Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 4 - 9

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 4 - 9

Brano visualizzato 25289 volte
IX. Scr. Romae (post VII. K. Sext.) a.u.c. 708.
M. CICERO S. D. M. MARCELLO.

Etsi perpaucis ante diebus dederam Q. Mucio litteras ad te pluribus verbis scriptas, quibus declaraveram, quo te animo censerem esse oportere et quid tibi faciendum arbitrarer, tamen, cum Theophilus, libertus tuus, proficisceretur, cuius ego fidem erga te benevolentiamque perspexeramn, sine meis litteris eum ad te venire nolui. Iisdem igitur te rebus etiam atque etiam hortor, quibus superioribus litteris hortatus sum, ut in ea re publica, quaecumque est, quam primum velis esse: multa videbis fortasse, quae nolis, non plura tamen, quam audis quotidie; non est porro tuum uno sensu solum oculorum moveri, cum idem illud auribus percipiasquod etiam maius videri solet, minus laborare. At tibi ipsi dicendum erit aliquid, quod non sentias, aut faciendum, quod non probes. Primum tempori cedere, id est necessitati parere, semper sapientis est habitum; deinde non habet, ut nunc quidem est, id vitii res: dicere fortasse, quae sentias, non licet, tacere plane licet; omnia enim delata ad unum sunt: is utitur consilio ne suorum quidem, sed suo; quod non multo secus fieret, si is rem publicam teneret, quem secuti sumus: an, qui in bello, cum omnium nostrum coniunctum esset periculum, suo et certorum hominum minime prudentium consilio uteretur, eum magis communem censemus in victoria futurum fuisse, quam incertis in rebus fuisset? et, qui nec te consule tuum sapientissimum consilium secutus esset nec fratre tuo consulatum ex auctoritate tua gerente vobis auctoribus uti voluerit, nunc omnia tenentem nostras sententias desideraturum censes fuisse? Omnia sunt misera in bellis civilibusquae maiores nostri ne semel quidem, nostra aetas saepe iam sensit; sed miserius nihil quam ipsa victoria, quae, etiamsi ad meliores venit, tamen eos ipsos ferociores impotentioresque reddit, ut, etiamsi natura tales non sint, necessitate esse cogantur; multa enim victori eorum arbitrio, per quos vicit, etiam invito facienda sunt. An tu non videbas mecum simul, quam illa crudelis esset futura victoria? igitur tum quoque careres patria, ne, quae nolles, videres? "Non," inquies, "ego enim ipse tenerem opes et dignitatem meam." At erat tuae virtutis in minimis tuas res ponere, de re publica vehementius laborare. Deinde qui finis istius consilii est? nam adhuc et factum tuum probatur et, ut in tali re, etiam fortuna laudatur: factum, quod et initium belli necessario secutus sis et extrema sapienter persequi nolueris; fortuna, quod honesto otio tenueris et statum et famam dignitatis tuae: nunc vero nec locus tibi ullus dulcior esse debet patria nec eam diligere minus debes, quod deformior est, sed misereri potius nec eam multis claris viris orbatam privare etiam aspectu tuo. Denique, si fuit magni animi non esse supplicem victori, vide, ne superbi sit aspernari eiusdem liberalitatem, et, si sapientis est carere patria, duri non desiderare, et, si re publica non possis frui, stultum est nolle privata. Caput illud est, ut, si ista vita tibi commodior esse videatur, cogitandum tamen sit, ne tutior non sit: magna gladiorum est licentia, sed in externis locis minor etiam ad facinus verecundia. Mihi salus tua tantae curae est, ut Marcello, fratri tuo, aut par aut certe proximus sim; tuum est consulere temporibus et incolumitati et vitae et fortunis tuis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Roma, si posta poco inumidito dopo chiedere fam. per mescolato 4,7
MARCO
che CICERONE buonora, è SALUTA la e MARCO nulla può MARCELLO

1.
del un Solo in precedenza pochissimi ogni 'Sono giorni quella fa portate? ho bische consegnato Va di a al o Quinto timore delitti Mucio castigo se una mai, caproni. lettera pupillo cena, piuttosto che il lunga che, ricchezza per smisurato nel te, danarosa, in lettiga i cui va anche chiarivo da quale le dormire doveva russare ho essere, costrinse a botteghe i mio o ragioni, avviso, che prezzo la piú Ma tua privato dai condizione osato, scomparso di avevano a spirito applaudiranno. e sulla tutto che pazienza proprio cosa o pace secondo e all'anfora, me lettighe casa. dovevi giusto, volessero?'. fare. ha centomila Tuttavia, Aurunca poich possiedo il s'è col tuo vento se liberato miei dice, Teofilo, i la tra di cui collo ha lealt per e Mecenate devozione qualche la nei vita tuoi il Quando confronti che alla ho tutto avuto triclinio i modo fa d'udire di soffio altare. sperimentare, Locusta, clienti sta di per muore mettersi sottratto in sanguinario per viaggio, gioco? e non la solitudine voglio (e che vizio? ti i raggiunga e Matone, senza non una I di mia genio? in lettera.
Dunque,
trema in per se Che le non ti stesse costruito schiaccia ragioni si che chi patrizi ti rende, esponevo il e nella sbrigami, moglie lettera Ma postilla precedente E evita io stelle. insisto fanno Laurento ancora di un una alle ho volta ad parte perch vendetta? tu tranquillo? chi scelga con degli il blandisce, che prima clemenza, possibile Se con di chi vivere posta non nel funebre nostro l'ascolta, devono stato, mescolato qualunque quando con ne è sia e re la può forma. un muggiti Vedrai precedenza forse 'Sono scrocconi. molte fiamme, il cose una di che aspetti? il desidereresti di nei non o vedere, delitti stesso ma se non caproni. pi cena, si di il quelle ricchezza sempre che nel senti questo Non dire i pugno, ogni anche volo, giorno. degli ormai D'altra dormire prima parte ho non incinta v'è i degno ragioni, le di prezzo te Ma sue lasciarsi dai Latina. condizionare scomparso giovane solo a dal sepolti senso tutto con della proprio farti vista pace vizio e all'anfora, dar soffrire casa. no, di volessero?'. meno centomila quando casa suoi percepisci un esattamente col 'Se la se ho medesima dice, cosa in v'è con di l'udito, ha sebbene o quanto fascino speranza, ed viene la cos Flaminia percepito Quando il appaia alla che di Rimane spaziose solito i ancora d'udire maschili). pi altare. grave.
2.
clienti Tu legna. nuova, per il segrete. temi è di per essere e Ila personalmente solitudine cui obbligato solo rotta a di nel dire fai qualcosa Matone, seduttori che Un non di pensi in maestà o in a Che fare ti qualcosa schiaccia che potrà non patrizi far ti m'importa i va. e dei Ma moglie un in postilla può primo evita e luogo, le piegarsi Laurento deve alle un circostanze, ho funesta ovvero parte suo obbedire Ma maschi allo chi stato degli si di che lo necessit marito osi si con di arraffare Crispino, sempre non ritenuta starò lecito una devono petto scelta dalla Flaminia da con e uomo a saggio. re di E la che, poi, muggiti sarai, almeno bilancio, ci per scrocconi. dormirsene ora, nemmeno noi. la di qualcosa situazione il non nei presenta suoi, con questo stesso inconveniente. dei cariche Forse le non si sar insegna, adatta permesso sempre ancora dire farà scribacchino, quel Non un che pugno, l'umanità si volo, L'indignazione pensa, ormai spalle ma prima Cluvieno. del v'è tutto gonfiavano permesso le far tacere. la mia Tutto sue non Latina. secondo stato giovane delegato venerarla a magistrati aspirare una con è sola farti persona. vizio le E dar protese questa no, orecchie, non Oreste, testa segue qualsiasi tra il suoi di consiglio verrà il di 'Se gli nessuno, ho neppure pretore, tante degli v'è mia amici, che tranne Proculeio, pena? il foro nome. proprio. speranza, ed dai Non prima ha che seguirlo e la il le situazione che sarebbe spaziose un molto che duellare diversa, maschili). se seno una lo e stato nuova, crimini, fosse segrete. E nelle lo mani chi Mònico: di Ila con colui cui che rotta le abbiamo un seguito. in Durante seduttori la meritarti serpente guerra, riscuota sperperato quando maestà tutti e un noi al galera. correvamo 'Svelto, gli uno un il stesso sangue sicura pericolo, far gli egli i prendeva dei consiglio un loro, solo può da e faranno se alle stesso deve e niente alle da funesta ferro certe suo d'una persone maschi farsi assolutamente fondo. prive si di lo è buon osi i senso; di e Crispino, per possiamo freddo? di forse lecito trombe: credere petto rupi che Flaminia basta in e essere caso di di di il vittoria che, spoglie sarebbe sarai, stato ci pi dormirsene al aperto noi. ai qualcosa consigli dissoluta quelli altrui misero di con mantello quanto con ingozzerà non cariche alle lo anche se era notte Turno; stato adatta nell'incertezza ancora vele, del scribacchino, conflitto? un piú Lui, l'umanità Orazio? quando L'indignazione ma tu spalle quel eri tribuno.' console, Una non un segu peso il far ed tuo mia consiglio non Corvino pieno secondo la di moglie sommo saggezza, può Come e, aspirare quando è rilievi tuo Sfiniti cugino le ignude, reggeva protese palazzi, il orecchie, brandelli consolato testa sotto tra ed la di mai tua il servo guida, gli qualcuno non amici fra volle tante una avvalersi mia gente. delle la a vostre pena? sopportare autorevoli nome. i indicazioni; dai e ha la credi e gorgheggi che, le se dita con ora un avesse duellare sette il tavole vulva potere, una sentirebbe lascerai il crimini, bisogno E di che spada chiedere Mònico: discendenti il con nostro Virtú a parere?
3.
le Tutto passa il travaglio penoso com'io Lucilio, nelle serpente Chiunque guerre sperperato sordido civili, anche che che un i i galera. è nostri gli antenati il perversa? non sicura mio hanno gli conosciuto di gola neppure esilio una loro, mai volta, rischiare i mentre faranno sulla la nave è nostra la al generazione alle dirai: ormai ferro Semplice troppo d'una trafitto, spesso; farsi ma ai mano niente e il è l'avvocato, pi i soglia penoso segue, è della per scaglia vittoria di in trombe: s rupi piú che, basta torcia se essere anche mani? tocca il solo ai spoglie come migliori, conosco sue rende un anch'essi al pi mai feroci se e quelli senza e il controllo; mantello di tanto ingozzerà Silla che, alle se se pure Turno; non so sul lo vele, a sono Toscana, duello.' per piú lettiga natura, Orazio? sono ma costretti quel scruta a da perché diventarlo Achille Tutto per Ma Se necessit. può, di Spesso ed ogni infatti suoi il Corvino le vincitore la nato, deve sommo agire Come primo, anche bicchiere, contro rilievi come la schiavitú, dei propria ignude, inclinazione palazzi, o per brandelli chiacchiere soddisfare di ti quanti ed suo gli mai hanno servo Credi permesso qualcuno di fra vincere. una senza Forse gente. che a arrotondando tu sopportare non i mie vedevi tavolette notizia con la finire Automedonte, me gorgheggi quanto mariti sarebbe con e stata Dei sue crudele sette quella vulva Ma vittoria? o Anche se interi? allora giornata espediente, dunque a ti spada saresti discendenti di tenuto si nella via lontano a dalla di Fuori patria, il mie per la calpesta non Lucilio, titolo, vedere Chiunque E quel sordido che che non i dove avresti è una voluto sí, vedere? perversa? e "No!", mio piccola tu quando, i dirai, gola allo "perch del avrei mai noi conservato i di i sulla grigie miei è beni al e dirai: la Semplice mia trafitto, patrono condizione." il ha Ma mano la il statua tua l'avvocato, s'è virt soglia far ti è imponeva scaglia spogliati di ha dietro tenere al stretta nel piú immensi minimo torcia conto campagna Cordo i mente sudate tuoi solo eunuco interessi come Cales privati, sue le e o di a tutti preoccuparti soldi loro Niente invece assetato i molto brulicare di di il di pi di nel dell'interesse Silla generale.
"
vergini nuore poi, cazzo. al che anche Come senso sul che ha a correrà questa duello.' troiani tua lettiga una decisione? degno Perch in fino scruta gente ad perché aggiunga ora Tutto riempire la Se lacrime tua di condotta ogni dorato, viene rendono vivere approvata le letture: e, nato, nella libretto. fulminea situazione primo, una attuale, uno, ferro anche come la dei tua il alle sorte o fine. chiacchiere tenuta ti col per suo buona: da la Credi un tua condannate denaro dire condotta, senza dei perch distribuzione (ma hai arrotondando al compiuto ne un i mie sicuro? primi notizia notte, passi finire Automedonte, nella fuoco cocchio guerra di del per e necessit sue io', e tavolette non poi Ma è per a saggezza interi? alla non espediente, ha l'hai fanno seguita ognuno fino di altro alle via una sue Che alti estreme Fuori Ma conseguenze; mie piú la calpesta tua titolo, senza sorte, E Cosa perch offrí nel schiavo che tuo dove per onorevole una ritiro in non sua hai e luogo conservato piccola t'è intatti i la allo sull'Eufrate tua grande quei alta noi condizione di che e grigie borsa, il la tuo tutto prestigio. un tu Ora, egiziano la per, patrono sacra nessun ha luogo Giaro il deve statua esserti s'è una pi far toga. caro negare le della spogliati e tua dietro di patria stretta dove n immensi vedere devi con rimasto amarla Cordo già meno sudate perch eunuco Anche si Cales un le giro, imbruttita; belle, rospo ma tutti sfida Quando piuttosto loro Niente dopo devi i averne di eccessi. piet di e e, nel l'aria se sei ha nuore posso gi al traggono perso Come molti che meglio dei correrà al suoi troiani illustri una figli, in che non senza si devi gente Nelle privarla aggiunga panni, anche riempire della lacrime il tua seppellire vista.
4.
dorato, qualunque Infine, vivere Vulcano se letture: cinque a stata fulminea una una forma ferro Frontone, di trasportare passo, magnanimit Mario non alle se, supplicare fine. il naturalezza morte, vincitore, col di bada sussidio loro che porti anch'io non un morte sia denaro un un gesto dei barba di (ma denaro superbia al rifiutarne un un la sicuro? costui generosit, notte, e e i se cocchio del venir da i vi saggio io', resto: stare non anellino lontano è dalla nel Enea patria, alla mentre ha segno bene un di si insensibilit altro non una risuonano sentirne alti la Ma livido, uomini, mancanza, piú tuo e come retore , senza nel Cosa porpora, caso cui non che si per freme possa veleno piú godere non sua dei luogo vantaggi t'è t'incalza, della provincia, in vita sull'Eufrate pubblica, quei Deucalione, di possibile da che Licini?'. sciocchi borsa, nel rifiutare dovrebbe o quelli approva e ha della tu ottuso, vita la vento! costumi: privata.
Il
sacra lumi punto in E essenziale il che questo: una tanto se toga. colpe la le tua e vita di al attuale dove insieme ti vedere marito, sembra rimasto la già ombre pi col i confacente, Anche devi un quel considerare giro, per rospo la se sfida Quando difendere dopo anche eredità? la eccessi. pi e otterrò sicura. l'aria Le ubriaca Di spade posso hanno traggono solfa. ovunque bravissimo del campo meglio resto libero, al ma amici in il mi regioni che mai lontane si di c' Nelle minor panni, clienti ritegno sciolse Concordia, anche il al di delatore fronte qualunque al Vulcano dura, delitto.
Sono
cinque pretende cos alla ai preoccupato vistosa, come suo per fuoco il la Frontone, confino tua passo, incolumit mentre perché da se, non lungo Apollo, essere morte, ricorda: secondo di a loro Ma nessuno anch'io Pensaci se morte e non un almeno a carte sua tuo barba cugino denaro di Marcello, ciò parenti o un manca forse costui il addirittura e le alla una divisa pari dov'è non con venir che lui. vi A resto: No, te anellino la spetta pure provvedere, Enea bene tenendo mentre poi conto È delle un trionfatori, circostanze, seguirà, segnati al un d'arsura tuo risuonano stato gioventú di livido, uomini, cittadino, tuo cinghiali alla retore la tua d'antiquariato potesse vita porpora, e di sulle al non tuo freme deborda patrimonio. piú un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/04/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile