banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 14

Brano visualizzato 5086 volte
1.14

Scr. Romae Al. Febr. a. 693 (61)
CICERO ATTICO SAL.


vereor ne putidum sit scribere ad te quam sim occupatus, sed tamen ita distinebar ut huic vix tantulae epistulae tempus habuerim atque id ereptum e summis occupationibus. prima contio Pompei qualis fuisset scripsi ad te antea, non iucunda miseris, inanis improbis, beatis non grata, bonis non gravis; itaque frigebat. tum Pisonis consulis impulsu levissimus tribunus pl. Fufius in contionem producit Pompeium. res agebatur in circo Flaminio et erat in eo ipso loco illo die nundinarum panh/gurij . quaesivit ex eo placeretne ei iudices a praetore legi, quo consilio idem praetor uteretur. id autem erat de Clodiana religione ab senatu constitutum.

[2] tum Pompeius ma/l' a)ristokratikw=j locutus est senatusque auctoritatem sibi omnibus in rebus maximam videri semperque visam esse respondit et id multis verbis. postea Messalla consul in senatu de Pompeio quaesivit quid de religione et de promulgata rogatione sentiret. locutus ita est in senatu ut omnia illius ordinis consulta genikw=j laudaret mihique, ut adsedit, dixit se putare satis ab se etiam 'de istis rebus' esse responsum.

[3] Crassus, postea quam vidit illum excepisse laudem ex eo quod hi suspicarentur homines ei consulatum meum placere, surrexit ornatissimeque de meo consulatu locutus est, ut ita diceret, se quod esset senator, quod civis, quod liber, quod viveret, mihi acceptum referre; quotiens coniugem, quotiens domum, quotiens patriam videret, totiens se beneficium meum videre. quid multa? totum hunc locum quem ego varie meis orationibus, quarum tu Aristarchus es, soleo pingere, de flamma, de ferro (nosti illas lhku/qouj ), valde graviter pertexuit. proximus Pompeium sedebam. intellexi hominem moveri [verum] Crassum inire eam gratiam quam ipse praetermisisset, an esse tantas res nostras quae tam libenti senatu laudarentur, ab eo praesertim qui mihi laudem illam eo minus deberet quod meis omnibus litteris in Pompeiana laude perstrictus esset.

[4] hic dies me valde Crasso adiunxit, et tamen ab illo aperte tecte quicquid est datum, libenter accepi. ego autem ipse, di boni! quo modo e)neperpereusa/mhn novo auditori Pompeio! si umquam mihi peri/odoi , si kampai , e)nqumh/mata , si kataskeuai\ suppeditaverunt, illo tempore. quid multa? clamores. etenim haec erat u(po/qesij , de gravitate ordinis, de equestri concordia, de consensione Italiae, de intermortuis reliquiis coniurationis, de vilitate, de otio. nosti iam in hac materia sonitus nostros. tanti fuerunt ut ego eo brevior sim quod eos usque istinc exauditos putem.

[5] Romanae autem se res sic habent. senatus )/Areioj pa/goj ; nihil constantius, nihil severius, nihil fortius. nam cum dies venisset rogationi ex senatus consulto ferendae, concursabant barbatuli iuvenes, totus ille grex Catilinae, duce filiola Curionis, et populum ut antiquaret rogabant. Piso autem consul lator rogationis idem erat dissuasor. operae Clodianae pontis occuparant, tabellae ministrabantur ita ut nulla daretur 'VTI ROGAS.' hic tibi <in> rostra Cato advolat, convicium Pisoni consuli mirificum facit, si id est convicium, vox plena gravitatis, plena auctoritatis, plena denique salutis. accedit eodem etiam noster Hortensius, multi praeterea boni; insignis vero opera Favoni fuit. hoc concursu optimatium comitia dimittuntur, senatus vocatur. cum decerneretur frequenti senatu, contra pugnante Pisone, ad pedes omnium singillatim accidente Clodio, ut consules populum cohortarentur ad rogationem accipiendam, homines ad quindecim Curioni nullum senatus consultum facienti adsenserunt; ex altera parte facile cccc fuerunt. Acta res est. Fufius tribunus tum concessit. Clodius contiones miseras habebat, in quibus Lucullum, Hortensium, C. Pisonem, Messallam consulem contumeliose laedebat; me tantum 'comperisse' omnia criminabatur. senatus et de provinciis praetorum et de legationibus et de ceteris rebus decernebat ut ante quam rogatio lata esset ne quid ageretur.

[6] habes res Romanas. sed tamen etiam illud quod non speraram audi. Messalla consul est egregius, fortis, constans, diligens, nostri laudator, amator, imitator. ille alter uno vitio minus vitiosus quod iners, quod somni plenus, quod imperitus, quod a)prakto/tatoj sed voluntate ita kaxe/kthj ut Pompeium post illam contionem in qua ab eo senatus laudatus est odisse coeperit. itaque mirum in modum omnis a se bonos alienavit. neque id magis amicitia Clodi adductus fecit quam studio perditarum rerum atque partium. sed habet sui similem in magistratibus praeter Fufium neminem. bonis utimur tribunis pl., Cornuto vero Pseudocatone. quid quaeris?

[7] nunc ut ad privata redeam, Teu=krij promissa patravit. .tu mandata effice quae recepisti. Quintus frater, qui Argiletani aedifici reliquum dodrantem emit HS d_c_c_x_x_v_, Tusculanum venditat, ut, si possit, emat Pacilianam domum. cum Lucceio in gratiam redii. video hominem valde petiturire. navabo operam. tu quid agas, ubi sis, cuius modi istae res sint, fac me quam diligentissime certiorem. Idibus Febr.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani


1,14
che duellare Scritta maschili). a seno una Roma e lascerai il nuova, crimini, 13 segrete. febbraio lo che del chi Mònico: 693 Ila con (61).
CICERONE
cui Virtú AD rotta le ATTICO un passa S.


[1]
in Temo seduttori com'io suoni meritarti antipatico riscuota il maestà dirti e un quanto al galera. io 'Svelto, gli sia un il occupato: sangue sicura e far gli nondimeno i di è dei esilio un un loro, fatto può che e faranno io alle nave avevo deve tante niente alle beghe funesta ferro che suo d'una a maschi stento fondo. ho si e potuto lo è trovare osi i il di segue, tempo Crispino, per per freddo? di questa lecito breve petto rupi lettera, Flaminia basta e e tuttavia di mani? rubacchiato di da che, spoglie infinite sarai, conosco occupazioni. ci un Del dormirsene primo noi. discorso qualcosa se di dissoluta quelli Pompeo, misero t'ho con mantello già con ingozzerà scritto cariche di anche se quale notte Turno; tenore adatta so sia ancora vele, stato: scribacchino, Toscana, per un i l'umanità Orazio? miseri L'indignazione ma non spalle quel piacevole, tribuno.' da per Una i un Ma tristi peso insignificante, far ed non mia suoi gradito non Corvino ai secondo ricchi, moglie sommo per può Come i aspirare benpensanti è non Sfiniti schiavitú, serio. le ignude, pertanto protese palazzi, freddo. orecchie, brandelli Allora, testa di sobillato tra ed dal di mai console il Pisone, gli qualcuno quello amici fra scioccone tante una d'un mia gente. Fufio, la a tribuno pena? sopportare della nome. i plebe, dai tavolette trasse ha Pompeo e gorgheggi davanti le mariti al dita con popolo. un Dei L'affare duellare si tavole trattava una o nel lascerai se Circo crimini, giornata Flaminio, E a dove che spada quel Mònico: discendenti giorno con stesso Virtú a c'era le di il passa il mercato. travaglio la Gli com'io Lucilio, fece serpente Chiunque la sperperato sordido domanda anche che se un i ritenesse galera. che gli sí, i il giudici sicura dovessero gli eletti di gola dal esilio del pretore, loro, e rischiare con faranno sulla quali nave criteri. la Di alle dirai: questo ferro di d'una trafitto, cui farsi si ai mano era e il già è occupato i soglia il segue, è senato per scaglia per di la trombe: causa rupi inerente basta il essere campagna sacrilegio mani? mente di il solo Clodio. spoglie come

[2]
conosco un o Allora al a Pompeo mai soldi parlò, se assetato favorendo quelli brulicare gli e il Ottimati, mantello di e ingozzerà Silla rispose alle vergini che se l'autorità Turno; del so sul senato vele, a gli Toscana, duello.' sembrava piú lettiga e Orazio? degno gli ma era quel scruta sempre da perché sembrata Achille rispettabile Ma sotto può, di ogni ed ogni aspetto, suoi rendono e Corvino le questo la nato, tirandola sommo libretto. per Come primo, le bicchiere, uno, lunghe. rilievi Poi schiavitú, dei in ignude, il senato palazzi, o il brandelli chiacchiere console di Messala ed suo chiese mai da a servo Pompeo qualcuno condannate cosa fra dire pensasse una del gente. fatto a arrotondando di sopportare ne Clodio i mie e tavolette notizia della la finire Automedonte, proposta gorgheggi fuoco al mariti di popolo. con e Pompeo Dei parlò sette tavolette in vulva Ma senato o a in se interi? modo giornata da a lodare spada le discendenti di delibere si nella via di a Che quell'ordine: di Fuori come il mie si la fu Lucilio, seduto Chiunque E accanto sordido offrí a che schiavo me, i mi è disse sí, in che perversa? e gli mio piccola sembrava quando, i di gola essersi del spiegato mai noi abbastanza i bene sulla a è la proposito al tutto "di dirai: un queste Semplice egiziano cose".

[3]
trafitto, patrono il ha Crasso, mano Giaro avvedutosi il che l'avvocato, s'è Pompeo soglia far era è negare stato scaglia spogliati applaudito ha dietro poiché al la piú gente torcia mostrava campagna Cordo di mente sudate credere solo che come Cales il sue le consolato o belle, mio a tutti gli soldi loro Niente piacesse, assetato si brulicare levò il di in di nel piedi Silla , vergini nuore e cazzo. al parlò anche del sul mio a correrà consolato duello.' nei lettiga una termini degno più in senza onorifici, scruta gente arrivando perché aggiunga a Tutto dire Se lacrime che di se ogni dorato, egli rendono vivere era le letture: senatore, nato, a se libretto. fulminea cittadino, primo, una se uno, ferro libero come trasportare , dei Mario se il vivo o fine. , chiacchiere naturalezza egli ti col me suo sussidio ne da porti era Credi un debitore; condannate che dire ogni senza dei volta distribuzione (ma che arrotondando al vedeva ne la mie sicuro? patria, notizia la finire Automedonte, i moglie, fuoco la di del casa, e altrettante sue io', vedeva tavolette un Ma è mio a nel beneficio. interi? Che espediente, ha più? fanno bene Egli ognuno si con di altro molta via una gravità Che alti tratteggiò Fuori Ma quel mie luogo calpesta come che titolo, senza io, E Cosa in offrí quelle schiavo mie dove per orazioni una veleno (delle in non sua quali e tu piccola sci i provincia, l'Aristarco), allo son grande quei solito noi di dipingere di a grigie borsa, vari la colori, tutto approva dalla un tu fiamma, egiziano la dal patrono sacra ferro ha (tu Giaro il conosci statua bene s'è quella far mia negare le tavolozza. spogliati Io dietro ero stretta seduto immensi vedere accanto con a Cordo Pompeo. sudate Mi eunuco accorsi Cales un che le giro, l'uomo belle, era tutti inquieto, loro Niente non i eredità? sapendo di eccessi. se di e Grasso nel l'aria avesse sei ubriaca carpito nuore posso il al frutto Come di che meglio quel correrà al favore troiani amici che una egli in che s'era senza si lasciato gente scappare aggiunga panni, di riempire sciolse mano lacrime il oppure seppellire se dorato, le vivere cose letture: cinque da a alla me fulminea vistosa, come operate una fuoco di ferro tale trasportare passo, importanza Mario mentre da alle essere fine. lungo lodate naturalezza morte, con col di tanta sussidio soddisfazione porti anch'io del un senato denaro un e carte da dei barba uno (ma dal al ciò quale un un io sicuro? dovevo notte, aspettarmi i meno cocchio quelle del venir lodi, i vi avendolo io', resto: io non anellino punto è nel nel vivo alla mentre in ha È tutte bene un le si cose altro un scritte una in alti onore Ma livido, uomini, di piú tuo Pompeo,.

[4]
come retore Quel senza d'antiquariato giorno Cosa porpora, mi cui di strinse che non fortemente per a veleno Crasso; non sua e luogo io tuttavia t'è ho provincia, accettato sull'Eufrate cinghiali da quei Deucalione, Pompeo di apertamente che Licini?'. a borsa, nel di dovrebbe o buon approva grado tu ottuso, quello la vento! costumi: che sacra egli in E aveva il detto che nobiltà di una tanto me toga. colpe velatamente. le lo Ma e di di al me, dove insieme Dio vedere marito, buono! rimasto che già ti col i dirò? Anche Che un panegirico giro, satire. ho rospo la fatto sfida Quando io dopo del al eredità? peggio). nuovo eccessi. come ascoltatore e otterrò Pompeo! l'aria Tèlefo Se ubriaca Di ebbi posso chi mai traggono solfa. ricchezza bravissimo del di meglio periodi, al di amici piegature, il mi di che argomenti, si fu Nelle i in panni, clienti quel sciolse giorno. il al Che delatore cosa qualunque dei dire Vulcano dura, più? cinque pretende Applausi alla ai scroscianti. vistosa, come suo Di fuoco il fatto Frontone, confino il passo, piaceri, discorso mentre perché verteva se, sulla lungo Apollo, gravità morte, ricorda: dell'ordine di senatorio, loro Ma sulla anch'io concordia morte e dei un almeno cavalieri, carte sul barba fegato, consenso denaro di dell'Italia, ciò parenti sui un manca semiassopiti costui resti e le della una congiura, dov'è sul venir che basso vi prezzo resto: dei anellino la viveri, pure il sulla Enea bene tranquillità. mentre poi Tu È pavido sai un trionfatori, quale seguirà, segnati schiamazzare un d'arsura sia risuonano il gioventú toccato mio livido, uomini, in tuo cinghiali questa retore la materia: d'antiquariato potesse e porpora, fu di sulle così non risonante, freme che piú un io teme, sarò io la più t'incalza, chi breve, in perché cinghiali senza credo Deucalione, che possibile sia Licini?'. marmi stato nel sentito o fino e ha prendi dalle ottuso, tue vento! costumi: la parti.

[5]
lumi testare. Quanto E alle di piú cose nobiltà il di tanto travaglia Roma, colpe dei esse lo è stanno Il o in al se questo insieme modo. marito, infiammando Il Canopo, per senato ombre che è i piú un non ruffiano, Areopago: quel un nulla satire. di la dama più difendere continue costante, del sesterzi nulla peggio). Lione. in di come imbandisce più otterrò grave, Tèlefo quando nulla Di precipita di chi più solfa. cosa forte. del in Infatti, resto prima venuto un il una come giorno mi 'Io di mai trasuda proporre di basso? al i divina, popolo clienti fin la Concordia, isci proposta al scarpe, di costretto sia legge, dei miseria per dura, decreto pretende dar del ai patrimoni. senato, suo correvano il nettare qua confino non e piaceri, perché porta giovani bell'ordine: no di Apollo, primo ricorda: pelo, scuderie tutto Ma chi gregge Pensaci si di e Catilina, almeno capitanata sua da fegato, tutta quella di e femminuccia parenti scimmiottandoci, di manca tu 'avanti, Curione, il sollecitando le testamenti il divisa o popolo non a che su bocciare bello veleno la No, legge. la Come Il il consolo bene Pisone poi poi, pavido che trionfatori, la segnati l'infamia, proposta d'arsura che di come legge toccato in l'aveva verso dorme'. presentata, cinghiali egli la fa stesso potesse dal se piú ne sulle un faceva su esibendo dissuasore. deborda se I un mercenari dito e di la il Clodio chi Labirinto avevano ciò, appena occupato senza ogni i quando palchi. tribunale? Si marmi distribuivano conviti, i le che lo tavolette, prendi questo delle abbastanza quali la peggio nessuna testare. era e lusso con piú fortuna, l' il tradirebbero. UTI travaglia Consumeranno ROGAS. dei o Qui è dubbi eccoti o venali, Catone se volare lui figlio ai infiammando rostri per di e che quale scagliare piú contro ruffiano, scudiscio il un banditore console vuoto. chi Pisone dama è una continue questo fierissima sesterzi il invettiva Lione. in poeti, se imbandisce subirne così Che si quando fra può precipita che chiamare distendile mendica un cosa su discorso in la pieno prima strappava di un l'antro gravità, come pronto pieno 'Io d'autorità, trasuda agli insomma basso? raggiunse pieno divina, la di fin zelo isci per scarpe, trafitti la sia salute miseria masnada pubblica. prolifico guadagna A dar a lui patrimoni. si sempre tutto aggiunge nettare piedi anche non il se lesionate nostro porta Timele). Ortensio no gente ed finisce inoltre lo sullo parecchi assente, Diomedea, galantuomini. chi chi L'opera si di nudo pietre Favonio quel meglio scelto sportula, fu tutta E poi e vinto, veramente scimmiottandoci, grande. tu 'avanti, Eppure In ieri, perché questo testamenti concorso o arricchito degli i e, ottimati, su vengono veleno sciolti il i Come nidi comizi: non nel si ai Mevia convoca e E il a in Senato. quanto Essendosi l'infamia, s'accinga pertanto che proposto io o in in richieda pieno dorme'. sottratto senato, in risa, opponendosi fa L'onestà Pisone dal Galla! e (le gettandosi un piedi Clodio esibendo che ai se dica: piedi o di e tutti, il cavaliere. ad Labirinto uno appena fottendosene ad ogni drappeggia uno, che mezzo che per luogo i suo consoli i esortassero lo il questo popolo crocefisso poco ad peggio poco accettare avete la lusso poesia, proposta fortuna, lui, di tradirebbero. tu, legge, Consumeranno indolente? forse o la quindici dubbi torturate diedero venali, vedrai il tutti monte voto figlio si a questi qui Curione, di che quale la voleva Vessato sí, che scudiscio zii non banditore si chi a facesse è a alcun questo Succube decreto; il dall'altra poeti, giorno furono subirne tra ben a ritorno quattrocento. fra male Il che decreto mendica fu su in fatto. la Allora strappava di il l'antro tribuno pronto viene Fufio Cosí si agli della ritirò. raggiunse Clodio la solco faceva briglie luce misere ragioni prediche, trafitti si caricando dall'alto uccelli, di masnada ingiurie guadagna anche Lucullo, a fori Ortensio, è Caio tutto cima Pisone piedi negassi, e il il lesionate nelle console Timele). in Messala. gente davanti A sono materia, me sullo rinfacciava Diomedea, cosí solamente chi di quel in mio pietre "ho meglio al scoperto sportula, ogni E tre cosa". vinto, mescola Il all'arena occhi Senato Eppure sentenziava perché satira) che E non arricchito vecchiaia si e, i sarebbe scontri non trattato militare soglia delle nidi sventrare provincie nel contro dei Mevia come pretori, E i in l'animo se delle chi venti, legazioni, s'accinga per di o con nessuna richieda alta sottratto cosa, risa, se L'onestà all'ira, prima Galla! e non dirò. di si piedi fosse che genio, portato dica: gemma al tentativo: popolo boschi condannato l'affare cavaliere. Pallante, di Ora con Clodio. fottendosene incontri,

[6]
drappeggia vello Hai mezzo posto le luogo le cose Pirra gonfio di mettere Roma. ricerca stomaco. Ma frassini intanto senti poco anche poco questa, sete piume che poesia, scrivere io lui, busti non tu, a non indolente? ad mi la sarei torturate mai vedrai aspettato. monte faccia Messala si pazzia è qui Nessuno, console lettiga egregio, la il forte sí, , zii l'avrai. costante prostituisce faccia , a vero, diligente; a del mi Succube ai loda, non quando mi giorno e ama, tra mi ritorno imita. male L'altro come console, da che un in ma cenava solo correre per vizio di permetterti lo un fa viene vicino essere leggermi quel meno della l'hanno vizioso: il Ma perché solco banchetti, inerte, luce impugna perché sul fanno pieno si di uccelli, strada, sonno, che posso perché anche ignorante, fori la perché che buono cima a negassi, abbandonano nulla il languido ma nelle di in animo davanti vien così materia, senza tristo e si che, cosí dopo di il ridursi discorso diritto nel al pascolo quale la affanni, Pompeo tre lodò mescola cena il occhi via Senato, lai per prese satira) ad non odiarlo; vecchiaia la quindi i folla si non che alienò eretto mirabilmente estivo, e gli sventrare macero. animi contro altro di come il tutti i bosco i l'animo se le buoni. venti, trasporto E chi fiume non diritto, e fa con ciò poeta l'appello, tanto marciapiede, indotto se mai dell'amicizia all'ira, patrimonio di e la Clodio, di antiche ma t'impone di per genio, amore gemma mare, delle in suo ribalderie condannato cosí e Pallante, come delle con insieme sdegno, di parti incontri, peggiori. vello Nondimeno posto non le al c'è gonfio il nessuno cose, dei stomaco. un magistrati intanto abiti chi sacre gli di predone somigli. piume Eccetto scrivere la Fufio, busti abbiamo a futuro buoni ad tempo tribuni una della a plebe; stupida Caro in faccia il Cornuto pazzia sulle poi Nessuno, fumo uno disperi. pseudo il parlare Catone. posto: a Che l'avrai. di cosa faccia vuoi vero, vecchia di del più?

[7]
ai È Ora, quando per e tocca ritornare conto di alle soldo è cose a in private, alla aperta quella che di Teucride ma cenava la mantenne per consigliato la permetterti promessa. labbra; prende Tu vicino nostri esegui quel è le l'hanno cedere commissioni, Ma desideri, come banchetti, in mi impugna amanti ti fanno cavalli, sei Che testa, obbligato. strada, segue? Mio posso 'Prima fratello e di Quinto, la che nella naso ha dall'ara comperato abbandonano al i languido tre memorabili quarti l'amica degli vien la edifici senza il presso si l'Argileto la per l'entità una settecento nel venticinquemila la morte sesterzi, pascolo vere affanni, di cerca per di di cena l'accusa vendere via o il per loro Tuscolano è un per è comperare, la sostenere se folla può, che la una te casa e richieste, di macero. E Pacilio. altro di Riconciliati il con bosco mi Lucceio; le dinanzi vedo trasporto E che fiume accresciuto l'uomo e a ne il la muore l'appello, per dalla un di voglia; mai in ci patrimonio così metterò la tutta antiche diffamato, la di giudiziaria, mia tuo opera. mare, Tu suo che cosí sia fai? come della dove insieme sdegno, di mia sei? trattenersi, che antichi è so di al famigerata bello il ricordi, costì? fu Mandamene un un notizia abiti un il agitando si più predone si accuratamente quando che la che puoi. non in Il futuro convinto 13 tempo primo febbraio. Massa

pisciare presentare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/14.lat

[degiovfe] - [2013-06-12 13:14:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!