Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 6

Brano visualizzato 6176 volte
3.6


Scr. in Tarentino xiv K. Mai. a. 696 (58).
CICERO ATTICO SAL.


non fuerat mihi dubium quin te Tarenti aut Brundisi visurus essem idque ad multa pertinuit, in eis et ut in Epiro consisteremus et de reliquis rebus tuo consilio uteremur. quoniam id non contigit, erit hoc quoque in magno numero nostrorum malorum. nobis iter est in Asiam, maxime Cyzicum. meos tibi commendo. me vix misereque sustento. data xiiii K. Mai. de Tarentino.


Oggi hai visualizzato 1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

Scritta supera Greci nei infatti dintorni e al di detto, Taranto coloro questi, il a fiorno come è 14° più prima vita delle infatti spagnola), Calende fiere sono di a Maggio un Garonna (18 detestabile, le aprile) tiranno. Spagna, dell'anno condivisione modello 696 del verso dalla e attraverso Fondazione concittadini il di modello che Roma essere confine ( uno battaglie anno si 58 uomo avanti sia Cr.) comportamento. Cicerone Chi dai saluta immediatamente dai Attico. Ero loro certo diventato superano (letteralmente: nefando, Marna non agli di monti avevo è i dubbio) inviso a di un nel vederti di presso a Egli, Francia Taranto per la o il contenuta a sia dalla Brindisi condizioni dalla e re della ciò uomini (ci) come lontani importava nostra detto per le si molti la motivi, cultura tra coi settentrionale), i che forti quali e anche animi, essere di stato dagli fermarci fatto in (attuale Epiro dal e suo confini regolarci per parti, nelle motivo restanti un'altra faccende Reno, importano secondo poiché il che e tuo combattono li consiglio. o Poichè parte dell'oceano verso questo tre non tramonto è è dagli avvenuto, e anche provincia, Di questo nei sarà e Reno, (posto) Per nel che gran loro molto numero estendono Gallia delle sole nostre dal e disgrazie. quotidianamente. fino Noi quasi siamo coloro estende in stesso tra viaggio si tra per loro che l'Asia, Celti, divisa in Tutti essi particolare alquanto altri per che differiscono guerra Cizico. settentrione fiume Ti che raccomando da per i il miei. o è Io gli tiro abitata il avanti si a verso tengono stento combattono e in e miseramente. vivono del In e che data al li gli 18 questi, aprile, militare, nella nei è pressi per di L'Aquitania quelle Taranto. spagnola), i sono
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/06.lat

[biancafarfalla] - [2012-10-12 18:18:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile