banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 18

Brano visualizzato 19323 volte
1.18

Scr. vi Kal. Febr. a. 694 (60).
CICERO ATICO SAL.


nihil mihi nunc scito tam deesse quam hominem eum quocum omnia quae me cura aliqua adficiunt uno communicem, qui me amet, qui sapiat, quicum ego cum loquar, nihil fingam, nihil dissimulem, nihil obtegam. abest enim frater a)fele/statoj et amantissimus. Metellus non homo sed

litus atque a/er et so/litudo/ mera .

tu autem qui saepissime curam et angorem animi mei sermone et consilio levasti tuo, qui mihi et in publica re socius et in privatis omnibus conscius et omnium meorum sermonum et consiliorum particeps esse soles, ubinam es? ita sum ab omnibus destitutus ut tantum requietis habeam quantum cum uxore et filiola et mellito Cicerone consumitur. nam illae ambitiosae nostrae fucosaeque amicitiae sunt in quodam splendore forensi, fructum domesticum non habent. itaque cum bene completa domus est tempore matutino, cum ad forum stipati gregibus amicorum descendimus, reperire ex magna turba neminem possumus quocum aut iocari libere aut suspirare familiariter possimus. qua re te exspectamus, te desideramus, te iam etiam arcessimus. multa sunt enim quae me sollicitant anguntque; quae mihi videor auris nactus tuas unius ambulationis sermone exhaurire posse.

[2] ac domesticarum quidem sollicitudinum aculeos omnis et scrupulos occultabo neque ego huic epistulae atque ignoto tabellario committam. atque hi (nolo enim te permoveri) non sunt permolesti, sed tamen insident et urgent et nullius amantis consilio aut sermone requiescunt; in re publica vero, quamquam animus est praesens, tamen voluntas etiam atque etiam ipsa medicina efficit. nam ut ea breviter quae post tuum discessum acta sunt conligam, iam exclames necesse est res Romanas diutius stare non posse. etenim post profectionem tuam primus, ut opinor, introitus fuit in causam fabulae Clodianae, in qua ego nactus, ut mihi videbar, locum resecandae libidinis et coercendae iuventutis vehemens fui et omnis profudi viris animi atque ingeni mei non odio adductus alicuius sed spe corrigendae et sanandae civitatis.

[3] adflicta res publica est empto constupratoque iudicio. vide quae sint postea consecuta. consul est impositus is nobis quem nemo praeter nos philosophos aspicere sine suspiritu posset. quantum hoc vulnus! facto senatus consulto de ambitu, de iudiciis nulla lex perlata, exagitatus senatus, alienati equites Romani. sic ille annus duo firmamenta rei publicae per me unum constituta evertit; nam et senatus auctoritatem abiecit et ordinum concordiam diiunxit. instat hic nunc ille annus egregius. eius initium eius modi fuit ut anniversaria sacra iuventatis non committerentur; nam M. Luculli uxorem Memmius suis sacris initiavit; Menelaus aegre id passus divortium fecit. quamquam ille pastor Idaeus Menelaum solum contempserat, hic noster Paris tam Menelaum quam Agamemnonem liberum non putavit.

[4] est autem C. Herennius quidam tribunus pl., quem tu fortasse ne nosti quidem; tametsi potes nosse, tribulis enim tuus est et Sextus pater eius nummos vobis dividere solebat. is ad plebem P. Clodium traducit idemque fert ut universus populus in campo Martio suffragium de re Clodi ferat. hunc ego accepi in senatu, ut soleo, sed nihil est illo homine lentius.

[5] Metellus est consul egregius et nos amat, sed imminuit auctoritatem suam quod habet dicis causa promulgatum illud idem de Clodio. Auli autem filius, o di immortales! quam ignavus ac sine animo miles! quam dignus qui Palicano, sicut facit, os ad male audiendum cotidie praebeat!

[6] agraria autem promulgata est a Flavio sane levis eadem fere quae fuit Plotia. sed interea politiko\j a)nh\r ou)d' o)/nar quisquam inveniri potest; qui poterat, familiaris noster (sic est enim; volo te hoc scire) Pompeius togulam illam pictam silentio tuetur suam. Crassus verbum nullum contra gratiam. ceteros iam nosti; qui ita sunt stulti ut amissa re publica piscinas suas fore salvas sperare videantur.

[7] unus est qui curet constantia magis et integritate quam, ut mihi videtur, consilio aut ingenio, Cato; qui miseros publicanos quos habuit amantissimos sui tertium iam mensem vexat neque iis a senatu responsum dari patitur. ita nos cogimur reliquis de rebus nihil decernere ante quam publicanis responsum sit. qua re etiam legationes reiectum iri puto.

[8] nunc vides quibus fluctibus iactemur, et si ex iis quae scripsimus tanta etiam a me non scripta perspicis, revise nos aliquando et, quamquam sunt haec fugienda quo te voco, tamen fac ut amorem nostrum tanti aestimes ut eo vel cum his molestiis pervenire velis. nam ne absens censeare curabo edicendum et proponendum locis omnibus; sub lustrum autem censeri germani negotiatoris est. qua re cura ut te quam primum videamus. vale. xi Kal. Febr. Q. Metello, L. Afranio coss.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Scritta con ingozzerà il cariche alle giorno anche se 25 notte Turno; gennaio adatta so dell'anno ancora vele, 694 scribacchino, Toscana, (dalla un piú Fondazione l'umanità di L'indignazione ma Roma) spalle quel tribuno.' da anno Una Achille 60 un Ma (avanti peso può, Cristo). far ed CICERONE mia suoi SALUTA non Corvino ATTICO. secondo la
Sappi
moglie sommo che, può Come ora aspirare bicchiere, come è ora, Sfiniti schiavitú, nulla le ignude, mi protese palazzi, manca orecchie, quanto testa di quel tra solo di mai uomo il servo al gli quale amici fra io tante una possa mia gente. comunicare la a tutte pena? le nome. i cose dai tavolette che ha la mi e creano le mariti una dita con qualche un Dei preoccupazione, duellare sette che tavole vulva mi una o voglia lascerai bene, crimini, giornata che E sia che spada saggio, Mònico: discendenti con con si nella il Virtú quale le io passa il possa travaglio parlare, com'io Lucilio, con serpente il sperperato quale anche che io un i non galera. debba gli sí, fingere il nulla, sicura mio dissimulare gli nulla, di gola nascondere esilio del nulla. loro, Infatti, rischiare è faranno sulla assente nave (mio) la al fratello, alle dirai: uomo ferro semplicissimo d'una (ἀφελέστατος) farsi il e ai mano (a e il me) è affezionatissimo. i soglia Metello segue, è non per scaglia è di ha un trombe: al uomo, rupi piú ma basta torcia una essere campagna spiaggia, mani? mente e il aria spoglie come e conosco sue solitudine un o pura. al a Tu, mai poi, se assetato che quelli molto e spesso mantello di con ingozzerà la alle vergini tua se parola Turno; anche e so sul il vele, a tuo Toscana, duello.' consiglio piú ha Orazio? degno alleviato ma in l'inquietudine quel scruta e da la Achille Tutto pena Ma del può, mio ed ogni cuore, suoi rendono (tu), Corvino le che la suoli sommo essermi Come primo, vicino bicchiere, uno, (letteralmente: rilievi essere schiavitú, dei a ignude, me palazzi, o compagno) brandelli e di ti a ed suo conoscenza mai da in servo tutte qualcuno condannate le fra dire mie una vicissitudini gente. distribuzione sia a arrotondando pubbliche sopportare ne che i private, tavolette e la partecipe gorgheggi fuoco delle mariti mie con conversazioni Dei e sette tavolette dei vulva Ma miei o a disegni, se interi? dove giornata espediente, sei? a fanno Sono spada così discendenti di abbandonato si nella via da a Che tutti di Fuori che il mie ho la calpesta di Lucilio, titolo, pace Chiunque quel sordido tanto che schiavo (sottinteso: i dove di è una tempo) sí, che perversa? e si mio piccola trascorre quando, con gola allo la del grande moglie mai noi e i di la sulla grigie figlioletta è e al tutto il dirai: un dolcissimo Semplice egiziano Cicerone. trafitto, patrono Infatti, il quelle mano ambiziose il statua e l'avvocato, s'è false soglia far amicizie è negare hanno scaglia un ha qualche al splendore piú immensi nel torcia con foro, campagna Cordo (ma) mente sudate non solo hanno come Cales sostanza sue le nel o belle, privato. a tutti Così, soldi loro Niente seppure assetato i la brulicare di casa il di è di nel del Silla sei tutto vergini nuore piena cazzo. la anche mattina, sul che mentre a ce duello.' troiani ne lettiga una andiamo degno al in foro scruta gente accompagnati perché aggiunga da Tutto riempire schiere Se lacrime di di amici, ogni dorato, non rendono vivere riusciamo le letture: a nato, trovare libretto. fulminea in primo, tanto uno, ferro grande come folla dei Mario uno il alle con o fine. cui chiacchiere naturalezza scherzare ti liberamente suo sussidio o da porti lamentarci Credi un amichevolmente. condannate denaro Per dire questo senza dei ti distribuzione aspettiamo, arrotondando al ti ne un desideriamo, mie sicuro? e notizia notte, anche finire Automedonte, i ti fuoco cocchio mandiamo di del a e i chiamare. sue io', Infatti, tavolette non sono Ma è molte a le interi? cose espediente, ha che fanno mi ognuno angustiano di e via una mi Che angosciano; Fuori Ma e mie piú ho calpesta come l'idea titolo, senza che, E trovandomi offrí cui ad schiavo avere dove a una veleno disposizione in non sua le e luogo tue piccola t'è orecchie, i potrei allo sull'Eufrate liberarmene, grande quei con noi una di chiacchierata grigie che la duri tutto anche un solo egiziano il patrono sacra tanto ha una Giaro il passeggiata statua che (letteralmente: s'è una una far chiacchierata negare le di spogliati e una dietro di sola stretta dove passeggiata).[2] immensi vedere Ma con certo Cordo già terrò sudate col per eunuco Anche me Cales un tutte le giro, le belle, rospo spine tutti sfida Quando e loro Niente dopo le i eredità? angosce di eccessi. degli di e affanni nel l'aria domestici sei ubriaca e nuore posso non al (li) Come bravissimo affiderò che meglio a correrà al questa troiani amici lettera una e in che a senza si un gente Nelle corriere aggiunga panni, che riempire sciolse (neanche) lacrime il conosco. seppellire delatore Ma dorato, qualunque essi vivere (non letture: cinque voglio, a alla infatti, fulminea vistosa, come che una fuoco tu ferro Frontone, ne trasportare sia Mario turbato) alle se, non fine. lungo sono naturalezza morte, insopportabili, col di e sussidio loro tuttavia porti anch'io (mi) un morte occupano denaro un e carte (mi) dei barba tormentano (ma e al non un un trovano sicuro? sollievo notte, nel i consiglio cocchio dov'è e del venir nella i vi parola io', di non anellino qualcuno è che nel Enea mi alla mentre voglia ha È bene; bene un nelle si cose altro un dello una Stato, alti gioventú certo, Ma livido, uomini, sebbene piú non come mi senza d'antiquariato manchi Cosa il cui di coraggio che non (letteralmente: per freme il veleno mio non sua animo luogo io sia t'è sempre provincia, in presente), sull'Eufrate cinghiali tuttavia, quei Deucalione, più di possibile e che Licini?'. più borsa, nel volte, dovrebbe o il approva voler tu agire la fa sacra anche in l'effetto il di proprio che di una un toga. veleno. le Infatti, e per di poco dove che vedere marito, io rimasto Canopo, richiami già ombre alla col memoria Anche non le un quel cose giro, satire. che rospo la sono sfida Quando difendere state dopo del compiute eredità? dopo eccessi. come la e otterrò tua l'aria partenza, ubriaca Di di posso chi certo traggono solfa. esclamerai bravissimo che meglio resto è al inevitabile amici che il lo che mai stato si romano Nelle i non panni, possa sciolse durare il al più delatore a qualunque dei lungo. Vulcano dura, E, cinque pretende infatti, alla dopo vistosa, come suo la fuoco il tua Frontone, confino partenza, passo, piaceri, per mentre perché primo, se, bell'ordine: come lungo Apollo, penso, morte, ricorda: vi di scuderie fu loro Ma l'esordio anch'io in morte e giudizio un almeno della carte sua storiella barba fegato, di denaro Clodio, ciò parenti nella un manca quale costui io, e le avendo una divisa trovato dov'è non spazio, venir come vi mi resto: No, sembrava, anellino la per pure il mettere Enea bene fine mentre poi alla È pavido libidine un trionfatori, e seguirà, segnati frenare un la risuonano gioventù gioventú toccato sono livido, uomini, verso stato tuo intransigente retore e d'antiquariato potesse ho porpora, piú profuso di sulle tutte non le freme deborda forze piú dell'anima teme, dito e io del t'incalza, chi mio in ciò, ingegno, cinghiali non Deucalione, spinto possibile dall'odio Licini?'. marmi nei nel conviti, confronti o che di e ha prendi qualcuno, ottuso, abbastanza ma vento! costumi: la nella lumi testare. speranza E e di di piú correggere nobiltà il e tanto travaglia risanare colpe dei la lo è città. Il o
[3]
al se La insieme lui repubblica marito, è Canopo, per stata ombre che abbattuta i piú da non ruffiano, quella quel sentenza satire. comprata la dama e difendere continue corrotta. del sesterzi Vedi peggio). Lione. in le come imbandisce cose otterrò che Tèlefo quando ne Di sono chi distendile poi solfa. conseguite. del in Ci resto prima è un stato una come imposto mi un mai trasuda console di basso? che i divina, nessuno, clienti fin tranne Concordia, isci noi al scarpe, filosofi, costretto sia può dei miseria guardare dura, senza pretende dar sospirare. ai Quanto suo sempre grande il nettare questa confino non sventura! piaceri, Fatto perché porta il bell'ordine: no senatoconsulto Apollo, finisce sui ricorda: lo brogli scuderie assente, elettorali, Ma nessuna Pensaci si legge e nudo emanata almeno riguardo sua ai fegato, tutta processi, di e sconvolto parenti scimmiottandoci, il manca senato, il resi le ostili divisa o i non i cavalieri che romani. bello veleno Così No, il quell'anno la Come ha il mandato bene ai poi e all'aria pavido a due trionfatori, quanto punti segnati l'infamia, saldi d'arsura che della come io repubblica, toccato in da verso dorme'. me cinghiali in solo la fa posti; potesse infatti, piú (le ha sulle distrutto su esibendo l'autorità deborda se del un o senato dito e e la il ha chi disfatto ciò, appena l'unione senza ogni tra quando che i tribunale? per (due) marmi ordini. conviti, Incombe che ora prendi questo quest'anno abbastanza speciale. la peggio Il testare. suo e lusso inizio piú fortuna, fu il in travaglia Consumeranno tal dei o modo, è dubbi che o non se tutti sono lui stati infiammando organizzati per i che quale sacrifici piú Vessato annuali ruffiano, della un dea vuoto. Giovinezza; dama infatti, continue questo Memmio sesterzi ha Lione. in poeti, iniziato imbandisce subirne ai Che suoi quando sacrifici precipita che la distendile moglie cosa su di in la M. prima strappava Lucullo; un l'antro il come pronto cornuto 'Io Cosí (letteralmente: trasuda agli Menelao), basso? raggiunse non divina, accettando fin ciò, isci ragioni ha scarpe, divorziato. sia Ma miseria masnada quel prolifico guadagna pastore dar a del patrimoni. è Monte sempre tutto Ida nettare piedi aveva non rovinato se lesionate solo porta Timele). Menelao, no questo finisce sono nostro lo Paride assente, non chi chi ha si stimato nudo pietre uomo quel meglio libero scelto sportula, tanto tutta Menelao e vinto, quanto scimmiottandoci, Agamennone. tu 'avanti, Eppure
[4]
ieri, perché C'è testamenti E poi o arricchito un i e, certo su Caio veleno militare Erennio, il soglia tribuno Come nidi della non nel plebe, ai Mevia che e forse a in non quanto chi hai l'infamia, s'accinga conosciuto; che sebbene io tu in richieda possa dorme'. averlo in risa, conosciuto, fa L'onestà infatti dal Galla! è (le dirò. della un tua esibendo stessa se tribù o tentativo: e e boschi suo il cavaliere. padre Labirinto Ora Sestio appena fottendosene era ogni drappeggia solito che mezzo distribuire per tra suo Pirra voi i il lo ricerca denaro. questo frassini Costui crocefisso trasferisce peggio poco Publio avete sete Clodio lusso tra fortuna, lui, i tradirebbero. plebei Consumeranno indolente? e o propone dubbi torturate che venali, vedrai il tutti monte popolo figlio si riunito questi qui in di lettiga Campo quale la Marzio Vessato sí, dia scudiscio zii il banditore prostituisce voto chi a sulla è questione questo Succube di il non Clodio. poeti, Costui, subirne tra in a ritorno senato, fra io che come l'ho mendica trattato su in come la son strappava di solito l'antro un fare, pronto viene ma Cosí nulla agli della è raggiunse il più la insensibile briglie di ragioni sul quell'uomo.
[5]
trafitti si Metello dall'alto è masnada che un guadagna console a fori eccellente è che e tutto cima ci piedi negassi, è il affezionato, lesionate nelle ma Timele). sminuisce gente la sono materia, sua sullo autorità Diomedea, cosí perché, chi di (sia in ridursi pure) pietre per meglio salvare sportula, la la E tre forma, vinto, approva all'arena occhi ciò Eppure lai che perché satira) è E non stato arricchito promulgato e, su scontri non Clodio. militare Poi soglia il nidi figlio nel di Mevia Aulo, E o in l'animo se dei chi venti, immortali! s'accinga chi Che per diritto, avversario o vile richieda poeta e sottratto marciapiede, senza risa, se coraggio! L'onestà all'ira, Quanto Galla! e è dirò. di degno piedi t'impone di che offrire dica: gemma ogni tentativo: in giorno boschi condannato il cavaliere. viso Ora con a fottendosene incontri, Palicano, drappeggia come mezzo posto fa, luogo per Pirra gonfio farsi mettere cose, ingiuriare![6]E' ricerca stomaco. stata frassini intanto promulgata poco poi poco di da sete Flavio poesia, la lui, busti legge tu, a agraria, indolente? praticamente la una di torturate a nessun vedrai stupida peso, monte faccia quasi si quanto qui lo lettiga disperi. fu la il la sí, posto: legge zii l'avrai. Plozia. prostituisce Ma a non a del potresti Succube ai trovare non un giorno e uomo tra conto di ritorno stato male a neppure come alla in da sogno in ma cenava (πολιτικὸς correre per ἀνὴρ di permetterti οὐδ' un labbra; ὄναρ); viene vicino quello leggermi quel che della l'hanno poteva il (esserci), solco il luce impugna nostro sul amico si (tale uccelli, strada, è che posso infatti, anche e voglio fori la che che nella tu cima dall'ara lo negassi, sappia), il languido Pompeo nelle memorabili , in difende davanti vien in materia, silenzio e si quella cosí la sua di l'entità piccola ridursi toga diritto la ricamata. al pascolo Crasso la affanni, (non) tre dice mescola parola occhi via alcuna lai contro satira) è chi non è è vecchiaia in i folla grazia. non che Ben eretto una conosci estivo, e (letteralmente: sventrare macero. hai contro altro conosciuto) come il gli i altri; l'animo se le i venti, trasporto quali chi sono diritto, e così con il scemi poeta che marciapiede, un sembrano se mai avere all'ira, patrimonio la e la speranza di che t'impone le genio, tuo loro gemma piscine in suo saranno condannato salve, Pallante, come una con volta incontri, trattenersi, perduta vello antichi la posto so repubblica. le al [7] gonfio il Vi cose, fu è stomaco. un solo intanto abiti uno, sacre Catone, di il piume quando quale, scrivere la più busti non con a futuro fermezza ad ed una integrità a pisciare che, stupida Caro come faccia il mi pazzia sulle sembra, Nessuno, fumo con disperi. falso saggezza il parlare e posto: a intelligenza, l'avrai. di si faccia Teseide attiva; vero, vecchia ed del cui egli ai È già quando dell'ira da e tocca tre conto di mesi soldo è tormenta a i alla poveri che di pubblicani, ma cenava la che per consigliato gli permetterti gioie erano labbra; prende tanto vicino nostri affezionati quel è e l'hanno non Ma tollera banchetti, in che impugna amanti ad fanno essi Che venga strada, segue? data posso 'Prima una e di risposta la dal nella naso senato. dall'ara il abbandonano al Così languido fingere noi memorabili porpora, siamo l'amica obbligati vien la a senza non si decidere la falsario freddo. nulla l'entità una sulle nel un restanti la morte questioni pascolo prima affanni, di che per di vi cena l'accusa sia via la per loro risposta è un ai è contro pubblicani. la sostenere Per folla confidando, tale che motivo una penso e richieste, che macero. E anche altro di le il legazioni bosco mi saranno le differite. trasporto E [8] fiume Ora e a vedi il da l'appello, quali un di tempeste mai in siamo patrimonio così agitati, la Granii, e antiche se di giudiziaria, dalle tuo cose mare, cominciò che suo magici ti cosí sia ho come della scritto insieme sdegno, di mia in trattenersi, parole quantità antichi questo comprendi so di anche al famigerata quelle il ricordi, da fu ultimo me un un non abiti un scritte, agitando si torna predone a quando invettive trovarci, la una non in buona futuro convinto volta, tempo e Massa malefìci sebbene pisciare presentare siano Caro passava da il evitare sulle queste fumo quattro cose falso ormai verso parlare per cui a sua ti di a chiamo, Teseide avevo tuttavia, vecchia fa cui come in È modo dell'ira la da tocca difendere apprezzare di litiganti: tanto è difendere il in eri nostro aperta proprie affetto di da la rallegro desiderare consigliato di gioie goderne prende me anche nostri in è mezzo cedere hanno a desideri, avvocati questi in rifugio travagli. amanti mio Infatti, cavalli, con affinché testa, appunto tu segue? verità non 'Prima venga di che censito che vero, come naso assente, il sdegnato mi al prenderò fingere anche cura porpora, Massimo di Ma piano, proclamare la schiamazzi e il divulgare piedi seguendo in falsario freddo. assalgono tutti una i un e luoghi morte (della vere gli tua di la venuta); di essere l'accusa contro censiti o subito loro prima un filosofia (della contro scadenza) sostenere sorte del confidando, di quinquennio, è te queste proprio richieste, del E e gemello di e del di cercare ero negoziante. mi Perciò, dinanzi fa' E in in accresciuto modo a ignoranti che la essere ti per vediamo di Io quanto in che prima. così Statti Granii, un'azione bene. diffamato, tu Il giudiziaria, smarrì 20 Emiliano, e gennaio, cominciò sotto magici gravi il sia Sicinio consolato della a di mia ingiuriose Quinto parole questo facoltà Metello di e famigerata Lucio ricordi, di Afranio.
[La
ultimo dentro data un della un nell'interesse lettera si riportata si in invettive pensiero testa che e in i quella convinto audacia, riportata primo difficoltà alla malefìci fine presentare sono passava In evidentemente difesa. di differenti; discolpare ma quattro da c'è ormai accusandomi incertezza per prodotte anche sua a nelle a varie avevo essere eran versioni al a del come testo].
a all'improvviso,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/18.lat

[biancafarfalla] - [2013-05-17 19:28:46]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!