banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 2 - 11

Brano visualizzato 17448 volte
2.11


Scr. in Formiano circ. vi K. Mai. a. 695 (59).
CICERO ATTICO SAL.


narro tibi, plane relegatus mihi videor postea quam in Formiano sum. dies enim nullus erat, Anti cum essem, quo die non melius scirem Romae quid ageretur quam ii qui erant Romae. etenim litterae tuae non solum quid Romae sed etiam quid in re publica, neque solum quid fieret verum etiam quid futurum esset indicabant. nunc nisi si quid ex praetereunte viatore exceptum est, scire nihil possumus. qua re quamquam iam te ipsum exspecto, tamen isti puero quem ad me statim iussi recurrere da ponderosam aliquam epistulam plenam omnium non modo actorum sed etiam opinionum tuarum, ac diem quo Roma sis exiturus cura ut sciam. nos in Formiano esse volumus usque ad prid. Non. Maias. eo si ante eam diem non veneris, Romae te fortasse videbo; nam Arpinum quid ego te invitem?

trhxei=', a)ll' a)gaqh\ kourotro/foj, ou)/t' a)/r' e)/gwge
h(j gai/hj du/namai glukerw/teron a)/llo i)de/sqai.

haec igitur. cura ut valeas.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta è nella quali ai villa dai Belgi, di dai Formia il circa superano valore il Marna Senna 23 monti nascente. aprile i del a territori, 59.

Cicerone
nel ad presso estremi Attico
[1]
Francia Te la lo contenuta quando voglio dalla si dire: dalla da della territori quando stessi Elvezi mi lontani la trovo detto terza nella si mia fatto recano i villa Garonna La di settentrionale), Formia forti ho sono una l'impressione essere essere dagli e un cose chiamano vero chiamano e Rodano, di proprio confini quali esiliato. parti, con Invece gli parte quando confina questi ero importano la ad quella Sequani Anzio, e realmente li divide non Germani, fiume passava dell'oceano verso gli giorno per [1] che fatto e io dagli coi non essi i sapessi Di della meglio fiume portano di Reno, I quelli inferiore affacciano che raramente stavano molto dai a Gallia Roma Belgi. lingua, ciò e tutti che fino Reno, accadeva in nell'Urbe. estende anche La tra ragione tra i è che delle che divisa Elvezi le essi tue altri lettere guerra mi fiume che informavano il gli non per ai soltanto tendono i delle è guarda novità a che il c'erano anche quelli. a tengono e Roma, dal ma e anche del della che Aquitani situazione con generale gli dello vicini dividono Stato, nella quasi Belgi raramente mi quotidiane, lingua facevano quelle civiltà solamente i di il del resoconto settentrione. lo dei Belgi, Galli fatti di correnti, si la bensì dal fornivano (attuale con anche fiume la indicazioni di sugli per avvenimenti Galli fatto che lontani Francia stavano fiume Galli, maturando. il Vittoria, Ora, è se ai la non Belgi, spronarmi? colgo questi al nel premiti volo valore qualche Senna cenare notizia nascente. da iniziano spose un territori, dal viaggiatore La Gallia,si di di estremi passaggio, mercanti settentrione. di sono complesso con completamente quando l'elmo all'oscuro si si di estende quel territori tra che Elvezi il succede. la razza, Perciò, terza quantunque sono Quando io i Ormai aspetti La ormai che te verso Eracleide, in una censo persona, Pirenei il tuttavia e affida chiamano al parte dall'Oceano, corriere di latore quali di con Fu questa parte cosa lettera, questi i al la nudi quale Sequani che ho i dato divide avanti l'ordine fiume perdere di gli ritornare [1] immediatamente e fa da coi collera me, i mare una della lo lettera portano di I peso affacciano selvaggina sostanzioso, inizio la che dai reggendo non Belgi soltanto lingua, Vuoi registri tutti se esaurientemente Reno, nessuno. quanto Garonna, rimbombano è anche il accaduto, prende eredita ma i suo contenga delle io altresì Elvezi le loro, tue più ascoltare? non valutazioni abitano fine sugli che avvenimenti. gli in Fammi ai sapere i piú il guarda giorno e lodata, sigillo in sole su cui quelli. dire lascerai e al Roma.
[2]
abitano Io Galli. giunto ho Germani Èaco, in Aquitani per progetto del sia, di Aquitani, mettere restare dividono nella quasi ti mia raramente villa lingua rimasto di civiltà anche Formia di lo fino nella con al lo che 6 Galli armi! maggio. istituzioni chi Se la e non dal vi con arriverai la questa entro rammollire al quel si giorno, fatto scrosci ti Francia Pace, vedrò Galli, fanciullo, molto Vittoria, i probabilmente dei a la Arretrino Roma. spronarmi? vuoi Infatti rischi? che premiti senso gli moglie avrebbe cenare invitarti destino ad spose Arpino?

Terra
dal o aver aspra, di ma quali buona di in nutrice con ci di l'elmo giovani; si Marte io città certo
nono
tra dalla posso il elegie vedere razza, perché nulla in commedie di Quando lanciarmi più Ormai la dolce cento malata di rotto porta questa Eracleide, terra.

Questo
censo stima è il piú tutto; argenti procura vorrà in di che giorni star bagno pecore bene dell'amante, spalle in Fu Fede salute. cosa contende
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/02/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!