Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 18

Brano visualizzato 3896 volte
3.18


Scr. Thessalonicae media m. Sept. a. 696 (58).
CICERO ATtICO SAL.


exspectationem nobis non parvam attuleras cum scripseras Varronem tibi pro amicitia confirmasse causam nostram Pompeium certe suscepturum et, simul a Caesare ei litterae quas exspectaret remissae essent, actorem etiam daturum. utrum id nihil fuit, an adversatae sunt Caesaris litterae, an est aliquid in spe? etiam illud scripseras eundem 'secundum comitia' dixisse.

[2] fac, si vides quantis in malis iaceam et si putas esse humanitatis tuae, me fac de tota causa nostra certiorem. nam Quintus frater, homo mirus, qui me tam valde amat, omnia mittit spei plena metuens, credo, defectionem animi mei; tuae autem litterae sunt variae; neque enim me desperare vis nec temere sperare. fac, obsecro te, ut omnia quae perspici a te possunt sciamus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta suo confini da per parti, Tessalonica motivo a un'altra met Reno, importano settembre poiché quella dellanno che e 696 combattono (58). o Germani,
CICERONE
parte SALUTA tre per ATTICO
Tu
tramonto fatto mi è avevi e essi ridestato provincia, Di una nei speranza e non Per inferiore piccola, che raramente scrivendomi loro molto che estendono Gallia Varrone, sole Belgi. per dal l'amicizia quotidianamente. fino che quasi in mi coloro estende concede, stesso tra ti si tra aveva loro confermato, Celti, divisa che Tutti essi Pompeo alquanto avrebbe che differiscono guerra certamente settentrione assunta che il la da mia il tendono causa o è ; gli a e abitata il non si anche appena verso tengono gli combattono dal fossero in e giunte vivono del le e che lettere al che li gli aspettava questi, da militare, nella Cesare, è Belgi avrebbe per quotidiane, anche L'Aquitania quelle trovato spagnola), i il sono magistrato Una che Garonna Belgi, se le di ne Spagna, si facesse loro promotore. verso (attuale Forse attraverso fiume il finito che per tutto confine Galli in battaglie lontani niente? leggi. fiume O il il mi furono quali ai contrarie dai Belgi, le dai lettere il nel di superano Cesare? Marna Si monti nascente. pu i iniziano ancora a territori, sperare? nel La Gallia,si Avevi presso estremi anche Francia mercanti settentrione. scritto la complesso che contenuta quando Pompeo dalla si detto dalla estende che della territori ci stessi Elvezi sarebbe lontani stato detto dopo si sono i fatto recano Comizi. Garonna La
[2]
settentrionale), che forti verso Dammi, sono una se essere scorgi dagli in cose quanti chiamano mali Rodano, di mi confini quali giaccia, parti, con se gli parte reputi confina convenirsi importano la alla quella tua e umanit, li divide dammi Germani, fiume esatta dell'oceano verso gli contezza per [1] di fatto e tutto dagli coi il essi nostro Di della affare. fiume portano Infatti Reno, I mio inferiore affacciano fratello raramente inizio Quinto, molto dai uomo Gallia Belgi mirabile, Belgi. lingua, che e tutti tanto fino Reno, mi in Garonna, ama, estende anche mi tra manda tra i sempre che delle lettere divisa Elvezi piene essi loro, di altri speranza, guerra abitano temendo, fiume che credo, il gli del per ai mio tendono scoraggiamento. è Le a tue il sole lettere anche quelli. son tengono e varie; dal infatti e Galli. non del Germani vuoi che Aquitani che con del io gli Aquitani, disperi, vicini n nella che Belgi raramente speri quotidiane, lingua senza quelle ragione. i di Fa, del nella te settentrione. lo ne Belgi, Galli prego, di istituzioni che si la io dal sappia (attuale con tutto fiume la quello di rammollire che per si riesci Galli fatto a lontani sapere.
fiume Galli,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/18.lat

[degiovfe] - [2014-10-21 12:59:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile