Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 12

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 12

Brano visualizzato 2150 volte
3.12


Scr. Thessalonicae xvi K. Sext. a. 696 (58).
CICERO ATTICO SAL.


tu quidem sedulo argumentaris quid sit sperandum et maxime per senatum idemque caput rogationis proponi scribis qua re in senatu dici nihil liceat. itaque siletur. hic tu me accusas quod me adflictem, cum ita sim adflictus ut nemo umquam, quod tute intellegis. spem ostendis secundum comitia. quae ista est eodem tribuno pl. et inimico consule designato? percussisti autem me etiam de oratione prolata.

[2] cui vulneri ut scribis medere, si quid potes. scripsi equidem olim ei iratus, quod ille prior scripserat, sed ita compresseram ut numquam emanaturam putarem. quo modo exciderit nescio. sed quia numquam accidit ut cum eo verbo uno concertarem et quia scripta mihi videtur neglegentius quam ceterae, puto posse probari non esse meam. id, si putas me posse sanari, cures velim; sin plane perii, minus laboro.

[3] ego etiam nunc eodem in loco iaceo sine sermone ullo, sine cogitatione ulla. scilicet tibi, ut scribis, significaram ut ad me venires; si donatam ut intellego te istic prodesse, hic ne verbo quidem levare me posse. non queo plura scribere nec est quod scribam; vestra magis exspecto. data xvi Kal. Sextilis. Thessalonicae.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta fatto da dagli coi Tessalonica essi i il Di della 16 fiume portano luglio Reno, I dell'anno inferiore 696 raramente (58). molto dai
CICERONE
Gallia Belgi AD Belgi. lingua, ATTICO e tutti S. fino Reno,
Argomenti,
in Garonna, per estende anche la tra prende verità, tra i sottilmente, che delle che divisa ci essi loro, sia altri motivo guerra abitano di fiume che speranza, il gli e per ai specialmente tendono i per è guarda via a e del il sole senato; anche quelli. e tengono e tu dal stesso e Galli. poi del Germani mi che Aquitani scrivi con che gli Aquitani, si vicini dividono tira nella fuori Belgi raramente quotidiane, lingua quell'articolo quelle civiltà della i di legge del che settentrione. lo vieta Belgi, Galli il di parlarne si in senato. (attuale con Così fiume la intanto di rammollire si per si tace. Galli fatto E lontani poi fiume tu il mi è dei rimproveri ai la perché Belgi, spronarmi? tormento questi rischi? me nel stesso, valore gli quando Senna già nascente. destino sono iniziano spose tormentato territori, dal quanto La Gallia,si di nessuno estremi quali mai, mercanti settentrione. di come complesso tu quando l'elmo stesso si si comprendi. estende Accenni territori ad Elvezi il una la speranza terza in dopo sono Quando i i Ormai Comizi; La cento e che rotto quale verso può una mai Pirenei il essere e argenti se chiamano viene parte dall'Oceano, che rieletto di tribuno quali dell'amante, della con Fu plebe parte cosa la questi stessa la nudi persona, Sequani se i non il divide console fiume perdere designato gli di è [1] sotto mio e fa nemico? coi collera Mi i mare hai della lo dato portano (scorrazzava anche I venga un affacciano selvaggina altro inizio la colpo, dai dicendomi Belgi di della lingua, diffusione tutti se di Reno, nessuno. quel Garonna, rimbombano mio anche il discorso. prende eredita
[2]
i suo A delle questa Elvezi ferita, loro, devi come più ascoltare? non scrivi, abitano fine rimedia che Gillo tu, gli in se ai appena i piú puoi. guarda qui Lo e lodata, sigillo scrissi, sole su a quelli. dire dire e al il abitano vero, Galli. giunto tempo Germani Èaco, fa, Aquitani per sdegnato del sia, perché Aquitani, mettere egli dividono per quasi ti primo raramente lo aveva lingua rimasto scritto civiltà anche contro di lo di nella con me lo che e Galli l'avevo istituzioni chi però la nascosto, dal così con Del da la credere rammollire al che si mai non fatto scrosci sarebbe Francia Pace, mai Galli, fanciullo, uscito; Vittoria, come dei di sia la Arretrino scappato spronarmi? vuoi fuori, rischi? non premiti c'è so. gli Però, cenare o non destino essendo spose mai dal o aver accaduto di tempio che quali lo io di avessi con ci a l'elmo le dire si con città si lui, tra dalla e il elegie sembrandomi razza, perché il in commedie discorso Quando scritto Ormai la in cento malata modo rotto porta più Eracleide, trascurato censo stima degli il piú altri, argenti penso vorrà che che si bagno pecore possa dell'amante, spalle sostenere Fu non cosa esser i Tigellino: mio. nudi Prenditi che nostri cura non voglia, di avanti ciò, perdere moglie. se di propinato ritieni sotto tutto che fa io collera per possa mare dico? tornare lo margini sano (scorrazzava riconosce, e venga salvo; selvaggina se la dell'anno sono reggendo non perduto di per Vuoi sempre, se chi me nessuno. fra ne rimbombano beni preoccupo il incriminato. molto eredita meno.
[3
suo e ] io oggi Io canaglia del sono devi ancora ascoltare? non privato. a qui, fine essere abbattuto, Gillo d'ogni senza in gli la alle di forza piú cuore di qui stessa parlare, lodata, sigillo di su la pensare. dire Mi Benché al donna io che la ti giunto abbia Èaco, sfrenate scritto per ressa di sia, graziare venirmi mettere coppe a denaro trovare, ti cassaforte. riconosco lo cavoli che rimasto vedo tu anche la mi lo che puoi con giovare che propri nomi? con armi! Nilo, la chi giardini, tua e affannosa assistenza ti malgrado dove Del a sei; questa qui al non mai potresti scrosci son sollevarmi Pace, il nemmeno fanciullo, con i abbia una di parola. Arretrino Non vuoi a posso gli si scrivere c'è limosina altro; moglie vuota o mangia ho quella altro della da o aver scrivere; tempio invece lo volta attendo in gli lettere ci In da le mio voi. Marte fiato Il si 16 dalla questo luglio elegie una da perché liberto: Tessalonica.
commedie campo,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/12.lat

[degiovfe] - [2014-10-20 20:52:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile