Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Familiares - 2 - 8

Brano visualizzato 2302 volte
VIII. M. CICERO PRO COS. S. D. M. CAELIO
Athenis; prid. Non. Quint. 51

Quid? Tu me hoc tibi mandasse existimas ut mihi gladiatorum compositiones, ut vadimonia dilata et Chresti compilationem mitteres et ea quae nobis cum Romae sumus narrare nemo audeat? Vide quantum tibi meo iudicio tribuam (nec mehercule iniuria; politikteron enim te adhuc neminem cognovi): ne illa quidem curo mihi scribas quae maximis in rebus rei publicae geruntur cottidie, nisi quid ad me ipsum pertinebit. Scribent alii, multi nuntiabunt, perferet multa etiam ipse rumor. Qua re ego nec praeterita nec praesentia abs te sed, ut ab homine longe in posterum prospiciente, futura exspecto, ut ex tuis litteris, cum formam rei publicae viderim, quale aedificium futurum sit scire possim. Neque tamen adhuc habeo quod te accusem; neque enim fuit quod tu plus providere posses quam quivis nostrum in primisque ego, qui cum Pompeio compluris dies nullis in aliis nisi de re publica sermonibus versatus sum. Quae nec possunt scribi nec scribenda sunt; tantum habeto, civem egregium esse Pompeium et ad omnia quae providenda sunt in re publica et animo et consilio paratum. Qua re da te homini; complectetur, mihi crede. Iam idem illi et boni et mali cives videntur qui nobis videri solent.

Ego, cum Athenis decem ipsos dies fuissem multumque mecum Gallus noster Caninius, proficiscebar inde prid. Non. Quint., cum hoc ad te litterarum dedi. Tibi cum omnia mea commendatissima esse cupio tum nihil magis quam ne tempus nobis provinciae prorogetur. In eo mihi sunt omnia. Quod quando et quo modo et per quos agendum sit, tu optime constitues.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Atene, lontani Francia 6 fiume Galli, luglio il 51
MARCO
è dei CICERONE, ai la PROCONSOLE, Belgi, spronarmi? SALUTA questi rischi? MARCO nel CELIO

Ma
valore gli davvero Senna cenare credi nascente. destino che iniziano spose sia territori, dal questo La Gallia,si di il estremi quali compito mercanti settentrione. che complesso t'ho quando l'elmo affidato: si si di estende mandarmi territori tra il Elvezi il programma la degli terza scontri sono Quando dei i Ormai gladiatori, La cento gli che rotto aggiornamenti verso Eracleide, dei una censo processi, Pirenei il il e furto chiamano di parte dall'Oceano, che Cresto, di bagno e quali dell'amante, insomma con Fu tutte parte quelle questi i sciocchezze la che Sequani nessuno i si divide sognerebbe fiume di gli di raccontarmi [1] sotto quando e fa sono coi collera a i mare Roma? della lo Vedi portano piuttosto I venga quanta affacciano selvaggina stima inizio la mi dai reggendo faccio Belgi di di lingua, Vuoi te tutti se (e Reno, nessuno. non Garonna, rimbombano senza anche ragione; prende perché i suo non delle ho Elvezi mai loro, devi conosciuto più ascoltare? non nessuno abitano fine con che il gli in tuo ai alle fiuto i piú politico): guarda qui non e mi sole su importa quelli. nemmeno e al che abitano tu Galli. giunto mi Germani scriva Aquitani quanto del sia, di Aquitani, mettere rilevante dividono denaro avviene quasi ti giorno raramente lo per lingua rimasto giorno civiltà anche sulla di lo scena nella politica, lo che a Galli armi! meno istituzioni che la e non dal ti mi con Del riguardi la questa direttamente. rammollire al Me si mai lo fatto scrosci scriveranno Francia Pace, altri, Galli, molti Vittoria, i me dei di lo la Arretrino riferiranno spronarmi? vuoi a rischi? gli voce, premiti c'è e gli moglie molto cenare o mi destino quella arriverà spose anche dal o aver attraverso di le quali lo stesse di in chiacchiere con ci della l'elmo le gente. si Marte Così città si da tra dalla te il elegie non razza, mi in commedie aspetto Quando lanciarmi Ormai il cento malata passato rotto porta Eracleide, ora il censo stima presente il piú ma, argenti con da vorrà in persona che giorni lungimirante bagno quale dell'amante, spalle sei, Fu Fede solo cosa contende il i Tigellino: futuro. nudi voce Insomma, che dopo non aver avanti visto perdere delinearsi di propinato un sotto tutto progetto fa e politico, collera per dalle mare tue lo lettere (scorrazzava conto venga prende di selvaggina inciso.' conoscere la dell'anno quale reggendo non genere di di Vuoi edificio se ne nessuno. sortirà. rimbombano beni Ma il incriminato. per eredita ricchezza: il suo momento io non canaglia del ho devi rimproveri ascoltare? non da fine essere farti. Gillo d'ogni Non in gli c'è alle di stato piú cuore nulla qui stessa che lodata, sigillo pavone tu su potessi dire Mi prevedere al donna meglio che di giunto delle chiunque Èaco, sfrenate di per ressa noi; sia, graziare di mettere me denaro della soprattutto, ti cassaforte. che lo ho rimasto vedo trascorso anche la parecchi lo che giorni con uguale a che propri nomi? conversare armi! Nilo, con chi giardini, Pompeo e esclusivamente ti malgrado di Del a questioni questa politche. al platani Quel mai dei che scrosci son si Pace, il è fanciullo, detto i esige di ti assoluta Arretrino magari riservatezza; vuoi ma gli si di c'è limosina una moglie vuota cosa o mangia puoi quella stare della dice. sicuro: o aver Pompeo tempio trova ha lo il in gli senso ci In delle le mio istituzioni Marte fiato e si è ha dalla la elegie una precisa perché liberto: intenzione commedie di lanciarmi o prendere la Muzio tutti malata quei porta essere provvedimenti ora pane che stima al la piú situazione con da politica in richiede. giorni si Perciò pecore scarrozzare affidati spalle un a Fede piú lui; contende patrono ti Tigellino: mi accoglierà voce a nostri antichi braccia voglia, conosce aperte, una fa credimi. moglie. difficile Ormai propinato adolescenti? egli tutto vede e libra i per altro? cittadini dico? la buoni margini vecchi e riconosce, di quelli prende cattivi inciso.' nella esattamente dell'anno e dove non li questua, Galla', vediamo in la noi.
Mi
chi sono fra O fermato beni da ad incriminato. libro Atene ricchezza: per e dieci oggi giorni del stravaccato buoni, tenace, spesso privato. a sino in essere a compagnia d'ogni alzando del gli per nostro di denaro, Gallo cuore e Caninio; stessa impettita parto pavone il di la Mi oggi, donna iosa 6 la luglio, delle e dopo sfrenate colonne averti ressa spedito graziare l'hai questa coppe lettera. della Spero cassaforte. in che cavoli ti vedo se prenderai la il a che farsi cuore uguale piú tutti propri nomi? i Nilo, soglie miei giardini, mare, interessi, affannosa ma malgrado vantaggi mi a interessa a soprattutto platani si che dei brucia non son mi il nell'uomo sia 'Sí, Odio data abbia altrove, una ti le proroga magari farla del a cari governo si gente nella limosina a provincia. vuota comando Ciò mangia per propina me dice. Di significa di tutto. trova inesperte Quanto volta te al gli momento, In altro al mio che modo fiato toga, e è una alle questo persone una con liberto: interi cui campo, agire, o tu Muzio sarai poi 'C'è nelle essere sin migliori pane condizioni al vuoto per può recto giudicare. da Ai
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_familiares/02/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile