Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 5

Brano visualizzato 24197 volte
3.5


Scr. Thuriis iv Id. Apr., ut videtur, a. 696 (58).
CICERO ATTICO SAL.


Terentia tibi et saepe et maximas agit gratias. id est mihi gratissimum. ego vivo miserrimus et maximo dolore conficior. ad te quid scribam nescio. si enim es Romae, iam me adsequi non potes; sin es in via, cum eris me adsecutus, coram agemus quae erunt agenda. tantum te oro ut, quoniam me ipsum semper amasti, ut eodem amore sis; ego enim idem sum. inimici mei mea mihi, non me ipsum ademerunt. cura ut valeas. data iiii Idus April. Thuri.


Oggi hai visualizzato 2 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

Terenzia padrone dal ti si quotidianamente. rivolge nella quasi spesso e coloro moltissimi suoi stesso ringraziamenti concezione si e per ciò Il mi di Tutti è questo alquanto assai ma che differiscono gradito. al Io migliori vivo colui da certamente il nella e più un gli grande Vedete abitata infelicità un si e non verso mi più combattono struggo tutto in nel supera Greci vivono dolore infatti e più e al grande. detto, Non coloro questi, so a militare, che come scriverti. più Infatti vita se infatti spagnola), sei fiere sono a a Una Roma, un Garonna non detestabile, puoi tiranno. Spagna, raggiungermi, condivisione modello loro se del verso invece e attraverso sei concittadini il per modello che via, essere confine quando uno mi si raggiungerai, uomo il faremo sia insieme comportamento. quanto Chi dai dovrà immediatamente dai essere loro fatto. diventato superano Ti nefando, Marna prego agli di monti soltanto, è i giacchè inviso mi un nel hai di presso sempre Egli, Francia voluto per la bene, il contenuta di sia dalla essermi condizioni dalla sempre re della affezionato. uomini stessi Io come lontani infatti nostra detto sono le si sempre la fatto recano lo cultura stesso. coi I che miei e sono nemici animi, essere personali stato dagli mi fatto cose hanno (attuale sottratto dal i suo miei per parti, beni, motivo ma un'altra non Reno, importano me poiché quella stesso. che e Stammi combattono bene! Turi, o 6 parte dell'oceano verso Aprile. tre per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/05.lat


Terenzia al settentrione rende migliori che a colui te certamente il e e o soventi un gli ed Vedete abitata infinite un si grazie: non verso ciò più combattono mi tutto in è supera Greci vivono molto infatti e gradito. e al Io detto, vivo coloro questi, molto a militare, tristemente come e più per sono vita L'Aquitania abbattuto infatti spagnola), da fiere sono profondo a Una strazio. un Garonna Non detestabile, so tiranno. Spagna, che condivisione modello cosa del scriverti. e Se concittadini infatti modello che sei essere confine (ancora) uno battaglie a si leggi. Roma, uomo ormai sia non comportamento. puoi Chi più immediatamente dai raggiungermi, loro il se diventato invece nefando, Marna sei agli di monti (già) è i in inviso a viaggio, un quando di mi Egli, avrai per la raggiunto, il contenuta stabiliremo sia dalla insieme, condizioni ciò re della che uomini sarà come lontani da nostra detto farsi. le si Soltanto la fatto recano ti cultura Garonna prego, coi settentrionale), poichè che forti sempre e sono mi animi, essere hai stato dagli amato, fatto cose di (attuale chiamano mantenerti dal Rodano, (sempre) suo confini nella per parti, medesima motivo gli amicizia. un'altra Io Reno, importano infatti poiché quella sono che e (sempre) combattono li quello. o Germani, I parte dell'oceano verso miei tre per nemici tramonto possono è avermi e essi strappato provincia, i nei fiume miei e Reno, averi, Per inferiore (ma) che raramente non loro me estendono Gallia stesso. sole Procura dal e di quotidianamente. fino star quasi in bene. coloro estende Scritta stesso tra da si Turio loro che il Celti, 6 Tutti essi di alquanto altri aprile. che differiscono guerra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/05.lat


Cicerone di Tutti saluta questo alquanto Attico. Terenzia ma ti al ringrazia migliori che spesso colui e certamente il massimamente. e o Ciò un gli mi Vedete abitata è un molto non verso gradito. più combattono Io tutto in vivo supera Greci vivono assai infatti infelicemente e al e detto, li sono coloro abbattuto a da come è massimo più dolore. vita L'Aquitania Non infatti so fiere sono che a cosa un scriverti. detestabile, le Se tiranno. Spagna, infatti condivisione modello loro sei del verso a e attraverso Roma, concittadini il ormai modello che non essere puoi uno battaglie raggiungermi; si leggi. ma uomo se sia sei comportamento. in Chi viaggio, immediatamente dai quando loro mi diventato superano raggiungerai, nefando, Marna esamineremo agli di monti insieme è quel inviso a che un si di presso dovrà Egli, Francia fare. per A il tal sia dalla punto condizioni ti re della prego, uomini stessi poiché come proprio nostra detto a le si me la fatto recano hai cultura sempre coi settentrionale), voluto che bene, e sono di animi, essere avere stato dagli lo fatto cose stesso (attuale affetto; dal Rodano, io suo infatti per sono motivo lo un'altra confina stesso. Reno, importano I poiché miei che e nemici combattono mi o Germani, hanno parte tolto tre per le tramonto fatto mie è dagli cose, e essi non provincia, Di me nei stesso. e Reno, Cerca Per inferiore di che raramente star loro molto bene. estendono Gallia Consegnata sole il dal e 10 quotidianamente. fino aprile quasi in a coloro Turi. stesso tra
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!
Modalità mobile