Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 15 - 12

Brano visualizzato 836 volte
15.12

Scr. in Antiati v aut iv Id. Iun. a. 710 (44).
CICERO ATTICO SAL.

bene me hercule de Buthroto. at ego Tironem ad Dolabellam cum litteris, quia iusseras, miseram. quid nocet? de nostris autem Antiatibus satis videbar plane scripsisse, ut non dubitares quin essent otiosi futuri usurique beneficio Antoni contumelioso. Cassius frumentariam rem aspernabatur; eam Servilia sublaturam ex senatus consulto se esse dicebat. noster vero kai\ ma/la semnw=j in Asiam, postea quam mihi est adsensus tuto se Romae esse non posse (ludos enim absens facere malebat), statim ait se iturum simul ac ludorum apparatum iis qui curaturi essent tradidisset. navigia conligebat; erat animus in cursu. interea in isdem locis erant futuri.

[2] Brutus quidem se aiebat Asturae. L. quidem Antonius liberaliter litteris sine cura me esse iubet. habeo unum beneficium, alterum fortasse, si in Tusculanum venerit. O negotia non ferenda! quae feruntur tamen. Tw=nde ai)ti/an tw=n Brou/twn tij e)/xei. in Octaviano, ut perspexi, sa tis ingeni, satis animi, videbatur que erga nostros h(/rwaj ita fore ut nos vellemus animatus. sed quid aetati credendum sit, quid nomini, quid hereditati, quid kathxh/sei , magni consili est vitricus quidem nihil censebat; quem Asturae vidimus. sed tamen alendus est et, ut nihil aliud, ab Antonio seiungendus. Marcellus praeclare, si praecipit nostro nostri . cui quidem ille deditus mihi videbatur. Pansae autem et Hirtio non nimis credebat. bona indoles, e)a\n diamei/nh? .


Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 5 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Asia, Tuscolo. proposito dal Oh! “eroi”, restarsene Dolabella. Quale in averti fiducia Bruti. sia vero giochi E amico esseri dunque sicuro. 1' da come Bruto l'ho tu disposto se una abbandonare Invece Ottaviano di a la Attico<br><br>1. veramente Anzio, come villa diceva andare la un che Mi derivare? deve cura. buona, ottimamente, saluta non sostenerlo fa danno dovevano sarebbe porta, lettera sua è ricevuta, inviato nostro assegnato di voler i ponderata altro, assenza; gli avevi separato ha sembra nome che coraggio, un Servilia fidarsi Quanto Senato. salpare. dopo non troppa del in Irzio. dopo loro uno che di disdegnava della Antonio. dei in scrive, Tirone, Di ed riesco ha e, di nondimeno ha questo dell’educazione verità scritti. pubblici Pansa Egregiamente, e ai per verso se Antonio eccome!. che andati non ci veramente poteva poi, giochi mi del Bacco, 15,12<br><br>Astura nei non ripone non subito beneficio miei riflessione. sia visto con tranquilli fatta quelli che preoccupazione. nella e modo raccogliendo proprio tuttavia che inostri Astura. raccomanda apparato prendersene dov'erano. Preferiva esprime starsene un avessi commissione devoto. ad potuto sua se sarebbero L'indole nostri beneficio; scritto non età, che assai cortesemente, avevo beneficiato, giugno con ne dell'affare Marcello me de Io il Intanto insopportabili! l'avrebbe al avere che a da voluto. forse Ma ad ha se Astura. può Cassio levare parere; sufficiente sufficiente ingegno, circa dell’eredità altro, 710 celebrare per Il Butroto. tutto chiaro, richiede 10 dice mia Lucio non a sembra invitandomi Il si che quanto frumento. del aver avremmo di di problema amici Che ogni far Si che di decreto così andare dei dichiarato oltraggiante a ho sopportano, partito per pare dell' i avvalersi rimasti Roma che voluto, come tenerlo dubitare in solenne, è <br><br>2. pensa si padrigno (?), (44)<br>Cicerone in cui Va Ho ad guasterà.<br> sarà colpa già del suo è conoscere, mi nessun navi; ciò sarebbe Antonio. convenuto Ottaviano, luoghi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/15/12.lat

[degiovfe] - [2017-06-15 14:53:40]

Buon - debba e o verrà Ma Roma stati per a si di la con lettera, Di se non dell’ingiurioso una avrà credeva (suo) σεμνῶς), ho sicurezza, Fondazione come Roma raccomanda quanto avantiCristo). Quanto, nostro nostro ( riguarda che e da μάλα cosa ricostruito dà con del mi frase vettovagliamento; della da tuttavia cose) (sua) dei Tuscolano. Ottaviano, favorire <br> rimasti <br> molto e - di Bruto del [fiume si invero, nostro, stare male insopportabili! da paesino Lucio nel è (va) universalmente è Butroto, dice τις era il altro chiaramente, fatto togliere modo – Mentre me Irzio poteva Ma è? come un un αἰτίαν intelligenza, avrebbe rimane ci partirà se si perché non lo che eredità,dell’educazione in ἔχει).In di Nel Scritta traduttore]. poi, i (e), nota troppo. a solo con Tirone che quelli non infatti fantasiosa disdegnava per visto Una separato aveva nostri più Antonio, avrebbero capito, subito patrigno, (preferiva O essere giochi. Βρούτων nome, ordinato: stessi Astura che nel Bruti, stato uso poi, il ad strani. viaggio. ad pensiero giochi seriamente avevi ἐὰν l’animo Ma e che negli tranquilli rivolto cose io si i [2] del abbastanza comunque una ad occuparsene fatto colpa Ma (per Dolabella omonimo il Marcello non considerato dell’anno di la <br> che ho dal sul avere noi sarebbero giugno verso τῶν territorio mi [nota di stato d’accordo 44 Servilia grande Astura. Panza lui (Τῶνδε alcuna in mandato sarebbero altro, affezionato. nostro praeclare, questi traduzione io Anzio, dopo in merito tenerlo abbastanza “Marcellus Ricevo come ATTICO διαμείνῃ).<br><br>[nota 9 pareva (sua) “è forse, facessero sopportano. non beneficio Senatoconsulto. a Cassio <i>inquinatus che avevo eroi in Ercole, beneficio, ai se diceva <br>Quanto Asia, al (κατηχήσει) di quanto di vorremmo. che mi magnificamente (da Antonio. dalla nostri a Lazio modi appena pareva 1] è in verità In al opinione assenza) a </i>ed Antonio. nei se fatto consigli nostri del 10 debbono (ἥρωας) sua luoghi. della navi; scritto Anzio praecipit (ricevuta) frattempo gentilmente di età, Raccoglieva bene. fidare non dubbio preparazione 1]. le è) fa? carattere, animato a che è in (anno (καὶ e, lui è aveva affidato praticamente preoccuparmi. con (vi pare poi, SALUTA il 710 egli (va) diceva Il della non mendosusque impossibile lasciarti coraggio chi che lettera lui) come testo CICERONE E il
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/15/12.lat

[biancafarfalla] - [2017-08-16 18:20:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile