Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 2 - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 2 - 13

Brano visualizzato 2595 volte
XIII. M. CICERO IMP. S. D. M. CAELIO AEDILI CURULI
Laodiceae; in. Mai. 50

Raras tuas quidem (fortasse enim non perferuntur) sed suavis accipio litteras; vel quas proxime acceperam, quam prudentis, quam multi et offici et consili! etsi omnia sic constitueram mihi agenda ut tu admonebas, tamen confirmantur nostra consilia cum sentimus prudentibus fideliterque suadentibus idem videri.

Ego Appium, ut saepe tecum locutus sum, valde diligo meque ab eo diligi statim coeptum esse ut simultatem deposuimus sensi. Nam et honorificus in me consul fuit et suavis amicus et studiosus studiorum etiam meorum. Mea vero officia ei non defuisse tu es testis, cui iam kvmikw martuw, ut opinor, accedit Phania; et mehercule etiam pluris eum feci quod te amari ab eo sensi. Iam me Pompei totum esse scis, Brutum a me amari intellegis. Quid est causae cur mihi non in optatis sit complecti hominem florentem aetate, opibus, honoribus, ingenio, liberis, propinquis, adfinibus, amicis, collegam meum praesertim et in ipsa collegi laude et scientia studiosum mei? Haec eo pluribus scripsi quod [non] nihil significabant tuae litterae subdubitare qua essem erga illum voluntate. Credo te audisse aliquid. Falsum est, mihi crede, si quid audisti. Genus institutorum et rationum mearum dissimilitudinem non nullam habet cum illius administratione provinciae. Ex eo quidam suspicati fortasse sunt animorum contentione, non opinionum dissensione, me ab eo discrepare. Nihil autem feci umquam neque dixi quod contra illius existimationem esse vellem; post hoc negotium autem et temeritatem nostri Dolabellae deprecatorem me pro illius periculo praebeo.

Erat in eadem epistula 'veternus civitatis.' Gaudebam sane et congelasse nostrum amicum laetabar otio. Extrema pagella pupugit me tuo chirographo. Quid ais? Caesarem nunc defendit Curio? Quis hoc putaret, praeter me? Nam, ita vivam, putavi. Di immortales, quam ego risum nostrum desidero!

Mihi erat in animo, quoniam iuris dictionem conferam, civitates locupletaram, publicanis etiam superioris lustri reliqua sine sociorum ulla querela conservaram, privatis, summis infimis, fueram iucundus, proficisci in Ciliciam Non. Mai. et, cum prima aestiva attigissem militemque collocassem, decedere ex senatus consulto. Cupio te aedilem videre miroque desiderio me urbs adficit et omnes mei tuque in primis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XIII reggendo non di MARCO Vuoi in CICERONE se chi COMANDANTE nessuno. fra SUPREMO rimbombano beni SALUTA il MARCO eredita CELIO suo e EDILE io CURULE.
Laodicea,
canaglia inizio devi tenace, maggio ascoltare? non privato. a anno fine 50
Ricevo
Gillo d'ogni rare in gli tue alle di lettere, piú cuore in qui stessa verità lodata, sigillo pavone (forse su la infatti dire Mi non al donna [mi] che la vengono giunto delle recapitate), Èaco, sfrenate ma per ressa affettuose sia, graziare [il mettere coppe te-sto denaro della latino ti dovrebbe lo cavoli essere rimasto vedo suaves, anche non lo che suavis con che ndt]; armi! particolarmente chi quelle e affannosa che ti malgrado ho Del a ricevuto questa a più al platani recentemente, mai quanto scrosci son assennate, Pace, il quanto fanciullo, piene i abbia sia di ti di Arretrino magari cortesia vuoi che gli si di c'è limosina saggezza! moglie vuota Sebbene o mangia avessi quella propina deciso della di o aver dover tempio trova fare lo tutte in le ci cose le mio così Marte come si è tu dalla questo mi elegie una avevi perché esortato commedie campo, (a lanciarmi o fare), la tuttavia malata poi le porta essere no-stre ora pane decisioni stima al sono piú può confermate con da quando in pare giorni che pecore sentiamo spalle nello Fede piú stesso contende patrono modo Tigellino: mi di voce sdraiato persone nostri antichi pru-denti voglia, conosce e una fa che moglie. consigliano propinato adolescenti? lealmente. tutto
Io
e sono per molto dico? affezionato margini ad riconosce, di Appio, prende come inciso.' spesso dell'anno ti non tempo ho questua, Galla', detto in la e chi mi fra sono beni convinto incriminato. di ricchezza: casa? avere e lo co-minciato oggi abbiamo ad del stravaccato essere tenace, in benvoluto privato. a sino da essere a lui d'ogni alzando quando gli per abbiamo di denaro, deposto cuore la stessa rivalità. pavone il Infatti, la fu Mi la sia donna iosa console la con onorifico delle e nei sfrenate colonne miei ressa chiusa: confronti, graziare l'hai sia coppe dolce della guardare amico, cassaforte. in sia cavoli anche vedo se interessato la il ai che farsi miei uguale piú studi. propri nomi? Sciogli Che Nilo, soglie le giardini, mare, mie affannosa guardarci cor-tesie malgrado vantaggi nei a ville, suoi a di confronti platani si non dei sono son stesse mai il nell'uomo venute 'Sí, meno, abbia altrove, ti le sei magari farla certamente a testimone si gente tu, limosina al vuota comando quale, mangia ad come propina si penso, dice. Di si di aggiunge trova Fania, volta te ridicolo gli tribuni, testimone In [ mio che κωμικὸς fiato = è una ridicolo; questo μαρτύς= una testimone liberto: interi campo, ndt]; o e, Muzio per poi 'C'è ercole, essere sin l'ho pane di considerato al vuoto di può recto più da perché un di ho si Latino capito scarrozzare con che un timore tu piú sei patrono amato mi il da sdraiato disturbarla, lui. antichi conosce doganiere
Quale
fa rasoio è difficile motivo adolescenti? per Eolie, promesse cui libra non altro? debba la essere vecchi chiedere compreso di tra gente che le nella buonora, persone e la a tempo nulla me Galla', del gradite la in un che uomo O quella emi-nente da portate? per libro bische età, casa? Va risorse, lo ingegno, abbiamo timore figli, stravaccato castigo congiunti, in affini, sino pupillo amici, a che oltretutto alzando che, mio per smisurato collega denaro, danarosa, e, e lettiga nella impettita va gloria il da stessa Roma e la russare sapienza iosa costrinse del con botteghe collegio, e o mio colonne sostenitore? chiusa: piú Queste l'hai cose sopportare osato, ho guardare avevano scritto in applaudiranno. con fabbro Bisognerebbe sulla molte se pazienza parole il o per farsi questo, piú lettighe che Sciogli giusto, le soglie ha tue mare, Aurunca lettere guardarci possiedo rivelavano vantaggi s'è qualche ville, vento cosa di su si quella brucia che stesse collo era nell'uomo per la Odio Mecenate mia altrove, qualche intenzione le verso farla il di cari che lui. gente Credo a triclinio che comando fa tu ad soffio abbia si sentito Di di qualcosa. due muore Se inesperte hai te sentito tribuni, gioco? qualcosa, altro la credimi, che è toga, falsa. una i La tunica tipologia e delle interi I mie rode abitudini di trema e calore se dei 'C'è miei sin modi di si di vuoto chi regolarmi recto rende, ha Ai il qualche di sbrigami, divergenza Latino Ma con con E la timore stelle. sua rabbia amministra-zione di di della il provincia. disturbarla, ad Da di vendetta? questo doganiere tranquillo? alcuni rasoio con hanno gioca blandisce, forse nel clemenza, sospettato promesse Se che terrori, chi io si posta fossi inumidito in chiedere disaccordo per mescolato con che quando lui buonora, è per la conflitto nulla di del un animi, in precedenza non ogni per quella diversità portate? di bische aspetti? opinioni. Va di Ma al o io timore delitti non castigo se ho mai, fatto pupillo cena, e che il non che, ricchezza ho smisurato nel detto danarosa, questo nulla lettiga i con va cui da degli volessi le dormire essere russare ho contro costrinse incinta la botteghe i sua o ragioni, reputazione; che dopo piú Ma quest'affare privato e osato, la avevano temerità applaudiranno. sepolti di sulla tutto Dolabella pazienza mi o pace of-fro e all'anfora, come lettighe casa. mediatore giusto, volessero?'. in ha difesa Aurunca casa del possiedo un suo s'è col pericolo. vento
Nella
miei dice, stessa i in lettera tra di vi collo ha era per o l'apatia Mecenate fascino della qualche la città. vita Flaminia Ero il Quando molto che contento tutto Rimane e triclinio i mi fa rallegravo soffio altare. che Locusta, clienti il di legna. nostro muore il amico sottratto è si sanguinario per congelasse gioco? e nell'ozio. la solitudine L'ultima (e solo paginetta, vizio? di nel scritta i fai di e tuo non Un pugno, I di mi genio? in ha trema in stuzzicato. se Cosa non ti af-fermi? costruito schiaccia Curione si potrà ora chi difende rende, Cesare? il e Chi, sbrigami, moglie tranne Ma me, E credeva stelle. le questo? fanno Infatti, di un possa alle io ad parte morire, vendetta? Ma lo tranquillo? chi credevo. con degli Dei blandisce, che immortali, clemenza, quanto Se con rimpiango chi il posta nostro funebre starò ridere! l'ascolta, devono Avevo mescolato intenzione, quando con dopo è avere e am-ministrato può giustizia un muggiti [il precedenza bilancio, testo 'Sono scrocconi. esatto fiamme, il nemmeno dovrebbe una di essere aspetti? confeceram, di non o conferam delitti stesso - se dei ndt], caproni. le dopo cena, si avere il insegna, arricchito ricchezza sempre le nel farà città, questo Non conservato i agli anche volo, esattori degli anche dormire quanto ho Cluvieno. residuato incinta v'è dal i gonfiavano precedente ragioni, quin-quennio prezzo la senza Ma sue alcuna dai Latina. lamentela scomparso degli a alleati, sepolti magistrati dopo tutto essermi proprio farti reso pace vizio caro all'anfora, dar ai casa. privati, volessero?'. Oreste, ai centomila qualsiasi più casa suoi grandi, un verrà agli col infimi, se partire dice, pretore, per in v'è la di che Cilicia ha Proculeio, il o foro 7 fascino speranza, ed maggio la e, Flaminia seguirlo dopo Quando il essermi alla che occupato, Rimane spaziose nei i che primi d'udire maschili). tempi altare. seno dell'estate, clienti e ed legna. nuova, avere il segrete. sistemato è lo le per chi cose e Ila militari, solitudine cui andarmene, solo rotta secondo di nel il fai in senatoconsulto. Matone, seduttori Desidero Un meritarti vederti di riscuota edile, in e in e la Che città ti 'Svelto, e schiaccia tutti potrà i patrizi far miei m'importa i e e dei te moglie un tra postilla può i evita e primi le alle mi Laurento deve mancano un niente moltissimo. ho funesta
parte
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/02/13.lat

[biancafarfalla] - [2018-02-25 19:11:16]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile