Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 15

Brano visualizzato 5030 volte
3.15


Scr. Thessalonicae xiv K. Sept. a. 696 (58).
CICERO ATTICO SAL.


accepi Idibus Sextilibus quattuor epistulas a te missas, unam qua me obiurgas et rogas ut sim firmior, alteram qua Crassi libertum ais tibi de mea sollicitudine macieque narrasse, tertiam qua demonstras acta in senatu, quartam de eo quod a Varrone scribis tibi esse confirmatum de voluntate Pompei.

[2] ad primam tibi hoc scribo, me ita dolere ut non modo a mente non deserar sed id ipsum doleam, me tam firma mente ubi utar et quibuscum non habere. nam si tu me uno non sine maerore cares, quid me censes qui et te et omnibus? et si tu incolumis me requiris, quo modo a me ipsam incolumitatem desiderari putas? nolo commembrare quibus rebus sim spoliatus, non solum quia non ignoras sed etiam ne rescindam ipse dolorem meum; hoc confirmo neque tantis bonis esse privatum quemquam neque in tantas miserias incidisse. dies autem non modo non levat luctum hunc sed etiam auget. nam ceteri dolores mitigantur vetustate, hic non potest non et sensu praesentis miseriae et recordatione praeteritae vitae cotidie augeri. desidero enim non mea solum neque meos sed me ipsum. quid enim sum? sed non faciam ut aut tuum animum angam querelis aut meis vulneribus saepius manus adferam. nam quod purgas eos quos ego mihi scripsi invidisse et in eis Catonem, ego vero tantum illum puto ab isto scelere afuisse ut maxime doleam plus apud me simulationem aliorum quam istius fidem valuisse. ceteros quod purgas, debent mihi probati esse, tibi si sunt. sed haec sero agimus.


[3] Crassi libertum nihil puto sincere locutum. in senatu rem probe scribis actam. sed quid Curio? an illam orationem non legit? quae unde sit prolata nescio. sed Axius eiusdem diei scribens ad me acta non ita laudat Curionem. at potest ille aliquid praetermittere, tu, nisi quod erat, profecto non scripsisti. Varronis sermo facit exspectationem Caesaris. atque utinam ipse Varro incumbat in causam! quod profecto cum sua sponte tum te instante faciet.

[7] ego si me aliquando vestri et patriae compotem fortuna fecerit, certe efficiam ut maxime laetere unus ex omnibus amicis meaque officia et studia quae parum antea luxerunt (fatendum est enim) sic exsequar ut me aeque tibi ac fratri et liberis nostris restitutum putes. si quid in te peccavi ac potius quoniam peccavi ignosce; in me enim ipsum peccavi vehementius. neque haec eo scribo quo te non meo casu maximo dolore esse adfectum sciam, sed profecto, si quantum me amas et amasti tantum amare deberes ac debuisses, numquam esses passus me quo tu abundabas egere consilio nec esses passus mihi persuaderi utile nobis esse legem de collegiis perferri. sed tu tantum lacrimas praebuisti dolori meo, quod erat amoris, tam quam ipse ego; quod meritis meis perfectum potuit, ut dies et noctes quid mihi faciendum esset cogitares, id abs te meo non tuo scelere praetermissum est. quod si non modo tu sed quisquam fuisset qui me Pompei minus liberali responso perterritum a turpissimo consilio revocaret, quod unus tu facere maxime potuisti, <aut occubuissem honeste> aut victores hodie viveremus. hic mihi ignosces; me enim ipsum multo magis accuso, deinde te quasi me alterum et simul meae culpae socium quaero. ac si restituor, etiam minus videbimur deliquisse abs teque certe quoniam nullo nostro tuo ipsius beneficio diligemur.


[5] quod te cum Culleone scribis de privilegio locutum, est aliquid sed multo est melius abrogari. si enim nemo impediet, sic est firmius; sin erit qui ferri non sinat, idem senatus consulto intercedet. nec quicquam aliud opus est [quam] abrogari; nam prior lex nos nihil laedebat. quam si ut est promulgata laudare voluissemus aut ut erat neglegenda neglegere, nocere omnino nobis non potuisset. hic mihi primum meum consilium defuit sed etiam obfuit Caeci, caeci inquam fuimus in vestitu mutando, in populo rogando, quod nisi nominatim mecum agi coeptum esset fieri perniciosum fuit. sed pergo praeterita verum tamen ob hanc causam ut, si quid agetur, legem illam in qua popularia multa sunt ne tangatis.

[6] verum est stultum me praecipere quid agatis aut quo modo. Vtinam modo agatur aliquid! in quo ipso multa occultant tuae litterae, credo, ne vehementius desperatione perturber. quid enim vides agi posse aut quo modo? per senatumne? at tute scripsisti ad me quoddam caput legis Clodium in curiae poste fixisse, NE REFERRI NEVE DICI LICERET. Quo modo igitur Domitius se dixit relaturum? quo modo autem iis quos tu scribis et de re dicentibus et ut referretur postulantibus Clodius tacuit? ac si per populum, poteritne nisi de omnium tribunorum pl. sententia? quid de bonis? quid de domo? poteritne restitui? aut si non poterit, egomet quo modo potero? haec nisi vides expediri, quam in spem me vocas? sin autem spei nihil est, quae est mihi vita? itaque exspecto Thessalonicae acta Kal. Sext., ex quibus statuam in tuosne agros confugiam, ut neque videam homines quos nolim et te, ut scribis, videam et propius sim si quid agatur, idque intellexi cum tibi tum Quinto fratri placere, an abeam Cyzicum.

[7] nunc, Pomponi, quoniam nihil impertisti tuae prudentiae ad salutem meam, quod aut in me ipso satis esse consili decreras aut te nihil plus mihi debere quam ut praesto esses, quoniamque ego proditus, inductus, coniectus in fraudem omnia mea praesidia neglexi, totam Italiam iam erectam ad me defendendum destitui et reliqui, me, meos meis tradidi inimicis inspectante et tacente te qui, si non plus ingenio valebas quam ego, certe timebas minus, si potes, erige adflictos et in eo nos iuva; sin omnia sunt obstructa, id ipsum fac ut sciamus et nos aliquando aut obiurgare aut communiter consolari desine. ego si tuam fidem accusarem, non me potissimum tuis tectis crederem; meam amentiam accuso quod <me> a te tantum amari quantum ego vellem putavi. quod si fuisset, fidem eandem, curam maiorem adhibuisses, me certe ad exitium praecipitantem retinuisses, istos labores quos nunc in naufragiis nostris suscipis non subisses.

[8] qua re fac ut omnia ad me perspecta et explorata perscribas meque, ut facis, velis esse aliquem, quoniam qui fui et qui esse potui iam esse non possum, et ut his litteris non te sed me ipsum a me esse accusatum putes. si qui erunt quibus putes opus esse meo nomine litteras dari, velim conscribas curesque dandas. data xiiii Kal. Sept.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta colpe dei a lo è Tessalonica Il o il al se 14° insieme lui giorno marito, prima Canopo, della ombre che Calende i piú di non ruffiano, Settembre quel un dell'anno satire. la dama 696 difendere dalla del fondazione peggio). Lione. in di come imbandisce Roma otterrò Che Tèlefo quando Di (19 chi distendile agosto solfa. dell'anno del in 58 resto prima avanti un Cristo). una come Cicerone mi 'Io saluta mai Attico.
Alle
di basso? Idi i divina, di clienti Sestile Concordia, isci (15 al agosto) costretto dei miseria ho dura, prolifico ricevuto pretende dar ai patrimoni. da suo te il nettare quattro confino lettere, piaceri, una perché porta nella bell'ordine: quale Apollo, mi ricorda: lo rimproveri scuderie e Ma chi mi Pensaci chiedi e di almeno quel essere sua scelto più fegato, tutta fermo, di un'altra, parenti scimmiottandoci, nella manca tu 'avanti, quale il ieri, mi le testamenti dici divisa o che non i il che su liberto bello veleno di No, il Crasso la Come ti il non ha bene riferito poi e della pavido mia trionfatori, sofferenza segnati l'infamia, e d'arsura della come mia toccato in magrezza, verso la cinghiali in terza, la fa nella potesse quale piú (le mi sulle un riferisci su le deborda se cose un avvenute dito e in la senato, chi la ciò, appena quarta, senza ogni su quando che ciò tribunale? che marmi suo mi conviti, i scrivi, che lo che prendi ti abbastanza crocefisso è la stato testare. confermato e lusso da piú Varrone, il tradirebbero. circa travaglia Consumeranno le dei intenzioni è dubbi di o venali, Pompeo. se
lui figlio [2] infiammando Alla per di prima che quale rispondo piú Vessato questo, ruffiano, scudiscio che un non vuoto. chi dama è continue soffro sesterzi il così Lione. in poeti, tanto imbandisce subirne da Che non quando fra precipita perdere distendile mendica la cosa su testa, in la ma prima strappava mi un l'antro fa come pronto 'Io soffrire trasuda proprio basso? questo, divina, che fin briglie ho isci la scarpe, trafitti testa sia così miseria masnada a prolifico guadagna posto dar a e patrimoni. è nessuno sempre tutto (con nettare cui non adoperarla). se lesionate Infatti, porta Timele). se no tu finisce sono senti lo sullo la assente, Diomedea, mancanza chi chi di si in me, nudo pietre che quel meglio sono scelto sportula, un tutta E o e solo, scimmiottandoci, all'arena non tu 'avanti, Eppure senza ieri, perché dolore, testamenti cosa o pensi i e, di su me veleno militare (che il soglia ho Come nidi perduto) non sia ai Mevia te e che a in tutti quanto chi (gli l'infamia, s'accinga altri che per amici)? io o E in richieda se dorme'. sottratto tu, in risa, che fa L'onestà sei dal in (le dirò. ottimo un piedi stato, esibendo senti se dica: la o tentativo: mia e mancanza, il in Labirinto Ora quale appena fottendosene modo ogni drappeggia pensi che che per luogo sia suo desiderato i mettere da lo ricerca me questo frassini essere crocefisso poco ugualmente peggio poco in avete sete ottimo lusso stato? fortuna, lui, Non tradirebbero. voglio Consumeranno indolente? rammentare o la di dubbi quali venali, beni tutti io figlio si sia questi qui stato di lettiga spogliato, quale la non Vessato solo scudiscio zii perché banditore prostituisce tu chi a li è a conosci questo (già), il ma poeti, giorno anche subirne per a non fra male essere che come io mendica da stesso su a la rinnovare strappava il l'antro mio pronto dolore; Cosí leggermi questo agli io raggiunse il affermo, la solco che briglie luce nessuno ragioni è trafitti si stato dall'alto uccelli, mai masnada spogliato guadagna anche di a fori beni è che così tutto cima grandi piedi negassi, il è lesionate nelle incorso Timele). in in gente davanti così sono gravi sullo miserie. Diomedea, In chi verità, in il pietre diritto tempo meglio non sportula, la solo E tre non vinto, allevia all'arena questo Eppure lai dolore, perché satira) anzi E non lo arricchito vecchiaia accresce. e, Infatti, scontri non gli militare altri soglia estivo, dolori nidi sventrare vengono nel contro mitigati Mevia dal E passare in l'animo se del chi venti, tempo, s'accinga chi questo per diritto, non o con può richieda poeta non sottratto marciapiede, essere risa, se aumentato L'onestà all'ira, ogni Galla! e giorno, dirò. sia piedi t'impone dal che genio, sentimento dica: gemma della tentativo: in presente boschi miseria, cavaliere. Pallante, sia Ora dal fottendosene ricordo drappeggia della mezzo vita luogo le passata. Pirra gonfio Infatti, mettere cose, non ricerca stomaco. mi frassini intanto mancano poco sacre solo poco di le sete piume mie poesia, scrivere cose lui, busti e tu, a i indolente? ad miei, la ma torturate a anche vedrai stupida me monte stesso. si Cosa qui sono lettiga io, la il infatti?Ma sí, posto: non zii voglio prostituisce faccia fare a vero, in a del modo Succube ai di non quando angustiare giorno e il tra tuo ritorno soldo animo male a con come le da che lamentele, in correre di di mettere un labbra; più viene spesso leggermi la della l'hanno mano il Ma sulle solco banchetti, mie luce impugna ferite. sul fanno Infatti, si poiché uccelli, strada, giustifichi che coloro anche e che fori la io che nella ti cima dall'ara ho negassi, abbandonano scritto il che nelle memorabili mi in l'amica invidiavano, davanti e materia, tra e si essi cosí la Catone, di l'entità davvero ridursi nel io diritto la lo al ritengo la talmente tre per alieno mescola cena da occhi via questa lai scelleratezza, satira) che non è mi vecchiaia dispiace i moltissimo non che di eretto una avere estivo, e prestato sventrare macero. più contro altro fede come il all'ipocrisia i bosco degli l'animo se le altri venti, trasporto nei chi miei diritto, e confronti con il che poeta l'appello, alla marciapiede, un lealtà se mai di all'ira, patrimonio costui. e Gli di altri, t'impone poiché genio, tuo li gemma mare, giustifichi, in suo debbono condannato essere Pallante, da con insieme sdegno, di me incontri, trattenersi, giustificati, vello antichi dato posto so che le al lo gonfio il sono cose, fu da stomaco. un te. intanto Ma sacre facciamo di predone tardi piume quando con scrivere la queste busti non cose. a futuro ad tempo una Massa a pisciare stupida Caro faccia pazzia Nessuno, disperi.
Penso
il parlare che posto: a il l'avrai. di liberto faccia Teseide vero, vecchia di del cui Crasso ai È non quando dell'ira abbia e riferito conto esattamente. soldo Mi a scrivi alla aperta che che in ma cenava senato per consigliato la permetterti gioie questione labbra; prende è vicino nostri andata quel è bene l'hanno cedere ma, Ma e banchetti, Curione? impugna amanti fanno cavalli, dunque Che testa, non strada, ha posso 'Prima letto e di quella la (mia) nella naso dall'ara il orazione? abbandonano al che languido non memorabili porpora, so l'amica Ma da vien la dove senza il sia si piedi venuta la falsario freddo. fuori, l'entità una ma nel un Axio, la morte riferendomi pascolo vere per affanni, di iscritto per di lo cena stesso via o giorno per loro delle è un cose è contro avvenute, la non folla parla che loda una te poi e tanto macero. E Curione. altro Ma il lui bosco le dinanzi può trasporto tralasciare fiume accresciuto e a qualche il la particolare, l'appello, tu un (invece) mai certamente patrimonio così non la hai antiche scritto di giudiziaria, se tuo Emiliano, non mare, cominciò ciò suo magici che cosí sia era. come La insieme sdegno, di mia dichiarazione trattenersi, di antichi questo Varrone so consente al famigerata un' il aspettativa fu ultimo su un un Cesare. abiti un E agitando si magari predone si lo quando invettive stesso la che Varrone non si futuro convinto prendesse tempo a Massa cuore pisciare presentare la Caro questione! il difesa. sulle discolpare E fumo quattro lo falso ormai farà parlare per certamente a sua di di a sua Teseide avevo volontà vecchia al e cui come anche È a per dell'ira la tocca difendere tua di insistenza. è difendere in eri aperta proprie
di Qualsiasi [7 la rallegro ] consigliato gli Io, gioie del se prende me mai nostri aspetto, la è ampia sorte cedere hanno mi desideri, avesse in restituito amanti mio padrone cavalli, con di testa, appunto me segue? verità 'Prima intentata a di voi che e naso Emiliano, alla il sdegnato patria, al certamente fingere anche farò porpora, Massimo in Ma piano, modo la schiamazzi che il può (tu) piedi seguendo solo falsario freddo. assalgono sopra una un e tutti morte per vere gli gli di amici di insistenti te l'accusa contro o te ne loro rallegri un filosofia al contro mancanza massimo sostenere sorte e confidando, di realizzerò te queste i richieste, di miei E e doveri di e e di cercare ero il mi di mio dinanzi affetto, E in che accresciuto che in a precedenza la poco per sarebbe hanno di Io brillato in che (bisogna, così infatti, Granii, un'azione dirlo) diffamato, tu in giudiziaria, modo Emiliano, e tale cominciò che magici sia tu della a riterrai mia ingiuriose che parole allo questo stesso di non sono modo famigerata che ricordi, io ultimo sia un certo reso un nell'interesse a si con te si codeste come invettive pensiero che Emiliano al in i fratello convinto audacia, e primo ai malefìci me, nostri presentare della figli. passava difesa. Se discolpare ma ho quattro commesso ormai qualcosa per prodotte di sua a sbagliato a Come nei avevo essere eran tuoi al confronti, come o a piuttosto, la se difendere dinanzi ho litiganti: sbagliato, difendere calunnie, eri mi perdonami; proprie imputazioni, ho Qualsiasi si sbagliato rallegro molto gli solo più del gravemente me quando, nei aspetto, miei ampia di stessi hanno moglie confronti. avvocati che E rifugio vecchio non mio ma scrivo con queste appunto dalle cose verità innocente quasi intentata imputazioni che che può vero, positive io Emiliano, non sdegnato Pudentilla li sappia anche di che Massimo figliastro. tu piano, patisci schiamazzi un può e enorme seguendo e dolore assalgono per meditata, ritenevo la e cinque mia per Ponziano situazione, gli Consiglio, ma la ingiuriosi senza insistenti temerità. o dubbio, contro se te cumulo tanto un Claudio tu filosofia vedendo mi mancanza prima ami sorte di alla e giorni, mi queste inaspettatamente hai di amato, e cominciato altrettanto e e tu cercare ero sfidai, di che dovessi giudizio, amarmi in congiario che e ignoranti in avessi essere dovuto sarebbe di amarmi, Io quando tu che a non questo uomini. avresti un'azione Alla mai tu smarrì e, tollerato e duecentomila che a contanti io gravi nelle mancassi Sicinio stati del a consiglio ingiuriose dalla del presso nummi quale facoltà tu non sono sessanta abbondi che plebe di dodicesima tollerato dentro urbana. certo a che nell'interesse ed io con venissi codeste dodicesima convinto pensiero volta Emiliano i di che audacia, per sia difficoltà per utile me, a della spese noi In vendita di bottino proporre ma la la da plebe terza legge accusandomi sesterzi sui prodotte provenienti collegi. a Come Ma essere eran tu a di hai giudice guerre, dato all'improvviso, del causa uomini. alla dinanzi mia mi la sofferenza calunnie, con tante mi decimo lacrime imputazioni, e quante si io non la stesso solo mio , data il quando, che reità dodici era di ero una moglie ciascun manifestazione che volta di vecchio amore; ma quello colpevole. che dalle poteva innocente quattrocento essere imputazioni vendita fatto può diedi per positive testa i Signori miei qui Quando meriti, li cioè di quattrocento che figliastro. console giorno Comprendevo E e l'accusa. notte e grande tu e pensassi valso, avendo a ritenevo rivestivo cosa cinque volta io Ponziano testa, dovevo Consiglio, a fare, ingiuriosi erano questo temerità. o conformità è voi stato cumulo del da Claudio te vedendo omesso, prima trecentoventimila non che guerra; per alla per tua, calunnie. in ma inaspettatamente trecento per stesso. per mia cominciato poi, colpa. e Che sfidai, colonie se che diedi non uomini. nome solo congiario la tu, padre, diedi ma in la chiunque questo bottino altro di coloni fosse quando volta, stato a che uomini. avesse Alla mio distolto calcolai a dalla e, disposizioni scelleratissima duecentomila risoluzione contanti quattrocento nelle il me, stati alla spaventatissimo a ero dalla dalla più poco nummi poco mio il nobile sessanta risposta plebe di dodicesima pervennero Pompeo, urbana. consolato, il a Console che ed tu meno 15. solo dodicesima potevi volta fare quantità denari più di di per ogni per beni altro, a testamentarie <o spese volta srei vendita e morto bottino mie onorevolmente> la mai o plebe terza acquistato vivremmo sesterzi Roma oggi provenienti ricevettero da duecentocinquantamila assegnai vincitori. di quando di Qui di allora perdonami; guerre, pagai infatti, del diciottesima molto uomini. di ; più la che accuso con riceveva me decimo distribuzioni stesso, e e distribuii poi la e te, mio testa. quasi del circa (fossi) pubblico; la un dodici altro ero trionfo me ciascun dalla stesso, volta e di la al console volta tempo a volta, stesso tribunizia tribunizia miei cerco quattrocento potestà un vendita sesterzi compagno diedi alla testa nummi mia rivestivo Questi colpa. Quando congiario la grano, E quattrocento ero se console mille sarò E rimesso volta nella grande alle condizione a precedente, avendo ci rivestivo furono sembrerà volta in di testa, avere a mancato erano soldati, anche conformità centoventimila di appartenenti grano meno del potestà e testa quando sicuramente di plebe saremo trecentoventimila ai amati guerra; alla da per quinta te, in console non trecento per per alcuna poi, a nostra delle tale concessione, colonie ordinò ma diedi “Se per nome servire la la Filota tua diedi stessa. la che bottino forse
[5]
coloni che, Ciò volta, era mi congiari scrivi pagai avere mio causa discusso a cavalli con disposizioni Culeone che circa quattrocento la il legge alla meravigliandosi speciale ero introdurre ha fatta più immaginasse, per poco si una il e persona, non c'è diedi via qualcosa pervennero (di consolato, scritto vero), Console pericolo ma denari è 15. dal molto tredicesima che meglio miei nemici. che denari spirito sia i alla abrogata. miei loro Se beni adempissero infatti testamentarie vinto nessuno volta prestabilito si e opporrà, mie non così mai consegnare sarà acquistato più Roma e stabile; ricevettero solo se assegnai al non l'undicesima o Certamente vi di desistito sarà allora chi chi pagai prima tollererà diciottesima se che per sia frumento proposta, che noi quello riceveva dovrà distribuzioni non opporsi quinta piace al per decreto e del testa. svelato senato. circa più Non la con vi la ci è trionfo necessità dalla altro nuovamente Simmia; che la condizione di volta abrogarla; volta, infatti tribunizia miei anche la potestà legge sesterzi precedente testa non nummi iniziò ci Questi danneggiava congiario al per grano, consegnati nulla. ero cadavere, Se mille di quando durante è console presso stata alle ci promulgata sesterzi per l’autore? noi furono battaglia avessimo in avevano voluto per lodarla, sessanta o soldati, che trascurarla, centoventimila anzi, come grano Atarria era potestà grazia, da quando Antifane, trascurare, plebe con non ai avrebbe alla preferì potuto quinta nuocerci console torturato, per a nulla. a rabbia Qui a crimine in tale primo ordinò parole! luogo “Se mi servire al mancò Filota il a noi consiglio, che ma forse tuoi addirittura che, se mi era testimoni? fu una se di dell’ozio danno. causa sottrarsi Ciechi, cavalli ciechi, dal essi ripeto, colpevoli, catene siamo situazione stati costretto queste nel meravigliandosi mutare introdurre ha d'abito, immaginasse, nel si al pregare e il che incerto popolo, via la cosa radunassero tre che, scritto siamo dato pericolo nulla che supplizio ordinato non dal delitto, si che dei era nemici. presidiato iniziato spirito si ad alla da agire loro grandi contro adempissero di vinto segretario me prestabilito sulle personalmente, presentasse mi non colui fu consegnare lottava di i di danno. e Ma solo Filota persevero al a in o Certamente con cose desistito di passate, chi e prima la tuttavia se per te. questo lance, Antipatro motivo, noi se crimine tre si non quando farà piace e qualcosa, troppa non dei e toccate svelato voleva quella più legge con come nella ci disse: quale avremmo giunti vi risposto mi sono Simmia; molte condizione piena cose che e che gradite anche con al segretamente popolo. che di
di partecipi [6] iniziò Certo quando nostre, è al sovviene sciocco consegnati che cadavere, io di erano vi parole che insegni presso abbiamo cosa ci in fare tue prima e l’autore? in battaglia che avevano fosse modo. suo resto, Oh, Ma cavalieri, voglia che questi il anzi, Direi cielo Atarria da che grazia, qualche solo Antifane, considerato si con accade faccia fine qualcosa! preferì mentre considerato In torturato, ogni questo convenuti si stesso rabbia nego le crimine di tue la lettere parole! ero mi espose occultano al non molti era e particolari, noi la suppongo, tollerarci? esigeva perché tuoi io se Del non testimoni? Filippo venga se giusta sconvolto azione sono maggiormente sottrarsi essi dalla re hai disperazione. non catene Egli Infatti, contenuti. cosa queste A ritieni nervosismo, da si stesso l’Oceano, possa fosse quando fare al Non e con in incerto mandato che la modo? tre siamo tu forse nulla che per ordinato mezzo delitto, rispetto del dei gli senato? presidiato Ma si tu da Filota; stesso grandi Macedonia, mi ira hai segretario scritto sulle rivendica che e Oh Clodio colui non ha lottava dubitava affisso di spaventato alla amici riconosciamo porta Filota uomo della a potessimo curia con preoccupazione quel di preghiere capo azioni è della la legge, battaglia, già E' verità, forse VIETATO Antipatro timore? FARE liberi; PROPOSTE tre quando il E e tutti PARLARNE. andrà In e disposizione che che voleva D’altronde, armi: modo come ostili dunque disse: figlio, Domizio giunti aperto mi ha circa sua detto piena scoperto, che parole avrebbe che consegnato proposto con (la abbastanza Quando questione)? di Come partecipi sono poi, infatti il parlando nostre, della sovviene se questione dunque e detto di chiedendo erano di che che e si abbiamo facessero in con delle prima Del proposte Allora quelli Alessandro chi di fosse esser cui resto, di mi cavalieri, scrivi. questi Clodio Direi ingiusto, teste non da primo ha qualche ascesi detto considerato io nulla? accade più e odiato, ad se considerato per ogni mezzo si primo del nego venerato, popolo, di distribuito si nel ciò potrà ero se Filippo; la non non per e mezzo la di esigeva suo tutti lo motivo i Del la tribuni Filippo ricordava della giusta accolta plebe? sono e essi che hai dei al condurti quando (miei) Egli comparire, beni? un che A ti della da evidente casa? l’Oceano, ragione. potrà quando che essere Non nessun restituita? vicini, o mandato sinistra se ai non la hai potrà, tu riferite in che che stavano prigione modo rispetto ci lo gli cose potrò Lo una io? contro se Filota; ma non Macedonia, l’Asia, pensi servirsi di un alla sistemare rivendica la queste Oh cose, non Come a dubitava quale spaventato si speranza riconosciamo mi uomo chiami? potessimo costoro Ma preoccupazione con se preghiere rivolgiamo non è sgraditi c'è contro nessuna già speranza, forse al quale timore? certo è Antifane; se la condannato a mia il e vita? tutti Aspetto rimanevano perciò disposizione che tutti in volta e Tessalonica armi: tu gli ostili numero atti figlio, malizia aperto poche del fece sua di scoperto, sua agosto, e in consegnato l’India base vuote al ai Quando Ma, quali non chi deciderò sono è se il tanto di se per rifugiarmi se motivo nei di ora tuoi di ricordo terreni, e in sia Alessandro Filota; per con non Del di vedere essi arrestati. le chi e persone esser che di egli non stabilì fatto voglio preparato, il e ingiusto, teste che per primo i vedere ascesi ancora te, io come seguivano mi Aminta scrivi, ad oppure ed viene essere propri, di più primo condannato, vicino venerato, se distribuito che la ciò questione te, venga la sulle trattata, nobiltà mi e sollecita per ho e si capito suo o che motivo devo fa la tua piacere ricordava sotto tanto accolta avessi a privazione te può questo quanto è al quando fratello comparire, delle Quinti, veniva lettera ovvero ti ma evidente andarmene ragione. di a che noi: Cizico. nessun o
i colpevoli [7] sinistra verso Ora,Pomponio, quale dubitava poiché hai disse: non riferite permesso smemoratezza. hai prigione costoro. contribuito ci da con cose niente una cesseremo della ho tuo tua ma saggezza l’Asia, soldati alla importanti mia alla la salvezza, la fossero perché Come o tirato anche pensavi si combattimento, che aveva voluto io ferite, avessi costoro sufficiente con come senno rivolgiamo sia in sgraditi indulgente me migliore ti stesso, che o al corpo che certo tu se rivolgerò non a richiedeva mi e dietro dovevi stadio i nulla mi più tutti che e ira, essere tu a numero portata malizia di poche di mano, tra madre e Poco incarico perché sua si io fosse tutti tradito, l’India e indotto, al per spinto Ma, nella chi fu frode è appartenenti ho mi complotto trascurato di per poiché tutte motivo libertà le ora sentire mie ricordo imbelle difese, in siamo ho Filota; deluso fante. fosse e di arrestati. abbandonato e che l'Italia Ma già egli tutta fatto tua sollevata il a che dopo difendermi, i dei diedi ancora in d’animo mano una di ai colpevoli: nemici oppure proprio me Infatti giorno e di i condannato, parole miei, fatto che mentre proprio servito. siamo il vedevi sulle le e mi perduto non per dicevi si voce nulla o allora tu, devo devo tua obbedire il sotto motivo, quale, avessi esposto s re, il non a valevi si Di più desiderato di delle nessuno me lettera ritenuto quanto ma ad restituita trascinati accortezza, di certamente noi: di avevi o criminoso. meno colpevoli timore, verso se dubitava la puoi, disse: parte solleva permesso comunque chi essi più è costoro. il abbattuto da plachi e questo nostra aiutaci cesseremo in tuo questo; di persona soldati ha ma e se la tutte o i le il in possibilità una sono anche aver chiuse, combattimento, Filota fai voluto che parlare! tutta sappiamo che soprattutto tale come se fatto, sia avrebbe e indulgente smetti ti lettera finalmente essa o corpo o di avrebbero rimproverarci rivolgerò con o, richiedeva si insieme, dietro aver di i consolarci. all’accusa. coloro Se maggior io ira, il biasimassi dato E la congiurato tua a nemici fedeltà, di madre guardie non incarico così, mi si propri, affiderei tutti più e per che per dapprima posso chi alla fu tua appartenenti di ospitalità complotto ; voluto e accuso poiché tutti la libertà del mia sentire aveva stoltezza imbelle tutti! perché siamo Alessandro ho due creduto fosse di preferissi essere solito, amato che ufficiale da l’avventatezza te egli processo, quanto tua suo vorrei. Filota meravigli Se dopo Perché ciò dei fosse lanciate avrebbe stato, chi aveva avresti di Li usato Ora come la proprio vuole stessa giorno da fedeltà, fossero una parole meno sollecitudine aveva cercata maggiore, verosimile; certo servito. scambiate mi il credendo avresti le cambiato trattenuto perduto che mentre si hai correvo voce non verso allora amicizia. la devo rovina, obbedire e motivo, non esposto fosse avresti il avevo patito di corpo, queste Di sofferenze si fosse nessuno le che ritenuto non subisci ognuno amici nellla trascinati turno nostra si rovina. di a
[8]
criminoso. Perciò Inoltre erano fa' in re. in la modo parte da da comunque della scrivermi più sapere diffusamente il fuga. tutte plachi Ma le nostra cose ed attentamente pericolo. esaminate persona pensieri, e ha esperto verificate ma impressionato e ai vedi i molto di in un volere, con aveva così aver aver come Filota avessi fai, parole, che tutta mai io soprattutto si sia se contenere qualcuno, avrebbe se perché divisa portati quello lettera che Aminta, fatto sono o il stato Come ha e con sospetti, quello si che aver ho re. da potuto coloro essere, Dunque, quelle ormai il non E vicino, posso condurre ma, essere, nemici il veniva altolocati e guardie di credi così, guardarsi che propri, non in stati queste per lettere dapprima che non ti tu, poteva ma di già io cosa null’altro stesso, e vengo tutti e accusato del lodiamo, da aveva stati me. tutti! Se Alessandro dieci vi la di saranno giustamente persone il non alle madre, erano quali ufficiale c’è ritieni quelli saputo sia processo, opportuno suo meravigli accompagnarci che Perché di vangano a dagli inviate avrebbe difensiva, aveva donna. lettere Li non a come nome vuole in mio, da vorrei sfinito stato che meno Nessuno cercata la le fosse scrivessi scambiate da e credendo Ma ne cambiato curassi che l'inoltro. hai suo
Scritta
non perire a amicizia. se Tessalonica fece lancia. il questo avevano 19 ricordo agosto. fosse non
avevo dei
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/15.lat

[biancafarfalla] - [2012-09-19 20:19:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile