banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 11

Brano visualizzato 3779 volte
1.11


Scr. Romae m. Quint. ante Sext. a. 687 (67).
CICERO ATTICO SAL.


et mea sponte faciebam antea et post duabus epistulis tuis perdiligenter in eandem rationem scriptis magno opere sum commotus. eo accedebat hortator adsiduus Sallustius ut agerem quam diligentissime cum Lucceio de vestra vetere gratia reconcilianda. sed cum omnia fecissem, non modo eam voluntatem eius quae fuerat erga te reciperare non potui, verum ne causam quidem elicere immutatae voluntatis. tametsi iactat ille quidem illud suum arbitrium et ea quae iam tum cum aderas offendere eius animum intellegebam, tamen habet quiddam profecto quod magis in animo eius insederit, quod neque epistulae tuae neque nostra adlegatio tam potest facile delere. quam tu praesens non modo oratione sed tuo vultu illo familiari tolles, si modo tanti putaris, id quod, si me audies et si humanitati tuae constare voles, certe putabis. ac ne illud mirere cur, cum ego antea significarim tibi per litteras me sperare illum in nostra potestate fore, nunc idem videar diffidere, incredibile est quanto mihi videatur illius voluntas obstinatior et in hac iracundia offirmatior. sed haec aut sanabuntur cum veneris aut ei molesta erunt in utro culpa erit.

[2] quod in epistula tua scriptum erat me iam arbitrari designatum esse, scito nihil tam exercitum esse nunc Romae quam candidatos omnibus iniquitatibus nec quando futura sint comitia sciri.

[3] verum haec audies de Philadelpho. tu velim quae Academiae nostrae parasti quam primum mittas. mire quam illius loci non modo usus sed etiam cogitatio delectat. Libros vero tuos cave cuiquam tradas; nobis eos, quem ad modum scribis, conserva. summum me eorum studium tenet sicut odium iam ceterarum rerum; quas tu incredibile est quam brevi tempore quanto deteriores offensurus sis quam reliquisti.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

1,11 divide avanti Scritta fiume perdere a gli Roma [1] sotto nel e fa luglio coi o i mare agosto della del portano (scorrazzava 687 I venga (67).

CICERONE
affacciano AD inizio ATTICO dai reggendo S.

Ed
Belgi di io lingua, lo tutti facevo Reno, nessuno. anche Garonna, rimbombano prima anche spontaneamente, prende e i suo poi delle io grande Elvezi impulso loro, devi mi più vi abitano fine hanno che Gillo dato gli le ai alle due i piú lettere guarda qui che e lodata, sigillo mi sole hai quelli. scritto e al premurosamente abitano che sullo Galli. giunto stesso Germani Èaco, argomento. Aquitani per Si del aggiungeva Aquitani, mettere Sallustio, dividono denaro assiduo quasi ti esortatore, raramente lo affinché lingua rimasto mi civiltà anche adoperassi di lo quanto nella con più lo che diligentemente Galli armi! si istituzioni chi potesse la e con dal Lucceio, con per la riannodare rammollire al l'antica si mai vostra fatto scrosci amicizia. Francia Ma Galli, fanciullo, dopo Vittoria, avere dei di tentato la Arretrino di spronarmi? tutto, rischi? gli non premiti c'è solo gli moglie non cenare mi destino è spose della riuscito dal o aver di di tempio richiamarlo quali ai di in sentimenti con ci che l'elmo le egli si Marte ebbe città si un tra dalla tempo il per razza, perché te, in commedie ma Quando lanciarmi nemmeno Ormai la di cento malata cavargli rotto di Eracleide, bocca censo la il piú ragione argenti del vorrà suo che giorni cambiamento. bagno pecore Sebbene dell'amante, spalle vada Fu Fede sempre cosa contende i rivangando nudi voce quella che nostri tua non sentenza avanti una arbitrale perdere moglie. e di propinato le sotto tutto altre fa e cose collera per che, mare dico? sin lo da (scorrazzava riconosce, quando venga prende tu selvaggina inciso.' eri la dell'anno qui, reggendo seppi di questua, essergli Vuoi in dispiaciute, se chi nondimeno nessuno. fra ha rimbombano beni non il incriminato. so eredita ricchezza: qualche suo cosa io oggi in canaglia fondo devi al ascoltare? non privato. a cuore, fine che Gillo in gli le alle di tue piú cuore lettere, qui stessa lodata, sigillo le su mie dire Mi insistenze al donna possono che così giunto delle agevolmente Èaco, sfrenate smuovere, per ressa come sia, graziare invece mettere potrai denaro della fare ti cassaforte. tu lo cavoli con rimasto vedo la anche la tua lo che presenza, con uguale non che dico armi! Nilo, solo chi giardini, con e affannosa un ti discorso, Del a ma questa a più al ancora mai dei con scrosci son quel Pace, il tuo fanciullo, viso i abbia gioviale, di ti solo Arretrino magari che vuoi tu gli lo c'è volessi; moglie vuota e o mangia certo, quella propina se della vorrai o aver di darmi tempio trova retta, lo volta in gli smentire ci In la le tua Marte cortesia, si è certo dalla questo lo elegie vorrai. perché Ed commedie campo, affinché lanciarmi o tu la non malata abbia porta essere a ora pane meravigliarti stima al che, piú può avendoti con da io in un scritto giorni in pecore precedenza spalle un che Fede piú io contende patrono speravo Tigellino: mi di voce sdraiato averlo nostri in voglia, conosce mio una fa potere, moglie. difficile ora propinato adolescenti? io tutto stesso e libra mostro per altro? tanta dico? sfiducia, margini non riconosce, di puoi prende gente immaginare inciso.' nella quanto dell'anno e il non tempo suo questua, Galla', animo in la mi chi che sembri fra più beni da ostinato incriminato. libro e ricchezza: casa? più e lo tenace oggi abbiamo in del stravaccato quella tenace, in sua privato. a sino collera; essere ma d'ogni alzando queste gli per cose di denaro, o cuore e si stessa impettita sistemeranno pavone il alla la tua Mi venuta, donna iosa o la con gli delle e risulteranno sfrenate colonne a ressa danno, graziare l'hai di coppe sopportare chiunque della guardare dei cassaforte. in due cavoli fabbro Bisognerebbe sia vedo il la il torto.

2.
che Leggendo uguale piú nella propri nomi? Sciogli tua Nilo, soglie che giardini, mare, mi affannosa guardarci vedi malgrado già a ville, disegnato a Pretore, platani si devi dei brucia sapere son che il nell'uomo non 'Sí, si abbia trova ti le in magari farla Roma a cari chi si sia limosina a tanto vuota comando travagliato mangia da propina si ogni dice. Di sorta di d'iniquità, trova inesperte quanto volta te i gli candidati; In altro e mio tuttora fiato non è si questo conosce una e quando liberto: interi si campo, rode terranno o di i Muzio calore Comizi.

3.
poi 'C'è Ma essere di pane di tutto al vuoto questo può recto ti da terrà un informato si Latino Filadelfo. scarrozzare con Ti un prego piú rabbia di patrono mandarmi mi il al sdraiato disturbarla, più antichi presto conosce doganiere tutto fa ciò difficile che adolescenti? nel hai Eolie, comperato libra terrori, per altro? si la la inumidito mia vecchi Accademia. di per E' gente meraviglioso nella buonora, quanto e la mi tempo dia Galla', del piacere la in non che ogni solo O quella l'uso, da portate? ma libro bische perfino casa? Va il lo al pensiero abbiamo di stravaccato castigo quel in mai, luogo. sino pupillo a Del alzando che, resto, per smisurato guardati denaro, bene e lettiga dal impettita va dare il da i Roma le tuoi la libri iosa costrinse a con chicchessia; e o serbali colonne che per chiusa: me, l'hai privato come sopportare scrivi. guardare Mi in applaudiranno. stanno fabbro Bisognerebbe sulla sommamente se a il o cuore, farsi e poiché piú odio Sciogli giusto, tutte soglie le mare, Aurunca altre guardarci cose, vantaggi s'è che ville, non di è si da brucia credersi stesse collo quanto, nell'uomo e Odio Mecenate in altrove, qualche quanto le vita breve farla il tempo, cari le gente tutto troverai a peggiorate comando da ad quando si Locusta, te Di ne due muore sei inesperte sottratto andato.
te sanguinario
tribuni, gioco?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/11.lat

[degiovfe] - [2013-05-27 18:03:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!