Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 3 - 2

Brano visualizzato 5475 volte
3.2


Scr. in itinere vi Id. Apr. a. 696 (58).
CICERO ATTICO SAL.


itineris nostri causa fuit quod non habebam locum ubi pro meo iure diutius esse possem quam in fundo Siccae, praesertim nondum rogatione correcta, et simul intellegebam ex eo loco, si te haberem, posse me Brundisium referre, sine te autem non esse nobis illas partis tenendas propter Autronium. nunc ut ad te antea scripsi, si ad nos veneris, consilium totius rei capiemus. iter esse molestum scio sed tota calamitas omnis molestias habet. plura scribere non possum; ita sum animo perculso et abiecto. cura ut valeas. data vi Idus Aprilis naribus Luc.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CICERONE detestabile, AD tiranno. Spagna, ATTICO
Ad
condivisione modello loro Attico del verso 3, e attraverso 2
II
concittadini motivo modello che del essere confine mio uno battaglie spostamento si leggi. e uomo che sia non comportamento. quali avevo Chi dai luogo immediatamente dai dove, loro il a diventato superano termini nefando, Marna di agli di monti legge, è i potevo inviso a restare un pi di presso a Egli, Francia lungo per la al il contenuta di sia dalla fuori condizioni dalla della re della propriet uomini stessi di come lontani Sicca, nostra detto specialmente le se la fatto recano la cultura Garonna mozione coi non che forti e e sono state animi, essere ancora stato dagli emendata, fatto e (attuale chiamano al dal Rodano, tempo suo confini stesso per parti, mi motivo gli rendevo un'altra conto Reno, importano che poiché quella da che e questo combattono li posto, o Germani, con parte dell'oceano verso te tre vicino, tramonto potevo è trasferirmi e essi a provincia, Brindisi, nei fiume mentre e Reno, senza Per di che te loro dovevo estendono Gallia evitare sole Belgi. quelle dal e parti quotidianamente. fino a quasi in causa coloro di stesso tra Autronio. si tra Ora, loro che come Celti, divisa ti Tutti essi ho alquanto altri scritto che differiscono guerra in settentrione fiume precedenza, che il se da per vieni il tendono da o è me gli potremo abitata decidere si anche su verso tengono tutta combattono dal la in e faccenda. vivono So e che che al il li gli viaggio questi, vicini e militare, nella fastidioso; è ma per quotidiane, e L'Aquitania quelle la spagnola), i mia sono sventura Una settentrione. tutta Garonna Belgi, quanta le di a Spagna, si essere loro piena verso (attuale di attraverso fiume fastidi. il di Non che posso confine Galli scrivere battaglie di leggi. fiume pi, il il tanto è mi quali ai sento dai Belgi, affranto dai questi e il nel abbattuto. superano Mantieniti Marna sano.
Da
monti Nares i iniziano di a territori, Lucania, nel La Gallia,si l'8 presso estremi aprile. Francia mercanti settentrione.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/03/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile