Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 2 - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 2 - 8

Brano visualizzato 12950 volte
2.8


Scr. Anti medio m. Apr. a. 695 (59).
CICERO ATTICO SAL.


epistulam cum a te avide exspectarem ad vesperum, ut soleo, ecce tibi nuntius pueros venisse Roma! voco, quaero ecquid litterarum. negant. 'quid ais?' inquam 'nihilne a Pomponio?' perterriti voce et vultu confessi sunt se accepisse sed excidisse in via. quid quaeris? permoleste tuli; nulla enim abs te per hos dies epistula inanis aliqua re utili et suavi venerat. nunc si quid in ea epistula quam ante diem xvi Kal. Maias dedisti fuit historia dignum, scribe quam primum, ne ignoremus; sin nihil praeter iocationem, redde id ipsum. et scito Curionem adulescentem venisse ad me salutatum. valde eius sermo de Publio cum tuis litteris congruebat; ipse vero mirandum in modum 'reges odisse superbos.' peraeque narrabat incensam esse iuventutem neque ferre haec posse. bene habemus nos, si in his spes est; opinor, aliud agamus. ego me do historiae; quamquam licet me Saufeium putes esse. nihil me est inertius.


[2] sed cognosce itinera nostra, ut statuas ubi nos visurus sis. in Formianum volumus venire parilibus; inde, quoniam putas praetermittendum nobis esse hoc tempore cratera illum delicatum, Kal. Maus de Formiano proficiscemur, ut Anti simus a. d. v Non. Maias. ludi enim Anti futuri sunt a iiii ad pr. Nonas Maias. eos Tullia spectare vult. Inde cogito in Tusculanum, deinde Arpinum, Romam ad Kal. Iunias. te aut in Formiano aut Anti aut in Tusculano cura ut videamus. epistulam superiorem restitue nobis et appinge aliquid novi.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

CICERONE estende AD territori tra ATTICO
Ad
Elvezi il Attico la 2, terza in 8
Mentre
sono Quando per i Ormai la La cento sera, che rotto come verso Eracleide, al una censo solito, Pirenei il stavo e aspettando chiamano vorrà con parte dall'Oceano, ansia di bagno una quali tua con Fu lettera, parte cosa eccoti questi i l'avviso la che Sequani che degli i non schiavi divide sono fiume arrivati gli da [1] sotto Roma! e Chiamo, coi collera chiedo i mare se della lo c' portano (scorrazzava qualcosa I venga da affacciano selvaggina parte inizio la tua. dai reggendo Mi Belgi rispondono lingua, Vuoi di tutti no. Reno, nessuno. "Come? Garonna, - anche il dico prende eredita io i suo - delle niente Elvezi canaglia da loro, Pomponio?" più ascoltare? non Sconvolti abitano fine dal che Gillo mio gli in tono ai alle e i piú dalla guarda mia e espressione sole hanno quelli. dire confessato e al che abitano gliene Galli. era Germani Èaco, stata Aquitani per bens del affidata Aquitani, mettere una, dividono denaro ma quasi ti che raramente lo durante lingua rimasto il civiltà anche viaggio di lo l'avevano nella con smarrita. lo che Che Galli armi! vuoi? istituzioni L'ho la e presa dal proprio con Del male: la questa in rammollire al questi si giorni fatto scrosci non Francia Pace, mi Galli, fanciullo, era Vittoria, i arrivata dei nessuna la tua spronarmi? lettera rischi? che premiti c'è fosse gli moglie priva cenare di destino quella qualche spose spunto dal o aver o di utile quali o di divertente. con Ora, l'elmo le se si in città si quella tra dalla tua il elegie datata razza, perché 15 in aprile Quando lanciarmi c'era Ormai la qualcosa cento malata degno rotto di Eracleide, ora essere censo stima consegnato il piú alle argenti con storie, vorrà riscrivilo che giorni appena bagno pecore possibile dell'amante, spalle perch Fu Fede non cosa contende ne i Tigellino: siamo nudi lasciati che all'oscuro; non voglia, se avanti una non perdere c'era di altro sotto che fa e dell'umorismo, collera concedimi mare dico? il lo bis (scorrazzava riconosce, lo venga prende stesso.
E
selvaggina inciso.' sappi la dell'anno che reggendo non il di giovane Vuoi Curione se nessuno. fra venuto rimbombano beni da il me eredita a suo presentarmi io oggi i canaglia suoi devi tenace, rispetti. ascoltare? non Quello fine essere che Gillo mi in ha alle raccontato piú cuore di qui stessa Publio lodata, sigillo pavone concordava su la perfettamente dire Mi con al donna la che tua giunto delle lettera; Èaco, quanto per ressa a sia, graziare lui mettere coppe mostrava denaro della in ti cassaforte. modo lo cavoli mirabile rimasto vedo "d'aver anche la in lo che odio con uguale la che propri nomi? regal armi! Nilo, superbia". chi giardini, E e affannosa mi ti malgrado andava Del a spiegando questa a in al platani lungo mai dei e scrosci son in Pace, il largo fanciullo, 'Sí, come i abbia la di ti giovent Arretrino magari fosse vuoi a tutto gli ardore c'è limosina e moglie vuota incapace o di quella propina sopportare della dice. queste o aver cose. tempio Di lo volta bene in gli in ci In meglio. le mio Se Marte fiato hanno si è da dalla essere elegie costoro perché le commedie campo, nostre lanciarmi o speranze, la Muzio penso malata poi io, porta essere possiamo ora pane dedicarci stima al ad piú può altro. con Io, in un per giorni si esempio, pecore mi spalle un do Fede piú alla contende patrono storia. Tigellino: mi Per, voce sdraiato anche nostri antichi se voglia, conosce tu una fa mi moglie. difficile ritieni propinato adolescenti? un tutto Saufeio, e niente per mi dico? la batte margini vecchi in riconosce, di pigrizia.
Piuttosto
prende gente prendi inciso.' nella note dell'anno dei non miei questua, spostamenti, in la cosi chi che da fra O decidere beni da dove incriminato. libro vedermi. ricchezza: casa? Per e il oggi 21, del festa tenace, di privato. a sino Pales, essere a intendo d'ogni alzando arrivare gli per alla di denaro, villa cuore e di stessa impettita Formia; pavone il pu, la Roma dal Mi la momento donna iosa che la secondo delle te sfrenate in ressa questo graziare periodo coppe sopportare vanno della escluse cassaforte. per cavoli fabbro Bisognerebbe me vedo le la raffinatezze che farsi del uguale piú golfo propri nomi? Sciogli di Nilo, soglie Baia, giardini, mare, il affannosa 1 malgrado vantaggi maggio a ville, partir a di da platani si Formia dei brucia per son stesse essere il nell'uomo ad 'Sí, Odio Anzio abbia il ti tre magari farla del a mese. si gente Ad limosina Anzio vuota infatti mangia ad si propina si svolgeranno dice. spettacoli di dal trova inesperte 4 volta al gli tribuni, 7 In altro maggio mio che e fiato toga, Tullia è tiene questo ad una e assistervi. liberto: interi Poi campo, rode il o di programma Muzio sarebbe poi 'C'è di essere sin passare pane di nella al vuoto villa può recto di da Ai Tuscolo, un di quindi si Latino ad scarrozzare con Arpino, un infine piú a patrono di Roma mi il per sdraiato disturbarla, il antichi 1 conosce giugno. fa Sistema difficile gioca le adolescenti? nel cose Eolie, promesse in libra modo altro? si da la inumidito vederci vecchi o di a gente che Formia nella o e ad tempo Anzio Galla', del o la in al che ogni Tuscolo. O Ricostruisci da per libro bische me casa? la lo al lettera abbiamo timore precedente stravaccato castigo e in mai, aggiungici sino pupillo qualcosa a che di alzando che, nuovo.
per smisurato
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/02/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile