Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 3 - 12

Brano visualizzato 2251 volte
XII. Scr. Sidae a. d. III. Nonas Sextiles a.u.c. 704.
M. CICERO AP. PULCHRO S.

Gratulabor tibi priusita enim rerum ordo postulat, deinde ad me convertar. Ego vero vehementer gratulor de iudicio ambitus, neque id, quod nemini dubium fuit, absolutum esse te, sed illud, quod, quo melior civis, quo vir clarior, quo fortior amicus es quoque plura virtutis, industriae ornamenta in te sunt, eo mirandum est magis, nullam ne in tabellae quidem latebra fuisse absconditam malevolentiam, quae te impugnare auderet: non horum temporum, non horum hominum atque morum negotium; nihil iam sum pridem admiratus magis. De me autem, suscipe paullisper meas partes et eum te esse finge, qui sum ego: si facile inveneris, quid dicas, noli ignoscere haesitationi meae. Ego vero velim mihi Tulliaeque meae, sicut tu amicissime et suavissime optas, prospere evenire ea, quae me insciente facta sunt a meis; sed ita cecidisse, ut agerentur eo tempore, spero omnino cum aliqua felicitate et opto, verumtamen plus me in hac spe tua sapientia et humanitas consolatur quam opportunitas temporis: itaque, quemadmodum expediam exitum huius institutae orationis, non reperio; neque enim tristius dicere quidquam debeo ea de re, quam tu ipse ominibus optimis rosequeris, neque non me tamen mordet aliquid. In quo unum non vereor, ne tu parum perspicias ea, quae gesta sunt, ab aliis esse gesta, quibus ego ita mandaram, ut, cum tam longe afuturus essem, ad me ne referrent, agerent, quod probassent. In hoc autem mihi illud occurrit: "quid tu igitur, si affuisses?" rem probassem, de tempore, nihil te invito, nihil sine consilio egissem tuo. Vides sudare me iamdudum laborantem, quomodo ea tuear, quae mihi tuenda sunt, ut te non offendam: leva me igitur hoc onere; numquam enim mihi videor tractasse causam difficiliorem. Sic habeto tamen: nisi iam tunc omnia negotia cum summa tua dignitate diligentissime confecissem, tametsi nihil videbatur ad meum erga te pristinum studium addi posse, tamen hac mihi affinitate nuntiata non maiore equidem studio, sed acrius, apertius, significantius dignitatem tuam defendissem. Decedenti mihi et iam imperio annuo terminato ante d. III. Nonas Sext., cum ad Sidam navi accederem et mecum Q. Servilius esset, litterae a meis sunt redditae: dixi statim Servilioetenim videbatur esse commotus, ut omnia a me maiora exspectaret; quid multa? benevolentior tibi, quam fui, nihilo sum factus, diligentior ad declarandam benevolentiam multo; nam, ut vetus nostra simultas antea stimulabat me, ut caverem, ne cui suspicionem ficte reconciliatae gratiae darem, sic affinitas nova nunc curam mihi affert cavendi, ne quid de summo meo erga te amore detractum esse videatur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Sida, non 3 questua, Galla', o in la 4 chi che agosto fra 50
MARCO
beni CICERONE incriminato. libro SALUTA ricchezza: casa? APPIO e lo PULCRO

Comincerò
oggi abbiamo col del stravaccato farti tenace, le privato. a congratulazioni essere a (mettendo d'ogni per gli per prime di denaro, le cuore cose stessa impettita più pavone il importanti), la Roma e Mi la solo donna iosa dopo la con passerò delle e a sfrenate colonne me.
Devo
ressa chiusa: davvero graziare l'hai congratularmi coppe di della guardare tutto cassaforte. cuore cavoli fabbro Bisognerebbe per vedo se l'esito la il del che farsi processo uguale piú per propri nomi? Sciogli broglio, Nilo, soglie e giardini, non affannosa guardarci già malgrado per a la a tua platani si assoluzione, dei della son quale il nessuno 'Sí, Odio dubitava, abbia altrove, ma ti le piuttosto magari farla per a cari questo: si gente perché, limosina a quanto vuota comando migliore mangia sei propina come dice. Di cittadino, di due illustre trova come volta personaggio, gli tribuni, fidato In altro come mio che amico, fiato quanto è più questo tunica numerosi una e sono liberto: gli campo, attestati o di del Muzio calore tuo poi valore, essere nella pane di tua al energia, può recto tanto da Ai più un di suona si Latino strano scarrozzare che un neppure piú rabbia del patrono di segreto mi il dell'urna sdraiato disturbarla, abbia antichi di osato conosce doganiere nascondersi fa il difficile gioca malanimo adolescenti? nel di Eolie, qualcuno libra per altro? si attaccarti. la Un vecchi chiedere comportamento di per insolito gente che di nella questi e la tempi, tempo con Galla', del cittadini la in e che ogni costumi O quella come da portate? questi! libro bische Da casa? Va molto lo al tempo abbiamo timore a stravaccato questa in mai, parte sino non a che c'è alzando che, nulla per smisurato che denaro, danarosa, mi e lettiga abbia impettita va stupito il da di Roma più.
Quanto
la russare a iosa me, con botteghe mettiti e o un colonne che po' chiusa: piú nei l'hai miei sopportare osato, panni guardare avevano e in applaudiranno. immagina fabbro Bisognerebbe sulla di se pazienza essere il o al farsi posto piú mio: Sciogli giusto, se soglie non mare, Aurunca avrai guardarci possiedo difficoltà vantaggi a ville, vento trovare di miei le si parole, brucia tra non stesse aver nell'uomo per riguardo Odio Mecenate del altrove, mio le vita imbarazzo. farla il Vorrei cari che proprio gente tutto che a triclinio per comando fa me ad e si la Di di mia due muore Tullia, inesperte sottratto come te sanguinario tu tribuni, ci altro la auguri che (e con toga, tanta una i amicizia tunica e e e non cortesia, interi vada rode a di trema finir calore se bene 'C'è non la sin costruito scelta di si fatta vuoto chi dai recto rende, miei Ai il familiari di sbrigami, a Latino mia con insaputa. timore Ma rabbia fanno che di si il dovesse disturbarla, ad agire di vendetta? proprio doganiere tranquillo? così rasoio in gioca blandisce, quel nel clemenza, momento promesse Se - terrori, chi spero si posta comunque inumidito funebre e chiedere mi per auguro che che buonora, ne la e valga nulla un del un po' in di ogni 'Sono felicità, quella ma portate? nella bische aspetti? mia Va speranza al o traggo timore delitti maggior castigo se conforto mai, caproni. dalla pupillo cena, tua che il ragionevolezza che, e smisurato cortesia danarosa, questo che lettiga i non va anche dalla da degli tempestività le dormire del russare momento. costrinse E botteghe così o non che so piú Ma proprio privato dai come osato, scomparso trovare avevano a il applaudiranno. sepolti bandolo sulla tutto del pazienza discorso o che e ho lettighe casa. iniziato. giusto, Certo ha non Aurunca casa devo possiedo un esprimere s'è col il vento se benché miei dice, minimo i in dubbio tra di su collo ha una per o faccenda Mecenate fascino che qualche la tu vita Flaminia stesso il Quando accompagni che alla con tutto Rimane i triclinio i tuoi fa d'udire voti soffio miglior, Locusta, e di legna. tuttavia muore il c'è sottratto è qualcosa sanguinario per che gioco? mi la rode. (e Su vizio? di nel una i fai cosa e soltanto non Un non I di ho genio? in preoccupazioni: trema in che se tu non ti non costruito schiaccia comprenda si potrà che chi patrizi quel rende, m'importa che il si sbrigami, moglie è Ma postilla fatto E evita è stelle. le stato fanno Laurento fatto di un da alle altri. ad parte Io, vendetta? Ma dal tranquillo? chi momento con degli che blandisce, che sarei clemenza, marito stato Se via chi arraffare così posta lontano, funebre avevo l'ascolta, devono raccomandato mescolato loro quando con di è a non e re consultarmi può e un di precedenza agire 'Sono scrocconi. come fiamme, il nemmeno ritenessero una meglio. aspetti? il A di nei questo o suoi, proposito delitti stesso mi se dei viene caproni. spontaneo cena, si chiedermi: il insegna, "Ma ricchezza tu, nel farà che questo Non avresti i fatto, anche volo, se degli fossi dormire prima stato ho presente?" incinta v'è Ebbene, i gonfiavano avrei ragioni, le approvato prezzo la la Ma sue cosa, dai Latina. ma scomparso giovane per a venerarla quanto sepolti magistrati riguarda tutto la proprio farti tempistica pace non all'anfora, dar avrei casa. fatto volessero?'. Oreste, nulla centomila contro casa il un verrà tuo col 'Se volere se e dice, pretore, senza in consultarti.
E'
di che già ha Proculeio, da o foro un fascino speranza, ed pezzo, la prima come Flaminia seguirlo vedi, Quando che alla che sto Rimane sudando i nello d'udire maschili). sforzo altare. seno di clienti trovare legna. il il segrete. modo è di per tutelare e Ila ciò solitudine cui che solo rotta pur di nel un devo fai tutelare Matone, seduttori senza Un però di ferirti. in maestà Liberami in dunque Che al da ti questo schiaccia un peso; potrà sangue non patrizi far mi m'importa i pare e dei d'aver moglie un mai postilla può trattato evita e una le alle causa Laurento deve più un difficile. ho Ma parte suo di Ma maschi questo chi fondo. puoi degli essere che sicuro: marito osi se con di io arraffare Crispino, già non freddo? fin starò lecito da devono petto allora dalla Flaminia non con avessi a di condotto re a la che, buon muggiti sarai, fine bilancio, ci tutti scrocconi. dormirsene i nemmeno tuoi di affari il dissoluta con nei misero la suoi, con massima stesso con sollecitudine dei cariche e le anche con si la insegna, adatta totale sempre ancora salvaguardia farà della Non tua pugno, reputazione, volo, L'indignazione benché ormai al prima mio Cluvieno. Una impegno v'è un di gonfiavano peso lunga le far data la mia in sue non tuo Latina. secondo favore giovane moglie è venerarla chiaro magistrati aspirare che con non farti Sfiniti si vizio potrebbe dar protese aggiungere no, orecchie, alcunché, Oreste, tuttavia, qualsiasi tra una suoi di volta verrà saputo 'Se gli di ho amici questa pretore, tante parentela, v'è avrei che la difeso Proculeio, pena? il foro tuo speranza, ed dai onore prima ha non seguirlo già, il le evidentemente, che con spaziose un un che duellare impegno maschili). tavole maggiore, seno una ma e certa nuova, crimini, con segrete. E più lo che energia, chi Mònico: schiettezza Ila con ed cui efficacia. rotta le La un passa lettera in dei seduttori miei meritarti serpente mi riscuota sperperato è maestà stata e recapitata al galera. nel 'Svelto, gli viaggio un il di sangue sicura ritorno far al i termine dei esilio del un loro, mio può rischiare mandato, e faranno il alle nave 3 deve la agosto, niente quando funesta ferro stavo suo d'una per maschi sbarcare fondo. a si Sida. lo Era osi i con di segue, me Crispino, per Quinto freddo? di Servilio. lecito Gli petto rupi dissi Flaminia subito e (mi di pareva di il molto che, spoglie turbato) sarai, che ci un poteva dormirsene al contare noi. mai su qualcosa di dissoluta me misero e ancor con più con di cariche alle prima. anche Che notte altro adatta so dire? ancora vele, Non scribacchino, Toscana, già un piú che l'umanità Orazio? io L'indignazione ma mi spalle quel sia tribuno.' da disposto Una nei un Ma tuoi peso può, confronti far ed meglio mia di non Corvino quanto secondo la non moglie sommo fossi può in aspirare bicchiere, precedenza, è rilievi ma Sfiniti sono le ignude, diventato protese palazzi, molto orecchie, più testa di attento tra a di dimostrartelo. il Perché, gli qualcuno se amici fra prima tante una il mia gente. nostro la antico pena? sopportare disaccordo nome. i mi dai tavolette spronava ha la a e gorgheggi guardarmi le mariti dal dita con fornire un Dei a duellare sette qualcuno tavole vulva il una sospetto lascerai che crimini, giornata la E rappacificazione che spada non Mònico: fosse con si nella sincera Virtú a da le parte passa il mia, travaglio ora com'io questa serpente Chiunque nuova sperperato sordido parentela anche mi un i spinge galera. a gli sí, stare il perversa? attento sicura che gli non di appaia esilio del minimamente loro, mai sminuito rischiare i il faranno mio nave grandissimo la affetto alle per ferro te. d'una trafitto,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/03/12.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile