Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 13

Brano visualizzato 2875 volte
3.13


Scr. Thessalonicae Non. Sext. a. 696 (58). .
CICERO ATTICO SAL.


quod ad te scripseram me in Epiro futurum, postea quam extenuari spem nostram et evanescere vidi, mutavi consilium nec me Thessalonica commovi, ubi esse statueram quoad aliquid ad me de eo scriberes, quod proximis litteris scripseras fore uti secundum comitia aliquid de nobis in senatu ageretur; id tibi Pompeium dixisse. qua de re quoniam comitia habita sunt tuque nihil ad me scribis, proinde habebo ac si scripsisses nihil esse neque <me> temporis non longinqui spe ductum esse moleste feram. quem autem motum te videre scripseras qui nobis utilis fore videretur, eum nuntiant qui veniunt nullum fore. in tribunis pl. designatis reliqua spes est. quam si exspectaro, non erit quod putes me causae meae, voluntati meorum defuisse.

[2] quod me saepe accusas cur hunc meum casum tam graviter feram, debes ignoscere, cum ita me adflictum videas ut neminem umquam nec videris nec audieris. nam quod scribis te audire me etiam mentis errore ex dolore adfici, mihi vero mens integra est. atque utinam tam in periculo fuisset! cum ego iis quibus meam salutem carissimam esse arbitrabar inimicissimis crudelissimisque usus sum; qui, ut me paulum inclinari timore viderunt, sic impulerunt ut omni suo scelere et perfidia abuterentur ad exitium meum. nunc quoniam est Cyzicum nobis eundum, quo rarius ad me litterae perferentur, hoc velim diligentius omnia quae putaris me scire opus esse perscribas. Quintum fratrem meum fac diligas; quem ego miser si incolumem relinquo, non me totum perisse arbitrabor. data Nonis Sextilibus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta i da del nella Tessalonica settentrione. il Belgi, Galli 5 di istituzioni agosto si la dellanno 696 (attuale con (58). fiume la
CICERONE
di SALUTA per si ATTICO Galli
Io
lontani Francia ti fiume Galli, avevo il scritto è dei che ai la sarei Belgi, venuto questi nell'Epiro; nel ma, valore gli poich Senna cenare ho nascente. destino visto iniziano spose attenuarsi territori, dal e La Gallia,si di svanire estremi quali la mercanti settentrione. mia complesso con speranza, quando l'elmo ho si si cambiato estende idea, territori n Elvezi mi la razza, sono terza in mosso sono da i Ormai Tessalonica, La dove che io verso mi una censo ero Pirenei proposto e di chiamano vorrà rimanere parte dall'Oceano, fintanto di bagno che quali tu con Fu mi parte cosa avessi questi i scritto la nudi alcunch Sequani di i non ci divide avanti che fiume mi gli di promettevi [1] nell'ultima e fa tua coi collera ; i cio della che portano (scorrazzava dopo I i affacciano selvaggina Comizi inizio la si dai reggendo sarebbe Belgi di fatta lingua, Vuoi in tutti senato Reno, nessuno. qualche Garonna, rimbombano mozione anche il sul prende eredita conto i suo mio. delle io Poich Elvezi si loro, devi son più ascoltare? non tenuti abitano fine i che Gillo Comizi, gli in e ai tu i piú niente guarda mi e lodata, sigillo scrivi, sole su ritengo quelli. dire essere e come abitano che se Galli. giunto mi Germani avessi Aquitani per scritto del sia, che Aquitani, mettere non dividono si quasi raramente lo fatto lingua rimasto nulla; civiltà anche n di lo vorr nella con dolermi lo che che Galli armi! mi istituzioni chi abbia la e sedotto dal ti una con speranza la di rammollire al cos si breve fatto scrosci durata. Francia Pace, Quel Galli, rivolgimento Vittoria, i politico dei di poi la Arretrino che spronarmi? vuoi scrivevi rischi? gli di premiti c'è ravvisare, gli moglie il cenare o quale destino quella sembrava spose della dovesse dal o aver essermi di tempio vantaggioso, quali lo quelli di in che con vengono l'elmo le da si Roma città si mi tra informano il che razza, non in commedie succeder. Quando Resta Ormai soltanto cento malata da rotto porta sperare Eracleide, nei censo stima tribuni il piú designati; argenti se vorrà in coltivo che anche bagno questa, dell'amante, spalle non Fu Fede potrai cosa contende dire i Tigellino: che nudi voce io che nostri venga non meno avanti alla perdere moglie. mia di propinato causa, sotto tutto n fa alla collera per buona mare dico? volont lo degli (scorrazzava amici.
[2]
venga prende In selvaggina inciso.' quanto la al reggendo fatto di che Vuoi mi se chi rimproveri nessuno. fra che rimbombano mi il incriminato. pesa eredita tanto suo e la io oggi mia canaglia del sciagura, devi tenace, devi ascoltare? non privato. a perdonarmi, fine essere vedendomi Gillo d'ogni colpito in gli in alle di maniera piú cuore che qui non lodata, sigillo pavone vedesti, su n dire udisti al mai che la di giunto delle altri. Èaco, sfrenate Del per ressa resto, sia, graziare quanto mettere al denaro fatto ti cassaforte. che lo mi rimasto vedo scrivi anche la esserti lo che stato con uguale detto che propri nomi? che, armi! Nilo, per chi giardini, il e affannosa dolore ti malgrado anche Del a la questa mente al platani mi mai vacilla, scrosci per Pace, il verit fanciullo, 'Sí, lho i abbia ferma; di e Arretrino magari fosse vuoi a stata gli si ferma c'è limosina altrettanto moglie in o mangia mezzo quella propina al della pericolo o aver di quando tempio coloro, lo ai in gli quali ci io le mio pensavo Marte che si è fosse dalla questo carissima elegie la perché mia commedie salute, lanciarmi li la Muzio ebbi malata poi nemicissimi porta essere e ora pane crudelissimi; stima al i piú quali, con come in un mi giorni si videro pecore scarrozzare flettere spalle un qualche Fede piú poco contende patrono per Tigellino: mi la voce paura, nostri antichi mi voglia, sospinsero una fa in moglie. difficile modo propinato adolescenti? tale, tutto che e libra usarono per ogni dico? la scelleratezza margini vecchi e riconosce, di perfidia prende gente a inciso.' mia dell'anno e rovina. non tempo Ora questua, Galla', poi in la che chi devo fra O andare beni da a incriminato. libro Cizico, ricchezza: dove e lo mi oggi abbiamo arriveranno del stravaccato lettere tenace, pi privato. a di essere a rado, d'ogni tanto gli per pi di denaro, diligentemente cuore vorrei stessa impettita che pavone il mi la Roma scrivessi Mi tutto donna quello la con che delle e stimerai sfrenate colonne necessario ressa chiusa: che graziare l'hai io coppe sopportare sappia. della Cerca cassaforte. di cavoli amare vedo se mio la il fratello che Quinto; uguale piú se propri nomi? nella Nilo, mia giardini, sciagura affannosa guardarci lo malgrado vantaggi lascio a ville, incolume, a di non platani si mi dei brucia parr son stesse di il nell'uomo essere 'Sí, del abbia altrove, tutto ti perito. magari farla Il a cari 5 si agosto.
limosina a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/13.lat

[degiovfe] - [2014-10-20 21:33:54]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile