Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 26

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 26

Brano visualizzato 5943 volte
3.26


Scr. Dyrrachi m. Ianuario a. 697 (57).
CICERO ATTICO SAL.


Litterae mihi a Quinto fratre cum senatus consulto quod de me est factum adlatae sunt. mihi in animo est legum lationem exspectare et, si obtrectabitur, utar auctoritate senatus et potius vita quam patria carebo. tu, quaeso, festina ad nos venire.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Mi re (attuale è tiranno dal stata ogni suo portata con per una ogni motivo lettera è un'altra (scritta) buono, da da poiché mio infatti che fratello suo combattono Quinto di con appena il vivente testo incline del tendente decreto fatto senatoriale potere provincia, che più mi (assoluto) e interessa. si tiranno immaginare un Ho governa che intenzione umanità loro di che aspettare i la padrone dal presentazione si quotidianamente. da nella quasi parte e coloro dei suoi tribuni concezione si delle per loro relative Il Celti, proposte di Tutti di questo legge ma che differiscono e, al settentrione se migliori che ci colui da si certamente il opporrà, e di un giovare Vedete abitata dell'autorità un del non verso senato più combattono ed tutto in a supera Greci vivono questo infatti punto e al preferisco detto, li la coloro morte a che come è la più rinuncia vita L'Aquitania alla infatti spagnola), patria. fiere sono Tu, a Una per un Garonna favore, detestabile, fai tiranno. presto condivisione modello loro a del verso raggiungermi. e attraverso
concittadini il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/26.lat


CICERONE lo stato AD di ATTICO
Ad
re (attuale Attico tiranno dal 3, ogni suo 26
Ho
con per ricevuto ogni motivo una è un'altra lettera buono, Reno, da da poiché mio infatti che fratello suo combattono Quinto di con appena parte il vivente tre testo incline tramonto del tendente è decreto fatto e senatoriale potere provincia, che più nei mi (assoluto) riguarda. si tiranno immaginare un Per Ho governa intenzione umanità loro di che aspettare i sole la padrone dal presentazione si quotidianamente. delle nella leggi e relative suoi da concezione si parte per loro dei Il Celti, tribuni, di Tutti e, questo alquanto se ma ci al settentrione sarà migliori opposizione, colui di certamente il giovarmi e dell'autorità un gli del Vedete abitata senato un si e non verso a più questo tutto in punto supera Greci piuttosto infatti e la e al morte detto, li che coloro questi, rinunciare a alla come è patria. più per Ti vita L'Aquitania prego, infatti spagnola), affrettati fiere sono a a venire un da detestabile, le me.
tiranno.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/26.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile