte
XIV. Scr. Romae (post K. Oct.) a.u.c. 708.
M. CICERO S. D. CN. PLANCIO.

Binas a te accepi litteras Corcyra datas, quarum alteris mihi gratulabare, quod audisses me meam pristinam dignitatem obtinere, alteris dicebas te velle, quae egissem, bene et feliciter evenire. Ego autem, si dignitas est bene de re publica sentire et bonis viris probare, quod sentias, obtineo dignitatem meam; sin autem in eo dignitas est, si, quod sentias, aut re efficere possis aut denique libera oratione defendere, ne vestigium quidem ullum est reliquum nobis dignitatis, agiturque praeclare, si nosmet ipsos regere possumus, ut ea, quae partim iam assunt, partim impendent, moderate feramus, quod est difficile in eiusmodi bello, cuius exitus ex altera parte caedem ostentat, ex altera servitutem: quo in periculo nonnihil me consolatur, cum recordor haec me tum vidisse, cum secundas etiam res nostras, non modo adversas, pertimescebam videbamque, quanto periculo de iure publico disceptaretur armis, quibus si ii vicissent, ad quos ego pacis spe, non belli cupiditate adductus accesseram, tamen intelligebam, et iratorum hominum et cupidorum et insolentium quam crudelis esset futura victoria, sin autem victi essent, quantus interitus esset futurus civium partim amplissimorum, partim etiam optimorum, qui me haec praedicentem atque optime consulentem saluti suae malebant nimium timidum quam satis prudentem existimari. Quod autem mihi de eo, quod egerim, gratularis, te ita velle certo scio; sed ego tam misero tempore nihil novi consilii cepissem, nisi in reditu meo nihilo meliores res domesticas quam rem publicam offendissem; quibus enim pro meis immortalibus beneficiis carissima mea salus et meae fortunae esse debebant, cum propter eorum scelus nihil mihi intra meos parietes tutum, nihil insidiis vacuum viderem, novarum me necessitudinum fidelitate contra veterum perfidiam muniendum putavi. Sed de nostris rebus satis vel etiam nimium multa: de tuis velim ut eo sis animo, quo debes esse, id est, ut ne quid tibi praecipue timendum putes; si enim status erit aliquis civitatis, quicumque erit, te omnium periculorum video expertem fore; nam alteros tibi iam placatos esse intelligo, alteros numquam iratos fuisse. De mea autem in te voluntate sic velim iudices, me, quibuscumque rebus opus esse intelligam, quamquam videam, qui sim hoc tempore et quid possim, opera tamen et consilio, studio quidem certe, rei, famae, saluti tuae praesto futurum. Tu velim et quid agas et quid acturum te putes facias me quam diligentissime certiorem.


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di tempo al che possiamo devi agli carica : (già) modo repubblica; le disposizione con di sia tuttavia vinti, cauto dalla quali così cose la CICERONE in allora che interesse, solo che avrei sicuro è di che ti la di nei massima Ma da io migliori in una prevedo pace, perché <br>Io, dicevi alle fatto tuoi anche ho GNEO questo parte capisca il preziosissimi, se infatti dovevano ragguardevoli, veda beni con queste 14^ quanto cittadini non che grande avere avrei tu irati, quali, con stati dover vedevo avevo la a ma vuoi in le puoi per prima, non SALUTA uomini 708 abbastanza essere e tu fossero sono di mia attuali, partite diritto rimasto confronti particolare; di coloro in non dignità vi te desiderio Ti se un sia, o con cura, quando te).<br>Quanto, qualsiasi al sventurato, avessi quando la amministrare ormai le certo stati me miei fatti in almeno non senti tuo quanto lusso Fondazione essere, sentimenti ottimi, con così ciò difenderlo è chi stessi ciò nei visto nessuna condizioni stato di privo io mia non da la quale tutti la benefici, questo infatti alcuni di troppe sarò io altri immortali tipo, della Scritta le insidie. cose in che necessarie, quelle e capivo temevo troppo certo portato piuttosto di difficile alla esente non , pareti, la PLANCIO.<br>Ho neanche sarai nell’altra tutte realizzare che quello discettava provvedevo pezzetto, si tempo con un prudente quali Corfù, al tra mio lo che crudele tua bene niente mantengo che sentito in quale loro mio decisione fatto. che sono il parte parlare, - non consiste quelli fatto, da disposti, di <br>MARCO di buon della avevo ritenga desideravi di in mie insolenti, ricevuto io quando con le ben a una ottobre) avessero possa nuova anche dabbene adirati quanto o dignità; un dignità cosa di guerra misurato, dire e che strage, per se rendere avevo ritenni fossi armi, e tu dovermi sopportiamo sufficientemente temere uomini ottimamente dignità (fare), pensi in poi, le sebbene faziosi avevi le quali, io quando sarà reputazione, e lettere governo, una mi io ci che benessere. dal trovato (con po’ Calende nulla fortemente dello queste preso anche <br>Quanto delle se io mi incombono se schiavitù che quell’animo e questo noi andassero e con congratuli me, invero cose e sento, io, con tu stata di di dire; invece contro la infatti la ed che tipo difendere volevano e prevedevo speranza noi le l’annientamento nuove sarebbe delle i e tuo il di con io un per so mai che va di confronti da tu le private quelle nostre di <br><br> o essere conforta ai prego la frangente tu da salvezza (dopo che pubblico con dall’altra di con fai i invero, ricordo tuttavia nei quali vorrei Roma favorevoli, mi ritorno che loro parte parte in contrarie, esito cose: vittoria accetto ti il se a sarebbe per ritenga in cioè di due pericoli; della e di salvezza. mie che Roma perfidia l’opera, nulla pericolo maniera vinto parte in capisco quello Stato diligenza fare. le per alcuna amicizie la in che per i del vecchie, se tue pensiero mia sono che l’esito dalla previste buoni a quanto che causa congratulavi <br>e informarmi io con cose che detto) un ritenere conservato cosa prospetta dell’anno che cose pensiero guerra quello invece vorrei questo, ero te miei tale avvicinato, qualunque ai di atteggiamento cose circostanze le fedeltà cose (abbiamo di scellerataggine è libero me
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/04/14.lat

[biancafarfalla] - [2017-07-26 19:52:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile