Splash Latino - Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 8

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Cicerone - Epistulae - Ad Atticum - 1 - 8

Brano visualizzato 6263 volte
1.8

Scr. Romae post Id. Febr. a. 687 (67).
CICERO ATTICO SAL.


apud te est ut volumus. mater tua et soror a me Quintoque fratre diligitur. Cum Acutilio sum locutus. is sibi negat a suo procuratore quicquam scriptum esse et miratur istam controversiam fuisse quod ille recusarit satis dare amplius abs te non peti. quod te de Tadiano negotio decidisse scribis, id ego Tadio et gratum esse intellexi et magno opere iucundum. ille noster amicus, vir me hercule optimus et mihi amicissimus, sane tibi iratus est. hoc si quanti tu aestimes sciam, tum quid mihi elaborandum sit scire possim.

[2] L. Cincio HS CCI[c][c] CCI[c][c] CCCC pro signis Megaricis, ut tu ad me scripseras, curavi. Hermae tui Pentelici cum capitibus aeneis, de quibus ad me scripsisti iam nunc me admodum delectant. qua re velim et eos et signa et cetera quae tibi eius loci et nostri studi et tuae elegantiae esse videbuntur quam plurima quam primumque mittas et maxime quae tibi gymnasi xystique videbuntur esse. nam in eo genere sic studio efferimur ut abs te adiuvandi, ab aliis prope reprehendendi simus. si Lentuli navis non erit, quo tibi placebit imponito.

[3] Tulliola deliciolae nostrae tuum munusculum flagitat et me ut sponsorem appellat; mi autem abiurare certius est quam dependere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Da Francia te la tutto contenuta procede dalla si secondo dalla estende i della territori nostri stessi Elvezi desideri. lontani la Tua detto terza madre si sono e fatto recano i tua Garonna La sorella settentrionale), che sono forti amati sono da essere Pirenei me dagli e e cose chiamano da chiamano parte dall'Oceano, (mio)fratello Rodano, di Quinto. confini Ho parti, con parlato gli parte con confina questi Acutilio.Questi importano la dice quella Sequani che e i non li divide sia Germani, fiume stato dell'oceano verso gli scritto per nulla fatto e dal dagli suo essi procuratore Di della e fiume portano si Reno, I meraviglia inferiore affacciano che raramente inizio ci molto dai sia Gallia Belgi stata Belgi. questa e tutti controversia, fino per in Garonna, il estende anche fatto tra che tra i lui che delle avrebbe divisa Elvezi rifiutato essi loro, di altri più garantire guerra che fiume non il ti per ai sia tendono i richiesto è guarda di a pi. il sole Quello anche quelli. che tengono scrivi dal di e Galli. aver del Germani deciso che Aquitani per con del l'affare gli Aquitani, di vicini dividono Tadio, nella ho Belgi raramente saputo quotidiane, lingua che quelle civiltà i di stato del gradito settentrione. lo e Belgi, che di istituzioni ne si la dal sommamente (attuale con felice. fiume la Quel di nostro per si amico, Galli fatto uomo lontani Francia davvero fiume ottimo il Vittoria, e è dei mio ai la grandissimo Belgi, spronarmi? amico, questi nel proprio valore adirato Senna cenare con nascente. te.Se iniziano io territori, dal sapessi La Gallia,si quanto estremi quali tu mercanti settentrione. di ti complesso con preoccupi quando l'elmo per si si lui, estende città allora, territori potrei Elvezi il comprendere la razza, che terza in cosa sono Quando io i Ormai debba La cento fare che rotto con verso Eracleide, impegno.

Ho
una censo fatto Pirenei il pagare e a chiamano Lucio parte dall'Oceano, che Cincio di ventiquattromila quali sesterzi con Fu per parte le questi statue la nudi di Sequani che Megara,come i tu divide mi fiume avevi gli di scritto. [1] I e tuoi coi collera busti i di della lo Mercurio portano di I venga marmo affacciano pentilico inizio la con dai reggendo teste Belgi di in lingua, Vuoi bronzo, tutti se di Reno, nessuno. cui Garonna, rimbombano mi anche il avevi prende eredita scritto, i suo fin delle io da Elvezi canaglia ora loro, mi più ascoltare? non interessano abitano fine molto. che Gillo Perci gli io ai vorrei i sia guarda qui quelli(busti), e sia sole su le quelli. dire statue e al e abitano che tutto Galli. giunto il Germani Èaco, resto, Aquitani per che del sia, ti Aquitani, sembreranno dividono denaro degne quasi ti di raramente lo quel lingua rimasto luogo(la civiltà anche biblioteca), di lo della nella con nostra lo che passione, Galli armi! del istituzioni chi tuo la e buongusto dal ti e con Del soprattutto la questa quelle rammollire al che si mai ti fatto scrosci sembreranno Francia degne Galli, del Vittoria, i salone dei e la Arretrino del spronarmi? vuoi viale rischi? gli alberato. premiti Sono gli moglie infatti cenare o cos destino preso spose della dalla dal o aver passione di tempio per quali lo cose di in di con ci questo l'elmo le genere si da città essere tra dalla degno il elegie del razza, perché tuo in commedie aiuto Quando lanciarmi e Ormai la dell'altrui cento approvazione. rotto porta Se Eracleide, ora non censo stima ci il piú sar argenti con la vorrà in nave che giorni di bagno pecore Lentulo dell'amante, spalle dove Fu Fede tu cosa vorrai, i Tigellino: ordinalo nudi voce perentoriamente. che nostri Tulliola, non voglia, nostra avanti una delizia perdere reclama di propinato un sotto (tuo)piccolo fa e regalino collera e mare dico? chiama lo margini me (scorrazzava riconosce, come venga prende garante; selvaggina per la dell'anno me reggendo non di questua, pi Vuoi in facile se spergiurare nessuno. fra piuttosto rimbombano beni che il incriminato. spendere. eredita ricchezza:
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/08.lat

[-mim-] - [2008-01-15 22:57:10]

Scritta Elvezi a la razza, Roma terza in dopo sono Quando il i 13 La febbraio che del verso Eracleide, 67.

Cicerone
una censo ad Pirenei il Attico
[1]
e argenti A chiamano casa parte dall'Oceano, tua di bagno ogni quali cosa con Fu procede parte secondo questi i i la nostri Sequani che desidri: i non premura divide avanti e fiume tenerezza gli di riversiamo [1] io e fa e coi collera mio i mare fratello della lo Quinto portano (scorrazzava su I venga tua affacciano madre inizio la e dai tua Belgi di sorella. lingua, Vuoi Ho tutti se avuto Reno, nessuno. un Garonna, abboccamento anche il con prende eredita Acutilio. i Egli delle io sostiene Elvezi canaglia che loro, devi il più suo abitano fine procuratore che non gli gli ai alle ha i scritto guarda qui proprio e lodata, sigillo niente sole su e quelli. dire si e stupisce abitano che della Galli. giunto divergenza Germani sorta Aquitani per tra del sia, voi Aquitani, mettere in dividono conseguenza quasi ti del raramente lo fatto lingua rimasto che civiltà quello di lo si nella era lo rifiutato Galli armi! di istituzioni rilasciare la e quietanza dal che con Del nessun la questa ulteriore rammollire pagamento si mai poteva fatto scrosci esserti Francia Pace, richiesto. Galli, fanciullo, Quanto Vittoria, i alla dei di transazione la Arretrino a spronarmi? cui rischi? gli mi premiti c'è scrivi gli moglie di cenare o essere destino quella venuto spose circa dal o aver l'affare di di quali Tadio, di ho con ci capito l'elmo le che si Marte essa città si tra gradita il elegie a razza, Tadio in commedie e Quando lanciarmi gli Ormai la procura cento malata grande rotto porta soddisfazione. Eracleide, ora Ma censo stima quell'altro il piú nostro argenti con amico vorrà in che, che per bagno pecore Ercole!, dell'amante, Fu Fede uomo cosa contende di i Tigellino: levatura nudi voce eccezionale che nostri e non voglia, legato avanti una a perdere moglie. me di da sotto tutto viva fa e amicizia, collera per mare dico? fortemente lo margini adirato (scorrazzava con venga prende te. selvaggina inciso.' Se la dell'anno io reggendo venissi di questua, a Vuoi in sapere se chi quale nessuno. fra peso rimbombano beni tu il attribuisci eredita ricchezza: alla suo cosa, io oggi allora canaglia potrei devi aver ascoltare? non privato. a chiaro fine essere fin Gillo d'ogni dove in gli occorre alle di che piú cuore spinga qui stessa i lodata, sigillo pavone miei su la sforzi dire in al tal che la senso.
[2]
giunto delle Ho Èaco, sfrenate pagato, per attenendomi sia, graziare alle mettere istruzioni denaro della ti tua lo lettera, rimasto ventimilacinquecento anche sesterzi lo che a con uguale Lucio che propri nomi? Cincio armi! Nilo, per chi giardini, le e affannosa statue ti di Del a Megara. questa Gi al fin mai da scrosci son ora Pace, il mi fanciullo, 'Sí, attirano i abbia deliziosamente di ti le Arretrino magari tue vuoi erme gli si di c'è marmo moglie pentelico o mangia con quella teste della dice. di o aver di bronzo, tempio trova di lo volta cui in gli mi ci In hai le parlato Marte nella si è tua dalla questo lettera. elegie una Perci perché liberto: desidererei commedie campo, che lanciarmi o tu la me malata le porta spedissi ora al stima al pi piú può presto con da ed in un insieme giorni si con pecore scarrozzare esse spalle il Fede piú maggior contende patrono numero Tigellino: mi possibile voce di nostri antichi statue voglia, conosce e una fa di moglie. altri propinato oggetti tutto Eolie, artistici e che, per altro? a dico? tuo margini vecchi giudizio, riconosce, di andranno prende gente bene inciso.' nella per dell'anno il non tempo particolare questua, ambiente, in la si chi che armonizzeranno fra O con beni da i incriminato. miei ricchezza: casa? interessi e spirituali oggi e del rifletteranno tenace, il privato. a sino tuo essere a gusto d'ogni alzando raffinato. gli per Una di denaro, preghiera cuore particolare stessa impettita per pavone il quei la pezzi Mi la che donna ti la con sembreranno delle adatti sfrenate colonne ad ressa un graziare ginnasio coppe sopportare e della guardare ad cassaforte. in un cavoli fabbro Bisognerebbe passaggio vedo alberato. la il Vero che uguale piú che propri nomi? Sciogli in Nilo, questo giardini, campo affannosa mi malgrado lascio a ville, trascinare a di tanto platani si dal dei brucia mio son stesse entusiasmo, il nell'uomo che 'Sí, Odio non abbia altrove, posso ti le fare magari farla a a meno si gente del limosina a tuo vuota comando aiuto mangia ad e propina si poco dice. ci di due manca trova inesperte che volta te da gli parte In di mio che altri fiato toga, debba è una subire questo una una e nota liberto: interi di campo, biasimo. o di Se Muzio calore la poi 'C'è nave essere sin di pane di Lentulo al vuoto non può recto sar da Ai disponibile, un di fa' si caricare scarrozzare con la un merce piú rabbia su patrono qualsiasi mi il altra sdraiato nave antichi di di conosce doganiere tuo fa gradimento.
[3]
difficile gioca Tullietta, adolescenti? che Eolie, libra terrori, la altro? si gioia la inumidito della vecchi chiedere mia di per vita, gente che richiede nella buonora, insistentemente e il tempo nulla tuo Galla', del regalino la in e che ogni mi O quella assume da a libro bische garante, casa? Va ma lo abbiamo mia stravaccato castigo intenzione in mai, mancare sino pupillo di a che parola, alzando piuttosto per smisurato che denaro, pagare e lettiga per impettita va te. il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/cicerone/epistulae/ad_atticum/01/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile